Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

Post raccomandati

Nome: Edera Edizioni

Genere valutati: storia, archeologia, storie locali del territorio Italiano, storie perdute e riportate in vita, leggende, favole del nostro Paese.

Invio manoscritti: Se sei un autore e vuoi proporci una pubblicazione o se sei un illustratore o traduttore, scrivi a redazione@ederaedizioni.com

Distribuzione: non specificata

Sito: http://ederaedizioni.com/

Facebook: https://it-it.facebook.com/EderaEdizioni/

 

La C.E. è anche una libreria e si occupa altresì di servizi editoriali.

Modificato da ElleryQ

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Mi permetto, in qualità di titolare della Casa Editrice Gugol di fare una precisazione.

Dovuta.

Per dovere di informazione. Una corretta informazione.

Tra le righe delle regole del vostro forum si legge: non aver paura di esprimere una opinione.

Io esprimo la realtà dei fatti.

Andrebbero qui ripassate le norme sul diritto d'autore.

In ogni caso, nessuno può permettersi di pubblicare le opere altrui senza il consenso dell'autore.

Il punto numero 10, non correttamente interpretato, non riporta il senso da voi indicato, ma il seguente:

'Se un'opera non viene pubblicata da noi, ma risulta interessante o comunque ancora incompleta etc etc ci riteniamo liberi di CHIEDERE all'autore che lo deve dichiarare espressamente se la vuole rendere parzialmente pubblica (questo significa recensita) o pubblicizzarne una bozza. Diamo lo spazio per farlo.

Forse si dimentica quanto questa potenzialità sia in realtà una opportunità.

Conosco autori che hanno unito le loro bozze per farne una bella davvero.

Vi assicuro che in redazione arrivano molti materiali diversi.

C'è molto talento in giro, opere che devono essere aggiustate, ma lavori buoni o potenziali ci sono.

Arrivano anche molti materiali scritti non correttamente, nemmeno nella grammatica più semplice, magari l'idea è buona, magari ha solo il bisogno di essere reinterpretata.

Noi siamo partiti da poco.

Ora siamo nella fase della scelta.

In realtà molti autori me li vado proprio a cercare, cercando tra i blog o in alcuni siti (ce ne sono molti di belli, quelli delle persone comuni con bellissimi sogni nel cassetto).

Tra le cose che attiveremo, ci saranno newsletter e podcast.

Se andate nel sito, ancora non ci sono. Non ci sono ancora opere che potremo portare su questi strumenti.

Ed in ogni caso lo faremmo solo d'accordo con l'autore.

Un podcast registra un'intervista e non la farei da sola, ma con chi ha scritto l'opera.

Che senso avrebbe altrimenti?

Aggiungo una riflessione: c'è il buono ed il cattivo in ogni settore. Dal tiro al bersaglio dovrebbe ogni tanto essere tolta la casa editrice e messa la distribuzione, uno dei tasselli più difficili da affrontare dai piccoli editori e che costringe spesso a non poter pubblicare tutti.

Cordiali Saluti,

Natascia

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao Natascia, innanzi tutto grazie mille per il tuo intervento. Premettendo che sono completamente d'accordo con te, ci tengo a precisare che l'utente che ha postato questo intervento (Armandillo) è per l'appunto un utente, non rappresenta né il Writer's Dream, né il suo Staff né tantomeno le modalità e i criteri con cui il WD classifica gli editori. Nel nostro regolamento, tra l'altro, è chiaramente esplicitato che gli utenti si assumono la responsabilità di quello che dicono, quindi sono sicura che Armandillo non intendeva assolutamente allargare il suo giudizio rendendolo opinione dell'intero forum. E' solamente la sua opinione, ed è libero di esprimerla, nei limiti del lecito.

Per quanto mi riguarda non condivido i toni di Armandillo e lui lo sa bene, essendo stato più volte "richiamato all'ordine" da me e dagli altri Staffer.

Ci tenevo a precisarlo perché secondo me, e da quanto credo di aver capito dal tuo post anche secondo te, è sbagliato fare di tutta l'erba un fascio.

Ciao e grazie,

Nayan

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Andrebbero qui ripassate le norme sul diritto d'autore.

In ogni caso, nessuno può permettersi di pubblicare le opere altrui senza il consenso dell'autore. Senza contare che diversi editori esigono che il testo NON SIA MAI APPARSO IN NESSUNA FORMA sul web.

il pericolo non è quello, ma nel "furto" di idee da parte di aspiranti, ma poco o per nulla dotati autori che lo compiono leggendo inediti altrui diffusi prima della pubblicazione.

Il punto numero 10, non correttamente interpretato, non riporta il senso da voi indicato

no, no, il testo è proprio quello:_

notepergli.png

Conosco autori che hanno unito le loro bozze per farne una bella davvero.

le loro? ma se erano le loro, che bisogno avevano di vedersele circolare a destra e a manca?

Arrivano anche molti materiali scritti non correttamente, nemmeno nella grammatica più semplice, magari l'idea è buona, magari ha solo il bisogno di essere reinterpretata.

e questo che c'entra col diffondere le opere inedite? forse per consentire ad altri di appropriarsi di idee altrui?

Non dovreste lamentarvi della segnalazione, ma piuttosto ringraziare, e cambiare la pagina delle note per gli autori, poiché ora il senso che esprimono è precisamente quello da me riportato

voi dovete inoltre precisare che chi vi invia materiale può rifiutarsi di vederselo diffuso in caso di mancata pubblicazione. Non ci vuole molto, basta modificare la pagina e le informazioni saranno molto più chiare e corrette

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Allora facciamo così, visto che siamo in democrazia e ritengo che tutti possano dare la loro interpretazione e visto che sono davanti al pc a scrivere.

Aggiungerò la nota 'Su esplicita richiesta dell'autore'.

Cordiali Saluti

Natascia

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

L'importante è permettere di negare l'autorizzazione a diffondere il materiale inviato, è una norma basilare che tutela anche voi da possibili rivalse di persone le quali, trovato un editore, e scoperto che richiede che il testo non sia mai apparso sul web, potrebbe rifarsi su di voi

ogni invio di materiale, preveda anzi la compilazione di una scheda in cui si autorizza o nega (del tutto o parzialmente)) la diffusione

ciò fatto saremo buoni amici

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

no, non ci siamo:

Le opere ritenute interessanti ma non immediatamente pubblicabili verranno comunque recensite, non pubblicate integralmente ed in ogni caso su esplicita richiesta dell'autore, nel sito istituzionale di Gugol Edizioni e le recensioni inserite in formato elettronico per la distribuzione via Newsletter o per l'intervista via Podcast. In questo modo si da visibilità a molti autori e si favoriscono progetti e nuove opportunità

dovete scrivere così:

Le opere ritenute interessanti ma non immediatamente pubblicabili potranno essere recensite e/o pubblicate integralmente dietro esplicita autorizzazione dell'autore, nel sito istituzionale di Gugol Edizioni e le recensioni inserite in formato elettronico per la distribuzione via Newsletter o per l'intervista via Podcast. In questo modo si da visibilità a molti autori e si favoriscono progetti e nuove opportunità

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

questi di Gugol sono dei bravi figliuoli, in fondo, devono solo migliorare le loro comunicazioni con il pubblico, ma per loro stessi innanzitutto

pare che nin posso modificare lo primo messaggio, sinnò lo modificavo

pace e prosperità

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Abbiamo corretto interpretando una opinione utile ed interessante e facendone un post.

Su queste cose non scherziamo nemmeno noi.

Sperando di essere stati chiari. Vi seguiremo.

Cordiali Saluti

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

Apprezzo molto l'intervento dell'editore che si è dimostrato molto disponibile e aperto ^^

A me l'idea di poter ugualmente diffondere le opere interessanti sembra ottima, ma io sono sempre e comunque a favore della diffusione dei testi piuttosto del "lo tengo nel cassetto se no me lo rubano" che trovo altamente controproducente per l'autore.

Ho assisito a scene di autori che erano tanto terrorizzati dal plagio che si erano preclusi ogni possibilità di pubblicare, semplicemente perché non si fidavano degli editori e dicevano cose tipo "piuttosto vado dal tipografo sotto casa" o "piuttosto non lo inivio a nessuno".

Liberissimo, per carità ;) Ma se uno vuole migliorare e fare strada secondo me deve farsi leggere...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Apprezzo molto l'intervento dell'editore che si è dimostrato molto disponibile e aperto ^^

A me l'idea di poter ugualmente diffondere le opere interessanti sembra ottima, ma io sono sempre e comunque a favore della diffusione dei testi piuttosto del "lo tengo nel cassetto se no me lo rubano" che trovo altamente controproducente per l'autore.

Ho assisito a scene di autori che erano tanto terrorizzati dal plagio che si erano preclusi ogni possibilità di pubblicare, semplicemente perché non si fidavano degli editori e dicevano cose tipo "piuttosto vado dal tipografo sotto casa" o "piuttosto non lo inivio a nessuno".

Liberissimo, per carità :D Ma se uno vuole migliorare e fare strada secondo me deve farsi leggere...

Il plagio nel campo editoriale (almeno in Italia) è rarissimo. Inoltre aver paura dell'editore è un po' come non fidarsi del notaio! Il mestiere degli editori è quello di editare e pubblicare opere di altri, che senso avrebbe plagiarle? Altresì il loro sogno è scovare il nuovo Dan Brown. Secondo voi se lo scoprissero preferirebbero l'uovo o la gallina? ;) Meditate, gente, meditate...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Avrei tre curiosità da chiedere all'editore Gugol:

1- ho visto tra le vostre collane LibrAbile, opere accessibili per i diversamente abili. Bè, intanto mi complimento per l'iniziativa lodevole, qualunque cosa si faccia per le persone diversamente abili non sarà mai abbastanza. La mia curiosità era di sapere in cosa consiste un'opera accessibile.

2- Fra la narrativa, c'è qualche genere che prediligete?

3- Dato che accettate dattiloscritti su supporto ottico in PDF, come mai non è consentito l'invio direttamente per e-mail del PDF?

Grazie in anticipo!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Cochise

Rispondo volentieri:

1) l'opera accessibile è un progetto editoriale la cui esperienza d'uso è legata al tipo di disabilità, es. per gli ipovedenti ci si concentra sull'audio etc etc.. e non solo, a mio avviso si collega anche alla possibilità o meno di reperire con facilità il libro o il cd. Spesso l'opera è per sua natura accessibile nel senso che è stata costruita ad esempio per i bambini non vedenti però è da questi difficilmente reperibile.

2) Tutti i generi, senza mettere freni agli autori

3) Possiamo riceverla anche via casella email. A mio avviso però è maggiore la tutela dell'autore che ha un timbro postale e non fa girare nella rete in chiaro le proprie opere.

ps. se hai qualcosa da propormi, ben lieta di leggerla.

Cordiali Saluti,

Natascia

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ti ringrazio per le risposte e per la disponibilità alla lettura ma, credimi, ne sei lieta solo perché non hai ancora letto ciò che ho scritto eheheh. Ma quando e se mi soddisferà, ne approfitterò. Ultimamente più che scrivere leggo, e la vostra sembra una casa editrice promettente, per come vi presentate e per le vostre idee. Terrò d'occhio l'evolversi del vostro catalogo :D e nel frattempo vi faccio i miei complimenti e... suerte!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

purtroppo il sito è inaccessibile per via dei lavori,

non appena sarà nuovamente visibile sarò curioso di farci una visitia. La chiarezza con cui l'editore ha scritto mi è piaciuta!

Sono curioso di vedere il catalogo e di avere qualche informazione in più

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ti dirò, la mia impressione su questo editore non è delle migliori. Inviai il mio manoscritto per posta su cd come da loro richiesto poco più di un anno fa; dal momento che non avevano nulla contro le raccomandate optai per quelle. Dal sito delle poste risulta che il plico è arrivato nel comune di destinazione (non ricordo quale era) ma non è stato mai recuperato. Così decisi di scaricare la colpa sulle poste italiane e contrattai un invio del manoscritto via mail. La tipa si disse disponibile e dopo aver ricevuto il file non ha fatto sapere niente. Dopo un anno ho inviato 3 mail per richiedere informazioni alle quali non ho ricevuto risposta, nonostante sul vecchio sito fosse scritto esplicitamente che una risposta, seppur negativa, veniva fornita in ogni caso. L'ultima mail inviata risale a prima dell'estate ed il loro sito era perfettamente funzionante.

Anch'io ero convinto della serietà della casa editrice, ma ora mi vedo costretto a pensare che ci siano stati problemi organizzativi sin dall'inizio o, peggio ancora, che tutte le risposte fornite fin'ora siano state puro advertising. Ovviamente, tutto in my opinion.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ho conosciuto personalmente l'editore e devo dire che ha veramente delle buone idee, anche innovative (soprattutto sulla promozione, per "aggirare" il problema della distribuzione e avere comunque una buona visibilità).

Si era dimostrato interessato al mio romanzo e disponibile a pubblicarlo, io per ora ho però deciso di fare scelte diverse.

La casa editrice è agli inizi, e nonostante gli ottimi propositi credo dovrà "sbattere la testa" contro la realtà editoriale attuale.

Tra riorganizzazione aziendale e un periodo di "black out" di comunicazione, non ha un catalogo e una lista di autori nella sua "scuderia", credo stia partendo effettivamente ora.

Io ho optato per un editore più "tradizionale", che ora come ora mi dava più garanzie.

Comunque, data la disponibilità e i buoni propositi di Edera Edizioni, non posso che augurare loro ogni bene.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ho conosciuto personalmente l'editore e devo dire che ha veramente delle buone idee, anche innovative (soprattutto sulla promozione, per "aggirare" il problema della distribuzione e avere comunque una buona visibilità).

E' già un buon punto di partenza...;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Sto sfogliando metodicamente le pagine degli editori e, se posso: il post di apertura indica un sito off line, mi sembra di capire che l'indirizzo corretto sia: ederaedizioni.com

Si capisce che non c'è omonimia perché nella pagina delle informazioni indica una casella e-mail del dominio gugol.vi.it

Ciao

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un membro per inserire un commento.

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunitày. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

×