Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

Post raccomandati

2 ore fa, Lillibet ha detto:

Non avevo capito che fosse a doppio binario. Dal loro sito proprio non lo si evince.

Chiesi qualche tempo fa, mentre cercavano dei manoscritti per la loro collana Cahiers di Viaggi, se per l'appunto all'autore si chiedevano dei contributi per la stampa. Non ebbi mai risposta e pensai che si fossero offesi per la mia domanda, tagliandomi subito fuori dal loro circuito. Strana ce, per come la penso io.

 

Diciamo che la loro gestione delle antologie di racconti non è proprio all'insegna dell'investire sugli autori, ecco. Probabilmente con quelle finanziano anche i lavori su cui credono davvero.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
51 minuti fa, LuckyLuccs ha detto:

Probabilmente con quelle finanziano anche i lavori su cui credono davvero.

Quali lavori finanziano se è a doppio binario? Pubblicare antologie di racconti chiedendo denaro agli stessi autori che desiderano averne una copia (20 euro per una loro antologia), per poi finanziare altri autori, mi sembra un meccanismo non tanto corretto verso chi ci mette del suo (e crede molto nella propria opera). Se davvero fosse così, per onestà dovrebbero specificarlo: il denaro raccolto da queste antologie pubblicate con l'aiuto gratuito di molti autori, servirà a pubblicare il libro di Caio intitolato TIzio. Almeno Caio saprebbe chi ringraziare per il suo cartaceo.

 

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
20 ore fa, Lillibet ha detto:

Quali lavori finanziano se è a doppio binario? Pubblicare antologie di racconti chiedendo denaro agli stessi autori che desiderano averne una copia (20 euro per una loro antologia), per poi finanziare altri autori, mi sembra un meccanismo non tanto corretto verso chi ci mette del suo (e crede molto nella propria opera). Se davvero fosse così, per onestà dovrebbero specificarlo: il denaro raccolto da queste antologie pubblicate con l'aiuto gratuito di molti autori, servirà a pubblicare il libro di Caio intitolato TIzio. Almeno Caio saprebbe chi ringraziare per il suo cartaceo.

 

 

credo che meno si chiariscono le cose meno si corre il rischio di essere inquadrati come editori a pagamento, anche se poi probabilmente lo si è. questa zona d'ombra fa comodo sia agli editori che la praticano, sia agli autori che poi possono vantarsi di essere stati selezionati nell'antologia. triste a dirsi, ma è così.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

buongiorno a tutti. c'è qualcuno di voi che per caso ha pubblicato con Historica nell'antologia "Racconti del Piemonte?"

oggi mi arriva l'invito a una presentazione da parte dell'editore. peccato che dopo esserci chiariti sulla natura del loro concorso e di chi ci avrebbe guadagnato avessi detto che non ero intenzionato a pubblicare il mio racconto, dunque non firmando la liberatoria che mi avevano spedito. Mi piacerebbe sapere se il mio racconto è finito ugualmente nell'antologia...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un membro per inserire un commento.

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunitày. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

×