Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

Ospite Signor Ford

Golem Edizioni

Post raccomandati

A Luglio uscirà il mio secondo romanzo con questa CE.

Loro non sono a pagamento e nemmeno a doppio binario. Se ti hanno detto di passare sotto un editing privatamente è perché evidentemente il tuo romanzo lo ritengono interessante ma bisognoso di troppo lavoro, che dovresti fare tu autore e non loro.

Vi dico come hanno lavorato con i miei:

Il primo non aveva bisogno di grosse cose, quindi è passato sotto l'editor, pochi ritocchi ed è andato in stampa.

Il secondo invece ha avuto bisogno di un po' di lavoro in più. Prima l'editor mi ha detto le cose che andavano riviste, poi dopo aver rimandato il manoscritto mi sono state riportate un paio di particolari da affinare. Quindi dopo rilettura da parte dell'editor è passata sotto la correzione bozze...

Adesso sono in fase di rilettura della bozza (già inviatami due volte) di stampa...

Lavoro prima di mandare un libro in stampa ne fanno tanto... ti seguono prima, durante e dopo.

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Sherlock Holmes Grazie. Ti seguono anche per la promozione? Lo chiedo perché io pubblicai un libro con altra CE dando un contributo (grande errore di cui mi pento) e l'aiuto per la promozione fu zero assoluto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@rapunzel l'editing lo fanno loro solo su manoscritti che reputano pubblicabili, ovvero già in parte di buon livello, dove l'editing non dovrà essere troppo invasivo. Vuol dire che il tuo testo presentava dei difetti tecnici troppo evidenti, che avrebbero richiesto un tempo troppo lungo in redazione. Ti hanno però dato una chance, vuol dire che la storia e l'idea e il tuo modo di scrivere è piaciuto. Ti serve solo una sgrossata professionale, quindi puoi rimandarglielo.

Io stessa rifiuto molti buoni manoscritti perché il lavoro da farci sopra sarebbe troppo, e lo fanno anche molti altri colleghi. Solo se la storia è buona, ricontatto lo scrittore. Quindi il tuo romanzo è stato accettato da Golem per metà: è un'ottima cosa!

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Scusatemi, l'editore che mi ha consigliato l'editore Golem mi richiederebbe 600 Euro.

Piu' che la cifra da pagare (pure non bassissima) vi chiedo se secondo voi vale la pena fare questo "investimento" per poter aspirare a pubblicare con Golem e se questo editore "merita" anche un piccolo sacrificio. 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@rapunzel  Ma scusa, non è meglio far revisionare il testo a un amico "insegnante di italiano"? :occhiali: A cosa servono questi 600 euro? :S

Io porto i miei manoscritti da una mia ex professoressa e al massimo ci trova due o tre disattenzioni (o errori)...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite Alessandro Furlano

La mia opinione.

Non è l'entità della cifra, in effetti non altissima, ma il concetto.

L'editing a pagamento è una cosa legittima e anche consigliabille per chi si autopubblica, o per chi di sua spontanea volontà prima di tentare la sorte con una CE vuole avere tra le mani un prodotto migliore rispetto all'originale. Benissimo, a volte anche saggio.

Ma se ho già inviato e la CE si dice interessata, l'editing me lo fanno loro gratis, se no si chiama EAP. Come ho già scritto, non è un reato o una vergogna, semplicemente un qualcosa al quale sono contrario.

E soprattutto un qualcosa che deve comportare lo spostamento della suddetta CE nell'apposita categoria del forum.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Dopo qualche giorno di riflessione ho deciso di non procedere con l'editing a pagamento da loro richiesto prima di un secondo invio e di una eventuale pubblicazione.

 

La mia passata esperienza di editoria a pagamento è stata più che negativa e ancora mi dolgo dell'ingenuità con cui cascai in questa trappola,

Non si tratta dei soldi da pagare, ma se un editore mi dice: fatti un editing a pagamento da una mia persona di fiducia  e poi magari ti pubblico  mi pare che in fin de conti non sia troppo dell'idea di pubblicare il mio testo se non appunto con un contributo da parte mia (sia pure dato indirettamente a un lavoro sul testo e non direttamente a un semplice acquisto copie ad esempio) che lo sollevi da un maggiore impegno e questo non mi fa ben sperare per il futuro della nostra collaborazione. 

 

Se a qualcuno piace ciò che ho scritto e se questo vale effettivamente qualcosa, bisogna che ci creda fino in fondo "investendoci" qualcosa. Altrimenti, si vede che il mio testo non è interessante e non vale la pena lavorarci su. Pazienza, non ne faccio un dramma. 

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ho pubblicato un romanzo con loro: refusi a non finire nell'edizione stampata, pure se più volte avevo mandato la versione corretta.

Poca o nessun tipo di promozione, ma questo vale un po' per tutti gli editori.

Se spendi 600 euro per l'editing di sicuro ci rientri con le provvigioni se vendi almeno, grossomodo, 600 copie, fatti due conti se ne vale la pena, anche perché non è detto che dopo l'editing ti pubblicherebbero, mi pare.

In generale alla proposta "vai da quell'editor, paga, e poi ti pubblico" io direi sempre di no, perché mi pare che sia un ragionamento errato in partenza.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Mi hanno risposto oggi dopo circa un mese.

 

Stessa situazione capitata a Rapunzel, mi hanno consigliato di rivolgermi ad una parte terza per editing o quant' altro.

 

Pro: di sicuro leggono il testo o comunque ci danno un occhiata. Non è, o non sembra, la solita risposta standard di due righe. Mi ha indubbiamente fatto piacere leggere una valutazione per certi versi positiva anche se rimarcano la difficoltà della scrittura, genere e commerciabilità, cose che riconosco io per primo, ma tant'è.

 

Contro: il fatto che non sia il primo a cui propongano una cosa del genere mi fa pensare che i manoscritti troppo impegnativi o complicati da inserire in determinati cataloghi, oppure che necessiterebbero di un profondo editing, vengano tutti dirottati verso questa parte terza. QUindi c'è da capire quanto vero interessamento c'è per il testo o se magari invece di rifiutare a priori determinati testi li si invita ed invoglia, magari con il miraggio di essere poi pubblicati, sistematicamente a questa azienda terza

 

In definitiva prendo il tutto come un rifuto, e non credo attingerò al servizio esterno ch mi hanno consigliato, pero indubbiamente la catalogo come un esperienza positiva, se non altro hanno speso del tempo per leggere o spulciare il mio romanzo ed altrettanto tempo nel fornirmi una valutazione dello stesso

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite Alessandro Furlano

@Knives se tre indizi fanno una prova, non posso che ribadire quanto scritto nel mio precedente post. 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Soltanto nel caso in cui dopo l'editing a pagamento si abbia la certezza della pubblicazione, si può parlare di editoria a pagamento. Se invece si può essere scartati anche dopo aver pagato, allora è un semplice tentativo di turlupinare qualche sprovveduto.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Pennywise non condivido il tuo pensiero, seppur condivisibile in linea generale.

io ho inviato il manoscritto e mi hanno risposto dicendo che non era interessati alla pubblicazione ma mi consigliavano di farlo vedere a un service suggerendomi il loro di fiducia perchè avevo riscontrato delle criticità.

Io ho risposto se con il lavoro presso questo service fosse garantita la pubblicazione e loro mi hanno risposto di no.

Da quello che ho capito dalle mail inviate la CE non percepisce soldi, poi non so! non credo sia da categoria "mista"!

Ho contatto  anche il service ma mi sono riservato il diritto di pensarci su...magari qualche altra CE apprezza!

saluti a tutti!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite Alessandro Furlano

@Giovanni Tramparulo Se la CE è interessata ti dice sì e si fa carico dell'editing. Se non è interessata ti dice no (o anche niente) e tanti saluti.

Se ti manda dal suo amico a fare l'editing è EAP.

Questioni di punti di vista, ma il mio non lo cambio ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Si tratta soltanto di comportamento poco etico da parte della casa editrice. D'altra parte, se dovissimo classificare come EAP tutte quelle che hanno un comportamento poco etico, la lista degli editori free si assottiglierebbe molto.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite Alessandro Furlano
Adesso, Marco Scaldini dice:

Si tratta soltanto di comportamento poco etico da parte della casa editrice. D'altra parte, se dovissimo classificare come EAP tutte quelle che hanno un comportamento poco etico, la lista degli editori free si assottiglierebbe molto.

 

Mah io non ne faccio un discorso di etica, ma di classificazione.

Chi chiede soldi è EAP, chi lo fa ogni tanto, a seconda dei casi, è doppio binario, chi non lo fa mai è free.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Pennywise

Non so. Se ci pensi bene, anche le case editrici che poi non ti pagano i diritti d'autore (e sono un buon numero) potrebbero essere a questo punto classificate come EAP. In fin dei conti si prendono dei soldi tuoi...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite Alessandro Furlano

Sì, li chiamerei più ch altro farabutti in questo caso, se c'era un contratto firmato e tutto il resto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Marco Scaldini Mah, non lo so, sinceramente quando mi è arrivata la loro mail non ho pensato a male, anche perché come ho scritto nel mio primo messaggio quando ho chiesto se questo "editing esterno" fosse una garanzia per essere poi pubblicato mi hanno chiaramente detto di no! Senza giri di parole! 

Diciamo che l'ho intesa più come scriveva Rapunzel, escludendo la seconda parte del suo messaggio visto che Golem non ha accettato il mio manoscritto. 

On 11/6/2016 at 08:34, Astro edizioni dice:

@rapunzel l'editing lo fanno loro solo su manoscritti che reputano pubblicabili, ovvero già in parte di buon livello, dove l'editing non dovrà essere troppo invasivo. Vuol dire che il tuo testo presentava dei difetti tecnici troppo evidenti, che avrebbero richiesto un tempo troppo lungo in redazione. Ti hanno però dato una chance, vuol dire che la storia e l'idea e il tuo modo di scrivere è piaciuto. 

Ho pensato che essendo una CE medio-piccola non hanno la possibilità di sobbarcarsi editing troppo lunghi e sostanziosi.

Però non voglio pensare bene a ogni costo, questo mondo è spietato e lo sappiamo, forse però prima di inserirli in una categoria a pagamento si dovrebbe capire se mandano a tutti la mail indirizzandoli su questo service esterno...  anche perché qui hanno risposto alcuni autori - soddisfatti o meno - che hanno scritto che loro fanno editing e correzione bozze interna e non ha pagamento.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Giovanni Tramparulo

Io la penso così: non sono una casa editrice a pagamento, però cercano di lucrare su coloro che scartano. Non li pubblicano ma li indirizzano verso un servizio a pagamento. Da un certo punto di vista è pure peggio della EAP: paghi e neppure ti pubblicano!

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Marco Scaldini Innanzi tutto mi scuso pubblicamente per l'errore grammaticale del mio precedente messaggio!!!! Io non condivido pienamente il tuo pensiero. Ti darei ragione se loro si facessero pagare per il servizio di editing e poi pubblicassero il romanzo, allora sarebbe comunque una sorta di editoria a pagamento perché tu scrittore copriresti un costo dell'editore; oppure ancora peggio, come scrivi tu, se si facessero pagare l'editing senza poi nemmeno pubblicare il libro!! Secondo me l'unico punto da capire è quello che scrivevo prima: se mandano a tutti una mail suggerendo il Service esterno allora c'è qualcosa di strano, se invece non la mandano a tutti allora secondo me non c'è per forza sotto qualcosa di male... Insomma non può essere che tutte le piccole CE sono da buttare via!!!! Voglio sperarlo!!!!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Giovanni Tramparulo

Le case editrici sono aziende e scopo delle aziende, di qualsiasi tipo, è il profitto. Il fatto che una casa editrice non sia a pagamento non significa che anch'essa non tenda al profitto.

Per quanto riguarda l'invito all'editing a pagamento non lo fanno a tutti, secondo la mia opinione: prima leggono la tua presentazione e se ti considerano sufficientemente inesperto ci provano.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Marco Scaldini Sul fatto che le CE siano aziende e in quanto tali debbano guadagnare e cercare il profitto, siamo tutti d'accordo, non capisco a cosa fosse collegato come discorso ma è certo che non fa una piega. Una Casa Editrice non a pagamento deve comunque avere un profitto per poter andare avanti, magari crescere e non fallire, non stiamo dicendo niente che non si sappia già.

Rispetto all'inesperienza... io sarò anche un giovane autore ma sinceramente nessuno mi ha obbligato a contattare il Service e continuo a credere che questa non sia una trappola per allocchi, anche perché non vedo alcun ritorno per loro, se prendi il mio caso ad esempio, è quasi certo che io non invierò più a loro il mio manoscritto, sono in attesa di altre risposte e forse qualcosa si sta muovendo positivamente, quindi cosa ci hanno "guadagnato" dalla risposta che mi hanno inviato? E se anche qualcuno fa l'editing esterno a pagamento e poi rimanda a loro il manoscritto... ma quanti casi ci saranno, se anche tu dici che non rispondono a tutti?? Mi sembra macchinoso... Poi ci sono altri utenti che continuano a dire che sono seri e lavorano gratuitamente, accaniamoci con chi davvero fa editoria a pagamento. 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Intervento dello staff

 

Al momento, su Golem edizioni sono state postate testimonianze di utenti che hanno pubblicato free e testimonianze di utenti cui è stato respinto il manoscritto e sono stati contemporaneamente indirizzati a un servizio di editing a pagamento (senza assicurare la pubblicazione).

Poiché non ci sono testimonianze di utenti cui è stato richiesto un contributo per la pubblicazione, non ci sono gli estremi per spostare la casa editrice fra quelle a doppio binario.

Per completezza di informazione, abbiamo inserito una nota a inizio topic relativa a questa prassi commerciale. 

 

 

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Io ho una testimonianza di ben 3 autori che hanno pubblicato (attraverso la mia agenzia letteraria) con Golem edizioni. Due di questi hanno anche ricevuto regolare anticipo. Se gli admin ritengono opportuno, posso girare loro tutti e 3 i contratti. @wyjkz31

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un membro per inserire un commento.

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunitày. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

×