Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

Wonderland

Quanto conta la classifica amazon?

Post raccomandati

On 16/3/2017 at 13:03, Nuwanda dice:

Ulteriori aggiornamenti sulle classifiche Amazon (articolo del 16/03/2017).

Come funziona il sistema delle recensioni e dei commenti ai libri su Amazon

Senz'altro sono tutte informazioni condivisibili, anche se, almeno per me, non racconta nulla di nuovo.
Il problema delle recensioni dei libri nei confronti di altri prodotti (perdonatemi se li definisco così, ma si parla di Amazon) è che per un pelapatate elettrico difficilmente avremo recensioni fasulle in un senso o nell'altro, per un romanzo sì, per tutta una serie di motivi.
Lasciare i commenti solo a chi ha effettuato l'acquisto su Amazon risolverebbe la situazione solo per quanto riguarda le recensioni farlocche negative (e, anche in quel caso, sicuro che chiederebbero il reso per aggirare il problema...) ma non per quelle positive, e creerebbe sicuramente polemiche.
In realtà, secondo me, l'importante è che il potenziale acquirente del libro non prenda i commenti come oro colato...

  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao, sono finito sulla discussione cercando in rete informazioni sul come funziona la classifica amazon. Essendo scrittore ho esperienza diretta con la suddetta classifica, ne seguo l'evolversi da diverso tempo e in effetti quando vendo un libro faccio un notevole balzo, ad esempio da 60000 arrivo attorno al 10000, con una copia venduta, la domanda che mi sorge a rigor di logica è dove sono i milioni di copie vendute di libri in totale, compresi gli autori quelli famosi. Visto che sarebbe molto più semplice inserire sulla pagina di vendita un contatore che incrementa di 1 ogni volta che viene venduto un libro a me sembra che la classifica sia un espediente per distrarre l'utenza e come sia possibile che venga ammessa una metodologia del genere ha dell'inverosimile. Il fatto che non venga resa pubblico l'evento vendita del libro è la più ovvia dimostrazione che nel non volerlo dire può esser successo qualsiasi cosa, chiaro cosa intendo sì

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
44 minuti fa, Filli ha detto:

Ciao, sono finito sulla discussione cercando in rete informazioni sul come funziona la classifica amazon. Essendo scrittore ho esperienza diretta con la suddetta classifica, ne seguo l'evolversi da diverso tempo e in effetti quando vendo un libro faccio un notevole balzo, ad esempio da 60000 arrivo attorno al 10000, con una copia venduta, la domanda che mi sorge a rigor di logica è dove sono i milioni di copie vendute di libri in totale, compresi gli autori quelli famosi. Visto che sarebbe molto più semplice inserire sulla pagina di vendita un contatore che incrementa di 1 ogni volta che viene venduto un libro a me sembra che la classifica sia un espediente per distrarre l'utenza e come sia possibile che venga ammessa una metodologia del genere ha dell'inverosimile. Il fatto che non venga resa pubblico l'evento vendita del libro è la più ovvia dimostrazione che nel non volerlo dire può esser successo qualsiasi cosa, chiaro cosa intendo sì

La classifica di Amazon non può essere "trasparente" perché molti editori e autori andrebbero su tutte le furie se lo fosse. Comunque è così per tutti i beni in vendita eh, mica solo per i libri: sono dati preziosissimi che si vogliono tenere ben stretti.

Modificato da Nativi Digitali Edizioni

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
1 minuto fa, Nativi Digitali Edizioni ha detto:

La classifica di Amazon non può essere "trasparente" perché molti editori e autori andrebbero su tutte le furie se lo fosse.

quindi non ha alcun valore di serietà, è giusto una presa in giro verso tutti quanti

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

E

2 minuti fa, Filli ha detto:

quindi non ha alcun valore di serietà, è giusto una presa in giro verso tutti quanti

No, è un parametro indicativo che va preso con le molle, ma sono comunque informazioni che molti altri distributori nemmeno forniscono. Scordatevi di vedere un negozio online di un certo peso che esplicita il numero di vendite, perché, come ho scritto, sono informazioni che per tutta una serie di motivi non possono essere pubblicate.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
4 minuti fa, Nativi Digitali Edizioni ha detto:

E

No, è un parametro indicativo che va preso con le molle, ma sono comunque informazioni che molti altri distributori nemmeno forniscono. Scordatevi di vedere un negozio online di un certo peso che esplicita il numero di vendite, perché, come ho scritto, sono informazioni che per tutta una serie di motivi non possono essere pubblicate.

indicativo ok però deve essere veritiero se no è un falso, e per le vendite proprio perchè si parla di vendite dovrebbe essere un fatto reso pubblico nell'immediato se no è occultamento cose così

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

A mio parere, le recensioni contano poco. Ci sono libri che hanno più recensioni che vendite. Le stelline poi... vedi interessante articolo postato da @Nuwanda

La classifica invece, anche se molto indicativa, conta eccome. Vale il principio che "niente ha successo come il successo".

1 ora fa, Filli ha detto:

Visto che sarebbe molto più semplice inserire sulla pagina di vendita un contatore che incrementa di 1 ogni volta che viene venduto un libro

Forte. Sarebbe divertente. E farebbe arrabbiare tutti. Come ha sottolineato da editore @Nativi Digitali Edizioni. Gli autori poi, ancora di più.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
12 minuti fa, camparino ha detto:

A mio parere, le recensioni contano poco. Ci sono libri che hanno più recensioni che vendite. Le stelline poi... vedi interessante articolo postato da @Nuwanda

La classifica invece, anche se molto indicativa, conta eccome. Vale il principio che "niente ha successo come il successo".

Forte. Sarebbe divertente. E farebbe arrabbiare tutti. Come ha sottolineato da editore @Nativi Digitali Edizioni. Gli autori poi, ancora di più.

Sapere il numero di libri che vende farebbe arrabbiare l'autore, potresti spiegarmi perchè

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@camparino @Filli Molto esigui, e soprattutto come dicevo in un altro post, potrebbero venire fuori dati molto interessanti...come un autore in top 100 che si compra 8 volte al giorno il suo ebook, e riceve centinaia di prestiti al mese KU da Hong Kong :super:Le famose click farm...per non parlare dei commenti farlocchi che allora risulterebbero evidenti.

 

La classifica amazon non è molto difficile e si basa su tre fattori:

 

1) chi più vende più sta in alto

2) Per restare stabile in classifica, è necessario vendere un tot di copie giornaliere. Non totali, giornaliere.

3) le copie vendute totali servono solo a scendere lentamente in classifica i giorni senza vendite.

 

Il resto è fuffa.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite Andrea.Dee

Le recensioni di Amazon, Anobii e Goodreads vanno sempre prese con le pinze. Detto questo alcune volte quelle finte si sgamano facilmente.

Per quanto riguarda la classifica Amazon, l'ebook del mio secondo libro costa 5.99 e ha fatto un su e giù notevole, però per dire sono stato anche al sesto posto. Ovvio che se costasse 0.99 e in alcuni periodi lo mettessi pure gratis, forse avrei vita più facile.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
5 ore fa, JPK Dike ha detto:

@camparino @Filli Molto esigui, e soprattutto come dicevo in un altro post, potrebbero venire fuori dati molto interessanti...come un autore in top 100 che si compra 8 volte al giorno il suo ebook, e riceve centinaia di prestiti al mese KU da Hong Kong :super:Le famose click farm...per non parlare dei commenti farlocchi che allora risulterebbero evidenti.

 

La classifica amazon non è molto difficile e si basa su tre fattori:

 

1) chi più vende più sta in alto

2) Per restare stabile in classifica, è necessario vendere un tot di copie giornaliere. Non totali, giornaliere.

3) le copie vendute totali servono solo a scendere lentamente in classifica i giorni senza vendite.

 

Il resto è fuffa.

 

Vero e quindi che non parlino di classifica, proprio per definizione di classifica. anche le squadre di calcio del posticipo allora devono prendere più punti. Parlino di numeri a caso, tanto per dar dei numeri

  • Non mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Intervento di moderazione

Signori questo è un forum in lingua italiana, e di scrittura per giunta.  Vi invito perciò a usare un linguaggio comprensibile.  

Lo staff ha ricevuto una segnalazione in questa discussione e sono entrato esclusivamente per capire quale fosse il problema: leggo i vostri ultimi messaggi @JPK Dike@Filli e non capisco nemmeno di cosa si stia parlando.  E in tutta sincerità a sessant'anni suonati – dopo aver fatto l'insegnante, il libraio per trent'anni e avere pubblicato tre romanzi – avrei la pretesa di capire almeno quale sia l'argomento del contendere.

@JPK Dike tu sei un fanatico degli anglicismi e delle sigle; questo atteggiamento può anche starmi bene quando si scherza, ma pretendo che tu ti esprima in termini italiani comprensibili quando la discussione è seria.  Io non so cosa sia "KU", né quale sia il significato da attribuire all'espressione "click farm" e non ho voglia di andare a cercare nei vari motori di ricerca le possibili interpretazioni.  Come se non bastasse li usi assieme a "farlocco", un termine dialettale sconosciuto a Treccani e che può assumere significati diversi nelle varie regioni italiane.

@Filli la tua frase: 

5 ore fa, Filli ha detto:

Vero e quindi che non parlino di classifica, proprio per definizione di classifica. anche le squadre di calcio del posticipo allora devono prendere più punti. Parlino di numeri a caso, tanto per dar dei numeri

sembra degna della Sfinge, o di un bambino di sei anni alle prese con i primi rudimenti della lingua: lessico, punteggiatura e sintassi sono inammissibili.  Mi dirai che hai scritto con il cellulare ed è un problema del dispositivo elettronico... Non m'interessa: sei tenuto a esprimerti in lingua italiana, attendi dunque di avere a disposizione un mezzo tecnico che ti permetta di farlo.

@JPK Dike questa frase poi:

5 ore fa, JPK Dike ha detto:

@Filli Sei un maneggione di nulla xD E con questo ho finito il cibo per i troll. Ban please.

suona tanto come un insulto, anche se – non essendo chiaro il significato delle due precedenti – finisce essa stessa per essere ambigua.

 

A questo punto dovrei decidere se richiamare entrambi, uno solo dei due, ammonirvi o che altro, ma non ho gli strumenti per farlo e la cosa mi indispettisce non poco, lo confesso.  Ho perso un'ora, ho scritto di certo l'intervento di moderazione più lungo nella storia del Writer's Dream e non ho capito di cosa si stesse parlando: questo è francamente inaccettabile.  Vi richiamo solo verbalmente, ma vi invito a esprimervi d'ora in poi in un linguaggio comprensibile e con toni pacati.

Ricordo altresì che ai sensi del regolamento è proibito rispondere a un intervento di moderazione, quindi astenetevi dal farlo.

Se qualcosa non fosse chiaro potete sempre contattarmi a mezzo messaggio privato. 

  • Mi piace 9

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Marcello La discussione (e ho censurato 3D/Topic) è su quanto conti la classifica Amazon, quindi si deve parlare anche di KU (Kindle Unlimited) e click farm, entrambe influenzano e ridicolizzano tale classifica. Solo perché sono termini non comuni a tutti e inglesi, non significa che non esistano o non se ne debba parlare. Entrambe non hanno traduzione. Sono così e così vanno prese. Come il termine Troll, cosa che è il tipo, e per il quale andrebbe bloccato.

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Intervento di moderazione

 

8 ore fa, Marcello ha detto:

Ricordo altresì che ai sensi del regolamento è proibito rispondere a un intervento di moderazione, quindi astenetevi dal farlo.

 

@JPK Dike

Marcello, con la consueta gentilezza, si è  premurato di ricordare che è  vietato rispondere a un jntervento di moderazione. Come sai, perché  gli utenti di WD sono tenuti a conoscere e, ci piacerebbe, rispettare il regolamento, è  previsto un punto di avvertimento per chi ignora questa norma. 

 

Entrando nel merito della questione, alla luce delle traduzioni che ci hai gentilmente fornito, l'affermazione

14 ore fa, JPK Dike ha detto:

@Filli Sei un maneggione di nulla xD E con questo ho finito il cibo per i troll. Ban please.

Che hai reiterato dopo l'intervento di moderazione 

7 ore fa, JPK Dike ha detto:

Come il termine Troll, cosa che è il tipo, e per il quale andrebbe bloccato.

 

È  offensiva nei confronti dell'utente.

 

Nel caso in cui tu abbia delle riserve in merito alla natura degli interventi di un altro utente, esiste una sola procedura: segnalare il fatto allo staff. 

 

Spero ti sia sufficientemente chiaro il motivo per cui sono costretta ad assegnarti un richiamo

  • Mi piace 5

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite masterofnumbers

Mah.... se un autore per sua fortuna possiede un vastissimo network sociale che così solo "per amicizia" lo elogia con recensioni lustra sedere anche se come scrittore non vale una cippa, beh...:lol:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Buongiorno a tutti, sono capitato u questa discussione molto interessante così mi sono iscritto al forum.

Il mio ebook è "balzato" ieri al 6° posto nella top 100 di categoria, nel mio caso le categorie sono "giornalismo", "viaggi" e "politica".

Mi chiedo come interpretare questo fatto.

La cosa è accaduta in concomitanza con una promozione che ho attivato, che offre per una settimana l'ebook a 4,99 euro invece che 8,99.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Marcos non c'è tanto da interpretare -- solamente delle vendite lo possono far salire in classifica. Possibile che a te non risultano sudette vendite?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

E' pubblicato con StreetLib, ma poiché è stato pubblicato in ottobre, i dati di vendita di Amazon StreetLib dice di riceverli alla fine del mese successivo e di darli nei primi giorni del seguente. Quindi avrò le vendite di ottobre ai primi di dicembre. Per questo adesso non posso avere un riscontro sulle vendite.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
On 9/10/2017 at 15:04, Marcos ha detto:

Buongiorno a tutti, sono capitato u questa discussione molto interessante così mi sono iscritto al forum.

 

Grazie @Marcos , cortesemente, potresti anche presentarti in Ingresso al resto della comunità? :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Riporto in vita questo topic per segnalare un simpatico programmino che funziona così: inserendo la propria posizione nella classifica Amazon generale, ti dice sostanzialmente quante copie stai vendendo. Non sarà preciso al 100%, come riportano nei commenti, ma può dare il polso della situazione.

 

https://kindlepreneur.com/amazon-kdp-sales-rank-calculator/

 

La fregatura (per noi) sta nel fatto che il suddetto programmino si basa su un algoritmo tarato sul mercato USA, quindi in teoria dovrebbe funzionare discretamente per Amazon.com, mentre al nostro Amazon italico farebbe un baffo ;(

 

Per quanto riguarda la classifica di Kobo, il mistero resta fitto. Mi intrigherebbe capire a quante vendite corrisponde grosso modo una certa "forchetta" di posizioni, anche perché se il tuo libro l'ha pubblicato una CE che ti dà il resoconto vendite una volta all'anno (e quindi nel frattempo non hai accesso ad alcun tipo di dati a riguardo, se non ai numerini malefici delle posizioni nelle librerie online), si naviga a vista e la curiosità è inevitabilmente in agguato :pirata3:

 

 

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Quanto conta la classifica amazon?

 

Per me non ha nessun peso sulla scelta di leggere o meno un determinato libro, ma in qualità di autore selfpublishing può risultare utile alla visibilità del libro.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un utente per inserire un commento.

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

×