Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

Post raccomandati

Nome: Edizioni La Gru

Genere: Narrativa

Invio Manoscritti: http://www.edizionilagru.com/24-manoscritti

Distribuzione: http://www.edizionilagru.com/content/4-distribuzione

Sito: http://www.edizionilagru.com/

Facebook: https://www.facebook.com/lagruedizioni

 

Pubblicazione gratuita

 

Salve a tutti,

come ho già scritto nelle presentazioni, ho da poco preso parte alla nascita di una piccola editoriale di Padova, Le Edizioni La Gru.

E' nostra intenzione, parallelamente alla pubblicazione di testi universitari, valutare opere letterarie di scrittori emergenti e selezionare opere di poesia, narrativa (romanzi o raccolta di racconti) e saggi, al fine di proporre un contratto editoriale ad autori in cui poter credere e a cui poter offrire l'opportunità di vedere pubblicato e distribuito il loro manoscritto.

Il nostro approccio è descritto brevemente in questi punti:

La nostra scelta è quella di selezionare accuratamente il materiale, e non stampiamo qualunque cosa ci venga sottomano pur di lucrare cifre esorbitanti.

Abbiamo due modalità di contratto:

Nel primo non viene richiesto alcun contributo all'autore e i diritti a lui spettanti su ogni copia venduta saranno dell'8%.

Il secondo tipo di accordo, prevede a seconda delle spese di realizzazione, stampa e distribuzione, l'acquisto da parte dell'autore di un numero di copie. In questo caso i diritti d'autore su ogni copia venduta saranno del 20%.

In entrambi i tipi di contratti assieme all'autore definiamo:

- il numero minimo di copie da stampare per la tiratura

- il tipo e la durata del contratto editoriale

- la percentuale dei diritti d'autore

- modalità di editing (stampa offset oppure in digitale)

- la data massima prevista per la pubblicazione

- il prezzo di copertina

- tipo di copertina

- il formato

- il tipo di carta

- numero di pagine

Ad ogni volume da noi pubblicato viene assegnato un codice ISBN (international standard book number) che consente la distribuzione del testo nelle librerie (online e presenti sul territorio nazionale) e nelle biblioteche nazionali (depositi di legge per formalizzarne la pubblicazione).

Le nostre edizioni si propongono di contribuire all'unione degli opposti e all'apertura di cuori e menti a conoscenze diverse, affinchè tutti noi possiamo darci l'opportunità di diventare il cambiamento che vogliamo vedere.

Ringrazio tutti coloro che in questi giorni ci hanno inviato il loro manoscritto alla mail info@edizionilagru.com

I lavori sono molti e ci stiamo impegnando nella loro lettura e valutazione.

Vi contatteremo al più presto.

Un grosso in bocca al lupo a tutti gli aspiranti scrittori e complimenti per la vostra determinazione.

Serena Isa Coppola

Edizioni La Gru

Via Morandini 2 - 35136 Padova

tel 049.89.00.979

P. Iva 04431730284

Modificato da ElleryQ

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao Serena, grazie mille per le informazioni che ha voluto condividere con noi. Posso chiederti (sempre se puoi dirmelo :? ) quali sono i criteri che vi portano a proporrre un accordo di pubblicazione totalmente free rispetto a uno con contributo?

Grazie :D

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Gentile Nayan,

intanto ti ringrazio per la tua domanda, e provo a spiegare da cosa può dipendere la scelta un tipo di contratto piuttosto che un altro.

Una piccola tiratura iniziale, con una realizzazione di stampa standard, è ideale per un autore esordiente perchè ci permette di sostenere i costi di stampa e la promozione del libro, senza dover gravare sull'autore stesso.

Mentre per una tiratura più cospicua, e nel caso in cui la spesa di realizzazione del libro superasse le possibilità economiche della casa editrice stessa, si può proporre all'autore l'acquisto di un numero di copie (ovviamente scontate).

Ad ogni modo la scelta del contratto dipende sempre dal tipo di pubblicazione, dalla tiratura e dalle esigenze che si intendono soddisfare in accordo con l'autore e in piena trasparenza.

Un'opera di poesia, una raccolta di racconti, oppure un romanzo o un saggio,

a seconda del numero di pagine previste,

del tipo di carta,

del tipo di copertina -se a uno o a più colori-

del formato e del tipo di rilegatura -brossura, filo refe oppure a punto metallico-

necessitano di un lavoro di editing diverso, e prevedono dunque anche spese molto diverse tra loro a carico dell'editore, riguardanti sia la realizzazione del libro, sia la distribuzione che la promozione.

Quello che ritengo essenziale, preso atto di tutte le variabili in gioco, è una leale e sincera collaborazione tra autore e casa editrice, e un intento comune cioè quello di diffondere cultura in maniera onesta.

Spero di essere stata chiara e rimango disposizione per ulteriori chiarimenti.

Grazie ancora e buona giornata.

Serena Isa Coppola

Edizioni La Gru

info@edizionilagru.com

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

La tiratura iniziale, così come tutto il lavoro che ruota intorno al libro, ( ad esempio preferenze nel tipo di carta,

nel tipo di copertina -se a uno o a più colori- nel formato e nel tipo di rilegatura etc..) viene sempre deciso in accordo con l'autore.

Ciò significa che la casa editrice non impone le proprie scelte, ma è aperta ad un dialogo e ad una collaborazione, nel rispetto di entrambe le parti.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Salve a tutti,

Il secondo tipo di accordo, prevede a seconda delle spese di realizzazione, stampa e distribuzione, l'acquisto da parte dell'autore di un numero di copie. In questo caso i diritti d'autore su ogni copia venduta saranno del 20%.

notare che:

- le copie in obbligo d'acquisto non generano diritti d'autore (quelle te le compri tu)

- posto che uno spenda 100 e ogni volume costi 10, deve vendere almeno 50 copie per andare in pareggio, senza contare che si troverà ancora a dover smaltire le copie che ha dovuto acquistare e a meno che non abbia una libreria non è cosa emplice

- il numero minimo di copie da stampare per la tiratura

- modalità di editing (stampa offset oppure in digitale)

il che equivale a dire

- tirature massime di 500 copie (in digitale)

- sopra le 500 (in offset)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Gentile Armadillo,

come ho già spiegato, nel caso in cui la realizzazione del libro preveda spese non sostenibili totalmente da una piccola casa editrice e nel caso in cui l'autore accettasse il contratto che prevede un contributo di acquisto di copie, ovviamente queste sarebbero scontate del 20% sul prezzo di copertina.

Dunque, posto che uno spenda 100 e ogni volume costi 10, l'autore lo acquisterebbe a 8 e avendo lo sconto del 20% sul prezzo di copertina gli basterebbe vendere 12,5 libri per andare in pareggio.

La stampa offset avviene se si superano le 200 copie.

La stampa in digitale è per una bassa tiratura o per una grossa tiratura di testi con molte pagine.

Buona giornata,

Serena Isa Coppola

Edizioni La Gru

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite Linda Rando

Continuo a non capire in base a cosa venga decisa la tiratura. A parte qualche eccezione - tipo "l'annusata" di un fenomeno letterario come avvenne per il piccolo editore che pubblicò J. K. Rowling - qualsiasi libro di un esordiente va stampato in piccole tirature.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

il problema della tiratura esiste solo con la tecnica di stampa offset

lì, i costi "di avvio" le lastre, gli impianti ecc... sono ripagabili solo con tirature medio-alte e più pagine si stampano in offset, più i costi sono ammortizzati ecco perché è importante decidere la tiratura adeguata e stampare il più possibile in offset

in digitale è diverso, non esistono costi fissi, una tiratura digitale può essere anche di 100 volumi alla volta, l'unica cosa che determian la tiratura digitale può essere il guadagno che l'editore vuole ricavare nel farti compare le copie

la stampa digitale si effettua con stampanti laser, quella offset con macchinari litografici (i "rulli" che si vedono talvolta nei film)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Certo, si cerca sempre di prediligere una tiratura limitata agli inizi, ma in un discorso aperto alle ipotesi, non si esclude che sia per la tipologia dell'opera, sia per la volontà dell'autore e della casa editrice si possa puntare ad una tiratura più massiccia.

Inoltre, come ho scritto ci sono numerose altre variabili riguardanti la realizzazione del libro,(tipo di copertina,il formato,il tipo di carta,numero di pagine etc..), la distribuzione e la promozione, che necessitano di un lavoro di editing diverso.

Per questo ritengo opportuno che ogni decisione nasca dalla collaborazione tra autore e casa editrice, a seconda del singolo libro che si intende pubblicare.

  • Non mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite
Dunque, posto che uno spenda 100 e ogni volume costi 10, l'autore lo acquisterebbe a 8 e avendo lo sconto del 20% sul prezzo di copertina gli basterebbe vendere 12,5 libri per andare in pareggio.

Ok, la matematica non è il vostro forte, né quello di Armandillo.

Se uno spende 100 e il libro costa 10 di copertina, per andare in pareggio basta che venda 10 copie

10 x 10 = 100

Siccome ha lo sconto del 20%, spendendo 100 avrà a disposizione 12,5 copie. Vendendone 10 va a pari, vendendole tutte guadagna 25

Infatti 12,5 copie x 10 a copia = 125 meno i 100 spesi = 25 di guadagno

Detto questo mi permetto solo di dire che il 20% di sconto per l'autore mi sembra veramente poco, al limite del ridicolo, anche se ho visto di peggio...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Sì, e vero la matematica non è il mio forte (purtroppo sono rimasta traumatizzata dalla mia maestra delle elementari:) Hai perfettamente ragione riguardo al calcolo.

Il 20% di sconto è il massimo che possiamo permetterci di fare per l'acquisto di un numero limitato di copie e lo dico in tutta onestà.

Lo sconto sul prezzo di copertina, aumenta in proporzione al numero di copie acquistate (esempio 200 copie 35% di sconto e così via..)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

nelle mie (poche) esperienze di pubblicazione lo sconto sull'acquisto delle opere andava dal 30 al 50% (su cui non andavano conteggiati i diritti d'autore ovviamente).

Per il discorso delle tirature, volevo dire una cosa: per una piccola casa editrice, una tiratura esplosiva può voler dire fallimento. Questo perchè l'esposizione finanziaria è tale che le banche non concedono il fido e non si riesce a pagare la tipografia. Spiego meglio: le librerie pagano a tot. giorni e hanno il diritto di resa delle copie, le tipografie hanno una forma di pagamento più breve. Quindi o le banche prestano soldi oppure non si riesce a pagare i fornitori. E sappiamo che in questo periodo le banche non si espongono molto

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Sono d'accordo con te Gazza.

Per una piccola casa editrice ci sono uscite certe, a volte troppo onerose per poter rimanere in piedi.

Purtroppo anche una piccola-media tiratura, ma di buona qualità, può avere dei costi alti in proporzione a quelle che sono le possibilità economiche di una piccola attività, che dipendono in buona parte dal tipografo e anche da tutto il lavoro legato alla distribuzione del libro.

Non bisogna però sottovalutare che quando un libro è valido è proprio una adeguata distribuzione, e la sua diffusione sul territorio, che possono permettere di ripagare la fatica e l'investimento iniziali.

E in questa stessa barca si trovano sia l'autore che la casa editrice.

L'importante è cercare di seminare bene, e non avere fretta.

In bocca al lupo per i tuoi libri!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite Linda Rando
se ho quotato la parte relativa al 20% di diritti d'autore sulle copie comprate, qualche motivo ci sarà, no? La prossima volta farò il disegnino

Armandillo sei pregato di moderare i toni.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Le banche non si espongono per niente.

Non ci sono finanziamenti comunali, provinciali, regionali, statali se non per i quotidiani e per gli organi di partito. Quelli si che ricevono milioni.

Se ricevessimo milioni avremmo la possibilità di pubblicare tantissimo e di essere presenti ovunque.

Non essendo noi Albatros e non richiedendo le loro assurde cifre non ci possiamo permettere molto più della buona volontà, dell'impegno e dell'amore per i libri.

Tutte belle cose che però non ti portano il pane a tavola, a quanto pare.

Purtroppo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Gentili tutti,

da poco tempo la nostra casa editrice ha deciso di cambiare alcune cose.

In primo luogo nessun contributo stampa verrà richiesto agli autori.

In secondo luogo coloro i quali hanno versato il piccolo contributo che è stato loro chiesto verranno completamente rimborsati. Ci vorrà un po' di tempo ma entro marzo sarà tutto completamente pareggiato.

Ne aprofitto anche per avvisare chiunque che fino a giugno il piano editoriale è completamente pieno quindi chiunque mandasse materiale sappia che i tempi tecnici sono quelli che sono. Ce ne scusiamo ma i miracoli purtroppo non sono il nostro campo visto.

Grazie per l'attenzione.

Massimiliano Mistri

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Grazie. Sinceramente mi pareva doveroso.

Anzi, mi vergogno terribilmente di quanto fatto fino ad ora.

Non ho alcun problema a fare nomi e cognomi.

Il primo rimborso relativo ad Alessio Pace, autore de "Lo zucchero e il veleno", in uscita a Marzo 2011, è stato fatto stamane.

Ora tocca a Fabio Elia, autore di "Warszawa", già vincitore del Premio Giovane Holden 2010, ma in realtà pubblicato con noi, (prima tiratura esaurita in quindici giorni) verrà rimborsato domani mattina. Fabio aveva stipulato un contratto con spese di stampa al 50%.

Poi tocca Meri Nigro, autrice de "Il mendicante di pensieri", nostro primo romanzo, e a Maria Clausi, magistrata, autrice de "I perdenti" in uscita ad aprile 2011. Meri e Maria hanno interamente coperto le spese.

Ripeto: nessuna paura a dire come stanno le cose. Massima trasparenza sempre è stato il nostro motto fin dall'inizio.

Grazie ancora per l'attenzione.

E ora sotto con le librerie!

Altra bella battaglia visto che molte si rifiutano di ordinare i nostri libri. Alcune adducono il problema delle spese di spedizione. Peccato che noi mettiamo spese di spedizione... Mah. Si vede che l'attività neurale è ostile a certe categorie commerciali. Io da ex libraio ordinavo tutto. A mandare una email ad un editore, anche a titolo informativo, non è che si consumi poi così tanto adenosintrifosfato.

Saluti,

Massimiliano Mistri

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Salve, sono Elena Artusi, non ho mai pubblicato, ma mi permetto di dire che ho conosciuto due loro autrici che mi parlano molto bene di loro.

Seguono l'autore passo passo, fanno editing,ho pure letto due loro romanzi e li ho consigliati a molte mie amiche.

Averne di Case Editrici così!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ringraziamo Elena per le belle parole. Troppo gentile.

Ne aprofitto per segnalare una questione relativa alla distribuzione.

Da ex librai (una decina di anni di esperienza alle spalle) sappiamo bene come lavorano i magazzini editoriali.

Negli ultimi 5 anni a Padova hanno chiuso tantissimi distributori. Tra questi ricordo Bonomo Libri, Quadrifoglio Libri e PDE Padova.

Molti editori hanno deciso di bypassare la distribuzione perchè gli sconti da fare ai distributori parte dal 60% a salire.

Tra questi cito Franco Angeli, Carocci, Mulino e Ugo Mursia.

Se il trend continuerà ad essere questo presumo che i magazzini editoriali spariranno. Non che la cosa mi crei un disturbo visto come vengono trattati i libri che finiscono accatastati, smarriti o, peggio, rovinati. E i magazzini editoriali non rifondono i libri guasti. Quindi se li perdono o li rovinano...affari dell'editore.

I nostri libri possono essere richiesti direttamente a noi (inviamo senza spese di spedizione) e in tutti i punti vendita Feltrinelli e Melbookstore e nelle seguenti librerie indipendenti che crescono settimana dopo settimana:

VENETO

Libreria Effetti Personali - Via Accademia 10 - Padova

Melbookstore Padova - Via Martiri della libertà, 1/A - Padova

Libreria Rinoceronte - Via Del Santo, 55 - Padova

Libreria Costeniero - P.zza Giorgione, 55 - Castelfranco Veneto (TV)

PUGLIA

Bottega del Libro - Corso Mazzini, 10 - Ostuni (BR)

Libreria Centro Contabile - Via S. Paolo della Croce - Ceglie M. (BR)

Libreria Al Levante - Via Umberto I, 25/A - Lecce

Libreria Gagliano - Viale della Repubblica, 76 - Bari

SICILIA

Libreria La Paglia - Via Etnea, 393/395 - Catania

Libreria Voltapagina - Via Crispi, 235 - Catania

Libreria Deleo - Via XXV Aprile, 210 - Agrigento

Il Papiro - Corso Nenni, 130 - Favara (AG)

PIEMONTE

Libreria Dinoitre - Via Cavour, 2 - Orbassano (TO)

Libreria Therese - Corso Belgio, 49 bis/A - Torino

EMILIA ROMAGNA

Nuova Libreria Guercino - Via Campagnoli, 8/B - Cento (FE)

TOSCANA

Cartolibreria Semboloni - Via Roma, 83 - Follonica (GR)

La difficoltà maggiore che si incontra è la pigrizia mentale dei librai che talvolta rifiutano ai clienti di inoltrarci l'ordine perchè mandare una mail informativa è un complicato esercizio neuronale spesso mascherato da frasi tipo "richiedono 8 euro di spese di spezione". Peccato che se solo ci contattassero saprebbero che non mettiamo spese.

Grazie per l'attenzione.

Massimiliano Mistri

  • Non mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un membro per inserire un commento.

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunitày. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

×