Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

ricdil

La solitudine

Post raccomandati

Il mio commento qui

 

Ogni giorno un nuovo ultimo giorno

sempre più lungo, sempre più duro

il tempo passato non cerca il ritorno

vuole solo che si compia il futuro.

 

Sono come una foglia d’autunno

che con forza al suo ramo si aggrappa

dal vento sferzata che rompe e poi strappa

eppur dalla vita sua ancor non si stacca.

 

Ma questa foglia è sempre più sola

il proprio ramo ormai è quasi spoglio

a foglie fresche voglio cedere il posto

a ricordi amati voglio far ritorno.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao ricdil. Leggendo il titolo "solitudine " mi aspettavo qualche cosa di diverso, perché a mio modo di vedere, a parte la prima riga della terza strofa che richiama alla solitudine, il testo sembra voler sottolineare la tenacia con cui la "vita si aggrappa alla vita" in un ultimo tentativo di sopravvivere ancora per qualche istante. Ho apprezzato molto la prima quartina,nella seconda si perde un po' la musicalità. Mentre non mi convince la terza, considerando che le due prime sono in rima, questa stona un po' nei loro confronti, se fossi in te la rivedrei senza comunque alterarne i contenuti.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite Dark

Leggendo ( non so di poesia, chiaro) mi è rimasta impressa 'na roba. alla prima lettura avevo fatto un errore, e in quell'errore c'è rimasto un colore. Un colore che mi ha fatto leggere per la seconda volta e coagulare il senso della seconda lettura: l'errore. Ho sbagliato a leggere. E ho letto una parola per un'altra. Che ti farà ridere. E m'è rimasta impressa capirai il perché, un perché(?) che ti farà ridere.

«Sono come una Fragola d’autunno

che con forza al suo ramo si aggrappa

dal vento sferzata che rompe e poi strappa

eppur dalla vita sua ancor non si stacca.»

Non so di poesia. Chiaro.

Son solo stronzate.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Rima sì, rima no...meglio niente rima. A mio parere, ovvio. Il mescolarlo, no proprio. Ci sono cose da rivedere, la cosa che manca purtroppo è il sentimento. Se il sentimento c'è, ritenta, cerca di farlo arrivare, trova il modo, trova le parole giuste che inneschino la giusta emozione. Ma non smettere mai di emozionarti e di sognare!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao ricdil. complimenti per la tua poesia. mi piace la forma anche se avrei preferito che le rime si alternassero in maniera perfetta nelle strofe; sono un fan dell'over musicalità.

Il tema è ben espresso, la solitudine appare in ogni verso fino agli ultimi due versi che mi hanno lasciato perplesso, sembra quasi una confessione di suicidio, mi ha spaventato un po a dir la verità, ma questo è un bene nell'intento del messaggio.

ti consiglio di ricercare un po di più i termini che scegli perché alle volte i primi che ti vengono in mente sono banali, alle volte l'ispirazione ha bisogno di essere coccolata, vissuta, impressa nel cuore per esprimersi con termini più appropriati che aiutaino l'impatto. Per concludere; le immagini colpiscono le corde giuste e il tema esce bene, ma i termini non valorizzano molto le immagini.

Ciao ricdil, a presto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite
Questa discussione è chiusa.

×