Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

arkadius

13 Lab Editore

Post raccomandati

Ma ciò che secondo me è importante è capire la distribuzione, anche perchè solo da 2 anni sono in Italia, la sede principale è a cambringeshire uk

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ho letto il Contratto ed ecco le mie considerazioni.

1) Il punto riguardo la pubblicità è fumoso. 
2) Non si sa a quanto ammonterebbe la prima tiratura dell'opera.

3) Il sito uk rimanda ad un sito che non c'entra nulla: http://www.13labeditionltd.co.uk/

4) Il sito italiano, ad oggi, presenta link mancanti e sezioni inesistenti...

5) In una intervista dicono di pubblicare mediamente 100 romanzi al mese. Sul sito i libri sono una quindicina e molti dei quali "non disponibili". 

 

Io oggi vado a parlare con la Dott.ssa Stella Fabbrini che mi ha proposto il contratto.

Di sicuro non accetterò adesso, anche perché chiedono 275 euro per l'editing.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Eccomi di ritorno dal colloquio. Ho scoperto che:

 

1) Non scrivono nel contratto che stamperanno solo on-demand.

2) Il punto riguardo la pubblicità è fumoso, e difatti mi ha confermato che la pubblicità consiste nel post su Facebook della 13 lab (che al momento ha 1500 like) e nell'inserimento nel sito italiano.

3) Non mi ha risposto sul sito UK.

4) Mi è stato riferito chiaro e tondo che dopo una presentazione del libro e l'editing, il lavoro di pubblicità spetta all'autore.

 

Ho rifiutato il contratto.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Eccomi ancora qua a commentare.
Sono stato contattato di nuovo dalla dottoressa Fabbrini qualche giorno fa (a quanto pare segue il forum di Writer's Dream). Non vi posto la mail che mi ha mandato poichè non mi ha dato il consenso per farlo (nel senso che non mi ha più risposto, quindi non so se voglia o meno): vi dirò il succo a parole mie.
 

In pratica secondo la dottoressa ho frainteso alcune cose, soprattutto riguardo la promozione del libro.

Quindi specifico: la 13lab si fa carico della suddetta promozione e l'autore deve ovviamente impegnarsi per pubblicizzare il proprio libro con l'appoggio dell'editore, non da solo come ho affermato nel post precedente (cito la dottoressa: "Il successo di un libro di un autore sconosciuto parte dal passaparola", che secondo me è una sacrosanta verità, dopotutto), e quindi l'editore organizzerebbe delle presentazioni dove l'autore è più conosciuto, dove insomma c'è la sua sfera di conoscenze e quindi abbia più facilità di attrarre lettori (nella sua città, magari nella sua libreria di fiducia o in biblioteca). Inoltre, sempre secondo la dottoressa, la pubblicità arriva se si è attivi sul sito della 13lab, se si risponde ai commenti e si instaura un buon rapporto con i lettori. 

La dottoressa è stata molto gentile sia all'incontro che via mail, questo non cambia la mia opinione sulla 13 Lab.

Non rimangio nulla di quello che ho scritto più su, riguardo il sito uk che rimanda a una cosa che non c'entra niente con l'editoria della 13lab (su questo non mi hanno risposto, anche a domanda diretta), il sito italiano attualmente mal funzionante, la richiesta di un contributo per l'editing che rende la 13lab una EAP (250 euro + IVA al 20% perché dell'uk).

Nel contratto si parla infatti di "prima tiratura" senza specificare il numero delle copie stampate.

 

Non avendo riscontri da chi con la 13lab ha pubblicato o molte altre informazioni in generale, mi fermo qui. La mia esperienza è stata negativa (non per la cortesia, che c'è sempre stata) ma per la formulazione del contratto e per i servizi offerti.

Buona giornata a tutti!

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Il sito italiano è in fase di aggiornamento (ci sono ancora un sacco di link malfunzionanti, però è stato aggiunto un carrello funzionante e i nomi della maggior parte degli autori portano adesso effettivamente alle opere, e non a nulla).

 

Questa è l'intervista, invece, a cui mi riferisco nei post iniziali.

Intervista alla 13lab

 

Credo che sia stata fatta un po' di confusione.

La casa editrice di cui si parla nell'intervista è la 13Lab, Italiana, non è  la 13 Lab Edition Ltd Inglese.

Infatti se cliccate sull'intervista di cui parla Niko, ovvero questa:  https://labibliotecavivente.wordpress.com/2014/11/13/intervista-alla-casa-editrice-13lab/  , verrete poi indirizzati su questo loro sito : http://www.13lab.it/ecommerce/ , che però non è quello della casa editrice Inglese, che opera anche in Italia, che invece è quest'ultimo: http://www.13labedition.co.uk/13lab/

A questo punto io non sono più in grado di stabilire con quale delle due Niko abbia avuto contatti, né quale sia sta contattata da Fra attraverso una e-mail.

Personalmente ho avuto rapporti con la seconda, ma prima di parlare della mia esperienza attendo lumi dagli amministratori o dai moderatori del sito.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Non è stata fatta proprio nessuna confusione, questo sia chiaro.

Quando ci ho avuto a che fare io il sito non era quello che indichi, Alex. Vedo con piacere che adesso è un sito funzionante e senza link mancanti.

Inoltre adesso non compare più il rimando a quella pagina strana inglese, ma a quella che dici tu.
Hanno cambiato anche l'intervista, la pagina non era quella (graficamente era molto diversa, i contenuti non li ho letti ma mi sembra non ci sia più il rimando, nemmeno qui, a quel sito strano).

Lo dico giusto perché non vorrei sembrare quello fuori di testa che, mesi fa, ha scritto cose che adesso non sono più vere.
La verità è che ora hanno sistemato un po' di cose, e me ne rallegro. Ma la confusione è stata fatta da loro prima, non da me, che sia chiaro.

 

Ultima cosa: le due case editrici (una inglese e una italiana, legata a quella del regno unito) sono chiaramente legate: basta vedere alcuni dei loro libri, presenti in entrambi i siti, in tutti e due i cataloghi (Sito uk - Sito ita).
Il contratto che mi avevano proposto era a nome di "13 lab Edition Ltd", con sede nel regno unito, ma la pubblicazione sarebbe stata sul sito della 13 lab Editore (italiana). Quindi attento, stai facendo confusione tu (non so, però, il tuo contratto a nome di quale 13 lab sia; magari hanno modificato anche quello).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Niko, non mi riferivo a te, quando parlavo di confusione, sia chiaro. Mi riferivo prima di tutto a me stesso. Anch'io ho dovuto chiedere spiegazioni alla casa editrice inglese e mi hanno appena risposto che si trattasi di due case differenti, ma dal nome simile. La 13Lab, quella dell'intervista, tanto per capirci, inizialmente faceva solo distribuzione e distribuiva anche i prodotti della 13Lab Edition LTD: solo in un secondo tempo ha cominciato a pubblicare. A questo punto la casa Inglese, per evitare confusioni, che comunque rimangono inevitabili, ha preferito affidarsi ad altri per distribuire le proprie opere. Il logo delle due aziende, del resto, è molto diverso.

Rimane comunque a questo punto da stabilire, per entrambe, se siano free o a doppio binario.

Non mi permetterei mai di darti del pazzo, Niko... Se non ovviamente nel gioco degli insulti  :asd: .

A presto

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

se può essere utile anche io ho ricevuto una proposta da loro. che dire, certo non si ha nessuna garanzia ma non lo definirei a pagamento. I 250 euro che chiedono per l'editing non sono obbligatori, quello che loro dicono è che il romanzo deve arrivare già revisionato, in maniera professionale, loro questo servizio lo offrono ma sta a te decideree se usufruirne o fare l'editing per conto tuo o con altre organizzazioni. La casa editrice è molto giovane ed è normale che tutto sembra un pò fumoso ma se devo essere sincero la proposta che hanno fatto a me non era malissimo, apparte alcuni punti che per ora mi spingono verso un rifiuto.

ad esempio il fatto che pretendono il 100% dei diritti riguardanti traduzioni e adattamenti, questo proprio no!! per quello che riguarda la stampa su richiesta, tutti lo fanno anche la feltrinelli, l'autore deve sempre fare la promozione da solo, sempre, siamo nel 2015, a meno che non sia un autore di bestseller preconfezionati non ci sono altri modi, lo fanno tutti, anche autori con vendite medio alte come per esempio, Bruno Vespa, solo per fare un esempio famoso. 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Buon pomeriggio

scrivo perchè a dicembre uscirà il mio primo romanzo proprio per i tipi della 13lab

da 'giovane' contrattualizzata ho fresche tutte le info, qualora vi fossero ancora dubbi da dipanare

Alexmusic ha già pubblicato con 13lab e magari ne saprà più di me almeno per la questione numero di copie della prima stampa

per il resto:

l'editor in chief, dott.ssa Raimondi, è sempre disponibile per qualunque dubbio o chiarimento nella fase pre e post contrattuale.

Confermo che i 250 euro non sono affatto obbligatori ma io ad esempio ho utilizzato il loro servizio editing per comodità personale.

Curano loro la promozione stampa del testo inviando a giornali e redazioni copie del libro.

Pubblicizzano gli eventi di promozione anche attraverso la loro pagina facebook, rimandando a quella che l'autore crea per il proprio libro.

Insomma il mio feedback, ad oggi, è più che positivo. Poi saprò dirvi di più

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ti rispondo io: no. La 13 LabEdition ltd è una casa editrice che ha la sede principale a Cambridge e una sede operativa in Italia, mentre 13 Lab Editore è prima di tutto un distributore, che in passato ha distribuito anche i libri della 13 LabEdition.
Ti ho messo entrambi i link per controllare le differenze. Per qualsiasi altra informazione, potete contattarmi tramite messaggio privato.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ho letto tutta la discussione, ho capito la distinzione tra le due case editrici e che quella italiana  (13 Lab Editore) chiede il contributo per l'editing, ma non è obbligatorio.

Mi è però rimasto un dubbio:  la casa editrice 13 LabEdition ltd è una casa editrice senza contributo?  O anche loro dopo la lettura del materiale inviato chiedono dei soldi per uno o più dei loro servizi?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

La 13 Lab Edition Ltd chiede, a volte, un contributo non obbligatorio per l'editing, che comunque è assai inferiore alle cifre normalmente richieste dal libero mercato... Almeno sulla base delle ricerche che io personalmente ho fatto. Se uno scrittore decide di procedere autonomamente all'editing è libero farlo, ma alla fine credo che spenderebbe parecchio, ma parecchio di più, con il rischio che poi il lavoro non venga comunque ritenuto adatto ai loro standard. A loro infatti interessa solo che i testi da pubblicare siano di buona qualità.

Modificato da Alexmusic

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Quindi in pratica sia quella italiana (13 Lab Editore) che quella inglese (13 LabEdition ltd) chiedono il contributo per l'edting (non obbligatorio), giusto?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Dopo invio sinossi e primo capitolo, ricevo questa risposta:

*Editato dallo Staff*

E io invio l'intero manoscritto. Apprezzo sempre un editore che si fa vivo, valicando il muro di silenzio.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Se io propongo alla suddetta casa editrice il mio testo - che senza doverlo far sapere a loro ho già sottoposto a un editing da una persona o società di mia fiducia - e dopo la loro valutazione mi sento dire:

"Siamo interessati, ma ci devi dare tot euro perché bisogna fare un lavoro di editing"

Alla mia risposta che l'editing l'ho già fatto cosa mi rispondono? Che a loro comunque non va bene, quindi o pago il loro editing o non mi pubblicano? O mi pubblicano ma i soldi me li chiedono per qualche altro servizio come ad esempio la promozione ecc...?

Da qui il dubbio che chiedano sempre e comunque dei soldi a prescindere dalla bontà del testo proposto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Mi riesce difficile rispondere, non sapendo le "condizioni" del testo che ha inviato: trecento euro possono essere tanti, se questo risultasse già editato a regola d'arte; ma possono anche essere pochi, se la mole di lavoro da fare è notevole. Mi è capitato di leggere alcuni stralci di romanzi, i cui autori mi giuravano e spergiuravano che il loro testo era già perfetto, mentre io non avrei accettato di correggerlo neppure per tremila euro, altro che trecento!
Questo non sarà sicuramente il tuo caso, Simone, ma non avendo alcun elemento tra le mani o sotto gli occhi, non so proprio cosa dirti.
Il fatto è che la maggior parte delle persone ritiene che  l'editing riguardi soprattutto la correzione grammaticale, per la quale i correttori automatici svolgono già una funzione egregia, anche se non perfetta... Ma c'è anche la sintassi, la consecutio temporum, per non parlare di tutte quelle piccole e grandi incongruenze narrative, che, nella foga di scrivere, spesso disseminiamo un po' ovunque.
La decisione quindi spetta prima di  tutto a te.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Sono d'accordo con Lorenzo.

Non metto in dubbio la cordialità, professionalità e/o impegno della 13lab nel lavoro che sta portando avanti, ma ci sono moltissime altre CE che l'editing non lo fanno pagare. Per rispetto a loro, la 13lab non può rimanere in Free.

Sposto in "Doppio binario", perché a quanto ho capito l'editing lo richiedono (a pagamento) solo quando necessario, altrimenti pubblicano senza editare.

Rimaniamo aperti a chiarimenti della stessa casa editrice o di altri utenti che pubblicheranno con loro.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Attualmente sul sito della CE ci sono 70 romanzi. Quindi presumo che un minimo di scrematura venga fatta. Non capisco bene come funziona il discorso formato elettronico. A quanto pare lebook è acquistabile solo dal loro sito, infatti su Amazon e altre piattaforme è presente solo la versione cartacea acquistabile.

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Keytonlewis Il discorso dei 300 euro per l'editing è comunque un contributo, ingiusto verso chi sogna di avere il proprio romanzo pubblicato. Se la scrematura viene fatta e viene pubblicato solo ciò che è ritenuto valido, la spesa dovrebbe sostenerla l'editore.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

A me hanno chiesto 200 euro e non 300, non so da cosa dipenda sinceramente, penso proprio dalla condizione del testo.

A livello di distribuzione come vi sembra questa casa editrice? 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Verificato e aggioranto i link. La distribuzione avviene mediante contatto diretto con loro e rinvio ai distributori regionali.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao a tutti ragazzi. Scrivo qui per raccontare la mia esperienza personale con questa casa editrice. Io mi limito ad esporre i fatti, lascio a voi le conclusioni. Faccio solo una premessa: era il mio primo romanzo, non capivo nulla di editoria, ero euforico, spensierato e giovane...e ingenuo.

 

Ho pubblicato il mio romanzo con la 13labedition esattamente un anno fa. Nei 365 giorni passati dalla firma del contratto non è stata organizzata neanche una presentazione! Avete capito bene, nemmeno una.

Ho pagato a suo tempo un costo di 300 euro per l'editing e la grafica del libro. Soldi buttati in quanto l'editing fa venire i brividi, si tratta solo ed esclusivamente di qualche virgola aggiunta qua e là. Per quello che riguarda la grafica poi non ne parliamo. Nonostante le mie ripetute lamentele per le bozze della copertina che mi avevano inviato, hanno fatto di testa loro, e sinceramente mi vergogno che il mio libro ad oggi abbia quell'orrendo colore e quella grafica da far accapponare la pelle.

Pubblicità zero, eventi zero, neanche un post sulla loro pagina facebook. Alcuni dei loro libri, tra cui il mio, erano presenti a un festival a San Gimignano, sicuramente non un evento di risonanza mondiale, ma andiamoci lo stesso, presenterò il mio libro lì, cosa c'è di meglio di una piccola fiera per cominciare? Mi sono detto io. E invece, con mio enorme stupore, nonostate insistessi, non hanno voluto la mia presenza....

Viste le premesse pensavo che non avrei venduto nemmeno una copia. Chiunque ordinasse il testo mi diceva di avere difficoltà a reperirlo, sia nelle librerie che online. Ed erano lamentele dovute all'esasperazione nel dover aspettare una risposta da parte loro sul perchè il libro che il cliente aveva ordinato e pagato non arrivasse mai.

Ad oggi credo di aver perso parecchi potenziali lettori per questo motivo, e che molte copie si siano perse per motivi a me ignoti.

 

*Editato dallo Staff*

  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Buonasera. Vi scrivo come ha fatto in precedente il collega che ha menzionato a tratti la mia storia con la 13Lab. E vi voglio allertare, perchè se avete anche solo un'idea di pubblicare il vostro libro con questa casa editrice, vi consiglio di cercate un'altra strada. La 13 ha pubblicato il mio libro a Luglio 2016, ovviamente prima che si arrivasse alla pubblicazione, sono passati tempi lunghi, con poca considerazione nei miei confronti, dovevo in continuazione chiedere informazioni. Mi si diceva una data e quella data non era mai.

Ho pagato una cifra di 366 euro, voluta pure immediatamente appena firmato il contratto. Dopo mesi di attesa, ho dovuto alzare i toni e mettere in discussione la buona fede della CE, e stranamente nel tempo di una settimana il libro è uscito. Non c'è stata nessuna pubblicità, solo il primo giorno ossia il 4 luglio su facebook, dopo di che zero.

A Settembre mi era stata promessa una presentazione nella mia città Olbia, e la cosa non è mai avvenuta.

Il contratto prevedeva che mi mandassero 20 copie in contovendita ogni mese per aiutarmi a pubblicizzare il mio libro, è succeso il primo mese soltanto dopo innumerevoli richieste e solleciti.

 

Dopo alcuni mesi mi è stato proposto come già detto in precedenza da un altro ragazzo, la libreria in gestione in Sardegna, da Giuseppe Aleci, avrei dovuto anticipare una somma di 15.000 euro, dove mi promettevano materiale, locale, libri, e tutto il necessario per avviare l'attività, e io sarei stata stipendiata dalla 13Lab. Ovviamente è un'offerta che ho rifiutato, per mancanza di liquidi.

Allora dopo una settimana mi è stato proposto il posto (ultimo posto vacante) per coprire il ruolo di Consulente Editoriale, per poter intraprendere questo ruolo, mi si chiedeva una cauzione di 5000 euro a fronte di materiale utile alla gestione del lavoro, computer, stampante, cellulare nel caso mi servisse, libri, licenze informative etc etc...

La cifra era per me improponibile, la settimana successiva la cauzione è scesa a 2.500 per venirmi incontro, in quanto fosse solamente una caparra. Ho rifiutato anche questa proposta e malauguratamente dopo le insistenze ho accettato per la cifra di 1.200. (uno stipendio intero regalato).

Appena ho dato l'ok che avrei versato questa somma, ho ricevuto email costantemente affinchè mi affrettassi a pagare la mia cauzione, che ho versato il 21 Ottobre 2016.

Ho firmato un contratto, che spiegava il motivo della cauzione e il materiale che avrei dovuto ricevere, e il mio compenso stabilito al mese di 900 + iva. Dopo di che il nulla. Nessun materiale ricevuto, nessun lavoro a parte 4 manoscritti che ho letto e valutato.

Mi è stato mandato un indirizzo email con nome utente e password, e delle credenziali per entrare in una piattaforma della 13 lab, senza mai spiegarmi come usarla. Dovevo fare un corso online di un ora per essere affiancata per poter meglio fare questo lavoro. E ovviamente questo non è mai avvenuto. Ogni giorno chiedevo informazioni, chiedevo di ricevere il mio materiale, ben pagato, chiedevo lavoro da svolgere, perchè ne ero comunque entusiasta, ero felice di poter coprire questo ruolo.

 

A gennaio avrei dovuto ricevere il mio primo compenso, è questo non è mai arrivato, mi è stato detto che lo avrei ricevuto a Febbraio insieme a quello di gennaio, perchè a Dicembre c'erano state le ferie e quindi l'amministrazione conteggiava automaticamente a gennaio.

Gli stipendi non sono mai arrivati. E anzi mi veniva detto che il bonifico era stato effettuato, con tanto di scuse per il ritardo. Fin quando dopo troppi mesi di attesa, ho richiesto la restituzione della mia caparra, immediata.

Visto i loro comportamenti, visto che il contratto non era stato rispettato. Mi è stato risposto che avrebbero proceduto alla restituzione della caparra e alla chiusura della contrattazione. Non ho avuto nemmeno una scusa, nemmeno una motivazione di questo atteggiamento. Questo avveniva il 17 febbraio.

Oggi siamo al 7 marzo, e io non ho ancora avuto i miei soldi, e mi è stato detto già due volte che stanno procedendo alla liquidazione.

 

Dopo svariati mesi e di richieste, ho avuto il rendiconto delle mie vendite online, e ho ancora non ho visto questi soldi. Ho dato loro una scadenza di tempo (altri tre giorni) e poi verranno denunciati alle forze dell'ordine. Nel dubbio che fosse successo solo a me, ho contattato per email, dalla mia personale a gli indirizzi della 13lab due persone che ricoprivano questo mio stesso fantomatico ruolo, uno di questi ragazzi mi ha contattato su facebook e mi ha spiegato la sua "avventura" con questa CE.

Dopo 10 giorni mi arriva una mail di risposta da questo ragazzo che mi diceva che si trovava bene e che loro erano puntuali e seri. Le cose non tornavano, aveva cambiato le carte in tavola. Impossibile. L'ho contattato di nuovo su facebook e abbiamo scoperto, uno di avere gli account bloccati e due che lui non aveva mandato nessuna mail, qualcuno lo aveva fatto al posto suo.

Questa è la storia purtroppo agghiacciante di quel che è successo. State attenti.

Io sono stata ingenua, e ho visto la possibilità di un sogno avverarsi, e invece ho trovato tutt'altro e ho dato il mio libro, il mio impegno a queste persone.

 

*Editato dallo Staff*

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao a tutti, avrei bisogno di un consiglio per una situazione alquanto imbarazzante.

Premessa imprescindibile: io sono uno stordito.

Intorno al 2013 inviai alla 13lab dei miei racconti brevi per una valutazione. All'editore piacquero e volle pubblicarli, firmai pure un contratto relativo a quelle opere (contratto che attualmente non so che fine abbia fatto ma al 90% è finito nella raccolta differenziata). I miei rapporti con la CE però finirono lì, credo perché fosse subentrata una richiesta economica da parte loro per la stampa di un certo numero di copie, onestamente non ricordo, ma sono abbastanza sicuro che fosse per una questione i soldi, fatto sta che non li cercai più e mi dimenticai di loro. In questi giorni, vuoi perché sto lavorando alla pubblicazione del mio primo romanzo con un'altra casa editrice, mi è tornata alla mente quell'esperienza e per curiosità sono tornato sul loro sito. Lì ho trovato i miei due racconti ancora in vendita sul catalogo, oltretutto a un prezzo indecente se rapportato alla loro lunghezza (uno è lungo una decina di pagine, l'altro a malapena due, e sono messi a 8,40 euro).

Ora, secondo voi, se scrivo alla CE chiedendo di rimuoverli dallo store, tenendo conto del fatto che non ho più con me una copia del contratto, quindi non so di preciso quali fossero i miei obblighi verso di loro, rischio di scoperchiare un vaso di Pandora della burocrazia? E' meglio se lascio perdere e continuo a far finta di niente? Di per sé non è una cosa così grave, ma mi infastidisce alquanto che, cercando il mio nome su Google, il primo risultato sia il link a quei prodotti indegni. Hanno pure sbagliato a scrivere il mio nome sulle copertine...

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un membro per inserire un commento.

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunitày. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

×