Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

Elet88

Traduzioni in latino... se possibile :)

Post raccomandati

Salve a tutti compari scrittori,
qualcuno potrebbe aiutarmi nella traduzione di parole e frasi in latino? Non saprei a chi rivolgermi, su yahoo anser ho provato (per quanto poco affidabile) ma qualche frustrato mi cancella sempre la domanda... mah. Ho ultimato la mia storia, ma mi serve una certa credibilità per quanto riguarda alcune frasi e concetti che voglio esprimere in latino, e affidarmi a un traduttore online che traduce parola-per-parola non mi sembra il massimo. Inoltre ho fatto un istituto tecnico e non ho mai studiato questa lingua che comunque mi affascina :)
Si tratta di singole parole ma anche di intere frasi, l'ambientazione è ovviamente l'Impero Romano nel I secolo d.C. Se qualche anima pia potesse aiutarmi... lo ringrazieri enormemente! :)

PAROLE:

dominatori romani

Roma (mi pare resti invariata)

romani

calendario (giuliano)

futuro

presente

passato

antico

tempo

India (è per caso "oriens meridionale"?)

tecnologia (esiste un termine latino?)

Roma domina (, parte di una frase, inteso che domina ovunque)

dominerà (inteso per sempre)

dominavano  (i popoli sottomessi "dominavano")



FRASI:

Mi stai proponendo una storia assurda. E' difficile da credere. Hai delle prove?

ECCO COME L'HO TRADOTTA: Historia assurda tu propone al maculo conspectus. Arduus da credo sum.Argumentatio cum the portae?»

---

Ho le prove

Argumentato ego habeo

---

Non posso crederci. Quest'immagine è perfetta. Questa è magia!

Credere non possum. Effigies sum perfecta. Hic esse magia!

---

Non  è possibile. Questo è...

Possibile non es. Hic esse...

---

Tutto il mondo, prefetto. L'insieme delle terre e dei mari.

Totum mundus, praefectus. Summa di terrea e di maris.

---


Ultima curiosità se la sapete: a quei tempi come si chiamavno le "finestre" nelle abitazioni?

 

Grazie mille a chi potrà aiutarmi :)



 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Sono cinque anni che non riprendo in mano dei testi di latino e non è che fossi proprio un campione, ma posso dirti che questa frase è sbagliata.

 

 

Totum mundus, praefectus. Summa di terrea e di maris

la congiunzione e è et in latino, inoltre il complemento di specificazione viene reso con il solo genitivo, non si usano preposizione.

 

Mi spiace, ma non posso esserti molto più di aiuto, come ti ho detto ero abbastanza una pippa.

Modificato da 9talete9

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Occhio perché il latino classico è piuttosto diverso dall'italiano e spesso non direttamente comprensibile. Il latino medievale è più simile ai nostri latini maccheronici e all'italiano.

 

dominatori romani

dominatores/domini(signori)/moderatores(governatori) romani

Roma (mi pare resti invariata)

Roma

romani

Romani

calendario (giuliano)

fasti (pl), ephemeris mathematica (calendario astronomico). Se no puoi fare qualcosa tipo Fasti a Caesare reformati, se proprio è importante che sia quello giuliano.

futuro

tempus futurum, tempus reliquum, futura (pl)

presente

praesens tempus, hoc tempus, haec aetas

passato
praeteritum tempus, praeteritas, ante acta aetas

 

antico
antiquus

 

tempo

tempus

India (è per caso "oriens meridionale"?)

India

tecnologia (esiste un termine latino?)
artis praecepta sono le cognizioni scientifiche. Se no c'è ars per la tecnica.

Roma domina (, parte di una frase, inteso che domina ovunque)

Roma ubique regit

dominerà (inteso per sempre)

in aeternum reget

dominavano  (i popoli sottomessi "dominavano")

dominabant/regebant/(dominavere/rexere se ti serve come nel passato remoto)



FRASI:

Mi stai proponendo una storia assurda. E' difficile da credere. Hai delle prove?

Inepte dicis. Mihi vix credendum est. Argumentis ostendere potes?


---

Ho le prove

Argumenta ego habeo (se è per rispondere alla domanda di prima, basta dire "possum" o "ostendam").

---

Non posso crederci. Quest'immagine è perfetta. Questa è magia!

 

Incredibile est visu. Imago heic perfecta est, arte magica effecta!


Credere non possum. Effigies perfecta est, arte magica effecta!

---

Non  è possibile. Questo è...

Non potest/Esse non potest. Hoc est...

---

Tutto il mondo, prefetto. L'insieme delle terre e dei mari.

Totus mundus, praefecte. Terrae marisque summa.
 

 

Occhio che però il latino ha i casi, quindi in base alla funzione può darsi che le desinenze debbano comunque cambiare. Inoltre, la pittura a Roma era sviluppata a dei livelli che rasentavano il fotorealismo e anche la ritrattistica via statua puntava alla perfezione, quindi è dura per un romano avere reazioni del genere, se non ci sono motivi aggiuntivi, come una realizzazione rapidissima o con mezzi insoliti, o se l'immagine salta fuori da qualche posto inaspettato invece che da chi se la può permettere.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Asopo come prima cosa ti ringrazio tantissimo. Si vede che le frasi sono rese in modo molto professionale. Grazie di cuore, poi ci mettiamo d'accordo che, se mi dai il consenso, ti cito nei ringraziamenti (ti dico già che non sarai l'unico a finirci :asd: )

Rigurado alle frasi devo dissolvere un paio di dubbi, e in effetti ho omesso un particolare forse importante (perdonami, ma non pensavo che fosse tanto complicato il latino): il colloquio si svolgre fra un viaggiatore del tempo e un romano. Ecco perché il romano resta stupito dalla perfezione dell'immagine: perché si tratta di una fotografia.

Pertanto le voci "futuro", "presente" e "passato" si riferiscono al viaggiatore, che spiega dove può viaggiare e da dove viene.

Non ho capito solo una cosa: il fatto del calendario. Il crononauta pensa al calendario di quei popoli "primitivi" e resta stupito dalla precisione del...  calendarium iulianum (l'ho chiamato così nella storia poiché leggendo in giro era così che si chiamava... o mi sbaglio?)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Scusami, aggiungo questa frase presa dal mio racconto, per chiarezza:

 

Io sono un uomo che viene dal posterus.

 

 

 

Avevo usato posterus poiché mi sembra più adatto e meno pesante come termine (e più interessante) rispetto a tempus futurum

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Scusami, aggiungo questa frase presa dal mio racconto, per chiarezza:

 

Io sono un uomo che viene dal posterus.

 

 

 

Avevo usato posterus poiché mi sembra più adatto e meno pesante come termine (e più interessante) rispetto a tempus futurum

Per la scelta della parola sono d'accordo con te, suona molto meglio e il significato è giusto, ma dovresti usare posterum, perché è un aggettivo sostantivato ("quello che c'è dopo") e quindi neutro (il latino ha, oltre al maschile e al femminile, anche il neutro). Nel caso ti servisse, "Dal futuro" si direbbe "a postero" o "e postero" o anche "de postero".

 

Per la foto, hai chiaramente ragione: un romano avrebbe minimo strabuzzato gli occhi!

 

E le finestre coi vetri si chiamavano specularia (sempre plurale), quelle normali come in italiano (fenestra).

 

Per il calendario sto guardando adesso e ti farò sapere appena posso, ma il calendarium (scritto anche con la k) era una tabella per le riscossioni dei debiti. Immagino che poi il significato si sia espanso in generale al calendario, ma il termine che ho sempre sentito in età classica è quello di Fasti, che era all'inizio la lista dei giorni in base all'uso religioso e che poi aveva assunto valore anche per la vita civile. Appena so qualcosa di più posto ancora ;-)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Quante cose da imparare! Grazie mille di vero cuore Asopo. Attendo tue notizie riguaro al celandiaro, probabilmente il calendarium iulianum è un "latino maccheronico" del '400 o '500, hehe.

 

Un'ultima cosa, hai scritto:  

Nel caso ti servisse, "Dal futuro" si direbbe "a postero"  

 

 

Inteso come:   Dal futuro? si chiese il romano.  --->    A postero?, si chiese il romano. 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un utente per inserire un commento.

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

×