Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

1984Phantom

Selfpublishing: voi cosa ne pensate?

Post raccomandati

On 6/28/2017 at 18:14, Nuwanda ha detto:

Resta il fatto che tra i due litiganti, chi ci guadagna sempre di più, sono le piattaforme, le quali permettono di raggiungere questo mercato online.

 

Anche io la penso in questo modo. Il sp infondo ha tanto in comune con le case editrici a pagamento. La differenza è da dove proviene il pagamento. Niente è gratis, tanto meno l'accesso a un mercato. 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
4 minuti fa, Davide Di Benedetto ha detto:

 

Anche io la penso in questo modo. Il sp infondo ha tanto in comune con le case editrici a pagamento. La differenza è da dove proviene il pagamento. Niente è gratis, tanto meno l'accesso a un mercato. 

 

 

Le piattaforme trattengono una percentuale dei guadagni degli autori, proprio come fanno le ce tradizionali, quindi il self non ha nulla in comune con le ce a pagamento.

Che niente è gratis nel mercato è un dato di fatto, altrimenti si chiamerebbe beneficenza.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Le piattaforme coprono il ruolo della distribuzione, né più né meno. Nel percorso che va dalla CE alle librerie, la distribuzione tradizionale si prende quasi la metà dei ricavi. Nel POD o nella vendita online (con stampa in tipografia) di libri autopubblicati la situazione è molto simile.

 

Quello che cambia, nel self, è che non ci sono gli altri intermediari (la CE stessa) a prendersi parte del guadagno, per cui non è impossibile per l'autore arrivare a un ricavo del 30-40% del prezzo di copertina per un cartaceo, e il 70% per l'ebook.

 

Il confronto con le EAP ha senso solo se guardiamo l'investimento iniziale da parte dell'autore (stampa, editing, grafica nel caso del self; acquisto copie nel caso delle EAP), ma mentre le EAP continuano a elargire le briciole percentuali sulle ipotetiche vendite, in self un autore può recuperare il suo investimento in breve tempo.

Modificato da Francesco Wil Grandis
refuso

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Francesco Wil Grandis

Il 60% percento sul prezzo di copertina per il cartaceo, con cui si copre il costo di stampa. Il guadagno è del 25% del totale. In ogni caso non è male. E una qualità di stampa da fare invidia a diverse edizioni economiche che ho a casa di grandi CE che nel giro di qualche mese mi si sono sciolte in mano. Poi il servizio è ancora in fase beta, quindi fa ben sperare per il futuro.

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
36 minuti fa, Francesco Wil Grandis ha detto:

Le piattaforme coprono il ruolo della distribuzione, né più né meno. Nel percorso che va dalla CE alle librerie, la distribuzione tradizionale si prende quasi la metà dei ricavi. Nel POD o nella vendita online (con stampa in tipografia) di libri autopubblicati la situazione è molto simile.

 

Quello che cambia, nel self, è che non ci sono gli altri intermediari (la CE stessa) a prendersi parte del guadagno, per cui non è impossibile per l'autore arrivare a un ricavo del 30-40% del prezzo di copertina per un cartaceo, e il 70% per l'ebook.

 

Il confronto con le EAP ha senso solo se guardiamo l'investimento iniziale da parte dell'autore (stampa, editing, grafica nel caso del self; acquisto copie nel caso delle EAP), ma mentre le EAP continuano a elargire le briciole percentuali sulle ipotetiche vendite, in self un autore può recuperare il suo investimento in breve tempo.

 

condivido in pieno quanto detto da @Francesco Wil Grandis

e mi sento da aggiungere: la EAP ha in comune col Self Publishing il fatto che non produce alcun filtro sugli autori. Chiunque, proprio chiunque può permettersi un editore a pagamento come di autopubblicarsi: anche chi non sa le regole della grammatica.

Questo, probabilmente, è causa del più grande equivoco relativo all'autopubblicazione, che rischia di sminuire quegli autori che hanno idee, talento e capacità e che decidono di investire tempo ed energie "facendo da sé".

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Francesco Wil Grandis Infatti mi pare di aver letto da qualche parte che dovrebbe aver aperto nel 2016. Ma createspace non è un'azienda a parte, con cui collabora Amazon? Quindi magari prendendosi in carico anche la parte di progettazione e stampa, taglia il middleman (createspace) e risparmia. Comunque è aperto solo in Europa, Usa e Giappone quindi al momento createspace ha ancora mercato. Ma se piove di quel che tuona, sarà presto superato.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@JPK Dike Non conosco l'organizzazione aziendale, ma il logo dice "Createspace, an Amazon Company". Boh, meglio per l'utente se ci sono più opzioni. Tra l'altro, l'interfaccia di CS e in generale tutta l'organizzazione (report e gestione dei pagamenti) è molto scadente. Comunque è un po' OT. Grazie lo stesso delle info

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
14 ore fa, JPK Dike ha detto:

Un libro l'anno è veramente pochino, inoltre è proprio poco come scrittura.

Mi spiace ma non sono d'accordo e noi l'abbiamo toccato con mano, almeno per quanto ci riguarda. Ci è successo e non è che il secondo libro non si è venduto, ma ci è voluto molto più tempo. Non solo abbiamo avuto anche problemi organizzativi perché fare più di una presentazione all'anno nella stessa città ci ha dato più problemi a riempire la sala.

 

57 minuti fa, Francesco Wil Grandis ha detto:

Quello che cambia, nel self, è che non ci sono gli altri intermediari (la CE stessa) a prendersi parte del guadagno, per cui non è impossibile per l'autore arrivare a un ricavo del 30-40% del prezzo di copertina per un cartaceo, e il 70% per l'ebook.

Ci sono CE in cui l'autore (se gli va e ne ha le capacità) può guadagnare fino al 45% e senza dover anticipare nemmeno un soldo... certo bisogna avere la pazienza di cercare.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
8 minuti fa, Spartako ha detto:

Ci sono CE in cui l'autore (se gli va e ne ha le capacità) può guadagnare fino al 45% e senza dover anticipare nemmeno un soldo... certo bisogna avere la pazienza di cercare.

 

 

Con distribuzione nazionale, promozione, editing e tutto? Be', se è così, e se lo avessi saputo, un pensierino lo avrei fatto volentieri senza dubbio. Non ho mai demonizzato a priori le CE tradizionali: solo, non mi faccio problemi a sperimentare vie alternative, se quelle comuni non mi soddisfano, né mi faccio influenzare (troppo) dai pregiudizi. A posteriori è un atteggiamento sano. 

 

Ma tornando alle CE da 45%, quali sarebbero? Credo che in molti sarebbero felici di saperlo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
28 minuti fa, Francesco Wil Grandis ha detto:

Ma tornando alle CE da 45%, quali sarebbero? Credo che in molti sarebbero felici di saperlo

Non le conosco personalmente e ne farei indebita pubblicità che forse nemmeno gradirebbero. Però ce ne sono anche se non sempre queste informazioni si scambiano tra operatori del settore. La nostra lo fa ma abbiamo una linea editoriale estremamente precisa e quindi con una selezione "selettiva".

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Scusa @Spartako, ma se il 45% va all'autore e il 50% più o meno al distributore, con che lo paghi il tipografo? Per tacere di editing, copertina, tasse e quel pezzo di pane che mangi a giorni alterni. :grat: 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
6 ore fa, swetty ha detto:

Scusa @Spartako, ma se il 45% va all'autore e il 50% più o meno al distributore, con che lo paghi il tipografo? Per tacere di editing, copertina, tasse e quel pezzo di pane che mangi a giorni alterni. :grat: 

Mi sembra ovvio che il 45% è riferito ai libri che l'autore vende da solo (senza anticipare niente), sul resto c'è la normale percentuale del 10%...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
On 27/6/2017 at 10:26, Davide Di Benedetto ha detto:

@Pouzinha ho capito bene?

pensi che la qualità vera ("L'ecologia del terzo millennio", per intenderci) sia conservata e diffusa attraverso il sp? e che le ce pubblichino soltanto la roba commerciale?

 

No. in questo specifico casoparlavo di vendite.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
On 28/6/2017 at 13:15, Davide Di Benedetto ha detto:

 

 anche io non capisco il discorso della dominazione da parte delle ce grandi. certo non mi fa piacere vedere i cataloghi pieni di libri di personaggi famosi o web star che con lo scrivere c'entrano poco

è questo il guaio. Ma le CE lo sanno che quello è denaro ambulante

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
On 27/6/2017 at 11:50, JPK Dike ha detto:

@Pouzinha Con la differenza che proibire il self per legge non è attuabile

E meno male, per fortuna, che se no torniamo ai tempi in cui per pubblicare in Italia è obbligatorio avere, secondo il detto popolare, "i santi in paradiso". Ribadisco che in un paese nepotista e clientelista come l'Italia il self publishing era l'unica via d'uscita. 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Pouzinha Diciamo che ci ha dato la possibilità di provarci seriamente. Soprattutto non credo ci avrei mai provato se non fosse stato per il SP. Semplicemente non avrei avuto voglia di aspettare tempi biblici il permesso di qualche sconosciuto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
On 2/7/2017 at 12:11, JPK Dike ha detto:

@Pouzinha Diciamo che ci ha dato la possibilità di provarci seriamente. Soprattutto non credo ci avrei mai provato se non fosse stato per il SP. Semplicemente non avrei avuto voglia di aspettare tempi biblici il permesso di qualche sconosciuto.

 

Idem! 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Mi hanno appena cancellato l'ultimo commento ricevuto sul libro, derivante da una vendita cartacea, e congelato l'inserimento di nuovi commenti. Poi mi si viene raccontare che la vita di un indie è facile perché può pubblicarsi facilmente...sì, tranne poi stare in cima e rompere il kaizer alle CE che se la rifanno così. Non credo sia una caso che i casini siano iniziati quando è entrata in classifica una nota CE con i suoi romanzi del kaizer importati dagli states.

 

Raccontatemi ancora come le CE facciano il bene della letteratura nostrana?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
35 minuti fa, JPK Dike ha detto:

Mi hanno appena cancellato l'ultimo commento ricevuto sul libro, derivante da una vendita cartacea, e congelato l'inserimento di nuovi commenti.

 

Su quale store è avvenuta la cosa?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Occorre sentire il motivo di tale cancellazione: ci deve essere una ragione per aver fatto questo. Tu che hai letto la recensione, hai trovato qualcosa che potesse dar adito a una mossa simile?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@M.T. Ma figurati. Ma che poi ma davvero si preoccupano delle sette recensioni mie? Io credo che qualcuno le abbia segnalate tutte come abuso, e Amazon abbia per questo cancellato la più recente. Hanno congelato l'ingresso di nuove.

 

Mi hanno detto che pur arrivando l'email di accettazione del commento, lo stesso non viene mostrato. E infatti è così.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@JPK Dike Non credo sia così semplice. Amazon non cancella le recensioni a caso, e valuta le segnalazioni se hanno fondamento o meno. Che la segnalazione possa essere stata fatta da un "nemico", per così dire, è possibile, ma la recensione doveva avere qualcosa che non andava. Magari era evidente che il recensore non aveva letto il libro. A volte ho visto recensioni tipo "non ho ancora letto il libro, ma è arrivato puntuale e in buono stato", per dire :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

×