Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

Ospite Nephrem On'Yn'Rah

Las Vegas edizioni

Post raccomandati

Ospite

Nome: Las Vegas edizioni

Genere valutati: narrativa non di genere

Invio manoscritti: http://www.lasvegasedizioni.com/home/invio-manoscritti/

Distribuzione: http://www.lasvegasedizioni.com/info/distribuzione/

Sito: http://www.lasvegasedizioni.com/

Facebook: https://it-it.facebook.com/lasvegased/

Modificato da ElleryQ
Aggiornamento topic

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Qualcuno mi sa spiegare in parole semplici che cavolo è la narrativa non di genere?

è quella forma di narrativa non strettamente legata e non riconducibile a nessun genere in particolare. Il cosiddetto romanzo non di genere. Ci sono storie legate al genere (giallo, horror, fantasy, erotico, ecc.) e storie che non le puoi catalogare in nessun genere. Francamente ce l'ho molto chiaro in testa ma non so se sono riuscito a spiegarlo bene :ugeek:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Al momento non valutano manoscritti via mail

verso dicembre 2009 inviai un manoscritto; il sito diceva che prendevano in esame manoscritti tramite mail. Attualmente attendo una risposta. Sono cambiate le regole?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

I testi arrivati via mail prima del cambio di regolamento verranno comunque valutati.

D'ora in poi, però, sarà possibile solo inviarli per posta.

PS: proprio così, la narrativa non di genere è quella che non si può ricondurre a un genere codificato.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Mi sembra una cosa screditante.

In effetti. . .

Letteralmente mainstream significa "flusso principale", perché sarebbe screditante?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Mi sembra una cosa screditante.

In effetti. . .

Letteralmente mainstream significa "flusso principale", perché sarebbe screditante?

Perché a me dà l'idea di buttare nella stessa cesta tutte le storie non di genere, ma in realtà anche una storia non di genere può avere delle sfumature singolari. Perché fare di tutta l'erba un fascio?!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite Linda Rando

Las Vegas edizioni entra nella lista Doppio Binario in seguito alle dichiarazioni di Andrea Malabaila e Carlotta Borasio in una discussione su Facebook. Carlotta e Andrea hanno infatti detto che i diritti agli autori non vengono pagati (la cosa viene messa subito in chiaro con gli autori, non è un cosiddetto "provvedimento retroattivo"); sebbene questa cosa non sia editoria a pagamento vera e propria non possiamo considerare Las Vegas una casa editrice free, in quanto non retribuire l'autore diviene una forma di contributo.

E' una scelta ponderata, la mia, perché Las Vegas è una casa editrice che lavora molto bene. Purtroppo non si possono ammettere eccezioni ai criteri di classificazione.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Secondo me questo è pure peggio del pagamento! Che senso ha non pagare i diritti all'autore - già di per sè immalinconenti e irrisori! - Mah... a volte proprio non capisco...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite Linda Rando

Non esageriamo, Gigi. Preferisco lavorare gratis che pagare per lavorare.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Mi spiace ma sono costretto a riconsiderare l’opinione che avevo del WD. Pensavo fosse un forum serio e invece alla fine devo dare ragione a chi contestava la vostra competenza. Essere messo nel “doppio binario” non è di per sé una cosa che mi farà perdere il sonno (quindi, tranquilla Linda: non entrerò nella lunga lista di quelli che ti vogliono querelare), ma è un errore di comunicazione grossolano. La lista “doppio binario” è – definizione vostra – la lista delle case editrici che “Chiedono contributi per opere poco commerciali”. Noi non ci siamo mai sognati di chiedere un centesimo. Se corrispondessimo per contratto lo 0,000000001%, allora saremmo “Free”? Che differenza fa? E poi, avete mai visto un nostro contratto? Oppure vi basate su “una discussione su Facebook”?

Se fossi in malafede, potrei anche garantire il 90% agli autori, salvo poi sparire al momento del pagamento (e qui parlo grazie alla mia esperienza di autore, non di editore). I nostri autori invece sanno che quei due caffè che otterrebbero con i diritti finiscono in promozione, in fiere, in copie stampa. Loro lo sanno e continuano a pubblicare con noi.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite Linda Rando

Veramente, Andrea, il criterio per l'inserimento nel doppio binario è questo: "- Chiedono contributi (e in questa categoria rientrano i contributi per l'editing, la valutazione manoscritti ecc) non eccessivamente esosi e/o solo in certuni casi."

Come ho già spiegato, non retribuire affatto l'autore diventa, a lungo andare, una forma di contributo; non ho detto né che non siete seri né che lavorate male, anzi: ho detto l'esatto opposto.

Senza contare che la "discussione su FB" non l'ha scritta pinco pallino, il messaggio in cui comunicate che non retribuite gli autori lo avete scritto tu o Carlotta, al momento non ricordo. Indi per cui direi che è una fonte abbastanza affidabile.

Non perderò di certo il sonno se cambi idea sul forum, Andrea, dopo questo tuo messaggio devo rivedere anche io la mia opinione.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

Non riesco a capire perché c'è tutta questa difficoltà per gli editori a comprendere il criterio di classificazione, che non è una lista di buoni e cattivi, ma voi editori continuate a non recepire...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Non riesco a capire perché c'è tutta questa difficoltà per gli editori a comprendere il criterio di classificazione, che non è una lista di buoni e cattivi, ma voi editori continuate a non recepire...

Non credo che l'editore in questione si sia lamentato dei criteri, nè per essere stato definito "cattivo" da qualcuno qui, ma per il fatto di essere stato spostato da una lista all'altra sulla base di un una interpretazione a suo modo di vedere sbagliata del termine "contributo".

Il nocciolo della questione è quello: per l'editore, il fatto di non pagare i diritti non può essere considerato come un contributo. Se ho capito male, ovviamente l'editore è libero di smentirmi. :D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite Linda Rando
Ma insomma, non ho capito: Las Vegas alla fine è free o doppio binario?

Se è in sezione Free dove può essere?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite Linda Rando
Poteva pure darsi che ancora non l'aveste spostata.

Dopo sei mesi? Il messaggio è di aprile.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Perdonatemi, spero di non riaprire una questione già chiusa.

Il fatto che una casa editrice non paghi i diritti d'autore non è serio, senza se e senza ma.

I diritti vanno comunque riconosciuti: si possono altrimenti studiare paletti come la copia di break even (ad esempio non si paganno i diritti per le prime 300 copie vendute). Nel momento in cui un editore inizia a vendere qualche centinaio di copie DEVE corrispondere all'autore i diritti, se non è in grado di farlo che si scriva i libri da solo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

A quanto sapevo, i diritti vengono corrisposti a partire dalla 201esima copia venduta.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Proprio per evitare polemiche inutili, abbiamo inserito una nuova clausola nei contratti, in cui viene riconosciuta una percentuale agli autori in caso di ristampa. Tutto trasparente come sempre.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Proprio per evitare polemiche inutili, abbiamo inserito una nuova clausola nei contratti, in cui viene riconosciuta una percentuale agli autori in caso di ristampa. Tutto trasparente come sempre.

Perché parlate di polemiche inutili?

Su quante copie in media non pagate i diritti?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

MA LAs Vega non doveva essere free? a me non sembra proprio si fan pagare tutti i servizi:

Oltre Las Vegas: i nostri servizi editoriali

Hai un testo da correggere? Vuoi impaginarlo? Vuoi regalargli una bella veste grafica? Vuoi vederlo stampato?

Lo staff di Las Vegas edizioni mette a disposizione la propria professionalità per chi volesse usufruire dei seguenti servizi a pagamento:

- Correzione bozze.

- Impaginazione.

- Produzione di e-book.

- Progettazione grafica di copertine.

- Stampa in digitale o in off-set.

Richiedete un preventivo gratuito o informazioni senza impegno. Scriveteci a questo indirizzo e-mail: servizi[at]lasvegasedizioni.com.

Attenzione: richiedere questi servizi NON significa pubblicare con la Las Vegas edizioni. Al pari di un’autopubblicazione e contrariamente a quanto avviene con i libri editi dalla nostra casa editrice, il materiale a noi inviato in questa sede non sarà valutato, distribuito, promosso, dotato di codice ISBN, siglato con il nostro marchio.

In nessun caso a coloro che invieranno i testi alla casa editrice al fine della pubblicazione verranno consigliati o richiesti i suddetti servizi.

Las Vegas edizioni è CONTRO l’editoria a pagamento.

un bel paraculo non trovate????

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un membro per inserire un commento.

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunitày. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

×