Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

lerry33

iQuindici

Post raccomandati

Descrizione: non si tratta proprio un'agenzia letteraria ma di un gruppo di lettori volontari che gratuitamente leggono e recensiscono manoscritti di esordienti. Quello che garantiscono è una scheda di valutazione dell'inedito. Nel caso lo scritto dovesse dimostrarsi convincente si offrono anche di spingerlo con gli editori (non è specificato quali siano i contatti editoriali del gruppo).
Costi (se previsti): servizio completamente gratuito.
Sito web:http://www.iquindici.org/
Facebook: /
Esperienza personale (se esistente):

 

Gennaio 2017, dal loro sito: È vero che alcuni romanzi segnalati dai Quindici sono stati pubblicati da editori più o meno rinomati, ma la nostra funzione non è né VUOLE essere quella di segnalare opere agli editori quanto quella di dare una consulenza libera e gratuita a chi scrive. Il nostro è un piccolo laboratorio letterario no-profit per scrittori in cerca di consigli, non solo di editori. Il nostro contributo può andare da un brevissimo commento fino all’editing di un intero romanzo. Dipende dalla nostra ispirazione e anche dalle richieste e l’interesse degli autori. La cosa essenziale è che chi ci invia il suo materiale lo faccia con la consapevolezza del progetto globale che esprimono iQuindici, e ne condivida i contenuti più importanti.

 

------------------------------------------------------------------------------------

So che il gruppo nasce da una "costola" del collettivo di scrittura Wu Ming. Vi volevo chiedere se qualcuno di voi conosce già questo gruppo di lettura e se qualcuno ha utilizzato i servizi offerti da iQuindici in precedenza.

Grazie.

Ciao!!!

Modificato da ElleryQ

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Lo avevo già notato.

 

Interessante ma, non ricordo bene, avevano un metodo esclusivo  che non mi convinceva.

 

Forse lo trovi anche su wikipedia.

 

Mi sembra che dovevi mettere gratuitamentea disposizione della comunità internet il manoscritto.

 

Tuttavia non ricordo bene.

 

Controlla bene il loro sito, troverai questo "metodo esclusivo".

 

Ha un nome specifico anche se non ricordo quale.

 

Lo avevo letto nel loro sito o su wikipedia.

 

Io ci avevo rinunciato per questo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

credo ti riferisca al concetto di "copyleft". se il tuo lavoro viene reputato valido ti chiedono di firmare una clausola che permette a iQuindici di pubblicare il tuo 

 

lavoro nella loro biblioteca online. Nel caso un editore ti noti attraverso il blog sei comunque libero di firmare un contratto editoriale.

 

Il mio interesse era più che altro rivolto al servizio di valutazione offerto dal gruppo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Si, hai ragione te, è quello.

 

Tuttavia mi chiedo: se un editore sa che hai pubblicato il tuo libro gratuitamente on-line,

ti proporranno un contratto "commerciale"?

 

Thank Lerry33

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Da quanto ho capito nel momento in cui tu firmi con un editore, l'editore si arroga il diritto di sfruttare commercialmente il tuo lavoro.

Allo stesso tempo però l'editore concede al sito iQuindici la possibilità di continuare a distribuire il tuo lavoro on line senza però che quest'ultimi possano trarne profitto.

 

E' spiegato qui nel capoverso poco superiore alla nota "Note, documenti e riferimenti normativi:" a metà pagina

 

http://www.iquindici.org/content.php?article.51

 

Tu mi dirai: che ci guadagno io?

In teoria ci guadagni in visibilità, il sito infatti vanta di aver distribuito un gran numero di letteratura online gratuitamente. In oltre, a quanto pare, il gruppo iQuindici ha fatto incontrare più di qualche scrittore esordiente con degli editori. Non so dirti CHI di preciso e COSA abbia scritto e con QUALE editore abbia pubblicato. A tal proposito mi piacerebbe sentire la testimonianza di qualcuno che perlomeno abbia spedito del materiale! 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Grazie Lerry33,

tuttavia, in qualità di lettore che vuole leggere il libro mi chiedo: "Perchè devo comprare il libro se lo troverò "gratis" on-line?

 

Questo è quello che personalmente mi ha frenato dall'inviare il manoscritto.

 

Tutto il resto è apprezzabile.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Grazie Lerry33,

tuttavia, in qualità di lettore che vuole leggere il libro mi chiedo: "Perchè devo comprare il libro se lo troverò "gratis" on-line?

 

 

 

Io so  che i Wu Ming sono grandi propugnatori del download gratis, sia per motivi ideologici, diciamo, ma anche sostengono ci sia un'utilità pratica. In sostanza l'idea è che perché un romanzo venda, specie se non è di un autore strafamoso, la prima cosa è che venga conosciuto e letto da più persone possibili, che il nome e la parola giri, perciò che renderlo disponibile gratuitamente non ha un influsso negativo sulle vendite, bensì positivo. Ad esempio tu lo leggi gratis, ti piace, magari lo vorrai regalare e allora lo comprerai. Ora non so citarti gli articoli esatti in cui argomenano. Però i loro libri stessi sono disponibili gratis, io ad esempio scaricai Manituana, che mi ispirava fino a un certo punto e non avrei comprato, mi piacque il giusto ma pensai che sarebbe piaciuto molto a mio padre e così lo comprai cartaceo da regalargli per natale.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Comprendo chi legge un libro gratis e poi potrebbe decidere di acquistarlo perchè lo ama o per regalarlo.

Tuttavia questo caso non è la regola bensì l'eccezione.

 

La regola è che io lo leggo gratis e quindi non lo compro.

 

Perchè devo pagare una cosa che ho gratis?

 

Anche se desidero che qualcun altro lo legga, gli invio il link del download.

Modificato da Pippowood

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Comunque è meglio pubblicare gratis online e sperare di essere "scoperti" che restare inediti a vita. credo sia un buon modo anche per confrontarsi con il pubblico: se resti anonimo anche se il tuo libro pubblicato online non costa nulla, forse non è che hai proprio scritto un capolavoro!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Comunque non credo che con il blog in questione tu riesca a raggiungere un canale di distribuzione molto ampio...

 

Comprendo chi legge un libro gratis e poi potrebbe decidere di acquistarlo perchè lo ama o per regalarlo.

Tuttavia questo caso non è la regola bensì l'eccezione.

 

La regola è che io lo leggo gratis e quindi non lo compro.

 

Perchè devo pagare una cosa che ho gratis?

 

Anche se desidero che qualcun altro lo legga, gli invio il link del download.

 

Non credo con il blog in questione sia un canale di distribuzione particolarmente capillare. se mi permette di raggiungere un editore, è fatta! Poi alla distribuzione più massiccia ci arrivo in un secondo momento con il cartaceo...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Comunque è meglio pubblicare gratis online e sperare di essere "scoperti" che restare inediti a vita. credo sia un buon modo anche per confrontarsi con il pubblico: se resti anonimo anche se il tuo libro pubblicato online non costa nulla, forse non è che hai proprio scritto un capolavoro!

 

Concordo.

 

Se proprio non riuscirò a pubblicare in cartaceo, pubblicherò  gratis on line, magari con il self-publishing.

 

Vedremo.

 

Thank

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
 

La regola è che io lo leggo gratis e quindi non lo compro.

 

Questo se è un libro che tu già vorresti leggere (di un autore che già conosci, che ti piace, o sei abbastanza  convinto che ti possa piacere) al punto che sei disposto a tirare fuori tot euro. Ma se no   l'alternativa al gratis (che sia il prestito da un amico, un regalo, la biblioteca, o il download) non è che lo leggi pagando: è che non lo leggi proprio. (Non parlo di autopubblicazione, ma di libri editi da vere CE). Io dico solo che se fossi un autore esordiente non riterrei che la richiesta di permettere il download gratuito (previo accordo con la CE) possa danneggiarmi , al contrario, perché è proprio NON essere letti il rischio più concreto per un esordiene .

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

...perciò (mi è sfuggito l'invio) qualunque canale potesse aumentare la mia visibilità e le chance di passaparola lo considerei un beneficio.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Voi credete che le CE medio grandi accettino e pubblichino un libro che gira gratis su internet?

Modificato da Pippowood

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Voi credete che le CE medio grandi accettino e pubblichino un libro che gira gratis su internet?

 

 

Sinceramente non lo so ma è una buona domanda.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Le CE medio grandi chiedono espressamente che il manoscritto non sia già stato pubblicato, ne in cartaceo, ne on-line.

Alcune non vogliono nemmeno che sia stato pubblicato "parzialmente".

 

Vi suggerisco, anzichè credermi ciecamente, di telefonare a qualche CE e chiedere.

 

In questo modo (cioè pubblicarlo gratuitamente on-line), rischiate solamente di "bruciare un bel manoscritto".

 

Fate tuttavia come credete, il manoscritto è il vostro.

 

Dovete decidere voi.

 

Ciao

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@ Pippo, io mi riferivo alla pratica di rendere il file disponibile online gratuitamente una volta pubblicato un libro con una CE. Non prima della pubblicazione.

A  me sembra che sia questo proprio questo che vien proposto da iQuindici (corsivo mio):

"per questo motivo poniamo come condizione per la pubblicazione che venga inclusa la clausola copyleft ed optando, ove possibile, per chi garantisca una migliore distribuzione. Una volta pubbliche, le opere da noi proposte vengono inserite nella nostra biblioteca copyleft."

Cioè immagino che propongano i testi a CE che sanno già potrebbero accettare questa condizione, ad esempio Einaudi (qui la lista dei  romanzi della biblioteca copyleft, romanzi già pubblicati http://www.iquindici.org/download.php?list.19)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Sono perplesso.

 

Se tu avessi una CE e spendessi denaro per pubblicare un libro in cartaceo,

accetteresti che "altri" lo pubblichino gratuitamente on-line?

 

Tieni anche conto che una Ce che ti pubblica il manoscritto cartaceo, di solito lo pubblica on-line in versione ebook, quindi cercandoci di guadagnare anche in quella versione.

 

Forse era una buona idea prima dell'avvento degli ebook

 

In ogni caso vedrò come si evolverà la situazione, senza pregiudizi.

 

Thank

Modificato da Pippowood

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Non saprei, Pippo... cioè idealmente sì, e mi convince l'idea del far girare il nome anche gratis, però lo dico sulla fiducia, e perché mi piacerebbe che un'idea generosa fosse anche di successo, ma sinceramente non conosco abbastanza la materia.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Salve. Ho letto la vostra discussione e vorrei aggiungere qualcosa di mio. Mi presento: sono uno dei lettori residenti (ovvero uno che ha accesso a tutti i forum interni del gruppo e ovviamente uno che legge e commenta i lavori proposti dagli autori) e quindi posso dare informazioni di prima mano.

Non siamo un'agenzia letteraria ma semplici lettori che danno il loro parere e forniscono dei suggerimenti agli autori, coi i quali spesso abbiamo un vivace scambio di idee. Per regolamento interno l'opera viene lette e commentata da due lettori distinti così che l'autore riceverà due schede (su questo ne parlo dopo). Se secondo questre due valutazioni l'inedito (su questo punto siamo molto stringenti) merita un approfondimento, altri due o più lettori valutano l'opera. Se tutti sono concordi, possiamo mettere in contatto l'autore con qualche editore, attraverso una nostra lettera di presentazione. Qui ci fermiamo, perché i prossimi passi sono direttamente gestiti dalle parti.  Quali editori? Piccoli ma No a pagamento. Ne cito uno, Gilgamesh di Torino, che ha ricevuto due nostre segnalazioni e ha pubblicato i lavori. In passato non troppo remoto Gaffi e Perdisa. Di norma chiediamo all'editore la possibilità di mettere nella nostra biblio copyleft l'opera (in totale ad oggi abbiamo superato i 50.000 download con cifre interessanti per singola opera) . Finora nessuna ha rifiutato.

Capita anche che un opera presente in copyleft abbia trovato la strada del cartaceo (negli ultimi mesi è successo tre volte).

Le schede? Non sono di tipo professionale (ribadisco il concetto di lettori) ma contengono valutazioni e suggerimenti per migliorare il prodotto.

Spero di essere stato esaustivo..

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

New-whitebar,

abitando in Piemonte, ho cercato la Gilgamesh edizioni ma sul loro sito si legge che sono di Asola ( Mantova).

 

Confermi?

 

Grazie

Modificato da Pippowood

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Pippowood, confermo che è una casa editrice di Mantova. Errore mio o meglio ho confuso con altro e ho ricordato male. I due autori pubblicati, con i quali ho avuto scambi di mail, mi hanno confermato di essersi trovati bene con loro sia nel lancio sia nelle presentazioni.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Grazie.

Se, quindi, parliamo della CE di Mantova,

devo dirti che non è una CE Free.

 

Mi hanno scritto una email, dicendomi che, a volte, chiedono all'autore un acquisto minimo di copie.

 

Su questo forum si chiamano CE a "doppio binario".

 

Chiaramente, per evitare problemi, conserverò questa email nell'archivio, nel caso qualcuno me la chiedesse come prova.

 

Ciao, e...grazie

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

prendo atto della tua precisazione sulla CE mantovana. Noi non abbiamo proposto nulla alla CE. Semplicemente ci ha chiesto se avevamo qualcosa di buono per le mani. Ci siamo consultati e abbiamo proposto i due testi, ascoltando prima il parere degli autori. Poi a questo punto noi ci siamo defilati, nel senso che non abbiamo interferito nei loro rapporti. Gli autori ci hanno mandato in visione i contratti, sui quali non abbiamo espresso nessun parere (siamo incompenti in materia) ma ricordo che non conteneva clausole del tipo di acquisti o altro.

Però è giusta la tua precisazione del doppio binario. Buono a sapersi.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Certo,

come hai citato in precedenza il vostro rapporto si limita a dare dei contatti alle CE che ve lo chiedono.

 

Probabilmente quegli autori avranno avuto dei contratti free.

 

Sei molto umile e corretto.

 

I miei complimenti.  : :s :

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Sapete se è ancora attivo questo laboratorio? Nella biblioteca copyleft le ultime opere inserite sono del 2014, e il sito in generale non sembra molto vivo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Purtroppo il sito non è molto agevole da navigare per stabilirlo con esattezza, né esiste una pagina Facebook cui fare riferimento. Proveremo a inviare una mail di riscontro. Grazie per la segnalazione @franka .

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite
Stai commentando come visitatore. Se sei registrato effettua l'accesso.
Rispondi a questa discussione...

×   Hai incollato contenuto con formattazione.   Ripristina formattazione

  Only 75 emoji are allowed.

×   Il tuo link è stato automaticamente integrato nel sistema.   Mostra come link classico

×   Il vecchio contenuto è stato recuperato..   Pulisci l'editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×