Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

Dis.Equilibrium

Biodiversità

Post raccomandati

Visto che la sezione "langue", posto un interrogativo tutt'altro che scontato.

Cosa credete vi rende diversi?

Aldilà delle contrattazioni linguistiche sul "tutti gli uomini sono differenti gli uni dagli altri", vorrei sapere cosa, per voi, è così importante della vostra personalità o del vostro percorso di vita da farvi sentire dissimili dagli altri.

Anzi, da farvi sentire speciali.

Senza ipocrisie, tutti abbiamo un'idea o un'opinione di noi stessi creata sulla base di una serie di valutazioni soggettive di quello che ci è successo e di come reagiamo alle cose: parliamo di caratteristiche, momenti, fisicità o qualsiasi altra cosa vi venga in mente, tale da caratterizzarvi "più della massa".

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Penso di avere la testa piena di idee più o meno bacate che pochi altri hanno, un misto di antichità e di progressismo, di violenza e di bontà, di giustizia e di legalità, di altruismo ed egoismo, di coraggio e di vigliaccheria, di banalità e conformismo, di socialità e antisocialità, di unicità e banalità, di verità e falsità, penso di essere tutto ed il contrario di tutto.

Io tutto, io niente, io stronzo, io ubriacone, io poeta, io buffone, io anarchico, io fascista,

io ricco, io senza soldi, io radicale, io diverso ed io uguale, negro, ebreo, comunista!

Io frocio, io perchè canto so imbarcare, io falso, io vero, io genio, io cretino,

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Penso di avere la testa piena di idee più o meno bacate che pochi altri hanno, un misto di antichità e di progressismo, di violenza e di bontà, di giustizia e di legalità, di altruismo ed egoismo, di coraggio e di vigliaccheria, di banalità e conformismo, di socialità e antisocialità, di unicità e banalità, di verità e falsità, penso di essere tutto ed il contrario di tutto.

Io tutto, io niente, io stronzo, io ubriacone, io poeta, io buffone, io anarchico, io fascista,

io ricco, io senza soldi, io radicale, io diverso ed io uguale, negro, ebreo, comunista!

Io frocio, io perchè canto so imbarcare, io falso, io vero, io genio, io cretino,

Che uomo pieno di risorse Valo...mi tiri fuori anche L'avvelenata di Guccini (hai un quarto d'ora di mia stima incontrastata per questa citazione) :D

Mhhhh comunque se io devo dire cosa credo mi differenzi della maggior parte dei miei contemporanei...beh direi senza dubbio la curiosità: molti spesso mi definiscono, immeritatamente, una persona estremamente acculturata (spesso mi apostrofano come "Lucapedia") ma tutto questo non è vero, il fatto è che sono estremamente curioso e ogni volta che scopro qualcosa di nuovo non mi do pace finchè non mi sono informato a livelli maniacali su quella specifica cosa.

Quindi si, direi la curiosità senza dubbio, cosa che non trovo in molti miei contemporanei, ovvero si limitano a prendere quel che di superficiale gli viene messo a disposizione su un argomento e non hanno interesse ad approfondire.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite The Great Hush

Un altro topic interessante, molto. :mrgreen:

Sicuramente una cosa che mi distingue da molti è l'essere rimasto con la testa a più o meno 150 anni addietro, in epoca vittoriana. Questo si estende al modo di pensare, di parlare, scrivere, vestire e persino a molte abitudini.

La cosa che più mi contraddistingue è senza dubbio il non fermarmi mai. Sono sempre invischiato in qualcosa, ho sempre la testa che viaggia in cinque direzioni diverse, persino di notte non riesco ad addormentarmi perché continuo a pensare a tutto quello che voglio o devo fare, perché c'è troppo da fare o apprendere per rimanere fermi o fissi su una strada.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ho tanti difetti, ma la mia unicità secondo me sta nell'umilità e nel desiderio di restare più semplice e meno sofisticato possibile. Qualcuno può trovarmi noioso per questo, ma quando ci riesco per me è gioia pura, più del successo e della ricchezza.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

La mia unicità? Domanda difficile.

Dal mio punto di vista io non sono affatto unico né speciale. Sono l'uomo qualunque in un mondo di uomini "qualcuno"

(per citare Caparezza)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite e-allora-avanti

Ho dei piedi prensili niente male, proprio comodi.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

Mmm...non saprei...l'unica cosa che forse mi contraddistingue dagli altri penso sia l'empatia, sono troppo empatica T_T sto più male per gli altri che per me stessa. E sono troppo emotiva, mi si spezza il cuore per qualunque cosa.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ci ho messo un po' prima di decidermi a postare qui, temevo di ricevere bordate di pomodori per quello che avrei voluto dire, ma in fondo è la verità.

Non mi sento affatto speciale, ma diversa sì, e anche molto, se ci si riferisce alla media dell'italiano medio.

Credo che ciò che mi contraddistingue dalla massa sia la capacità intuitiva, il saper afferrare al volo concetti ed idee prima che essi vengano esposti e/o chiariti, riuscire a farli miei. Questo nella vita non mi ha mai aiutata, anzi. Mi ha sempre portato un sacco di rotture di palle.

Rarissimamente riesco a trovare qualcuno con cui mi piace parlare, qualcuno che ritengo al mio livello, per intenderci. Mi annoio molto facilmente, per questo adoro la solitudine e il continuo mettermi alla prova; sono l'unica persona al mondo che riesce a stupirmi e a soddisfarmi.

E ora, tiratemi pure i pomodori ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

Io i pomodori li ho preparati, ma se vuoi che te li tiro dovrai sforzarti a darmi un motivo un attimino più valido per farlo :mrgreen:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Io i pomodori li ho preparati, ma se vuoi che te li tiro dovrai sforzarti a darmi un motivo un attimino più valido per farlo :mrgreen:

Se proprio li hai preparati e non credi di dovermeli tirare, potresti sempre farmeli con il riso, i pomodori roargh.gif

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Buoni i pomodori con il riso, U-U.

Ok, minnie esce di scena. Torno più tardi a dare un mio serio contributo a questa conversazione v.v

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Una domanda che nel mio caso ci vorrebbero ore per rispondere O_o

Sono quanto di più dissimile da un ragazzo normale possa esistere (sopratutto considerati gli standard della mia generazione).

Ci sono fattori che però influenzano tutto il resto: la mia razionalità, velocità di pensiero, il mio sistema di valori, la mia testardaggine e la mia passionalità (si lo so che ho scritto razionale prima. Ma è una cosa complicata).

Ho sempre litigato con praticamente tutti i miei professori, perchè ho una visione estramamente complessa di ciò che è "vero" e di ciò che è "probabile". Non accetto gli assolutismi storici, la storia è scritta dai vincitori, modificata da chi la ricopia... una visione vera al 100% è impossibile. E questo, volendo fare l'Archeologo, mi porterà ad un sacco di casini con i miei futuri colleghi.

Sono una persona estremamente curiosa, di quelle che se potessero tornare indietro si ammazzerebbe per vedere cosa c'è oltre. Uno che quando guarda le stelle non vede bei puntini luminosi, ma un infinità di possibilità di scoprire cose nuove e meravigliose.

Ho così tanti interessi che è davvero difficile scegliere quali perseguire, per fortuna la Scrittura e l'Archeologia prendono il sopravvento su tutto.

Sono un ragazzo fedele fino all'estremo, anche troppo, anche quando non se lo meritano.

Nonostante la mia immensa razionalità, che mi permette di misurare ogni azione e le loro conseguenze anche abbastanza in fretta, sono incline ad atti di impulsività (sopratutto quando ci sono di mezzo le donne) che so che andranno male al 99%, ma quell'1% è troppo allettante per rinunciarci.

A malinquore sono un ottimo psicanalista (ed io odio psicologia e psicanalisi), capisco molto bene le persone e mi bastano pochi elementi per capire come sono fatte... e questo mi porta a molti scontri, non a tutti piace sentirsi dire quello che hanno dentro.

Sono una persona complicata, curiosa, non riesco a fare amicizia facilmente, mi fido di pochissime persone, sono testardo ed ho una visione della scienza molto personale ed estrema, odio la psicologia, la statistica e tutte quelle non-scienze (non posso chiamare scienza qualcosa che si basa su probabilità).

Insomma o sono un genio o sono talmente fuori che probabilmente sono già in un manicomio con un allegra camicia di forza a fiori e questo è solo nella mia testa :D io propendo per la seconda!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Mmmh, è una domanda davvero complicata.

Io ho 19 anni e sembro piccola considerata la mia altezza (XD) e il modo in cui conduco la mia vita. Non amo le discoteche, preferisco una serata devastante in birreria. Ma tutto questo non fa di me una persona speciale, anzi.

Se devo essere sincera, ciò che più mi contraddistingue è la completa incapacità di prendere in giro gli altri. Mi spiego meglio: in tutti i miei rapporti cerco di essere sempre sincera e disponibile, mi sento "pura" in un certo senso, in quanto neanche volendo riuscirei a prendere in giro qualcuno. Spesso questo mio essere così corretta non mi ripaga, anzi, perchè non mi rendo conto che gli altri possono essere diversi e approfittarsi della mia bontà. Sotto questo punto di vista sono molto ingenua.

Un'altra diciamo "qualità" è la fantastica quantità di interessi che ho, per ogni tipo di argomento trovo sempre un modo per parlare, ho sempre la risposta pronta.

Ho un blocco per quanto riguarda le relazioni amorose in quanto spesso mi tengo dentro tutti i sentimenti, non ho la capacità di esprimermi solo in questo caso. Sono comunque una buona compagnia, soprattutto fra amici, perchè adoro fare figuracce e divertire gli altri, infatti non ho una compagnia ben definita, conosco un sacco di persone. Sono un animale da compagnia, insomma.

Mi ritengo abbastanza simpatica perchè sono un pò eccentrica, nella vita in molti apprezzano la mia autoironia.

Ho delle idee molto forti, in quanto mi interesso molto di politica e spesso mi scontro con gli altri per questo motivo. Inoltre ho un codice morale ben definito, purtroppo, quando alla mia generazione non importa assolutamente nulla.

Comunque non mi piace per niente darmi delle arie, ho scritto questo post con molta difficoltà ad essere sincera, anche perchè in tutto ciò non c'è nulla di speciale, credo...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Diversità? :)

Vediamo un po'... Primo non capisco quando qualcuno scherza: la conseguenza è che ci casco sempre, non penso mai "magari mi stanno prendendo in giro" e quindi rispondo seriamente anche a cavolate assurde. Le mie amiche hanno aneddoti sulla mia ingenuità da qui fino alla vecchiaia ;) (il mio papiro di laurea sarà una lista enorme)

Secondo sono troppo sensibile, mi prendo a cuore cose che non dovrei, cerco di aiutare se posso tutti. Con la conseguenza, anche qui, di essermi presa certe batoste niente male :evil:

Però penso che la mia caratteristica principale sia la testardaggine, l'orgoglio: non mi tiro indietro davanti a una difficoltà o una responsabilità, la affronto, anche se dentro tremo e ho paura. Mia nonna mi definisce "il leone" :D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Credo che ciò che mi contraddistingue dalla massa sia la capacità intuitiva, il saper afferrare al volo concetti ed idee prima che essi vengano esposti e/o chiariti, riuscire a farli miei. Questo nella vita non mi ha mai aiutata, anzi. Mi ha sempre portato un sacco di rotture di palle.

Quoto in pieno. Riesco a prevedere con bassissimo margine di errore quello che mi verrà detto da una certa persona in una certa situazione e ogni volta che ci prendo (cioè quasi sempre) ci rimango male perché di solito sono risvolti negativi XD

Io sono abbastanza presuntuosa per quanto riguarda la mia intelligenza (pura, non applicata alle cose) e difficilmente credo che gli altri siano più intelligenti di me, se non dopo dimostrazioni varie. Presuntuosa, sì. :-|

Per il resto, mi piace pensare di essere la versione umana del vaso di Pandora, perché riesco spesso a creare situazioni assurde applicando le mie malsane idee. L'ultima? Ho stirato bottiglie di plastica per fare una borsa. La mia famiglia si sta mobilitando per cacciarmi di casa XD

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

×