Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

butch

Passaggio dal primo al secondo romanzo

Post raccomandati

Io ho il problema contrario. Ho scrito un giallo potenzialmente seriale di cui ho giá in mente altri due capitoli autoconclusivi come il primo.

 

Poi, inviando questo primo lavoro, sono stato rifiutato da una CE media che finisce in libreria e mi piace molto. L‘editore in questione mi aveva proposto di cambiare ambientazione al romanzo (da fittizia a reale) ma avevo risposto picche. Allora mi ha chiesto se volevo mandargli altro con ambientazione reale e boom, dopo qualche giorno ho avuto l‘idea. Il romanzo per questa CE é quasi terminato e ho in mente anche qui altri due capitoli autoconclusivi (che con quelli di prima fanno quattro libri da scrivere).

 

In piú nel mentre ho avuto due idee che giudico buone per due romanzi fantascientifici e con uno di questi vorrei partecipare al Premio Urania.

 

Mi sento iperattivo come un cocainomane :eheh:

  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ho scritto un'infinità di cose, ma ogni volta rientro in crisi e mi convinco di non essere più in grado di sviluppare una trama, allora mi prendo una pausa e qualcosa arriva.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
3 ore fa, Dale ha detto:

Il romanzo per questa CE é quasi terminato e ho in mente anche qui altri due capitoli autoconclusivi (che con quelli di prima fanno quattro libri da scrivere).

Epperò! :)

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Alle 11/11/2017 at 08:47, Dale ha detto:

Io ho il problema contrario.

 

[...]

Mi sento iperattivo come un cocainomane :eheh:

Mi associo a @Dale: ho troppe idee e troppo poco tempo per scriverle tutte; credo che ci impiegherò una vita e comunque non sono sicura che riuscirò a mettere su carta tutto quello che ho nella testa (perciò tengo un elenco dei titoli con abbozzo di trama; per ora sono a 17, di cui 6 completi e uno in stesura). La cosa che mi dà più fastidio è che, quando termino un romanzo, mi riesce inevitabile paragonarlo a quelli che ho scritto prima. Purtroppo per me, il terzo che ho scritto resta a oggi il mio preferito, per cui i tre successivi li trovo un po' deludenti, ma non rispetto alle mie aspettative, bensì se paragonati a quel tomo di mezzo ;(

 

Comunque, @butch, fra il termine del mio primo romanzo e l'inizio del secondo è intercorso più di un anno, forse due. Poi, dopo il secondo, gli altri sono usciti a rotta di collo l'uno dietro all'altro: finito uno, sotto il prossimo. Fossi in te non me ne farei un problema ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

In passato ho provato una cosa del genere, dopo aver scritto i miei due primi romanzi (mai pubblicati e che non pubblichero' mai) sentivo di aver dato tutto. Ho cercato per quasi 5 anni una trama, una costruzione, ho scritto decine di "primi capitoli" e bozze. Finche', un bel giorno, non ho tirato fuori tutta una serie di "cose". Ma e' stata la vita a farmelo fare, a un certo punto sono arrivati questi personaggi nella mia testa e la storia ha iniziato a prendere forma. Una complessita' e una profondita' che non conoscevo. 

Adesso sto scrivendo questo romanzo, tutti i giorni. L'altro giorno mi capita di ascoltare una canzone su Spotify e la vedo: un'altra storia. Mi sono proibito di toccarla, di pensarla piu' del dovuto e specialmente di scriverla. Quantomeno finche' non finiro' questa. Poi, se mentre editero' il testo me la sentiro', iniziero' a pensarla piu' seriamente.

La cosa che ho capito e' che le storie a un certo punto arrivano. 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Sono passati cinque anni e ora è tutto diverso. Il primo romanzo, che pensavo di poter concludere in un annetto, è stato chiuso solo la scorsa estate. Dopo aver rimuginato su altre trame completamente diverse dalla prima, ora credo che invece mi dedicherò ad un seguito. Mi piacerebbe poterlo fare in concomitanza della pubblicazione del primo, ma se non dovesse accadere... Pazienza, mi rimetterò comunque a scrivere per il mio piacere e per continuare a imparare qualcosa.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

×