Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

dafneZ

campi elettromagnetici

Post raccomandati

Sto immaginando una città abitata da persone con un'estrema sensibilità a campi elettromagnetici tale da richiedere l'assenza di gran parte della tecnologia del mondo moderno.

Posto come principio che è un racconto di fantasia, per creare un luogo totalmente privo di campi elettromagnetici (anche di lieve intensità) dovrei eliminare anche ogni forma di elettricità?

Grazie!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Sensibili quanto? Perché eliminarli tutti è impossibile, per quanto riguarda la corrente effettivamente genera campi elettromagnetici, ma si possono schermare, ti consiglio di guardare il funzionamento di un gabbia di Faraday

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

semplificando al massimo:

devi eliminare

tutte le forme di elettricità

tutti i materiali ferromagnetici (le calamite insomma)

il vento solare e radiazioni provenienti dallo spazio

il campo magnetico terrestre

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Grazie dei commenti!

Vento solare, radiazioni provenienti dallo spazio e il campo magnetico terrestre non li posso eliminare in quanto il racconto è ambientato nel nostro pianeta, anche se in una città isolata in mezzo al nulla.

Diciamo che da un punto di vista di "coerenza scientifica" potrebbe essere sufficiente eliminare tutte le fonti di elettricità? Anche le batterie giusto? (quindi niente torce ma solo candele).

La sensibilità degli abitanti non l'ho determinata a priori, è in relazione al luogo che sto creando, solo che non vorrei commettere degli errori per esempio eliminando fonti di elettricità impercettibili rispetto ad altre esistenti in natura e quindi non eliminabili.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Attenzione: persino la luce è un fenomeno elettromagnetico.

L'eletromagnetismo è una delle quattro forze fondamentali. Credo che così com'é la tua domanda sia mal posta: probabilmente tu intendi "sensibilità alle onde radio"?

Noi stessi siamo molto sensibili alle radiazioni ionizzanti e, sebbene non rispettiamo in alcun modo il principio di precauzione, non conosciamo ancora gli effetti a lungo termine delle radiofrequenze e delle microonde. Addirittura si sospetta che persino le basse frequenze non siano del tutto salutari (tant'é che io non andrei mai a vivere sotto un elettrodotto).

Per creare una situazione scientificamente corretta dovresti proprio stabilire, prima, che tipo di effetti vorresti creare nei tuoi personaggi (se simili a quelli causati nella realtà dalle radiazioni elettromagnetiche ad alta energia) o "inventare" una sensibilità diversa...

Per farti un esempio: in "Io sono leggenda" gli umani mutati dalla malattia sono ipersensibili ai raggi ultravioletti e vengono letteralmente "cotti" se si espongono al sole. Cioè c'è un'amplificazione esagerata di un effetto reale di quel tipo di radiazione.

Potresti stabilire una particolare sensibilità in un dato spettro di frequenze. Qui puoi trovare qualcosa per fare una scelta.

Mentre qui trovi una più dettagliata suddivisione delle bande di radiofrequenza.

Si trova anche molto altro in rete ma Wikipedia è sempre apprezzabile per l'estrema sintesi. Poi se vorrai approfondire non ti mancheranno le chiavi di ricerca, a pertire da questi due link.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Attenzione: persino la luce è un fenomeno elettromagnetico.

L'eletromagnetismo è una delle quattro forze fondamentali. Credo che così com'é la tua domanda sia mal posta: probabilmente tu intendi "sensibilità alle onde radio"?

Noi stessi siamo molto sensibili alle radiazioni ionizzanti e, sebbene non rispettiamo in alcun modo il principio di precauzione, non conosciamo ancora gli effetti a lungo termine delle radiofrequenze e delle microonde. Addirittura si sospetta che persino le basse frequenze non siano del tutto salutari (tant'é che io non andrei mai a vivere sotto un elettrodotto).

Per creare una situazione scientificamente corretta dovresti proprio stabilire, prima, che tipo di effetti vorresti creare nei tuoi personaggi (se simili a quelli causati nella realtà dalle radiazioni elettromagnetiche ad alta energia) o "inventare" una sensibilità diversa...

Per farti un esempio: in "Io sono leggenda" gli umani mutati dalla malattia sono ipersensibili ai raggi ultravioletti e vengono letteralmente "cotti" se si espongono al sole. Cioè c'è un'amplificazione esagerata di un effetto reale di quel tipo di radiazione.

Potresti stabilire una particolare sensibilità in un dato spettro di frequenze. Qui puoi trovare qualcosa per fare una scelta.

Mentre qui trovi una più dettagliata suddivisione delle bande di radiofrequenza.

Si trova anche molto altro in rete ma Wikipedia è sempre apprezzabile per l'estrema sintesi. Poi se vorrai approfondire non ti mancheranno le chiavi di ricerca, a pertire da questi due link.

Robopalindromo hai fatto l'esempio giusto! Io vorrei proprio causare effetti simili a quelli causati nella realtà dalle radiazioni elettromagnetiche (come quando si parla di effetti nocivi del cellulare, microonde o addirittura della lavatrice), ciò che differisce dalla realtà è la sensibilità che ha un ristretto gruppo di persone a queste radiazioni (è di radiazioni che si parla quindi, giusto?). 

La conseguenza di tutto ciò è che essi dovranno vivere lontano dalle fonti delle radiazioni, quindi isolati e senza alcun tipo di tecnologia o comunque senza elettricità.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

la cosa più sensata da fare è stabilire un discrimine alla sensibilità altrimenti ti toccaeliminare tutto quello che hanno detto

attenzione però che non è l'elettricità in sè a causare magnetismo ma la sua variabilità. e viceversa.

ovvero secondo maxwell:

la variazione di campo elettrico (ovvero spostando le cariche fisse, nel tempo e nello sapzio, che lo generano. quindi o correnti variabili o correnti rotanti. vedi l'sempio di magnetizzazione del cacciavite con una pila DC. da se non fa danno ma se richiudi la corrente in circolo, a spirale, allora crei un campo em. le torce quindi vanno, più o meno, bene. i circuiti chiusi no!) produce campo magnetico.

viceversa la variazione di campo magnetico produce campo elettrico.

volendo c'è anche lentz che dice che:

la variazione di flusso magnetico attraverso una superficie (anche qui nello spazio o nel tempo: quindi o varia il campo magnetico o varia la superficie tagliata dal campo stesso) produce una forza elettro motrice (tensione e quindi, volendo, corrente)

lo sai che anche la candela che scoppia nel cilindro crea un campo magnetico e elettrico?

come ben vedi eliminare le radiazioni em è praticamente impossibile, a meno di non creare uno scenario davvero remoto nel tempo. e non ti salvi dalle radiazioni naturali.

meglio allora fare come dice qwfwq, che propone sensibilità alle basse frequenze.

o volendo anche la frequenza di risonanza dell'acqua, quella usata dai forni a microonde, wi-fi ecc, che può depolarizzare la molecola di h2o (che ha un nord e un sud) fino a "romperla" causando tumori e altri danni.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

la cosa più sensata da fare è stabilire un discrimine alla sensibilità altrimenti ti toccaeliminare tutto quello che hanno detto

attenzione però che non è l'elettricità in sè a causare magnetismo ma la sua variabilità. e viceversa.

ovvero secondo maxwell:

la variazione di campo elettrico (ovvero spostando le cariche fisse, nel tempo e nello sapzio, che lo generano. quindi o correnti variabili o correnti rotanti. vedi l'sempio di magnetizzazione del cacciavite con una pila DC. da se non fa danno ma se richiudi la corrente in circolo, a spirale, allora crei un campo em. le torce quindi vanno, più o meno, bene. i circuiti chiusi no!) produce campo magnetico.

viceversa la variazione di campo magnetico produce campo elettrico.

volendo c'è anche lentz che dice che:

la variazione di flusso magnetico attraverso una superficie (anche qui nello spazio o nel tempo: quindi o varia il campo magnetico o varia la superficie tagliata dal campo stesso) produce una forza elettro motrice (tensione e quindi, volendo, corrente)

lo sai che anche la candela che scoppia nel cilindro crea un campo magnetico e elettrico?

come ben vedi eliminare le radiazioni em è praticamente impossibile, a meno di non creare uno scenario davvero remoto nel tempo. e non ti salvi dalle radiazioni naturali.

meglio allora fare come dice qwfwq, che propone sensibilità alle basse frequenze.

o volendo anche la frequenza di risonanza dell'acqua, quella usata dai forni a microonde, wi-fi ecc, che può depolarizzare la molecola di h2o (che ha un nord e un sud) fino a "romperla" causando tumori e altri danni.

Che cose complesse, diventerò matta!  :saltello:

Comunque ai fini del racconto non è affatto un problema escludere tutto, anzi! Ad esclusione di ciò che è già presente in natura ovviamente, ma tutto ciò che è moderno e tecnologico sono ben felice di eliminarlo. Tuttavia non voglio incorrere nell'errore di escludere cose inutili (come le torce per esempio), è proprio in questo "limite" che faccio fatica ad orientarmi. 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

meglio allora fare come dice qwfwq, che propone sensibilità alle basse frequenze.

o volendo anche la frequenza di risonanza dell'acqua, quella usata dai forni a microonde, wi-fi ecc, che può depolarizzare la molecola di h2o (che ha un nord e un sud) fino a "romperla" causando tumori e altri danni.

Ehm... NO.

i 2.45GHz del microonde fanno OSCILLARE le molecole d'acqua causando il riscaldamento del cibo, ma non la rompono in nessun modo. Le microonde non hanno abbastanza energia per rompere i legami atomici di una molecola, ne tantomeno sono ionizzanti.

Le radiazioni ionizzanti hanno frequenze ben più elevate, dall'ultravioletto in su.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

In realtà devi stare attenta a escludere anche tutto ciò che è metallico e gira: un ventilatore a un metro produce più campo elettromagnetico di un elettrodotto sopra una casa.

Io poi le radiazioni naturali non le sottovaluterei, perché coprono una buona parte dello spettro. Oltre a queste, ci sono poi le radiazioni artificiali diffuse a livello planetario, come le onde HF o le trasmissioni da satellite. Insomma, non è che gli Amish non subiscono campi elettromagnetici o ne subiscano poi tanto meno che noi tecnologicamente avanzati.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ho dato una lettura veloce alla discussione e mi accodo a quelli che ti dicono che devi restringere il campo a un preciso fenomeno elettromagnetico. Se hai già avuto modo di leggere le sintesi della Wiki, ti sarai accorto che l'elettromagnetismo è un concetto molto esteso.

 

 

Probabilmente ti può essere utile il bioelettromagnetismo, che è proprio il campo di studio che si occupa delle interazioni tra elettromagnetismo ed entità biologiche.

 

Dalla wiki ci sono molti link a siti specializzati, ma forse la cosa migliore è proporre in modo semplificato le idee che scegli e vedere se non ci sono eccessive contraddizioni  :mazza:  :mazza:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

Ciao dafneZ, studio astronomia quindi penso di poterti essere un attimo d'aiuto.

Parto da due presupposti:

 

1) l'elettromagnetismo è una forza fondamentale ed è ovunque (se non ci fosse non potrebbero esistere nemmeno gli atomi del tuo stesso corpo, per dirne una);

2) tu vuoi creare un racconto verosimile.

 

Ho letto velocemente quanto sta scritto sopra, per cui non ripeto ciò che hanno detto altri. Fermo restando che i miei due presupposti valgano per te (se no o ambienti la tua storia in un altro universo, o crei qualcosa di inverosimile) la tua unica soluzione è quella di rendere queste persone maggiormente sensibili ai campi EM, ma non completamente vulnerabili.

I miei consigli sono quindi i seguenti:

1) Queste persone potrebbero essere più vulnerabili alle radiazioni ad alta frequenza (dall'UV in poi), ma non completamente indifese. Tanto l'atmosfera terrestre (e in particolare l'ozono) crea uno schermo che impedisce praticamente alle radiazioni UV di giungere a terra (se ricordo bene dai corsi del terzo anno, la banda denominata come UV-B ha un assorbimento tale che passa circa l'1% dei fotoni). Questo schermo è presente su tutto il pianeta, meno che nell'antartide (il famoso buco dell'ozono), quindi la tua storia non può svilupparsi lì. Se mi dai ascolto, il mio consiglio è che tu crei un ambiente ad alto contenuto di ozono perché esso viene creato anche da normalissime reazioni chimiche (per esempio dai gas di scarico delle auto e dai gas delle bombolette spray). Nel tuo racconto tu potresti creare una specie di piante sconosciuta che, come risultato della sua respirazione cellulare, emette sostanze le quali reagiscono chimicamente in atmosfera dando vita ad un surplus di ozono in quell'area. Oppure l'ozono extra potrebbe venire dalle emissioni di bocche termali particolari. Oppure glissi su questo particolare e dai vita a persone che vivono dal crepuscolo all'aurora e si coricano a cavallo di mezzodì.

2) Il vento solare (fatto di particelle cariche elettricamente) viene convogliato dal campo magnetico terrestre verso i poli del pianeti. Tra parentesi, il campo magnetico terrestre è maggiormente intenso in prossimità dei poli. Evita quindi i poli come la peste per la tua ambientazione.

3) Anni fa ho letto di un tizio al cui sistema nervoso era stata collegata una cintura capace di rilevare il campo magnetico terrestre. Dopo alcune settimane che ce l'aveva addosso ha imparato a usarla e sapeva orientarsi perfettamente (stava scritto che sapeva sempre in che direzione era casa sua, a prescindere dal fatto che sapeva o meno dove si trovava). A meno che tu non t'inventi un qualche meccanismo capace di creare una gabbia di Faraday intorno al posto del tuo racconto devi tenere conto anche di questo: chi è sensibile ai campi EM può percepire l'elettromagnetismo della terra e pertanto ha una bussola nel cervello.

 

Curiosità: ci sono alcuni pesci (mi sembra gli squali martello, ma non ci giurerei) che "vedono" attraverso i campi EM. Se vuoi fare qualcosa di più credibile ti consiglio di documentarti a riguardo.

 

Se hai altre domande chiedi pure. Spero di esserti stato d'aiuto  :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

Dimenticavo: devi fare attenzione anche alle tempeste! I fulmini sono generati da nubi di particelle cariche che entrano in contatto tra di loro, ma anche senza che si generino fulmini durante i temporali ci sono comunque queste nubi elettricamente cariche che volano di qua e di là...

 

Insomma, dafneZ, è proprio un bell'incubo questa tua idea per un racconto ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Non è che il nostro occhio sia poi tanto differente da un ricettore di onde elettromagnetiche.

I campi elettromagnetici sono alla base della vita ed alla base della percezione. Eliminarli significherebbe vivere in un mondo privo di "luce".

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un utente per inserire un commento.

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

×