Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

Ospite Valpur

Piante e sonniferi

Post raccomandati

Ospite Valpur

La botanica non è mai stata il mio forte e se guardo una pianta questa muore; purtroppo anche a livello di documentazione sono scarsina.
Avrei bisogno di una pianta equivalente al papavero da oppio come effetti: calmante, antidolorifico, sonnifero. Però il papavero non va bene, perché cresce in Asia, e a me serve qualcosa di più tropicale o ubiquitario.
'iuto :perchè:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Forse posso aiutarti, ho ancora sul computer tutte gli appunti di biologia vegetale con le schede delle piante e forse anche quelli di farmacognosia, però con tropicale o ubiquitario non so cosa intendi *si vergogna profondamente* 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite Valpur

Aw, grazie! (Confesso che dovendo scegliere tra botanica applicata e l'inutile per me anatomia umana ho optato per la seconda, ai tempi >.>)
Mi servirebbe una pianta della regione neotropicale (sud America), per intenderci, oppure di ampia diffusione (il papavero da oppio è diffuso in nord Africa, Asia e Europa mediterranea, il che per me non va, purtroppo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Mi metto all'opera e sappi che tra anatomia e botanica applicata avrei scelto anch'io la prima.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Attualmente il papavero da oppio è coltivato anche in sudamerica, non so se questo ti sia utile.

Altrimenti dovrebbe esistere qualche varietà di datura (stramonio).

Assomiglia più a un ipnotico che a un sonnifero. Comunque in dosaggio non eccessivo (col quale dai fuori di testa alla grande) alla fine fa dormire.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Confermo la datura come potenziale sonnifero anche se personalmente non la userei mai, i rischi non sono proprio pochi e non si ha l'effetto antidolorifico. Stavo pensando: deve essere una pianta sola, perché utilizzandone più di una avresti lo stesso effetto e faciliteresti di molto le cose, anche perché è brutto dirlo, ma l'oppio non si batte.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Non so se può esserti utile perchè gli effetti non sono proprio quelli che hai citato, ma la zona che hai menzionato mi ha fatto venire in mente il peyote.

La sua è un'azione allucinogena, il principio attivo è la mescalina.

Magari un bel "viaggio" potrebbe fare al caso tuo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

effettivamente anche il peyote può risultare utile, ma creo che avere circostanze più chiare possa essere utili per costruire una scena plausibile.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite Valpur

Grazie ragazzi!
Specifico la circostanza: la mia protagonista ha subito delle brutte ferite e un trauma molto forte. E' a letto, sta venendo curata e la persona che si occupa di lei le vorrebbe somministrare qualcosa per farla dormire senza incubi e senza dolori.
Il peyote è interessante ma non va molto bene, soprattutto perché avrà un ruolo più avanti e non voglio "bruciarmelo" così :)
La datura può essere una buona idea: so che è pericolosa ma non è un problema in mani esperte; per l'effetto antidolorifico... bah, posso farne a meno, l'importante è che faccia dormire anche abbastanza in fretta.
 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

CIao Valpur! Io ti consiglierei la Lactuca Virosa, è una pianta con effetti psicotropi molto simili a quelli dell'oppio e a lungo usata per questa sua forte somiglianza con il papavero ;) Si trova anche in America, sono certa vi sia nella zona corrispondente agli Stati Uniti, indagherei oltre per sapere se cresca anche nelle zone del tuo romanzo che non ho ben capito quali siano ;)

Un saluto!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Il consiglio di Gain mi sembra decisamente buone mentre io sui miei appunti non ho trovato nulla di abbastanza meritevole, in compenso c'erano almeno una ventina di modi per uccidere un uomo. Ora ho dei dubbi sulla mia università.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Perché non la cara, buona vecchia valeriana?

 

Sull'effetto sonnifero non ci sono dubbi, e a dosi molto robuste può persino indurre un intontimento con episodi di allucinazioni. Non è simile all'oppio, certo, ma se volevi un sonnifero di una certa intensità, quanto meno la valeriana andrebbe presa in considerazione.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite Valpur

Grazie per i consigli! Gain, in effetti hai trovato proprio quello che mi serviva, credo possa andar bene :)
Spordolan, avevo pensato anche io alla valeriana, ma come habitat era un po' risicato... preferisco andare più sull'esotico!^^

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Spora, non so se la valeriana officinalis sia la miglior pianta disponibile. Sicuramente c'è nelle zone del suo romanzo, provoca un rilassamento a livello neuronale e muscolare, non una vera e propria induzione al sonno. Il problema principale è che induce anche uno stato di eccitazione al risveglio, forse per chi è ferito gravemente non è il massimo, aumentando il battito cardiaco temo provochi un sanguinamento eccessivo.

Anche se non ha conseguenze allucinogene, che non è una cosa malvagia :asd:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un utente per inserire un commento.

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

×