Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

A.Ryan

Birra o vino, in epoca vittoriana?

Post raccomandati

I protagonisti della mia storia, degli agiati giovani londinesi, bevono litri di vini pregiati. Ma era il vino la bevanda preferita dei ricchi, o anche alle tavole dei nobili non mancava mai la birra?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Dai romanzi d'epca si direbbe che andassero molto i vini liquorosi (Porto, Sherry - non quello di ciliegia, il vino di Xeres - il celeberrimo Amontillado di cui parla Poe) mentre per le classi più povere s'usava il gin.

 

La birra non ti so dire, fino all'ottocento era esclusivamente di produzione casalinga e credo non fosse frizzante, difficile quindi che la bevessero i nobili. A meno che non la producessero essi stessi nelle loro tenute.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite Valpur

Probabilmente era frizzante, la CO2 prodotta durante la fermentazione è quella che crea le bollicine... sicuramente lo era meno di oggi, quello sì!
La birra comunque mi pare sia stata per lunghi secoli la bevanda prediletta da tutte le classi sociali; fin dal medioevo se ne beveva tantissima, era più igienica dell'acqua (processi batterici, alcol etc.). I vini consumati all'epoca, come dice giustamente Nanni, erano molto forti e liquorosi, non certo vini da pasto; non mi stupirei, quindi, se dei nobilotti vi si dissetassero magari dopo una battuta di caccia :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite Lem Mac Lem

La bevanda d'elezione in epoca vittoriana era il gin, ma è stato soppiantato dalla birra, che è salita dagli strati più bassi della popolazione per arrivare ai vertici. In epoca vittoriana, comunque, i ricchi bevevano vini pregiati, non certo il birrozzo del contadino (anche se apprezzavano, eh, ci davano giù di boccali su boccali, ma assolutamente non nelle cene di società).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

C'è tutta un'epica sulle botti in cui era stato conservato lo Sherry e che erano l'ideale per farci invecchiare il whisky. C'erano dei contrabbandieri specializzati che le portavano in Inghilterra dalla Spagna, violando non so più che leggi. Ricordo che vidi un film (in televisione) moltissimo tempo fa, dovevo essere ragazzino. Mi piacerrebbe riuscire a recuperare qualcosa della faccenda, ma non saprei da dove cominciare.

Comunque significa che bevevano anche il whisky di pregio e, probabilmente, anche il rhum, come prodotto coloniale, sottoprodotto della produzione di zucchero delle piantagioni di canna.

Sulle navi bevevano il pisco, un'acquavite prodotta sulle ande non so in che modo. Esiste ancora, venduto in bottiglie e bottigliette dalle forme improbabili, sotto il nome di Inca Pisco. Assolutamente micidiale.

 

47d7ec74c52c2_53622n.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite Valpur

Sulle navi bevevano il pisco, un'acquavite prodotta sulle ande non so in che modo.

 

 

Ho ovviamente letto "piscio". Peccato, perché se si fosse chiamato così sarebbe stato divertente!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un utente per inserire un commento.

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

×