Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

The_Shadow

Centro ellittico dell'universo: tu.

Post raccomandati

Commento: http://www.writersdream.org/forum/topic/17792-maledette-cicale/

Centro ellittico dell'universo: tu.

 

(Questa, più che una poesia è un esperimento, probabilmente molti non troveranno senso alcuno in queste parole, in parte perché questi versi hanno un senso solo per me, in parte perché un senso forse non lo hanno, ma spero comunque che la lettura vi piaccia)

 

Raccogli quelle foglie che cadono 

dalle mie paranoie vuote, scadute

e dai miei nervosismi, così, poi, tu

gli darai fuoco nella notte scura. 

 

Forse dopo faremo un giro in auto,

ma, ti prego, non mi portare al Daisy Bar. 

Non portarmi dove non resto poco

e dove non riesco a vedere molto. 

 

Guarda! Quella è la cintura di Orione! 

Portami dove ci sono le stelle,

tante stelle, quante sicuramente

non ne ho mai viste. Ti prego, guardami! 

 

Magari portami a vedere Giove 

dalla tua soffitta, quella soffitta.

Il nostro schermo HD naturale

sembrerà una finestra o sarà tale.

 

Finestra dalla quale proprio tu m'hai 

mandato decine di bei pensieri.
Resistente occupazione, due stanze, 
costanti incostanze, eppure ho freddo.
 
Il dieci di questo mese mostrerai 
al mondo la bellezza di cui parli 
nei tuoi discorsi, o nei tuoi aneddoti. 
Basta un gesto caldo, ho ancora freddo.
 
Siamo noi il fottuto centro ellittico 
di questo universo, questa matriosca.
Come i due anelli nei miei orecchini blu, 
siamo eterni. Finalmente costanti.
 

Gli occhi lucidi mi annebbiano le idee. 

Sto piangendo. "Corridoio o finestrino?"

"Signore? Sta bene?" Non sto piangendo.

 
Basta un gesto caldo, ma ho ancora freddo. 
Vita, t'aspetto, amore, t'attendo.
Voglio la mia felicità, ma ho freddo. 

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite
Questa discussione è chiusa.

×