Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

Scarlett_Rose

8° Concorso letterario Stefano Marello

Post raccomandati

1) Il concorso è aperto a tutti coloro che desiderano
inviare i loro testi purché inediti.
2) Il concorso è diviso in 2 sezioni:
- prosa: il racconto presentato non dovrà superare le 8 cartelle dattiloscritte, ogni cartella dovrà essere di 30 righe circa;
- poesia: in numero massimo di 3 per autore, di 35 versi complessivi circa.
Il concorso è a tema libero.
6) Gli elaborati saranno esaminati e valutati da una giuria composta da scrittori e/o giornalisti/ e, che sarà nota al momento della premiazione.
7) I premi consistono:
- nella pubblicazione in un’antologia delle opere ritenute idonee dalla Giuria;
- per i primi quattro classificati di ogni sezione verrà riservato un premio in denaro;
al primo classificato un premio di € 750,00;
al secondo di € 500,00
al terzo e quarto classificato un premio di € 250,00;
dal quinto all’ottavo classificato un premio in prodotti tipici. Eventuali altri premi particolari potranno essere aggiudicati dalla famiglia.
8) Per le produzioni letterarie selezionate e pubblicate non si riconoscono i diritti d’autore.
 

Potete trovare il bando a questo link

 

http://www.concorsiletterari.net/sites/default/files/2227/Pieg%5B1%5D._Conc._Marello.pdf

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Viene bandito per l'ottavo anno, ma non conoscevo questo interessante concorso. Grazie della segnalazione!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite ExIce

Sì ma tieni conto che c'è un bel premio in denaro.

Pubblicando un racconto in un'antologia di solito 750 euro te li sogni anche se ti danno una percentuale sulle vendite (che va comunque spartita con gli altri autori).

Cioè, è un concorso gratuito che offre un premio di tutto rispetto, non so cosa si dovrebbe pretendere di più, contando che si parla di racconti di 8 pagine.

Per dire che nel mercato Inglese/americano racconti così te li pagano sui 100 dollari una tantum e sono tariffe professionali.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Lì dice che le opere sono selezionate e per i primi quattro c'è il denaro... ma gli altri? rinunciano ai diritti e non vengono pagati... non è un buon affare...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite ExIce

 

dal quinto all’ottavo classificato un premio in prodotti tipici. Eventuali altri premi particolari potranno essere aggiudicati dalla famiglia.

 

Che di questi tempi non è roba da buttare via. E poi se uno partecipa lo fa per mettersi in gioco e per ambire al premio, di solito :D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

 

 

dal quinto all’ottavo classificato un premio in prodotti tipici. Eventuali altri premi particolari potranno essere aggiudicati dalla famiglia.

 

Che di questi tempi non è roba da buttare via. E poi se uno partecipa lo fa per mettersi in gioco e per ambire al premio, di solito :D

 

 

Questo sì... non lo so devo pensarci, ultimamente mi capita di vedere solo cose che mi lasciano così :mavaf:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

*fa incantesimo anti-paranoia su Manu*

 

Stai tranquilla, su 99 concorsi brutti ogni tanto ne sbuca uno niente male. :asd:

 

Io un premio in prodotti tipici non lo butterei via, per un racconto breve mi sembra comunque un buon pagamento. Insomma, a me non interessa diventare ricca scrivendo racconti, mi interessa avere un riconoscimento che abbia un valore per una questione di principio ("gli scrittori non sono schiavi"). Ma uno poi paga come può, e in questo caso 750 euro direi che sono davvero parecchi. :sss:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Interessante! Ma non ho ben capito la questione dei diritti d'autore... il racconto, se eventualmente scelto, rimarrà mio o no?

Qualcuno di voi ha trovato un indirizzo mail a cui scrivere per chiedere informazioni? Grazie!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

il tema libero non mi convince: alla fine si rischia di andare contro la sensibilità e gusti dei giurati.

meglio ripassarsi prima le vecchie edizioni

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Interessante! Ma non ho ben capito la questione dei diritti d'autore... il racconto, se eventualmente scelto, rimarrà mio o no?

Qualcuno di voi ha trovato un indirizzo mail a cui scrivere per chiedere informazioni? Grazie!

 

No, perdi i diritti e con essi il racconto che non è più tuo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ci penso ma credo che passerò, se continuo a saltare da un concorso all'altro non finirò mai il mio romanzo... Sia i prodotti tipici, che la cessione dei diritti non mi attraggono particolarmente. In bocca al lupo a chi parteciperà :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Io non ho capito in base a cosa preferite qualche cent di royalities a 750 euro di anticipo, sinceramente. :sss:

 

Guardate che anche molti autori famosi vengono pagati così con i racconti.

Modificato da Feleset

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Non è un obbligo partecipare un concorso. Io non ci sto nemmeno a pensare. Ho un breve racconto che ha già riscosso qualche consenso da parte di chi lo ha letto, devo solo editarlo come si deve, poi lo mando.

 

E incrocio le dita.

750 euro di questi tempi... ma che dico, anche 250 euro, di questi tempi, sono necessari come l'aria.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ah, e aggiungo: anche pubblicando con una CE si perdono i diritti di sfruttamento economico, addirittura per un romanzo intero, e tra l'altro con le realtà piccole non si prendono certo cifre come quelle dei premi qui sopra. Nonostante questo, non mi pare che qualcuno si sia mai lamentato del "cedere diritti" a una casa editrice. :sss:

 

Scusate se ho specificato, ma penso che sia sempre importante per un autore non perdere il senso della realtà.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

La penso come Fele, a me sembra un buon concorso, insomma scrivendo un racconto di otto cartelle precise ne viene fuori un pagamento di cinque centesimi a carattere che non mi sembra poco

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

 

Io un premio in prodotti tipici non lo butterei via, per un racconto breve mi sembra comunque un buon pagamento. Insomma, a me non interessa diventare ricca scrivendo racconti, mi interessa avere un riconoscimento che abbia un valore per una questione di principio ("gli scrittori non sono schiavi"). Ma uno poi paga come può, e in questo caso 750 euro direi che sono davvero parecchi. :sss:

 

Esattamente. Proprio due dei miei racconti, nelle ultime settimane, sono stati selezionati per far parte di due antologie che prevedevano la pubblicazione come unico premio. Ma in tutta onestà, preferirei ambire a un premio un po' più consistente come questo che conservare i diritti virtuali di raccontini che non mi serviranno mai a nulla, se non a "fare curriculum", come sostengono molti editori.

Ho condiviso il concorso con voi perchè spero che qualcuno del forum possa aggiudicarsi il podio :)

In bocca al lupo a tutti i partecipanti!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

 Io non so se partecipo perché sono abituata a scrivere quasi solo di genere, e mi sembra che questo bando sia rivolto perlopiù al mainstream. Comunque faccio i miei migliori auguri a chi si vorrà cimentare! :D

 

P.S. I prodotti tipici potete sempre darli a me se non vi piacciono. :asd:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Concordo con Feleset per quanto riguarda il discorso delle royalties. In fondo si tratta di racconti di 8 cartelle... già sarebbe difficile pubblicarli normalmente, figurarsi guadagnarci! I prodotti tipici non mi dispiacerebbero affatto :asd:

 

Diverso sarebbe se si dovessero cedere i diritti con il solo invio dell'opera (senza che venisse selezionata, per intenderci), considerando che, magari, vorrei utilizzare il racconto per altri concorsi o inserirlo in raccolte e via discorrendo. Ma non è il caso di questo concorso :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Il concorso è davvero interessante, e ho già un racconto pronto che da tempo vorrei "schierare". Il premio, poi, è di tutto rispetto. Credo proprio che parteciperò.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Per dattiloscritti si intende scritti a macchina o va bene anche una stampa dal pc?

 

Di solito si intende semplicemente un testo scritto con i caratteri a stampa (non a mano, ecco). Quindi il pc credo vada benissimo, anche perché sennò non parteciperebbe nessuno. XD

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Intervengo a proposito dei diritti d'autore. Nel bando se ne parla solo al punto 8, che copio-incollo: 8) Per le produzioni letterarie selezionate

e pubblicate non si riconoscono i diritti

d’autore.

Questo significa che, anche qualora venissero vendute centomila copie dell'antologia, neanche un centesimo verrà dato agli autori selezionati per la pubblicazione.

Nel bando non si parla di cessione della proprietà letteraria dell'opera; pertanto il racconto potrebbe venire ripubblicato altrove dal suo autore senza troppi problemi (solo avvisando il nuovo editore di questo fatto, che non è infrequente e di solito non fa vanire mal di testa a nessuno, proprio perché la diffusione di queste antologie a nome collettivo è minima). Non potrebbe invece partecipare a un altro concorso per inediti, essendo già edito.

Così la interpreto io.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Io ho un racconto che potrebbe essere considerato non di genere ma è di poco più di 4.000 caratteri spazi inclusi e visto il limite massimo di battute ho paura che sia un po' cortino... Voi che dite?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Nel bando non si parla di cessione della proprietà letteraria dell'opera; pertanto il racconto potrebbe venire ripubblicato altrove dal suo autore senza troppi problemi (solo avvisando il nuovo editore di questo fatto, che non è infrequente e di solito non fa vanire mal di testa a nessuno, proprio perché la diffusione di queste antologie a nome collettivo è minima). Non potrebbe invece partecipare a un altro concorso per inediti, essendo già edito.

Così la interpreto io.

 

In effetti nemmeno io ho trovato una dicitura riguardo ai diritti. Se non fanno firmare un contratto nero su bianco di solito il racconto non si considera vincolato.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

 

Per dattiloscritti si intende scritti a macchina o va bene anche una stampa dal pc?

 

Di solito si intende semplicemente un testo scritto con i caratteri a stampa (non a mano, ecco). Quindi il pc credo vada benissimo, anche perché sennò non parteciperebbe nessuno. XD

 

Grazie ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Dovizioso premio in denaro, nessuna quota di partecipazione, accettano poesie...2rz3wrd.gif

è il mio momento :watta:

Ho condiviso il concorso con voi perchè spero che qualcuno del forum possa aggiudicarsi il podio :)

 

Grazie mille per il pensiero, considerando che si possono mandare fino a 3 poesie per persona, potrei pure comporre il podio tutto da solo 2vkg6sw.gif 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Io a dire il vero non credo mai che un concorso possa essere allettante per tutti o "niente di che" per tutti. Ad esempio, io ho partecipato al concorso letterario di Prada perché i 5000 euro del premio mi allettavano e il tema mi piaceva. Molti si sono rifiutati di partecipare perché trovavano il regolamento troppo cavilloso. Ognuno ha il suo criterio dell'aggettivo "allettante".

 

Nel caso specifico, questo concorso non attrae me, ma di certo sarà un'ottima occasione per molti di voi. Sia i 750 euro, che i prodotti tipici, che la pubblicazione in antologia e tutti gli altri premi non mi spingono a mettere da parte il mio lavoro e dedicarmi ad un racconto per questo concorso. Ma ribadisco sono premi da cui IO non mi sento motivata a ritagliarmi il tempo dal lavoro. Per migliaia di persone saranno allettanti :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

×