Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

SurfaceTension

Ebbene sì, arriva il talent show per scrittori

Post raccomandati

beh, diciamo che non sono proprio il tipo da andare in TV a fare il cretino, ma se serve per garantirmi la possibilità di venire pubblicato, perché no? un'eventuale vittoria vorrebbe dire avere l'occasione di fare quello che mi piace (scrivere) senza dovermi preoccupare di fare quello che mi serve per pagare il mutuo (lavorare)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

"Otto scrittori per ogni serata, otto minuti ciascuno per esprimere la propria inedita creatività, ottomila il massimo di battute per ogni racconto"

 

Immagino quanta fantasia e quanta inventiva mi verrebbe in quel momento, a comando, davanti a tutti. Con qualcuno che poi magari mi urlerebbe dietro. "Cosa hai scritto? Vuoi che muoro?" e insulti vari.

 

Questo per dire che sono un po' sconvolta.

Sono consapevole che per andare avanti nella vita bisogna essere determinati, energici, pieni di coraggio, ma sembra che oggi chi è chiuso, timido e/o complessato non abbia proprio chance. Capisco il canto o la danza perché la fama richiede poi esibizioni, ma la scrittura? Sul serio? Non è che gli scrittori famosi poi devono scrivere davanti i loro lettori... Questo programma è proprio per fare spettacolo dove non ce n'è. Comunque, al di là di questo, credo che se qualcuno trova il coraggio di farlo varrebbe la pena tentare, anche se sono molto perplessa.

  • Mi piace 7

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

intende veicolare la letteratura a un'ampia platea

Se una parte del pubblico vuole questo, chi siamo noi per dire il contrario?

Promuovere la cultura letteraria è sempre una buona causa, diciamo che anch'essa sta subendo un "processo di globalizzazione", ma noi che l'amiamo in modo diverso abbiamo ancora facoltà di scelta. Non penso che questo "show" cambi qualcosa nel modo di realizzarsi come scrittore, può servire solo per pubblicità e incentivare le persone che non leggono ( si esistono anche anche queste) a farlo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

In realtà io ho paura di assistere all’ennesimo intristimento e volgarizzazione di un’arte per piegarla al grande pubblico, mascherando il tutto come un tentativo di diffondere l’amore per la lettura.

 

Quante persone saranno (ancora di più) convinte che per scrivere, in fondo, non è così difficile?

E’ uno scenario troppo apocalittico quello che immagino?

  • Mi piace 4

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite Signor Ford

Ho provato la versione 8x8 essendo stato selezionato quest'anno. Sì, è un po' stile talent ed è devastante sulla base di come ti va. Ma posso dire la mia: in versione televisiva, senza alcun correttivo, temo non funzionerebbe. Nei talent la gente vuole anche altro, oltre all'arte in sè.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite Woland

Ti hanno anticipato qui :fuma:

 

Sta di fatto che lettura, scrittura e pensiero vanno praticati con "pazienza", mentre la televisione odierna privilegia la "velocità". Vedremo.

  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ho provato la versione 8x8 essendo stato selezionato quest'anno. Sì, è un po' stile talent ed è devastante sulla base di come ti va. Ma posso dire la mia: in versione televisiva, senza alcun correttivo, temo non funzionerebbe. Nei talent la gente vuole anche altro, oltre all'arte in sè.

 

Straquoto.

Secondo me funzionerà se sarà una cosa che calca precisamente le orme di x-factor. Rosa di venti talenti selezionati, ogni settimana una sfida, hai una settimana di tempo per scrivere un racconto ( chessò, di volta in volta horror, fantasy, weird, etc. ). Ogni settimana tutti leggono i racconti e il pubblico vota chi se ne va a casa.

Detto questo una cosa del genere a me personalmente farebbe schifo, anche perché posso immaginare chi vogliano metterci in giuria.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite Signor Ford

Potremo fare il toto giurati, che dici? Io punto su Aldo Busi. :li:

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite Gigio_02

Immagino che ogni testo sarà letto da attori e il marketing pubblicitario ci metterà il suo zampino: "Stasera le letture dei brani saranno affidate al famoso conduttore del programma Orto e Cucina accompagnato dall'attore di carabinieri 17!". Inoltre dovranno essere tutti racconti brevi, esauribili in massimo 5 minuti (l'equivalente di una canzone) perchè il pubblico non può reggere di più.

Mah.

  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Potremo fare il toto giurati, che dici? Io punto su Aldo Busi. :li:

Sarebbe divertentissimo! E secondo me la sua criticità verso tutto e tutti alzerebbe gli ascolti: ora dobbiamo pensare a chi farà la ventura della situazione; io voto la clerici o fabio volo!

 

Poi magari potrebbero coinvolgere Nicolazzini come giudizio di vendite e Dazieri come interno a una casa editrice XD

Modificato da Nyamekye

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite Lem Mac Lem

Mah, secondo me il pubblico si romperà l'anima alla seconda lettura e ora dell'ultima avrà già cambiato canale e dimenticato che il programma esiste.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite Nom De Plume

Ecco l'ennesimo modo per creare personaggi e non scrittori. Scommetto ci sarà l'angolo in cui ciascuno racconterà la sua vita e alla fine il pubblico voterà il personaggio infischiandosene allegramente del testo. No vi prego.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

"Otto scrittori per ogni serata, otto minuti ciascuno per esprimere la propria inedita creatività, ottomila il massimo di battute per ogni racconto"

 

Immagino quanta fantasia e quanta inventiva mi verrebbe in quel momento, a comando, davanti a tutti. Con qualcuno che poi magari mi urlerebbe dietro. "Cosa hai scritto? Vuoi che muoro?" e insulti vari.

 

Questo per dire che sono un po' sconvolta.

Sono consapevole che per andare avanti nella vita bisogna essere determinati, energici, pieni di coraggio, ma sembra che oggi chi è chiuso, timido e/o complessato non abbia proprio chance. Capisco il canto o la danza perché la fama richiede poi esibizioni, ma la scrittura? Sul serio? Non è che gli scrittori famosi poi devono scrivere davanti i loro lettori... Questo programma è proprio per fare spettacolo dove non ce n'è. Comunque, al di là di questo, credo che se qualcuno trova il coraggio di farlo varrebbe la pena tentare, anche se sono molto perplessa.

 

Quella riga, però, è riferita al concorso 8x8 di oblique, non al programma RAI.

Trovo un po' azzardato il consiglio dell'articolista di prendere esempio da quel concorso per un programma televisivo. Anche perché, poi, i testi finalisti di 8x8 venivano affidati alla revisione di editor prima dello scontro finale.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

 

"Otto scrittori per ogni serata, otto minuti ciascuno per esprimere la propria inedita creatività, ottomila il massimo di battute per ogni racconto"

 

Immagino quanta fantasia e quanta inventiva mi verrebbe in quel momento, a comando, davanti a tutti. Con qualcuno che poi magari mi urlerebbe dietro. "Cosa hai scritto? Vuoi che muoro?" e insulti vari.

 

Questo per dire che sono un po' sconvolta.

Sono consapevole che per andare avanti nella vita bisogna essere determinati, energici, pieni di coraggio, ma sembra che oggi chi è chiuso, timido e/o complessato non abbia proprio chance. Capisco il canto o la danza perché la fama richiede poi esibizioni, ma la scrittura? Sul serio? Non è che gli scrittori famosi poi devono scrivere davanti i loro lettori... Questo programma è proprio per fare spettacolo dove non ce n'è. Comunque, al di là di questo, credo che se qualcuno trova il coraggio di farlo varrebbe la pena tentare, anche se sono molto perplessa.

 

Quella riga, però, è riferita al concorso 8x8 di oblique, non al programma RAI.

Trovo un po' azzardato il consiglio dell'articolista di prendere esempio da quel concorso per un programma televisivo. Anche perché, poi, i testi finalisti di 8x8 venivano affidati alla revisione di editor prima dello scontro finale.

 

Hai ragione, mi ha confuso la dicitura "per ogni serata", quindi potrebbero realizzarlo in modo più adatto alla televisione, ma comunque non mi ispira.

 

Per il toto secondo me metteranno Fabio Volo ç___ç

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Mah, secondo me il pubblico si romperà l'anima alla seconda lettura e ora dell'ultima avrà già cambiato canale e dimenticato che il programma esiste.

 

Secondo me no, 'ste cose piacciono, anche per masterchef si pensava inizialmente che avrebbe annoiato pure le nonne meno veraci e invece...

Ma soprattutto alla gente piace immedesimarsi nei personaggi, la gente ama votare il personaggio perché è un modo come un altro per sentirsi lì, al posto suo. 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ecco l'ennesimo modo per creare personaggi e non scrittori. Scommetto ci sarà l'angolo in cui ciascuno racconterà la sua vita e alla fine il pubblico voterà il personaggio infischiandosene allegramente del testo. No vi prego.

Ecco: per me il problema sta tutto qui. 

Non mi pare che una gara di scrittura, anche se spettacolarizzata, possa essere così negativa, anzi.

Se però dobbiamo sorbirci che Pinco è arrivato lì dopo aver lottato contro un padre-padrone e aver tentato il suicidio 8 volte, mentre Pallina già a sette anni ha scitto la prima fiaba che ha fatto sciogliere in lacrime lo zio che da allora... 

In quel caso preferisco respirare.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ci stavo pensando giusto giorni fa: ma perché non fanno un talent sulla scrittura?

Per me è un bene, è tutta pubblicità, e anche se arriva da un talent chissene. 

Speriamo solo che si mantenga ad un certo livello e con una giuria di tutto rispetto.

Il fatto che sia co-prodotto da chi si è occupato anche di x-factor non può che essere una cosa positiva, non era male quel programma.

Sono curiosa di vedere come lo struttureranno!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Non credo proprio possa funzionare... in tv contano maggiormente elementi di spettacolarizzazione, di speculazione dei sentimenti, della nascita - speso artefatta dei personaggi, prima delle persone con i loro talenti e le loro competenze, almeno limitandoci ai talent (che ormai dominano la tv).. ergo, non ha senso massificare e mercificare in questo modo la scrittura. credo proprio che non lo guarderò mai

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite Lem Mac Lem

 

Mah, secondo me il pubblico si romperà l'anima alla seconda lettura e ora dell'ultima avrà già cambiato canale e dimenticato che il programma esiste.

 

Secondo me no, 'ste cose piacciono, anche per masterchef si pensava inizialmente che avrebbe annoiato pure le nonne meno veraci e invece...

Ma soprattutto alla gente piace immedesimarsi nei personaggi, la gente ama votare il personaggio perché è un modo come un altro per sentirsi lì, al posto suo. 

 

 

Cucinare è un'azione molto più attiva di scrivere. La scrittura è noiosa, vedi un tizio chino su un foglio e basta. Poi qualcuno legge quello che ha scritto e lo commenta.

Oh. Wow.

Scoperta la cura definitiva per l'insonnia.

  • Mi piace 4

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

A meno che non inventino cose come scrivere facendo tre capriole, oppure su un piede solo... o ti chiedono di farlo quando un panda ti ronza attorno e giù di lì

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Non credo ci sia una cosa più noiosa di tagliare un ravanello con un coltellaccio da cucina. Raccontare le storie mi sembra di gran lunga più divertente; se lo fa un gigi proietti poi, ancora meglio. Però ecco, magari è una mia impressione...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un utente per inserire un commento.

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

×