Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

Matthew Swift

Trattamento contro il cancro anni '90

Post raccomandati

Come da titolo, mi servirebbe sapere qual era il trattamento contro il cancro più usato negli anni '90 (leggasi 1990 - 1995) e, se possibile, anche i costi in proporzione allo stipendio medio nei paesi dell'ovest Europa. Sì, mi rendo conto che sto chiedendo qualcosa che rasenta l'impossibile.

Ah, mi vano bene anche documenti in inglese.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Intorno al 1995 credo proprio fosse la chemioterapia, ma con effetti collaterali molto più forti di quelli attuali, primi fra tutti nausea e vomito perenni. Non saprei dirti se anche cinque anni prima prima fosse così, si facevano comunque già operazioni, ma non so altro di questo.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite Bradipi

Per avere buone risposte bisogna fare buone domande e la tua non è.

1- di che paese stai parlando? In molti paesi dell'Europa vi è un servizio sanitario per cui tutte le spese sono a carico della comunità e non del singolo paziente.

2- Cancro non significa nulla, è come dire incidente stradale, vi sono quelli gravissimi e quelli che sono banali. Il basalioma (http://it.wikipedia.org/wiki/Basalioma) è molto diffuso, ma è previsto solo un trattamento locale.

Quindi sede, diffusione, e tipo cellulare.

In ogni caso se è possibile la prima scelta è  quasi sempre chirurgica per eliminare radicalmente la malattia, ma vi sono eccezzioni come il carcinoma del pancreas o il microcitoma polmonare.

Tranne per i farmaci biologici, tipo il rituximab (http://it.wikipedia.org/wiki/Rituximab ) e qualche cambio di protocolli le strategie terapeutiche non si sono molto modificate, al contrario delle terapie anti-virali.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Colpa mia, in effetti la domanda è alquanto vaga.

La storia è ambientata nei Paesi Bassi e la donna malata scopre di avere il cancro in una fase avanzata. Di che tipo di cancro si tratti non viene mai accennato (pensavo a un tipo di tumore che interessi il pancreas). La donna si sottopone a una serie di trattamenti tra il 1993 e il 1994 e alla fine non ce la fa. Si tratta di una parentesi che interessa poco più di mezzo capitolo, però mi servono le spese del trattamento medico come causa di un indebitamento.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite Lem Mac Lem

Non ci sono spese, le terapie salvavita sono passate dallo Stato, in OIanda più ancora che in Italia.

Muore, ma muore senza rovinare nessuno.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

Il carcinoma pancreatico è inoperabile nel 96% dei casi, direi quindi che la chemiotp, presumibilmente con cisplatino o 5fluorouracile, fosse il gold standard. Se è localizzato alla testa del pancreas causa dolore, calo ponderale, febbricola e diarrea con steatorrea (feci untuose per la presenza di grassi non digeriti). Se ostruisce il deflusso biliare causa ittero franco (colorazione gialla di cute e sclere). È spesso accompagnato da prurito diffuso.

Se il tunore colpisce la coda del pancreas rimane asintomatico.

Nonostante le terapia i pazienti vanno incontro a exitus entro un anno dalla diagnosi. Essendo a cellularitá maligna tende a dafe metastasu, solitamente al fegato per via ematica. Il pancreas non è asportabile chirurgicamente e il trapianto è estremamente difficile quindi la terapia di scelta resta comunque la chemio. Al massimo possono fare alla tua paziente uno stent biliare per limitare i sintomi (soprattutto ittero e prurito).

Come giustamente ti hanno giá detto nei Paesi Bassi le cure sono passate dallo Stato, tuttavia succede spesso cche i cari di persone malate si indebitino perché trascurano il lavoro per stare vicino al malato o spendano cifre elevate per farli contenti prima della morte.

Spero di esserti stato utile e chiedo venia per eventuali errori grammaticali, ma il cellulare non è molto collaborativo oggi

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un utente per inserire un commento.

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

×