Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

Post raccomandati

On 16/2/2017 at 19:38, lapidus dice:

In questo non ci vedo nulla di male, molti piccoli editori hanno la sede presso la propria abitazione. In ogni caso investono dei soldi di tasca loro, quindi per hobby sì ma fino a un certo punto. Non credo che lo facciano per il piacere di smenarci dei soldi. Tra l'altro so che hanno un altro marchio editoriale (UnoRosso) con il quale pubblicano autori stranieri comprando i diritti, il che mi fa pensare che investano.

Se andate a leggere sul sito vedete che sono distribuiti da: Libro Co Italia , L’Editoriale srl , Fastbook , LibriDiffusi , Satellite Libri.

Quindi i distributori ce li hanno, il problema sono le librerie che spesso non vogliono ordinare libri di autori sconosciuti pubblicati da piccole CE che non sono distribuite dai grandi gruppi. In un'altra sezione c'è un'interessante discussione in proposito.

Anche qui... in realtà l'ufficio stampa ce l'hanno. Copincollo da sito: Ufficio stampa: Barbara Merendoni, barbara.merendoni@parallelo45edizioni.it

Concordo sul formato bello dei loro libri, tra l'altro in vendita a prezzi contenuti.

Per quanto riguarda l'editing confermo che nemmeno a me fu proposto ed io invece ritengo che andrebbe sempre fatto. Non sono d'accordo con @Dakota  quando dice che l'editing se lo deve fare l'autore, semplicemente perchè è impossibile essere editor di se stessi.

 

Non mi interessa difendere l'operato dell'editore, ma alcune precisazioni secondo me andavano fatte.

 

Detto questo, io ho pubblicato alcuni fa con loro e anch'io avrei sperato in qualcosa in più dal punto di vista promozionale. Questo purtroppo è il vero tasto dolente comune a tanti piccoli editori e sul quale un autore dovrebbe interrogarsi ben prima di arrivare alla pubblicazione.

Mi spiace non essere d'accordo con te ma sono contento che tu sia ottimista. Ti chiedo solo: hai mai chiesto a un libraio di una città qualsiasi se ha mai avuto libri di Parallelo 45? E hai mai trovato articoli di riviste o giornali nazionali con recensioni sui loro libri? Non basta scrivere le cose sul proprio sito per averle veramente.

Per l'editing, poi, ce ne sono vari livelli (io ho fatto l'editor quando ero giovane): il primo (refusi e controllo ortografico, grammaticale e sintattico) se lo deve fare l'autore: se nemmeno lui ha voglia di rileggersi il proprio libro perché dovrebbe farlo l'editore? Non esiste niente di peggio del mandare un testo ricco di errori a un editore.  Il secondo (eventuale miglioramento del testo) lo deve fare un editor, qui siamo d'accordo, in una dialettica costruttiva, ma solo ove ce ne sia bisogno.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Annuntio vobis gaudium magnum: il mio romanzo con la Parallelo45 edizioni uscirà il 28 febbraio (Carnevale), alleluia, alleluia. Ma non è uno scherzo (spero). Per chi volesse leggrrlo mi contatti in pvt. Alleluia alleluia. :banana:

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Dakota Non è per essere ottimisti, ho solo precisato che distributore e ufficio stampa in realtà ce li hanno. Quanto al fatto di non trovare i loro libri sugli scaffali delle librerie, mi sembra che sia comune alla stragrande maggioranza dei piccoli editori. Mi stupirebbe il contrario. Però in caso di ordinazioni non credo ci siano problemi, almeno io non ne ho avuti. Il fatto di avere il tuo libro nascosto e impolverato nei meandri di qualche libreria difficilmente fa la differenza se nessuno ti conosce. Di solito si traduce in un reso, ma questo è un discorso complicato.

Per quanto riguarda le recensioni, facendo una ricerca in rete io ne ho trovate sui vari blog/siti letterari, se poi invece ti riferisci ai giornali nazionali torniamo al discorso di prima.

Infine sono d'accordo che un autore debba rileggere e presentare il proprio testo al meglio (mi pare ovvio), ma io ritengo che l'editing poi vada fatto da chi ha l'esperienza per farlo. Meglip pubblicare pochi libri ma molto curati, io la vedo così.

@Isadora In bocca al lupo

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

solo nel 2017 ben 16 libri presenti su Ibs, ho detto tutto.

 

Di sicuro stampo e invio il mio manoscritto.:)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
2 ore fa, DanZac ha detto:

solo nel 2017 ben 16 libri presenti su Ibs, ho detto tutto.

 

Ciao @DanZac , lo dici in senso positivo quindi? Se è così, posso chiederti come mai ritieni sia un aspetto positivo/incoraggiante? In caso contrario invece, cosa ti blocca preoccupa?

  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ho inviato il manoscritto, come mi è stato consigliato, dopo un contatto avuto al salone del libro di Torino. Maggio 2017. Ad oggi nessuna risposta.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
2 ore fa, Il Conte ha detto:

 

Ciao @DanZac , lo dici in senso positivo quindi? Se è così, posso chiederti come mai ritieni sia un aspetto positivo/incoraggiante? In caso contrario invece, cosa ti blocca preoccupa?

E' senz'altro positivo vedere una casa editrice molto attiva, con titoli facilmente reperibili on line e presenti in gran numero. Fa ben sperare.

 

D'altro canto 16 libri nel 2017 (non so se siano la totalità, sono quelli che Ibs mostra) possono, a parer mio, dire due cose:

  1. hanno uno staff che lavora sodo in tutte le fasi, dalla scelta all'editing, dalla stampa alla promozione e via di seguito
  2. scelgono con poca parsimonia su chi investire, per la regola non scritta che se un libro vende in media 100 copie, moltiplicato per n. libri io editore rientro in qualche misura delle spese

La prima ipotesi è senz'altro incoraggiante e lascia ben sperare gli autori scelti dalla ce. Vuol dire che la casa riesce a investire correttamente, nonostante tutti parlino di editoria in declino.

La seconda è poco consolatoria per l'autore e lascia trapelare un editore con poco entusiasmo.

 

Tu cosa ne pensi?

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
13 minuti fa, DanZac ha detto:

Tu cosa ne pensi?

 

Mi piacerebbe avere una risposta facile, ma purtroppo non è così. Per comprendere se scelgono con cura i libri su cui investire e quanta attenzione ci mettano nelle fasi di editing, promozione, grafica ecc bisognerebbe aver letto un paio dei loro testi o avere testimonianze dirette di chi lo ha fatto e di chi ha pubblicato con loro.

 

Come spesso accade, e sei stato bravissimo tu ad evidenziare questo aspetto, dietro ad un semplice numero possono nascondersi diverse spiegazioni spesso in contrasto tra loro. I numeri vanno sempre interpretati.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Eccomi alle note dolenti.

Cita

Invio Manoscritti

Posta cartacea:

Fabrizio Filios, Villaggio Trebbia 7, Lentià di Travo 29020 (PC)

Devono essere corredati di biografia completa dell’autore e sinossi del testo.

Sono PREFERIBILI gli invii di manoscritti cartacei.

Ebbene, invio il manoscritto cartaceo, che a parer loro è preferibile come invio...

e torna indietro per compiuta giacenza!

 

Approccio decisamente negativo e poco professionale, non trovi @Parallelo45?

 

30 € per un manoscritto (senza contare le spese di spedizione) e vederselo tornare indietro, non fa di certo piacere.

 

Ci sono rimasto decisamente male. Un conto è non venire accettati poiché l'opera non è di gradimento della CE, un altro è spedire inutilmente, spendere dei soldi e vedersi tornare indietro il plico non ritirato (e perfino danneggiato dalla pioggia!).

 

Non credevo potesse accadere, vista la positiva accoglienza, peccato davvero!:aka:

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@DanZac Posso farti una domanda. Hai spedito per raccomandata?

Se sì, sappi che in generale è il metodo più sconsigliato e meno opportuno per inviare un manoscritto.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@lapidus l'invio è avvenuto, appunto, con raccomandata.

Ci sono CE che specificano di non accettare raccomandate, ma la Parallelo45 non è tra queste. Pertanto la raccomandata mi permette di conoscere con certezza che la ce riceva il mio manoscritto.

 

Qui non hanno ritirato una cartolina alla Posta, è normale?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
17 minuti fa, DanZac ha detto:

@lapidus l'invio è avvenuto, appunto, con raccomandata.

Ci sono CE che specificano di non accettare raccomandate, ma la Parallelo45 non è tra queste. Pertanto la raccomandata mi permette di conoscere con certezza che la ce riceve il mio manoscritto.

 

Qui non hanno ritirato una cartolina alla Posta, è normale?

Non lo so, in ogni caso l'invio di un manoscritto tramite raccomandata non andrebbe fatto (a meno che non sia la CE a chiederlo) per i seguenti motivi:

1) Non  stai inviando un atto giudiziario

2) Le piccole case editrici spesso non hanno una segreteria, quindi se non c'è nessuno a presidiare quando arriva il postino, e considerata la mole di testi giornaliera che ricevono, se tutti mandassero per raccomandata si vedrebbero costretti a fare avanti e indietro alle poste di continuo. Leggere manoscritti fa parte della loro attività ma non sono obbligati a farlo.

 

Inoltre la raccomandata non ti dà  alcuna garanzia che il tuo testo venga letto ed è il metodo più dispendioso in assoluto. Basta il semplice pieghi di libri che costa 1,28 €, se non ricordo male.

  

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Mia testimonianza personale: su loro invito a inviare file con il romanzo, a distanza di un anno non ho ricevuto né conferma né giudizi positivi o negativi. Solo il silenzio, che in questo caso tanto d'oro non è.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Piego di libri nel mio caso costava addirittura di più! In ogni caso non credo che una raccomandata possa mai spaventare qualcuno, tanto da non recarsi 3 minuti alla posta. ..

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
38 minuti fa, DanZac ha detto:

Piego di libri nel mio caso costava addirittura di più!

Pieghi di libri fino a 2Kg costa 1,28 €,  da 2 a 5 kg costa 3,95 €... quindi mi sembra impossibile.

 

40 minuti fa, DanZac ha detto:

In ogni caso non credo che una raccomandata possa mai spaventare qualcuno, tanto da non recarsi 3 minuti alla posta. ..

3 minuti è un po' ottimistico, considera che gli editori sono sommersi dai manoscritti e non hanno bisogno di andarne a recuperare altri . In ogni caso Il mio è solo un consiglio per il futuro, però se tu ritieni che le raccomandate vadano bene fai pure.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

La risposta la attendo volentieri, ma vedo che non è attivo dal 2014...

Comunque senza voler uscire ot, a me conviene fare così per lavoro;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Certo che accettano le proposte via email. Ho inviato il mio testo in file doc alcuni mesi fa. E m'hanno anche risposto inviandomi una proposta di contratto di edizione, dal quale si ricava che sono veramente e totalmente free. E pagano i diritti fin dalla prima copia venduta.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Salve. Ho inviato il mio romanzo a questa casa editrice di Piacenza via email. Nessunissima risposta. E mi chiedo: con tutte le perplessità espresse da chi ha fatto come me, non è strano che la CE non si degni di intervenire su queste pagine di Writer's Dream con qualche precisazione o commento? Mah... Va bene fare l'editore nel tempo libero e in casa propria, ma un minimo di professionalità e di rispetto...

  • Confuso 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Faccio la rompiscatole di servizio: qui nel forum la CE è taggata come "fantasy e fantastico", tuttavia sul loro sito nella pagina "Domande & risposte" scrivono:

Accettiamo tutti i generi tranne: fantasy, poesia, musica, raccolte di racconti, testi scolastici e saggi didattici.

Si direbbe che nonostante abbiano una collana fantasy, non desiderano più investire nel genere.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Buongiorno a tutti. Credo che possa essere utile riportare la mia esperienza con questo editore.

Ho pubblicato con loro un romanzo nell'aprile del 2017. A norma di contratto, avrei dovuto ricevere il consuntivo delle vendite e il pagamento dei diritti d'autore entro il 31 marzo 2018. Non ho ricevuto nulla. A metà dello scorso dicembre ho chiesto lumi: mi è stato risposto che c'era stato un disguido e che, se avessi trasmesso il mio IBAN, avrebbero provveduto entro un paio di giorni. Non l'hanno fatto. Ho sollecitato l'adempimento tramite e-mail altre due volte: a tutt'oggi non mi è stato né inviato né versato nulla e, a entrambe le mail, il direttore editoriale non si è neppure più degnato di rispondere.

Lascio a chi legge ogni valutazione.

  • Mi piace 1
  • Grazie 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ero interessata ad inviare il mio libro a questa casa editrice nonostante alcuni commenti contrastanti qui sul forum. Però sul loro sito indicano come casa editrice per emergenti gestita da loro una certa Elladelibri ma cliccando sul link ti riporta a un sito di vendita scarpe O_O la cosa mi fa strano... l'ha notata qualcun altro?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Allyson a che cosa ti riferisci? Ho seguito il link nel primo post per l'invio manoscritti e arrivo alla pagina della CE parallelo45 con le indicazioni per l'invio, tutto normale e non trovo indicazioni diverse.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
38 minuti fa, Kikki ha scritto:

@Allyson a che cosa ti riferisci? Ho seguito il link nel primo post per l'invio manoscritti e arrivo alla pagina della CE parallelo45 con le indicazioni per l'invio, tutto normale e non trovo indicazioni diverse.

Sul loro sito nella sezione "chi siamo" mi sembra citano altre ce che gestiscono e mi riferivo al sito di una di quelle dato che riferivano essere dedicata agli esordienti quindi si puo immaginare che potrebbe capitare che ti mandino un contratto sotto quel marchio

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un utente per inserire un commento.

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

×