Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

daydream

Scenario post apocalittico plausibile?

Post raccomandati

Da quando ho iniziato a leggere distopici la mia mente non fa che navigare sempre in quella direzione e non faccio che immaginare i futuri più strani :-):

Dopo vari viaggi mentali... sono arrivata a immaginarne uno, con un principio di storia annessa, e volevo chiedervi se secondo voi potesse essere plausibile!

Saremo a più di cent'anni da oggi e la Terra, a causa dell'aggravamento delle condizioni dell'effetto serra e del buco dell'ozono, sta praticamente morendo perché i raggi UV sono così forti da danneggiare le forme di vita esistenti.

Inoltre essendosi alzate le temperature così tanto, la Terra starebbe cominciando anche a essere sommersa dall'acqua a causa dello scioglimento dei ghiacciai...

Avevo immaginato dunque uno scenario di tecnologia molto avanzata che avrebbe permesso a gran parte della popolazione umana di trasferirsi su un altro pianeta, ma la mia storia sarebbe ambientata lì, sulla Terra in rovina dove sarebbero stati lasciati i vecchi, i criminali e gli invalidi e la maggior parte della gente in sonno criogenico. La protagonista infatti sarebbe una ragazza dei giorni nostri che si era fatta ibernare in attesa della cura per la sua malattia e che si risveglia dopo che il macchinario che l'ha curata la espelle... se così si può dire XD

Che dite... è plausibile? Più che altro la parte che mi preoccupa è quella della possibile veridicità delle condizioni del pianeta.

So che faccio un po' schifo a spiegarmi spero che si sia capito il concetto :OO:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Cosa vuoi sapere, non ho capito, se va bene per la trama di un romanzo? a me sembra tra il fantasioso e il reale , non è male :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Il concetto è chiaro, e almeno a livello teorico l'ambientazione è plausibile (anche se devi fare attenzione alle interazioni tra i vari elementi che hai inserito... in particolare, andrebbe ben definito se l'aumento delle radiazioni UV sia compatibile con un forte effetto serra. Io ricordo che c'era un qualche legame, ma non mi viene in mente quale :sss:).

Una cosa mi lascia perplesso.

Gli uomini sono partiti all'improvviso? Perché in tal caso si può anche abbandonare una parte della popolazione... ma difficilmente saranno solo vecchi e invalidi (più facilmente sarà gente che non è in grado di "pagare" il viaggio; i poveri ci rimettono sempre).

Se invece l'evacuazione è pianificata (ed è più probabile visto che i cambiamenti ambientali di cui parli non avvengono all'improvviso, ma gradualmente) difficilmente verrà lasciato indietro qualcuno: prova ad immaginare come ti sentiresti se stabilissero che un membro della tua famiglia, anziano o invalido, dovesse essere abbandonato. Si scatenerebbero rivolte, come minimo. Trovo questo punto il più critico della tua idea.

Per il resto potrebbe anche funzionare, secondo me. :)

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Grazie :OO:

Volevo sapere se le condizioni che ho pensato per la Terra potrebbero essere realistiche!

Sì, senza alcun dubbio, se andiamo avanti di questo passo ! E' quello che ci propinano tutti i documentari per invitarci a salvare il pianeta :indicare: altrimenti succederà all'incirca quello che tu hai descritto in maniera sintetica. :nein:
  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

In passato la terra è stata molto più calda di quanto non si preveda che diventi col cosiddetto riscaldamento globale e fauna e flora non ne hanno particolarmente risentito.

Il problema sarebbe tutto per l'uomo, benche sia una specie parecchio adattabile ha finito per colonizzare aree che diventerebbero decisamente inabitabili. O almeno lo si può supporre.

Ti consiglierei quindi di porre l'accento sull'evoluzione della società umana piuttosto che su una terra "morente".

Anzi, nelle zone abbandonate dall'uomo potrebbe diventare particolarmente lussureggiante. Vedi per esempio "deserto d'acqua". Il libro, non il film.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Grazie per i suggerimenti!

Una cosa mi lascia perplesso.

Gli uomini sono partiti all'improvviso? Perché in tal caso si può anche abbandonare una parte della popolazione... ma difficilmente saranno solo vecchi e invalidi (più facilmente sarà gente che non è in grado di "pagare" il viaggio; i poveri ci rimettono sempre).

Se invece l'evacuazione è pianificata (ed è più probabile visto che i cambiamenti ambientali di cui parli non avvengono all'improvviso, ma gradualmente) difficilmente verrà lasciato indietro qualcuno: prova ad immaginare come ti sentiresti se stabilissero che un membro della tua famiglia, anziano o invalido, dovesse essere abbandonato. Si scatenerebbero rivolte, come minimo. Trovo questo punto il più critico della tua idea.

Hai fatto bene a sollevare il punto! L'evacuazione sarebbe pianificata, ma diciamo che avevo immaginato che non ci fossero comunque abbastanza posti da portarsi dietro i "pesi morti" che non sarebbero di alcuna utilità nella nuova colonia. Però effettivamente non hai tutti i torti... magari potrei lasciare indietro solo individui che non hanno comunque più legami familiari (come la mia protagonista in sonno criogenico).

Oppure potrei fare che in caso di anziani, invalidi, etc la famiglia avrebbe dovuto pagare una certa cifra per potarli con sè e quindi non tutti avrebbero potuto a pagare... magari famiglie intere poco ricche avrebbero preferito restare sulla Terra piuttosto che venire separate!

Comunque un buon punto su cui devo di sicuro riflettere :asd:

Il problema sarebbe tutto per l'uomo, benche sia una specie parecchio adattabile ha finito per colonizzare aree che diventerebbero decisamente inabitabili. O almeno lo si può supporre.

Ti consiglierei quindi di porre l'accento sull'evoluzione della società umana piuttosto che su una terra "morente".

Sì, hai ragione. Infatti pensavo anche a conseguenze abbastanza gravi per l'uomo, come ad esempio l'impossibilità di restare troppo tempo al sole senza provocarsi delle ustioni...

in particolare, andrebbe ben definito se l'aumento delle radiazioni UV sia compatibile con un forte effetto serra

Io a riguardo, facendo delle ricerche sul buco dell'ozono avevo trovato un sito che riportava questo:

Il problema è estremamente importante in quanto una riduzione dell’effetto schermante dell’ozono comporta un conseguente aumento dei raggi UV che giungono sulla superficie della Terra. Nell’uomo l’eccessiva esposizione a questi raggi è correlata ad un aumento del rischio di cancro della pelle, generato a seguito delle mutazioni indotte nel DNA delle cellule epiteliali. I raggi ultravioletti possono causare inoltre una inibizione parziale della fotosintesi delle piante, causandone un rallentamento della crescita e, nel caso si tratti di piante coltivate, una diminuzione dei raccolti. I raggi UV possono anche diminuire l’attività fotosintetica del fitoplancton che si trova alla base della catena alimentare marina, causando di conseguenza uno scompenso notevole a carico degli ecosistemi oceanici.

Quindi il problema dei raggi UV pensavo di collegarlo a questo, mentre per quanto riguarda l'effetto serra pensavo di ricollegarmi a queste informazioni

L'eccesso di emissioni di CO2 ha, quindi, rafforzato l'effetto serra del nostro pianeta, provocando un conseguente innalzamento della temperatura terrestre e il progressivo scioglimento dei ghiacci. Per questa ragione da almeno venti anni si parla di "effetto serra" come un problema dell'umanità.

E di collegare le cose... sperando possa essere verosimile :emh:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Be', queste informazioni dicono che una forte esposizione a raggi UV inibisce la fotosintesi, e quindi aumenta indirettamente la CO2 nell'aria, incrementando l'effetto serra... :)

Se le informazioni sono corrette, sei in una botte di ferro.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

In passato la terra è stata molto più calda di quanto non si preveda che diventi col cosiddetto riscaldamento globale e fauna e flora non ne hanno particolarmente risentito.

Questo è un discorso valido nel breve periodo. Quando il Sole entrerà nella fase finale del proprio ciclo vitale le temperature diventeranno molto più alte, tanto che la Terra diventerà inabiltabile prima ancora che il Sole la fagociti quando diventerà una gigante rossa.

Il problema è che un discorso del genere presuppone di ambientare la storia fra circa 4 miliardi di anni e di certo non è facile descrivere una società così lontana.

Quanto allo scioglimento dei ghiacciai ricorda che al massimo il livello del mare si alzerebbe di qualche metro (quindi niente waterworld).

Però volendo c'è un modo per ipotizzare uno scenario post apocalittico nel breve periodo. Ossia un'esplosione di raggi gamma. C'è una stella la wr104 a 8000 anni luce(se non sbaglio) che dovrebbe essere allineata con la Terra e nel caso ci fosse un'esplosione di raggi gamma e ci colpisse causerebbe la distruzione dello strato d'ozono, un brusco abbassamento delle temperature (perché si formerebbero nell'atmosfera degli elementi che riflettono i raggi solari) e piogge acide.

Al momento gli scienziati pensano che wr104 sia in prossimità di esplodere (e vi ricordo che la luce che vediamo è quella di 8000 anni fa, quindi per quanto ne sappiamo potrebbe essere esplosa 7999 anni fa e fra un anno ci colpirà).

Dal momento che quando vedremo il gamma burst sarà troppo tardi per creare un piano di evacuazione (i raggi gamma sono fotoni e quindi viaggiano alla velocità della luce) e di conseguenza è possibile che a scappare siano solo i più ricchi.

Alcune teorie ritengono che parte dell'estinzioni passate siano dovute a questo fenomeno.

http://www.nasa.gov/vision/universe/starsgalaxies/gammaray_extinction.html

P.s. giusto per tranquillizzare tutti: le probabilità che di essere colpiti da un gamma burst è estremamente bassa.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Le cose sono molto più complicate di così. Per esempio un aumento della temperatura porta un'incremento del vapore acqueo in atmosfera. Il vapore acqueo di per se incrementerebbe l'effetto serra, a meno che non si condensi in nuvole (che sono composte di goccioline d'acqua o di cristalli di ghiaccio) cosa che avverrebbe inevitabilmente al di sopra di una certa altezza.

Le nuvole al contrario del vapore hanno un effetto schermante, respingono le radiazioni solari e portano a un raffreddamento.

Esiste quindi un effetto soglia, al di sotto la temperatura tende a salire, al di sopra scende anche piuttosto bruscamente.

Ci sono innumerevoli rapporti di azione/retrozazione che rendono pressocchè impossibile fare una previsione sull'andamento del clima.

Paradossalmente questo ti lascia molta libertà di decidere quello che può succedere.

Ps: non avevo letto l'intervento di Memory prima di postare. Certo, le possibili cause di catastrofi sono innumerevoli....

Modificato da Nanni
  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Be', queste informazioni dicono che una forte esposizione a raggi UV inibisce la fotosintesi, e quindi aumenta indirettamente la CO2 nell'aria, incrementando l'effetto serra... :)

Se le informazioni sono corrette, sei in una botte di ferro.

:super:

Il problema è che un discorso del genere presuppone di ambientare la storia fra circa 4 miliardi di anni e di certo non è facile descrivere una società così lontana.

Direi che in effetti sarebbe un problema :nonrido:

Però volendo c'è un modo per ipotizzare uno scenario post apocalittico nel breve periodo. Ossia un'esplosione di raggi gamma. C'è una stella la wr104 a 8000 anni luce(se non sbaglio) che dovrebbe essere allineata con la Terra e nel caso ci fosse un'esplosione di raggi gamma e ci colpisse causerebbe la distruzione dello strato d'ozono, un brusco abbassamento delle temperature (perché si formerebbero nell'atmosfera degli elementi che riflettono i raggi solari) e piogge acide.

Interessante sta cosa! Potrebbe essere una buona soluzione per il fato del breve periodo... penso che cercherò informazioni a riguardo.

Ma non ho capito... scusa l'ignoranza... le temperature si abbasserebbero? Non dovrebbero alzarsi?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Che casino :grat:

Paradossalmente questo ti lascia molta libertà di decidere quello che può succedere.

Ecco mi sa che a sto punto sarà quello che farò :-):

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Come ti hanno già detto buco nell'ozono e effetto serra sono due fenomeni differenti anche se interdipendenti (tutto sul pianeta è interdipendente) quini possono avvenire separatamente o insieme.

in estrema sintesi:

+UV= maggiore probabilità di danni al DNA e quindi + tumori

+effetto serra=più caldo.

N.B.

non tutti gli esseri viventi sono ugualmente sensibili alle radiazioni

con più anidride carbonica le piante generalmente vivono meglio

la CO2 non è l'unica responsabile dell'effetto serra, il metano per esempio è molto più efficace come gas serra

una temperatura globale mediamente più alta non significa più caldo dappertutto: tipicamente hai tropicalizzazione del clima alle medie latitudini e intensificazione di fenomeni metereologici violenti: siccità, tempeste, bufere di neve intense alle latitudini più elevate e incasinamento generale

un innalzamento del mare di qualche metro non crea waterworld ma manda sott'acqua parecchie città costiere e non: tutta la pianura padana per fare un esempio.

a tutti gli aspiranti apocalittici consiglio sempre Il Mondo Senza di Noi di Weisman. come testo di consultazione.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Interessante sta cosa! Potrebbe essere una buona soluzione per il fato del breve periodo... penso che cercherò informazioni a riguardo.

Ma non ho capito... scusa l'ignoranza... le temperature si abbasserebbero? Non dovrebbero alzarsi?

Dipende dal tipo di sostanze che si formano. I gas serra sono permeabili alla radiazioni in ingresso ma non ne consentono l'uscita.

Se la terra fosse investita da un gamma burst si formerebbero delle sostanze che rifletterebbero i raggi solari in ingresso raffreddando la Terra. Però aumenterebbero anche i gas serra (come gli ossidi di azoto) e quindi a un periodo di glaciazione ne seguirebbe uno di surriscaldamento.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Interessante sta cosa! Potrebbe essere una buona soluzione per il fato del breve periodo... penso che cercherò informazioni a riguardo.

Ma non ho capito... scusa l'ignoranza... le temperature si abbasserebbero? Non dovrebbero alzarsi?

Dipende dal tipo di sostanze che si formano. I gas serra sono permeabili alla radiazioni in ingresso ma non ne consentono l'uscita.

Se la terra fosse investita da un gamma burst si formerebbero delle sostanze che rifletterebbero i raggi solari in ingresso raffreddando la Terra. Però aumenterebbero anche i gas serra (come gli ossidi di azoto) e quindi a un periodo di glaciazione ne seguirebbe uno di surriscaldamento.

credo moriremmo tutti prima di sindrome da radiazioni

  • Mi piace 1
  • Non mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Yattaman grazie per i chiarimenti... ora diciamo che ho le idee un po' più chiare riguardo al quadro generale e a questo punto direi che l'esplosione di raggi gamma non faccia al caso mio... resterò sulla mia idea iniziale di combinazione tra effetto serra e buco dell'ozono!

Grazie anche per la segnalazione del testo, ci do un'occhiata :asd:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Interessante sta cosa! Potrebbe essere una buona soluzione per il fato del breve periodo... penso che cercherò informazioni a riguardo.

Ma non ho capito... scusa l'ignoranza... le temperature si abbasserebbero? Non dovrebbero alzarsi?

Dipende dal tipo di sostanze che si formano. I gas serra sono permeabili alla radiazioni in ingresso ma non ne consentono l'uscita.

Se la terra fosse investita da un gamma burst si formerebbero delle sostanze che rifletterebbero i raggi solari in ingresso raffreddando la Terra. Però aumenterebbero anche i gas serra (come gli ossidi di azoto) e quindi a un periodo di glaciazione ne seguirebbe uno di surriscaldamento.

credo moriremmo tutti prima di sindrome da radiazioni

Dipende. Il pianeta potrebbe essere colpito di striscio.

E molto dipende anche dalla distanza. In più una gran parte delle radiazioni sarebbe filtrata dall'atmosfera.

Tra l'altro ci sono le prove (per farla breve la percentuale di certi elementi come il carbonio 14 negli alberi e nel ghiaccio dei poli in corrispondenza di quella data sono maggiori), almeno secondo alcuni scienziati, che nel 775 la Terra è stata sfiorata (o quanto meno è passato non troppo lontano) da un gamma burst.

Quindi gli effetti possono essere molto diversi a seconda di vari fattori.

Non dimenticare tra le altre cose la durata di certi eventi che possono andare dal secondo alle decine di minuti. Nel primo caso l'atmosfera subirebbe comunque danni ingenti, ma al suolo non arriverebbero molte radiazioni.

Nel periodo seguente per mitigare in gran parte le ridotte capacità di filtrare le radiazioni cosmiche basterebbe prendere delle precauzioni.

Sicuramente ci sarebbe un aumento di tumori, ma non sarebbe quello il problema maggiore.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Interessante sta cosa! Potrebbe essere una buona soluzione per il fato del breve periodo... penso che cercherò informazioni a riguardo.

Ma non ho capito... scusa l'ignoranza... le temperature si abbasserebbero? Non dovrebbero alzarsi?

Dipende dal tipo di sostanze che si formano. I gas serra sono permeabili alla radiazioni in ingresso ma non ne consentono l'uscita.

Se la terra fosse investita da un gamma burst si formerebbero delle sostanze che rifletterebbero i raggi solari in ingresso raffreddando la Terra. Però aumenterebbero anche i gas serra (come gli ossidi di azoto) e quindi a un periodo di glaciazione ne seguirebbe uno di surriscaldamento.

credo moriremmo tutti prima di sindrome da radiazioni

Dipende. Il pianeta potrebbe essere colpito di striscio.

E molto dipende anche dalla distanza. In più una gran parte delle radiazioni sarebbe filtrata dall'atmosfera.

Quindi gli effetti possono essere molto diversi a seconda di vari fattori.

Non dimenticare tra le altre cose la durata di certi eventi che possono andare dal secondo alle decine di minuti. Nel primo caso l'atmosfera subirebbe comunque danni ingenti, ma al suolo non arriverebbero molte radiazioni.

non ne sono convinto, i raggi gamma sono molto penetranti e comunque urtando gli atomi dell'atmosfera produrrebbero una cascata di particelle prodotte dalla collisione esattamente come fanno i raggi cosmici.

comunque ammetto di non essere un'esperto e vado a documentarmi meglio :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

intanto mi vergogno di me per aver scritto un'esperto con l'apostrofo :perchè:

poi ho guardato un paio di siti internet (qui e qui). L'effetto principale di un GRB sarebbe la distruzione di una parte significativa dello strato di ozono (dal 34% in su) e la formazione di smog fotochimico: in sostanza il burst ionizza l'azoto dell'atmosfera e lo rende molto più reattivo portando alla formazione di NOx). poi ci sarebbe anche il danno da radiazione diretto che ucciderebbe probabilmente il plancton causando scompensi nella catena alimentare e aumenterebbe l'incidenza dei tumori in tutte le specie esposte.

L'asportazione dello strato di ozono porterebbe a un aumento della radiazione ultravioletta, incrementando ulteriormente l'incidenza dei tumori, mentre lo smog fotochimico porterebbe a una riduzione dell'irraggiamento solare causa dell'opacità dell'NO2 e alla formazione di piogge acide a causa dell'ossidazione dell'NO2 a HNO3.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

non capisco un acca di robe scientifiche :wah: però se posso la trama mi sembra interessante. Il rischio credo sia banalizzarla, perciò occhio alla psicologia dei personaggi, in una storia così è quella la chiave principale imho! :OO:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Beh, l'ambientazione con la terra morente e la fuga di chi può verso altri pianeti non è originalissima (un esempio è Blade Runner, il libro non il film) però come scenario funziona e quindi ci si può sviluppare una buona trama.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Grazie... Cercherò di caratterizzare trama e personaggi al meglio!

Per quanto riguarda i discorsi scientifici siete andati troppo in la LOL non vi sto più dietro XD

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Grazie... Cercherò di caratterizzare trama e personaggi al meglio!

Per quanto riguarda i discorsi scientifici siete andati troppo in la LOL non vi sto più dietro XD

Con la fantascienza è così: devi saperne di più di quello che scrivi, altrimenti i lettori ti sgamano :P

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Non per nulla Asimov era laureato in chimica e Clarke era esperto di radar e telecomunicazioni per la RAF. Tutto deve essere scientificamente credibile (se non vero), altrimenti la "scienza" in "fantascienza" dov'è? :D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

La mia in realtà non vorrebbe proprio essere fantascienza... ma distopia :asd:

Ne sto leggendo tanti libri a riguardo di scrittrici non laureate in robe strane e li sto adorando!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite Njagan

Prova a dare un'occhiata a queste due discussioni, magari possono esserti utili:

Su un mondo senza sole:

Sugli scenari apocalittici:

Sposto il topic nella sezione Documentazione ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

robe strane? :-_-: quindi io sarei laureato in roba strana? : Surprice :

Ma LOL era ovviamente ironico il mio "robe strane" :asd:

Nessuna di loro ha lauree nel campo, eppure hanno creato scenari molto credibili secondo me...

Grazie Anja vado a dare un'occhiata!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

robe strane? :-_-: quindi io sarei laureato in roba strana? : Surprice :

Ma LOL era ovviamente ironico il mio "robe strane" :asd:

Nessuna di loro ha lauree nel campo, eppure hanno creato scenari molto credibili secondo me...

Grazie Anja vado a dare un'occhiata!

:asd:

Seriamente, non serve essere un climatologo per scrivere un romanzo basato sull'effetto serra (appunto perché è un romanzo e non un saggio) però è necessario documentarsi, e normalmente per essere credibili bisogna avere più conoscenze di quelle che i personaggi che hai creato hanno nella storia.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un utente per inserire un commento.

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

×