Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

Ed the mad

Piccolo diavolo

Post raccomandati

http://www.writersdream.org/forum/topic/15797-lutilita/

Questa poesia non mi è venuta un granché,per cui accetto eventuali consigli per migliorarla.

Mi capita spesso,

Disteso sul mio letto

Di pensare a ciò che è stato

In un tempo lontano

Ricordi che affiorando

Ne rimembro la vergogna

Tale è l' imbarazzo

A pensar a quei momenti

Piccolo diavolo

Controllo non avevo

E di tutte le ferite

Ancora sento il peso

Ma ciò che mi tortura

E mi sovrasta prepotente

Quei volti che ho ferito

Le persone mi han odiato

Piccolo diavolo

Quante malefatte

Eppure ancora oggi

Sento sempre la sua voce

Ho un cuore di luce

Avvolto nelle tenebre

La gente mi odia

E di questo ne godo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Il concetto è chiaro ma e espresso in modo "faticoso", non sento la musicalità tra un verso e l'altro, non riesco a darti un aiuto perchè la poesia devi sentirla tu, non riesco a percepire emozioni abbastanza intense quanto le parole che hai usato dovrebbero trasmettere.

Ma ciò che mi tortura

E mi sovrasta prepotente

Quei volti che ho ferito

Le persone mi han odiato

Qui ad esempio il contenuto è importante, ma i versi a me sembrano slegati.

A rileggerti :indicare:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ricordi che affiorando

Ne rimembro la vergogna

Tale è l' imbarazzo

A pensar a quei momenti

Spazio superfluo.

Non ho capito la fine; il protagonista della poesia gode dell'odio della gente ma prima leggo che si vergogna ed è torturato dal pensiero delle proprie malefatte... un po' contraddittorio per come ho capito io.

Ricordi che affiorando

Ne rimembro la vergogna

Tale è l' imbarazzo

A pensar a quei momenti

Il registro è diverso da quello resto della poesia, dato l'uso del verbo "rimembrare" e anche la costruzione sintattica mi sa di "licenza poetica", perchè tecnicamente è sbagliata per me.

Il resto della poesia ha uno stile semplice e per questo ho notato la cosa. Secondo me sarebbe stato meglio mantenere uno stile uniforme.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

La poesia è buona anche se in certi punti mi pare quasi forzata.

In certi punti della poesia la musicalità della poesia subisce un brusco cambiamento.

Il messaggio che vuoi mandarci invece è molto chiaro.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Grazie dei commenti e delle critiche. Io stesso mi sono reso conto che mi era uscita male rispetto ai miei standard,anche se vedo che comunque qualcuno la apprezzata. Grazie

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Comunque l'intento dei cambi di registro e di ritmo era quello di alternare la mente dello scrittore a quella del piccolo diavolo. Lo so non era semplice da capire...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

"le persone mi han odiato"

"la gente mi odia"

questa ripetizione non mi è piaciuta molto. Per il resto è bella la poesia e abbastanza chiaro il messaggio,un pò meno le immagini che evocano.Ma non fa nulla,come dici tu,qualche erroretto qua e là c'è.

Il significato,secondo me,si può anche descrivere con una parola sola: rimpianto.è colma di rimpianto la poesia,esce da tutte le strofe per finire in bellezza con l'isolamento e la prevaricazione dell'Io,forzata ma benigna("E di questo ne godo").

Mi piace un sacco la dualità che ne esce dalle strofe,sembrano alternarsi.Beh per essere una bozza non è niente male! ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite
Questa discussione è chiusa.

×