Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

Giselle

I titoli più belli dei libri

Post raccomandati

Ospite

Autore Gene Wilder

" Baciami come uno sconosciuto (Kiss Me Like a Stranger: My Search for Love and Art)"

" La mia puttana francese (My French Whore)"

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Storia di un amore straordinario di Vallgren e Masquerade di Georgette Heyer, due titoli che mi hanno fatto sognare prima ancora di aprire il libro! Per non parlare poi dei Miserabili di Hugo: piango come una fontana ogni volta che lo leggo tanto mi emoziona!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Storia di un amore straordinario di Vallgren!

com'era quel libro? Ho avuto a lungo voglia di comprarlo, poi non lo feci...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Trovo

L'Idiota

e

Delitto e Castigo di Dostoevskij

due titoli meravigliosi.

Belli anche quelli di Irvin D. Yalom pubblicati da Neri Pozza

Il problema Spinosa

Le lacrime di Nietzsche

e

La cura Schopenhauer

Molto poetico

Gabriella Garofano e Cannella di Amado

e divertente

L'Assenza dell'assenzio

di Pinketts






Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Storia di un amore straordinario di Vallgren!

com'era quel libro? Ho avuto a lungo voglia di comprarlo, poi non lo feci...

Lo sto attualmente leggendo e, dal punto in cui sono arrivata, posso dirti che è molto dettagliato nella descrizione del periodo e a tratti anche molto crudo nel linguaggio, ma nell'insieme è davvero un bel ritratto della realtà di quel tempo (compreso di discriminazioni e tutto). Le sensazioni del protagonista poi sono descritte in una maniera impressionante. C'è poi quel tocco di fantastico che proprio non guasta all'interno della storia. Molto bello, te lo consiglio proprio!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite Kate Malone

A me è sempre piaciuto "Ragione e Sentimento" :) nonostante debba ancora leggere il libro il titolo mi ispira alla grande!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Se vuoi fare il figo usa lo scalogno.

Carlo Cracco. Ho riso un'ora. E rido pure adesso.

Il primo titolo della trilogia della James mi è piaciuto:

Fifty Shades of Grey (da noi tradotto con Cinquanta sfumature di grigio, mentre le sfumature sono riferite a lui, a Grey).

In pArte Morgan, dell'artigiano Castoldi.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Storia di un amore straordinario di Vallgren!

com'era quel libro? Ho avuto a lungo voglia di comprarlo, poi non lo feci...

Lo sto attualmente leggendo e, dal punto in cui sono arrivata, posso dirti che è molto dettagliato nella descrizione del periodo e a tratti anche molto crudo nel linguaggio, ma nell'insieme è davvero un bel ritratto della realtà di quel tempo (compreso di discriminazioni e tutto). Le sensazioni del protagonista poi sono descritte in una maniera impressionante. C'è poi quel tocco di fantastico che proprio non guasta all'interno della storia. Molto bello, te lo consiglio proprio!

*prende un appunto e guarda sconsolato lo scaffale della libreria in cui giacciono una trentina di volumi acquistati negli ultimi tre mesi che aspettano il loro turno*

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Piccolo OT: ma perché proprio 50?

Se era riferito al titolo della James:

Gray è una persona sfuggente e nasconde un segreto. Quando lei gli chiede spiegazioni, lui le risponde che dentro al cuore ha cinquanta sfumature di tenebra. È per questo che il titolo mi piace.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Se vuoi fare il figo usa lo scalogno.

Carlo Cracco. Ho riso un'ora. E rido pure adesso.

Anche a me come titolo sembra GE-NI-A-LE, sopratutto a renderci conto che l'autore è un cuoco :D

Comunque un altro titolo che a me è piaciuto tantissimo perché rende perfettamente lo stato d'animo dei protagonisti del romanzo senza far capire una cippa di cosa può succedere è Torment :la:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

E i titoli della Vargas, che dire?

Chi è morto alzi la mano

Io sono il Tenebroso

Un po' più in là sulla destra

Parti in fretta e non tornare

Stravaganti e affascinanti come i suoi libri!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Silenzio e Onore

E venne chiamata due cuori

Il Gioco Proibito

Non ti muovere

Via col vento

Sola come un gambo di sedano

5

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Sola come un gambo di sedano

Se mi metti i libri della Litti, allora vanno citati tutti. :asd:

Da Rivergination a I dolori del giovane Walter, dalla Iolanda furiosa al recente Madama Sbatterflay. :asd:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

hai pienamente ragione! ;) però non potevo metterli tutti "Col cavolo ", avrei perso tempo! Poi avreste detto "Minchia Sabbry" è ora di smetterla, se continui così ci farai provare "I dolori del giovane Walter"non sei mica "La principessa sul pisello" che occupi tutto questo spazio.Non importa continuerò a dirti"Ti amo bastardo"!Bene,un salutone alla" Madama Sbatterfay".

Ar"Rivergination da "la Jolanda furiosa" :thumbup:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Alice nel paese delle meraviglie! :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

il titolo incuriosisce , confermo, ma poi ho letto il libro...veramente non l'ho terminato, sarà che non sono capace di giocare a scacchi ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Oh! Ho dimenticato il titolo del capolavoro di Martin!

"A song of ice and fire"

Un titolo bellissimo.

... e tradotto in italiano con Le cronache del ghiaccio e del fuoco. Era una canzone, porca misera, una canzone! O almeno un canto, o... non so, una ballata!

Perché in Italia qualsiasi fantasy deve intitolarsi cronaca? :scapiangere:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Era una bella discussione, provo a rispolverarla.

 

L'uomo che fu Giovedì                                     G.K. Chesterton

La pietra di luna                                                 W. Collins                      

L'uomo che guardava passare i treni         G. Simenon

La linea d'ombra                                                 J. Conrad

La moneta di ferro                                             J.L. Borges

In un paese lontano                                          J. London                 

La donna della domenica                               Fruttero & Lucentini

L'elenco telefonico di Atlantide                     T. Avoledo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

La incredibile e triste storia della candida Eréndira e della sua nonna snaturata     Garcia Marquez

A che punto è la notte  (che avrei consigliato per l'e-book di @Nerio, se non lo avessero già scritto Fruttero & Lucentini)

Tra la nostalgia dell'estate e il gelo dell'inverno   Persson

I romagnoli ammazzano al mercoledì   Bacchilega  (libro che ho presentato un lunedì sera)

La bambina con la neve tra i capelli   Schulman

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Quel che resta del giorno di Kazuo ishiguro, mia bestia nera letteraria. 

Il tempo dell'attesa, di E.J. Howard, una bellissima scoperta  che mi attirò proprio per il titolo. 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Uomini senza donne di Haruki Murakami

Gli amori difficili di Italo Calvino

Non avevo capito niente di Diego De Silva

Mi piace molto anche Delitto e castigo, ma se fosse stato tradotto fedelmente

sarebbe stato: Il delitto e la pena, che è certamente meno suggestivo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
14 ore fa, perseveranza ha detto:

Mi piace molto anche Delitto e castigo, ma se fosse stato tradotto fedelmente

sarebbe stato: Il delitto e la pena, che è certamente meno suggestivo.

castigo e pena si traducono in russo con la stessa parola, quindi la traduzione va bene

Mi piace anche L'insostenibile leggerezza dell'essere

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Io aggiungo anche qui l'imprescindibile "Il fu Mattia Bazar e altre storie da libreria" (AA.VV.), un capolavoro di comicità involontaria.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

×