Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

Ospite Mrs C

Libri preferiti

Post raccomandati

Il mio libro del cuore, quello che non dimenticherò mai, che leggerò periodicamente per ricordarmi quanto è bello e assaporare quella scrittura e quel mondo meravigliosi è:

Il Dio del Fiume di Wilbur Smith :) Ricordo ancora il giorno in cui ne sentii parlare per la prima volta, ero alle medie e stavo a casa per influenza e su italia1 c'era un programma che presentava la classifica dei libri più venduti... e presentarono questo libro e io pensai "Lo voglio!" :) Inutile dire che adoro tutto di questo romanzo: la scrittura potente, la capacità di Wilbur Smith di raccontare la storia e l'avventura e l'amore in maniera così magistrale, l'Egitto, il Nilo... tutto, tutto.

E il secondo è:

Jane Eyre di Charlotte Bronte. Per me questo romanzo ha un significato particolare: l'ho portato come libro di letteratura inglese alla maturità e l'ho amato tantissimo per l'atmosfera e per la protagonista che trovo straordinaria, una delle prime eroine che non si piega davanti al destino, ma cerca di essere forte, indipendente e che considera l'intelligenza il valore più importante.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

In assoluto il mio libro preferito è uno dei pilastri del fantasy,l'intera saga del Il signore degli anelli di Tolkien..è di una maestria stupefacente..consiglio a tutti di leggerlo almeno una volta :P

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

David Copperfield, di Dickens, ovviamente :P

Non ho mai amato così tanto un libro. Ogni venti pagine mi commuovevo, ridevo, ero con Davy, il suo dolore era il mio, la sua gioia era la mia.

Ho anche amato Uriah Heep, che nonostante l'eccessiva umiltà mi piaceva molto.

Un altro libro che rientra tra i miei preferiti è sicuramente Orgoglio e Pregiudizio. L'ho snobbato per un sacco di tempo, poi un giorno ho avuto modo di leggere il libro e... ah, decisamente amore a prima lettura. Ho comprato pure i dvd della serie tv della BBC, fatta benissimo e con un cast eccezionale (Colin Firth e Jennifer Ehle). Per me P&P è il romanticismo perfetto.

Sicuramente ha uno spazietto nel mio cuore la saga di Harry Potter. Non tanto perchè è una saga a dir poco geniale per trama e personaggi, ma perchè ci sono cresciuta assieme, fa parte della mia infanzia ed è giusto che abbia il suo spazio.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Insonne mio malgrado, rispondo anche io. I primi che mi vengono in mente sono questi qua:

Dance dance dance di Haruki Murakami: un libro che quando l'ho letto era quello giusto al momento giusto e mi ha praticamente chiamata dallo scaffale. Poi mi sono letta anche gli altri e son quasi tutti belli.

La lettera d'amore di Cathleen Shine: bella storia molto ben raccontata.

Non lasciarmi di Kazuo Ishiguro: un pugno nello stomaco dato col guantone di velluto.

Il vecchio e il mare di Hemingway: una storia immensa raccontata in un modo incredibile.

Il buio oltre la siepe di Harper Lee: un'altra grande storia.

Poi mi piacciono molto diverse altre cose di Gaiman, Nothomb, Pratchett. Coraline, Metafisica dei tubi, L'intrepida Tiffany...

E ovviamente ci sono libri che sono stati molto importanti o significativi, ma che col tempo hanno allentato la presa, anche se a rileggerli magari mi riacchiapperebbero di nuovo. Il giovane Holden, Jack Frusciante, Orgoglio e Pregiudizio, Persuasione, le varie storie di robot di Asimov, Harry Potter, e via dicendo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

è un po' difficile rispondere, ma ora come ora mi vengono in mente ''L'ombra dello Scorpione'' di King e ''La tregua'' di Primo Levi; due libri così distanti, eppure in entrambi uomini lasciati a loro stessi vagano alla disperata ricerca di qualcosa in un mondo completamente distrutto dagli errori compiuti da altri uomini.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Mmm... non saprei rispondere. Però posso dire che l'ultimo libro che mi è piaciuto veramente tanto è stato il primo romanzo di Isabell Allende, La casa degli spiriti.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

FIght club è uno dei preferiti insieme ad angeli e demoni,ma direi che fra poco si creerà un trio grazie a: "il bar sotto il mare" di Stefano Benni :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
ma direi che fra poco si creerà un trio grazie a: "il bar sotto il mare" di Stefano Benni ;)

Io l'ho letto ma non mi ha entusiasmato molto. A dir la verità non mi è paiciuto, eccezion fatta per qualche racconto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Uhm...ci sono molti libri che preferisco, ma mi limiterò a elencare quelli che più mi hanno presa o/e mi hanno stupita.

C'è Madapple di Christina Meldrum, mi aspettavo un po' di più dal libro, ma è ugualmente fantastico, un mistero che coinvolge dalle prime pagine. Ci sono parti in cui l'autrice si sofferma sulle piante e miti religiosi e qualcuno potrebbe giudicarli noiosi, io le ho trovate molto interessanti. Poi c'è Il Conte di Montecristo, ho un adorazione viscerale per questo libro, inoltre c'è Tutto accadde in una notte, scritto a due mani, una lettura leggera, ma assolutamente fantastica. Infine c'è un libro non molto conosciuto che mi è piaciuto particolarmente per l'umorismo nero, Scuola per canaglie.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Il mio libro del cuore, quello che non dimenticherò mai, che leggerò periodicamente per ricordarmi quanto è bello e assaporare quella scrittura e quel mondo meravigliosi è:

Il Dio del Fiume di Wilbur Smith ^_^

Anch'io amo quel libro! Veramente stupendo! Taita mi è rimasto nel cuore... :)

Altri due libri che non dimenticherò mai sono: Le pietre magiche di Shannara di Terry Brooks e Viaggio al centro della Terra di Verne. Ero bambino quando lessi quest'ultimo e mi sono rimaste impresse le emozioni che mi donò. Ce ne sarebbero poi diversi altri, ma questi due in particolare.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

E' una scelta difficile q.q

uhm..."Le nebbie di Avalon" di Marion Zimmer Bradley...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite queenseptienna

Il mio libro preferito in assoluto è Il nome della rosa di Umberto Eco. So a memoria persino le battute del film xD

A seguire,Jane Eyre di Charlotte Bronte, il Piccolo Principe di Saint-Exupery ma in francese (lo lessi così per la prima volta in prima media **), L'orma del Califfo di Wilbur Smith, Cadavere non identificato di Patricia Cornwell, Harry Potter di JK Rowling, Le Cronache di Narnia di C.S. Lewis, Un'aquila nel cielo di Wilbur Smith, Gorky Park di Martin Cruz Smith, tutto quello su Montalbano di Camilleri, La Ragazza con l'orecchino di perla di Tracy Chevalier, Bar Sport di Stefano Benni e infine, di Stephen King: Misery, La lunga marcia, Il miglio verde, Carrie e Dolores Claiborne.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite
Il mio libro preferito in assoluto è Il nome della rosa di Umberto Eco. So a memoria persino le battute del film xD

Ma fra libro e film c'è molta differenza?

di Stephen King: La lunga marcia.

Quel libro è G.E.N.I.A.L.E.

Mi vengono i brividi solo a pensarci, l'ho letto 4 o 5 volte icon_cheesygrin.gif

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite queenseptienna

Sì, c'è molta differenza, ma è uno di quei pochi libri che nella loro trasposizione cinematografica hanno reso XD

Anche io ho letto un sacco di volte La lunga marcia, la prima volta che lo lessi in biblioteca la mia faccia era -> O_____O

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

Dunque dunque dunque.. sono davvero tanti!

Ma credo di poter fare una discreta selezione:

-Il Conte Di Montecristo di Dumas: la trama e i colpi di scena sono fenomenali *-*

-Dracula di Stroker: incredibilmente avvincente.. altro che Twilight. -.-

-Cime tempestose della Bronte: drammatico, struggente, sentimentale.. per me, che adoro struggermi e tormentarmi con le esistenze torentate, è meraviglioso.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

La Storia Infinita - Michael Ende

E' semplicemente un libro che mi ha rimpito, e mi riempe tutt'ora, il cuore.

Il Piccolo Pincipe - Antoine de Saint-Extuperì

Libricino con più morali e insegnamenti di qualsiasi testo sacro.

Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco - George R. R. Martin

Genio. Quell'uomo è un genio. Come si fa a creare una trama così complessa e articolata? Ripeto: genio.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Beh, in primis metterei tutto ciò che ha scritto Tolkien.

Poi, restringendo il cerchio dei miei preferiti:

- "Il potere della spada" e "I fuochi dell'ira" di W. Smith; due perle ed autentici capolavori.

- "Norwegian Wood" di H. Murakami.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Non ci posso credere, non ho postato in questo thread il listone dei libri preferiti! icon_eek.gif

- Howard Phillips Lovecraft, Le montagne della follia

- Douglas Adams, Guida galattica per gli autostoppisti

- Stephen King, Stagioni diverse

- Stephen King, La storia di Lisey

- Daniel Pennac, Il paradiso degli orchi

- Nick Hornby, Tutto per una ragazza

- Jeffrey Deaver, Spirali

- Philip K. Dick, I simulacri

Menzione speciale per George Orwell (1984), Ray Bradbury (Farenheit 451) e Tracy Chevalier (La ragazza con l'orecchino di perla)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Sicuramente Il Signore degli Anelli e la saga di Harry Potter sono due grandi pilastri della mia libreria (e non solo per lo spazio che occupano). Poi c'è Ventimila leghe sotto i mari, che ho letto per la prima volta alle elementari e mi è rimasto nel cuore. Il Gabbiano Johnatan Livingston e Siddharta, regalati da mio padre per il mio 17° compleanno, Guida galattica per autostoppisti, ancora da parte di mio padre, ma quest'anno per i diciotto, Il ritratto di Dorian Gray, Cassandra e Medea di Christa Wolf (non avrei mai pensato che due libri "scolastici" mi potessero piacere così tanto) e, per finire, il più volte citati Piccolo Principe.

Molti soo i libri che mancano a questa lista: ho messo i primi che mi sono venuti in mente.

Mi permetto di consigliarvi un paio di titoli:

-Gargoyle, di Andrew Davidson

-L'ombra del vento, di Carlos Ruiz Zafòn

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ci sono decine di libri che hanno voluto dire molto per me e centinaia d' altri che mi sono piaciuti.

Sul podio metterei (a ex aequo) :"Il vecchio e il mare" di Hemingway, "Cent'anni di solitudine" di Marquez e "Il nome della rosa" di Umberto Eco... Seguono a brevissima distanza: "Le mille e una notte" , "IT" di Stephen King e "il ciclo della fondazione" di Asimov.

(nella sezione poesia vince Edgar Lee master con il suo inarrivabile "Antologia di Spoon River king.gif )

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

...

-il castello errante di Howl

-Cacciatori di vampiri

-l'angelo della notte-la via delle tenebre

-Black Friars-l'ordine della spada

-Orgoglio e Pregiudizio

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite Claudio Piras Moreno

Il piccolo principe di Exuperie

L'uomo che ride, I miserabili, Notre dame de Paris, I lavoratori del mare (in quest'ordine) tutti di Victor Hugo.

Guerra e pace di Tolstoj

La canzone di Shannara di Terry Brooks

L'amico ritrovato di Fred Uhlman

Il signore delle mosche di Golding (oddio il solito stile secco e semplice di tanti scrittori americani, ma alcune scene si valgono davvero il libro!)

Le fate dell'ombra di George Mc Donald

Il signore degli anelli di J. R. R. Tolkien

La canzone di Shannara di Terry Brooks

Avere o Essere di Eric Fromm

Lo sviluppo è libertà di Samarthia Sen

Il maestro e margherita di Bulgakov

Il dono di Nabokov

Il turno, Quaderni di Serafino Gubbio operatore di Pirandello ( non chiedetemi perchè)

Uomini e no, Conversazioni in Sicilia di Elio Vittorini

Il nome della rosa di Umberto Eco

Il mistero dell'inquisitore Eymerich di Valerio Evangelisti

Siddharta, Knulp il vagabondo di Herman Hesse

Il ritratto di Dorian Gray di Wilde

Il pianeta Tschai di Jack Vance

Il ciclo della Ruota del tempo di Robert Jordan

Il gabbiano Jonhatan Livingstone di Bach

Per chi suona la campana, Il vecchio e il mare di Ernest Hemingway

The ballad of old mariner di Coleridge

City, Castelli di rabbia e oceano e mare di Baricco

Cento anni di solitudine, Vivir para contarla di Gabriél García Marquéz

Vente poemas de amor y una canción desesperada di Neruda

Le fleur du mal di Baudelaire

Un anno nell'altipiano di Emilio Lussu

Il giorno del giudizio di Salvatore Satta (capolavoro indiscusso della letteratura italiana)

Mia figlia follia di Savina Dolores Massa

Po cantu Biddanoa di Benvenuto Lobina (romanzo bellissimo assurdamente non famoso).

Come avete visto ho messo anche saggi e poesie, ovviamente in questo elenco di libri che io reputo non si possa non leggere, nè mancano tantissimi ancora. Magari ne aggiungo degli altri più avanti...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite Signor Ford

Non sono in ordine di preferenza, ma diciamo che sono quelli che mi hanno dato più emozioni:

S.King - L'ombra dello Scorpione

P.N. Warren - La corsa di Billy

H. Hesse - Siddharta

S. Bambaren - L'onda Perfetta

J. Guillou - Il Templare

Welsh - Il Lercio

D. Leavitt - Mentre l'Inghilterra dorme

Paolini - Eragon

Stroud - L'amuleto di Samarcanda

B. Yoshimoto - Ricordi di un Vicolo Cieco

D. Cooper - I miei pensieri perduti

Tolkien - Il signore degli anelli

T. Terzani - Un altro giro di giostra

J.R. Lansdale - l'anno dell'uragano

Adams - La collina dei Conigli

M. Hoocke - Il regno dei gufi

B. Hartinger - Geography Club

H. Humpreys - Cani Selvaggi

P. Paterlini - Matrimoni Gay

J. K. Rowling - Harry Potter e i doni della morte

T. Canavan - La corporazione dei maghi

J. Genet - Pompe Funebri

L. R. Carrino - Acquastorta

J. Grimsley - Gioia e Conforto

J. Austen - Orgoglio e Pregiudizio

B. Witter - Io e Dewey

Scalise - Lettera di un padreomosessuale alla figlia

P. Pulmann - La Bussola d'oro

LO so, sono un po' tanti, ma davvero non saprei stringere ulteriorimente il cerchio

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ecco la mia top 15 in rigoroso ordine casuale:

Un oscuro scrutare di Philip K. Dick

Fatherland di Robert Harris

La sottile linea scura di John R. Lansdale

Off limits di Didier Daeninckx

Il libro delle illusioni di Paul Auster

Ti prendo e ti porto via di Niccolò Ammaniti

Il paradiso degli orchi di Daniel Pennac

Ragazzi di vita di Pier Paolo Pasolini

Neuromante di William Gibson

Lo sconosciuto di Magnus

L'uomo con la mia faccia di Samuel W. Taylor

Fidanzata in coma di Douglas Coupland

Ghiaccio di Ed McBain

La maschera di dimitrios di Eric Ambler

Su e giù per lo spazio tempo di Rudy Rucker

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ne dico uno solo, un libro che ho comprato decine di volte, regalato, perso in navi, treni e aerei.

Uno solo, altrimenti mi si frigge il cervello nel ricordarli tutti anche se mi scoppia il cuore dai sensi di colpa per tutti gli altri tra le cui righe ho sparso innumerevoli pezzi di me.

F.Pessoa, "Il libro dell'inquietudine di Bernardo Soares".

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Il mio libro preferito in assoluto è il Piccolo Principe di Saint-Exupery. Purtroppo nell'immaginario collettivo continua ad essere considerato un libro per bambini, a me lo hanno fatto leggere per la prima volta in terza elementare :? e non ne avevo assolutamente colto la magnificenza e la grandezza. Fortunatamente l'ho riletto in età adulta...

Anche a me piace molto: l'ho letto, al liceo, per francese; forse ero in seconda?... Comunque, non so se ricordo bene, ma l'autore (un aviatore) si schiantò e l'aereo con i resti fu smarrito: sempre che non mi ricordi male, di "recente" sono stati trovati i resti, anche a te risulta, o me lo sono inventato?...

Comunque, i miei libri preferiti sono tanti: ad esempi Io, Claudio di Robert Graves, tanti classici... Innumerevoli. E poi ci sono anche tanti saggi che mi sono piaciuti molto. Ciao!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Il Conte di Montecristo (A.Dumas), Via col vento (M.Mitchell), Cime tempestose (E.Bronte), Paula (I.Allende).

Il primo l'ho letto tra l'estate e l'autunno dell'anno scorso, cercavo un capolavoro della letteratura che mi tenesse incollata alle pagine fino alla fine della lettura e devo dire che così è stato; "Via col vento" l'ho letto nel 2008, altra pietra miliare che, complice il celeberrimo film, mi è piaciuto moltissimo; "Cime tempestose" l'ho letto nel 2004: la storia di Catherine ed Heatchliff ha qualcosa di magico, oscuro, complici le solitarie lande inglesi luogo di turbinosi elementi atmosferici, quale metafora del carattere impetuoso dei due protagonisti. Paula ricordo di averlo letto agli inizi del 2008, lo cominciai una mattina di gennaio e non riuscivo più a staccarmi dal libro; commovente questa sorta di autobiografia dell'autrice, la quale narra della malattia e della morte della figlia maggiore, Paula, morta in giovane età di porfiria. Un libro che consiglio assolutamente.

Questi i miei libri preferiti.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ammetto che la maggior parte dei libri che ho letto (sarà perché non scelgo mai a caso) merita di comparire in classifica, ma ci sono due opere che non mi stanco mai di riprendere in mano:

- "Il Miglio Verde" di King, la sua miglior opera a mio parere, nonostante sia diversa dal suo solito, ed il miglior romanzo che io abbia mai letto.

- "Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco" di Martin, scoperte da poco, ho letto i nove libri che sono usciti finora in un arco di sei mesi talmente mi hanno catturata. Riuscire a mantenere il livello alto dopo tanti volumi non è affatto facile, ma lui centra in pieno l'obiettivo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un utente per inserire un commento.

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

×