Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

Diana Blues

Sepoltura

Post raccomandati

Qualcuno di voi conosce leggende metropolitane riguardo la mancanza di decessi dei cinesi in Italia?

Mi servirebbe sapere, ovviamente per un'idea che mi è venuta, anche la reale collocazione dei loro defunti, i riti che seguono nel lavaggio dei corpi e come si svolge la funzione della sepoltura qui in Italia.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Non so se questo può servirti:

La vastità della Cina sia per estensione che per gruppi etnici, determina un quadro variegato di riti funebri che cambiano di regione in regione. Si ritrovano grandi gruppi che professano il taoismo, il confucianesimo, il buddismo, il cristianesimo, ma permangono consuetudini derivanti dall’antica tradizione cinese e dalla superstizione, ancora rigorosamente seguite.

La cultura cinese ritiene che lo spirito dei defunti continui la sua vita nell'aldilà, dunque il rito funebre è preso molto seriamente poiché un funerale male organizzato può portare sventura alla famiglia.

Nella cultura cinese, i riti funebri dipendono dall’età del defunto, dalla causa di morte, dalla posizione nella società, dallo stato civile. Gli elementi che più influenzano sono l’anzianità e quanto un uomo è riuscito a contribuire alla sua famiglia e alla società. Il rito funebre per un anziano deve essere effettuato secondo specifiche modalità, gli anziani sono tenuti con grande rispetto dai membri più giovani, dunque la famiglia si farà carico di tutte le spese necessarie anche se dovesse indebitarsi.

Dalla ricchezza della famiglia dipende quanto tempo il corpo rimane esposto al pubblico, quante persone verranno a piangere, la quantità di cibo sull’altare, l’importo delle offerte fatte alla famiglia: più soldi aveva il defunto, più soldi riceverà la sua famiglia.

I bambini e persone non sposate che non hanno figli ad organizzare il rito, non possono ricevere funerali pubblici, sono sepolti in silenzio con i soli parenti stretti.

Tradizionalmente la cerimonia funebre cinese dura più di 49 giorni, e si prega ogni sette giorni, comunque i primi sette sono i più importanti. Oggi questo periodo dura molto meno, a seconda delle disponibilità finanziare della famiglia. Il capo famiglia deve essere presente almeno per la prima parte della cerimonia e per la sepoltura o cremazione.

Dal 1956 in Cina è stata introdotta e diffusa la cremazione, poiché con la sepoltura andavano persi grandi quantità di terreno coltivabile.

Quando la morte è avvenuta, tutte le statue delle divinità che si trovano in casa, sono coperte con carta rossa per proteggerle dall’energia del morto, gli specchi sono rimossi poiché si crede che chi vede il riflesso della bara sarà colpito da repentina morte nella sua famiglia.

Il corpo viene preparato con gran cura: lo si pulisce con un asciugamano e lo si ricopre di talco, si sceglie il suo miglior vestito, mentre tutti gli altri vengono bruciati, gli si mettono delle scarpe e se si tratta di una donna viene truccata.

Terminata la preparazione, il defunto viene posizionato su un tappetino, un panno di colore giallo copre il volto per proteggerlo, mentre uno di colore blu copre il corpo.

Corone di fiori, regali e una foto del morto, sono collocati vicino alla sua testa. Più corone di fiori sono presenti maggiore è il prestigio del defunto, le corone sono posizionate vicino alla bara in base alla relazione esistente tra il donatore e il deceduto.

La bara rimane aperta per esporre al pubblico la salma, in fondo ad essa c’è un altare con sopra dell’incenso che brucia continuamente, delle candele accese e del cibo che sarà poi assorbito dall’anima.

Il pianto e le grida sono ben accette quali segni di rispetto e fedeltà verso il defunto, possono essere chiamate delle persone a piangere e ad offrire preghiere.

La famiglia non dovrebbe indossare gioielli né abbigliamento rosso durante la cerimonia funebre perché segni di felicità.

I membri della famiglia si radunano intorno alla bara in base alla loro posizione nella famiglia e indossano indumenti specifici a seconda che siano figli, nipoti o altro. I colori usati sono il nero, il marrone, il blu, il bianco.

I parenti si avvicinano a turno alla bara inchinandosi più volte.

Idoli di carta e soldi sono bruciati durante tutta la veglia come segno di buon auspicio per il viaggio nell’aldilà e per fornire una rendita sufficiente al defunto.

Viene allestita una cassetta per le donazioni dove gli invitati lasceranno delle offerte, come forma di sostegno per le spese che la famiglia dovrà coprire.

Durante la veglia un gruppo di persone rimane fuori dalla casa a fare da guardia alla salma, è usanza fare giochi d’azzardo per rimanere svegli e ridurre il dolore per la scomparsa.

La durata della veglia dipende dalle disponibilità finanziarie della famiglia, comunque almeno un giorno è necessario per consentire l’offerta di preghiere propiziatorie. Un monaco si occuperà per la notte di recitare versetti tratti dalle scritture buddiste o taoiste. Si crede che l’anima percorra un cammino molto difficile e penoso prima di arrivare nell’ultraterreno, preghiere, canti e rituali alleviano il passaggio del defunto in cielo.

Quando i lamenti raggiungono un certo picco, si ritiene che l’anima abbia lasciato il corpo e la bara può essere chiusa, i presenti devono allontanarsi e non guardare perchè porta sfortuna. Ci sono molto volontari disposti a portare la bara dal momento che su di loro ricadranno le benedizioni del defunto.

Un foglio benedetto giallo e bianco è incollato sulla bara per tenere lontani gli spiriti maligni, in altre zone della Cina si usa far esplodere fuochi d’artificio o lanciare aquiloni.

La bara viene collocata su un carro funebre che rimane fermo per un po’ sul ciglio della strada ad attendere altre preghiere, poi comincia a muoversi molto lentamente, con il figlio maggiore seduto accanto alla bara e i membri della famiglia subito dietro.

Ritagli di carta di automobili, statue, navi, vengono trasportati per tutta la processione a simboleggiare la ricchezza della famiglia del defunto.

Nella cultura cinese è presente la disciplina del Fengshui che stabilisce quali sono le posizioni più propizie per i defunti, chi può permetterselo chiede consiglio.

Anche quando il feretro è deposto nella terra, tutti i presenti devono allontanarsi e voltarsi perchè guardare porterebbe sventura. Successivamente i familiari gettano una manciata di terra nella tomba prima che venga coperta Il figlio maggiore raccoglie un po’ di terra e la pone in un contenitore di incenso che sarà conservato e adorato nella sua casa. Il nome del defunto sarà aggiunto nelle tavolette degli antenati, tenute in grande venerazione nelle case dei familiari.

Dopo i funerali, tutti i vestiti indossati dai partecipanti sono bruciati per evitare la sfortuna associata alla morte.

Il periodo di lutto della famiglia può continuare per altri 100 giorni.

Sette giorni dopo, l'anima del defunto ritornerà alla sua casa, fuori viene posta una lapide rossa con un’ iscrizione per non farla perdere. In tale giorno, i membri della famiglia sono tenuti a rimanere nelle loro camere. Sul pavimento della sala d'ingresso viene sparsa della farina o del talco per rilevare la visita.

Dopo circa sette anni dalla sepoltura, i corpi possono essere riesumati, le ossa sono ripulite e poste in urne che saranno nuovamente seppellite. Non sempre però è possibile la seconda sepoltura, a volte avviene anche molti anni dopo, a seconda delle risorse finanziarie della famiglia.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Grazie, sei stata davvero dettagliata nella descrizione del rito funebre e delle usanze cinesi.

Ora però rimane il dubbio se queste usanze vengano rispettate anche qui in Italia, se i morti vengano sepolti nei nostri cimiteri o rimandati in patria visto che non tutti appartengono a una condizione sociale tale da coprire le spese di trasporto. Inoltre girando un po' in rete sono venuta a conoscenza della leggenda che i cinesi siano un popolo immortale, perché cresciuto a riso e ginseng. Sono state fatte anche indagini per capire come mai ci siano così pochi decessi nella loro razza "sempre qui da noi". Per questo sono nate storie fantastiche su di loro.

Si parla di passaggio dei documenti del deceduto in favore di nuovi membri della comunità, di ristoranti che servono la carne del caro estinto per occultarne la scomparsa e via dicendo.

Bene, quello che mi serve è tutto quello che succede in Italia, quello che la gente si è inventata su questo argomento e i luoghi reali di sepoltura. Però il tuo intervento è comunque stato molto utile quindi di nuovo grazie.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Mi servirebbe sapere, ovviamente per un'idea che mi è venuta, anche la reale collocazione dei loro defunti

Riso alla cantonese, pollo al limone, pollo bambù e funghi...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Mi servirebbe sapere, ovviamente per un'idea che mi è venuta, anche la reale collocazione dei loro defunti

Riso alla cantonese, pollo al limone, pollo bambù e funghi...

@edit

provando a dire anche qualcosa di utile:

Ma anche morire è diventato un lusso che non tutti si possono permettere: 5.600 euro, stima l’Associazione per la difesa e l’orientamento dei consumatori (Adoc), è il prezzo medio per l’estremo addio

Ecco ora tu dimmi, sei all'estero, ti muore un parente e devi spendere 5000 euro per una sepoltura e una cerimonia religiosa di una religione che non è manco la tua...

Cercherei soluzioni alternative anche io a loro posto :asd:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite Woland

Questo è l'incipit di Gomorra:

"Il container dondolava mentre la gru lo spostava sulla nave. Come se stesse galleggiando nell'aria, lo sprider, il meccanismo che aggancia il container alla gru, non riusciva a dominare il movimento. I portelloni mal chiusi si aprirono di scatto e iniziarono a piovere decine di corpi. Sembravano manichini. Ma a terra le teste si spaccavano come fossero crani veri. Ed erano crani. Uscivano dal container uomini e donne. Anche qualche ragazzo. Morti. Congelati, tutti raccolti, l'uno sull'altro. In fila, stipati come aringhe in scatola. Erano i cinesi che non muoiono mai. Gli eterni che si passano i documenti l'uno con l'altro. Ecco dove erano finiti. I corpi che le fantasie più spinte immaginavano cucinati nei ristoranti, sotterrati negli orti d'intorno alle fabbriche, gettati nella bocca del Vesuvio. Erano lì. Ne cadevano a decine dal container, con il nome appuntato su un cartellino annodato a un laccetto intorno al collo. Avevano tutti messo da parte i soldi per farsi seppellire nelle loro citta' in Cina. Si facevano trattenere una percentuale dal salario, in cambio avevano garantito un viaggio di ritorno, una volta morti. Uno spazio in un container e un buco in qualche pezzo di terra cinese. Quando il gruista del porto mi raccontò la cosa, si mise le mani in faccia e continuava a guardarmi attraverso lo spazio tra le dita. Aveva soltanto fatto toccare terra al container, e decine di persone comparse dal nulla avevano rimesso dentro tutti e con una pompa ripulito i resti. Era così che andavano le cose."

Tale rappresentazione ha ricevuto anche critiche (QUI, ad esempio).

CiaO

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ecco ora tu dimmi, sei all'estero, ti muore un parente e devi spendere 5000 euro per una sepoltura e una cerimonia religiosa di una religione che non è manco la tua...

Cercherei soluzioni alternative anche io a loro posto :asd:

:umhsi: Mmmmm... quindi tu metteresti tuo padre, tuo figlio, tua madre deceduti, nel ragù alla bolognese? :facepalm:

Questo è l'incipit di Gomorra:

Davvero interessante :umhh: grazie per l'aiuto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ahah, beh, magari alcuni parenti si...

Ma io non intendevo questo.

Se riescono a importare individui vivi senza farsi mai beccare,

tanto più possono riuscire a esportare i morti, dando loro la sepolutura secondo le giuste usanze.

E penso costi loro molto meno.

L'ipotesi culinaria comunque non la escludo del tutto. :asd:

Comunque, alla questione "hai mai visto un cinese morto"?

Io ci lego: "hai mai visto un cinese vecchio"? Io no.

Qui ci sono solo i giovani o comunque la stragrande maggioranza, quindi la bassa mortalità è in qualche modo giustificata.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ahah, beh, magari alcuni parenti si...
L'ipotesi culinaria comunque non la escludo del tutto. :asd:

:wah:

Comunque, alla questione "hai mai visto un cinese morto"?

Io ci lego: "hai mai visto un cinese vecchio"? Io no.

Qui ci sono solo i giovani o comunque la stragrande maggioranza, quindi la bassa mortalità è in qualche modo giustificata.

Sono proprio queste domande ad aver dato origine queste leggende, ma... tutto qui o ci sono altre fantasie su di loro. : Question :

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Guarda se cerchi in internet potresti trovare qualche notizia perché ho letto articoli di giornale che dicevano sfatiamo il mito dell'immortalità Cinese in Italia e diceva che di solito gli immigrati cinesi sono per la maggior parte di giovane età e in più diceva che di solito tendono a tornare nella propria patria se affetti da qualche malattia e sanno di dover morire.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

:thumbup: Grazie Lykos, quello che dici tu l'ho già fatto e ci sono diverse cosette interessanti ma poco di quello che la gente comune pensa. Mi servono luoghi comuni come quello di cucinare nei propri ristoranti i cadaveri dei defunti, leggende simili insomma.

Oppure, chi lava i morti dei cinesi qui in Italia? Sono i nostri obitori a occuparsene?

Dove si svolgono i funerali e chi presiede queste funzioni? I nostri parroci?

Ci sono tombe di cinesi nei nostri cimiteri?

Comunque grazie per aver risposto : Thanks :

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Guarda essendo di religione diversa dalla nostra non credo proprio che usino le nostre chiese e i nostri parroci mentre per il cimitero credo di si perché anche i tdg e gli evangelici e quindi non cattolici usano il cimitero della propria città (non vorrei dire stupidaggini ma dovrebbe essere così) anche se loro usano cremarli e tenerli in casa dentro urne comunque se trovo qualche informazione a riguardo ti faccio sapere.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Non so se questo può servirti...

Interessante Lykos, qual è la fonte?

Non lo so l'ho letto ieri sera da qualche parte ma non ricordo dove.

Comunque ho trovato anche questi due articoli non so se possono servire: http://www.sipuodiremorte.it/i-cinesi-la-morte-un-mistero/

http://www.funerali.org/?p=1330

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Sì, appunto, sono leggende metropolitane. Mi stupisce che ancora si dia credito a storie di questo tipo, quando basterebbe informarsi un minimo.

Vorrei ricordare a tutti che il regolamento proibisce gli atteggiamenti razzisti e questo è un atteggiamento razzista. Giusto informarsi sulle leggende metropolitane, ma di lì a fare battutine come "finiscono negli involtini primavera" ce ne corre parecchio.

Invito l'utenza a scusarsi immediatamente, anche considerando che ci sono persone di origine cinese che frequentano il forum. Ma anche se non ci fossero, nei confronti di chiunque (anche non cinese) passi di qui.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Oh, forse sono stata fraintesa, non intendevo fare battutine, la domanda di OP era:

Qualcuno di voi conosce leggende metropolitane riguardo la mancanza di decessi dei cinesi in Italia?

Io ho risposto ecco tutto ^^.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Io ho un'amica infermiera.

Nessuna leggenda metropolitana. I cinesi, come tutti, e ovviamente, muoiono, ma quando succede li rispediscono immediatamente in patria. Sempre.

Semplicemente nessuno li fa tumulare in Italia. Mai.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un utente per inserire un commento.

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

×