Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

Isham senpai

Sceol

Post raccomandati

Commento:

Io lo sento e dentro di noi.

Sta urlando: "no! Tu non puoi!"

Ogni sole trova il suo raggio.

E ogni piede il suo laccio.

Ogni corpo arriva al suo posto.

Ma mamma piangeva perché mi voleva ad ogni costo.

Spesso faccio il ragazzino losco,

ma dentro di noi tutti abbiamo torto.

Lo ammetto io sono morto,

ma ti sento,

ti credo;

E sì! Io ti vedo!

Sei qui di fianco, lo so forse ti manco,

ma chiudo gli occhi: "Sai sono tanto stanco!"

Ma più gli chiudo,

più ti deludo.

Ricorda ogni raggio troverà il suo sole,

e ogni amore troverà il suo cuore.

Abbi pazienza mamma, ci vediamo nell'aldilà,

confido nella tua lealtà!

-Iskander Paku-

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

...wow.

Poesia intensa, non c'è che dire.

Come al solito per me è difficile commentare poesie perché spesso sono espressione molto più personale e meno "ragionata" di un racconto, anche se non sempre è vero.

Il fatto che però tu chiuda il tuo pezzo con la firma "Iskander Paku" mi fa pensare che sia tratta da qualche altro lavoro più ampio a cui stai lavorando: magari un canto all'interno di un romanzo, come soleva fare Tolkien. E infatti la poesia, nonostante l'intensità, mi sembra più "pensata" di tante altre che leggo qui.

Devo dire che ho apprezzato per lo più il pathos, che hai inserito a piene mani, e la capacità di dare una struttura unitaria basata sul richiamo concettuale e sulla ripetizione, che dà al brano una forma "A B A":

Ogni sole trova il suo raggio.

E ogni piede il suo laccio.

Ogni corpo arriva al suo posto.

dopodiché hai inserito la parte esplicativa centrale; infine la ripresa:

Ricorda ogni raggio troverà il suo sole,

e ogni amore troverà il suo cuore.

Mi piace chi è in grado di dare una forma architettonica precisa a un lavoro poetico.

Però ci sono due cose che non mi convincono.

La prima è il riferimento "infernale" (Sceol). Per quel che riguarda il mio background ha una connotazione tendenzialmente negativa, da "inferno punitivo"; non è un aldilà "neutro" come un limbo, e non sono riuscito a capire se questa fosse una tua precisa scelta, perché dal testo non l'ho capita.

La seconda cosa è che sebbene rime e assonanze aiutino a formare una certa musicalità mi risultano in qualche caso un po' troppo "infantili" e "da cantilena". Forse era l'effetto che cercavi, nel qual caso sono ok. :) In caso contrario però presterei una certa attenzione a questa situazione.

Infine un appunto: la coppia "noi/puoi" non è né rima né assonanza. "Noi" ha la "o" chiusa, "puoi" ha la "o" aperta, quindi se vuoi mantenere la rima quei versi vanno sistemati. ;)

Per il resto lo trovo un buon lavoro.

A rileggerti. :)

Modificato da Mid

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite *Lili*

2.13. L’utente che commenta è tenuto a farlo nella maniera più approfondita e dettagliata possibile.

2.13.1. L’utente è tenuto a commentare in maniera sincera e dettagliata, e quanto più approfondita possibile: non sono consentiti commenti di una riga che dicono solo “bello, mi è piaciuto”, “fa schifo, non mi è piaciuto”: l’utente è tenuto a spiegare perché il testo gli è piaciuto o non gli è piaciuto.

Il tuo commento è troppo stringato. Mi spiace ma devo chiudere il topic e richiamarti.

Ti invito a fare un altro commento e a mandare il link per MP a me o un altro membro dello staff per la riapertura della discussione.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite
Questa discussione è chiusa.

×