Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

henderson

A Lei

Post raccomandati

http://www.writersdream.org/forum/topic/13781-nuovi-edifici-che-crollano/page__gopid__221010#entry221010

Mà, che io ho molto spiato nel tuo male

che bagnava la tua faccia e il bianco dei tuoi occhi chiari

e le tue mani, mie più di quanto fossero mai state

da un tempo grande come la mia fame.

Mà, che dormivi nel tuo letto con la bocca stretta

e le coperte tirate sotto il mento

e poi sei partita, madre bambina, dalla mia vita

come da un porto e ti volevo dire “resta”, ma tu non hai potuto.

Sarebbe stato bello continuare senza troppo dolore, non è vero?

Invece il dolore ha preso il posto tuo.

Dorme il dolore nel tuo letto, mangia seduto alla tua sedia,

si specchia, ma non mi dice “copriti” quando fa freddo.

Il ricordo di te, fotografia strappata in cento pezzi

dalla nascita alla morte in densità di attimi sopravvissuti.

In densità dell'assenza.

In densità della mia solitudine adulta.

In densità di questo vuoto caparbio.

Contro i muri della vita, a testate, io vado avanti, mà.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

I versi sono molto toccanti, questa strofa e' quella che mi ha colpito di piu' per l'intensita':

Sarebbe stato bello continuare senza troppo dolore, non è vero?

Invece il dolore ha preso il posto tuo.

Dorme il dolore nel tuo letto, mangia seduto alla tua sedia,

si specchia, ma non mi dice “copriti” quando fa freddo.

Esprime perfettamente il sentimento di perdita e "dolore" appunto. Ti faccio i miei complimenti e a rileggerti!

Modificato da Cene Sventola

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Il ricordo di te, fotografia strappata in cento pezzi

dalla nascita alla morte in densità di attimi sopravvissuti.

In densità dell'assenza.

In densità della mia solitudine adulta.

In densità di questo vuoto caparbio.

Contro i muri della vita, a testate, io vado avanti, mà.

Credo che questa sia in assoluto la parte più bella della poesia. Complimenti

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Non ho parole e non sono capace di commentare le poesie. Ma sono commossa. È bella, matura, profonda, intensa. Non la rileggo di nuovo, che fa male, ti faccio solo i miei complimenti.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Gli ultimi versi sono i migliori! Molto bella, complimenti! Se posso farti solo una piccola critica, non mi piaceva quel "mà", ma è una cosa piccola. Grazie!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Molto profonda... L'immagine del dolore che prende il posto della persona mi è piaciuta particolarmente...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Devo dire che hai descritto magnificamente questo lento, crudele crescendo in dolore e sofferenza.

Sei stato molto capace nel "disegnare" questa immagine, a volte un pò allentata, e a ragione,

per la necessità comunicativa intrinseca del testo stesso. Bravo, ottimo lavoro.

Mi è piaciuta particolarmente l' impressione che hai trasmesso "fotografando" nelle immagini della "sedia", del "letto"

e della "coperta", quel tepore di casa propria che quasi sanguinava quel "Mà".

Bravo, veramente bravo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Davvero molto intensa e ben scritta.In particolar modo mi è piaciuto molto questo pezzo:

"Il ricordo di te, fotografia strappata in cento pezzi

dalla nascita alla morte in densità di attimi sopravvissuti."

Un abbraccio

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Semplicemente meravigliosa! Sei riuscito a trasmettere il dolore per la tua perdita cosi' bene che io stesso l'ho provato. La frase finale e' veramente spettacolare. Nella sua semplicita' riassume tutte le avversita' e difficolta' della vita. Non credo di esagerare nel dire che questa poesia e' la piu' bella che io abbia letto (seppur poche) in questa community!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Molto bella, davvero.

"Un quadro di parole" oserei dire, vista l'immagine che perfettamente esprime.

La terza strofa è molto forte adornata di un'azzeccato figurativismo, l'unica cosa usare tre volte la parola dolore, soprattutto nelle ultime due frasi, a volte non so mi suona strano =/

Forse impressione mia,

ma a parte tutto complimenti.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite
Questa discussione è chiusa.

×