Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

crazycat

I suoi boccoli

Post raccomandati

Commento:http://www.writersdream.org/forum/topic/13545-la-morte-non-fa-per-me/page__gopid__209260#entry209260

I suoi boccoli

I suoi capelli diventano lisci dopo che li ha legati. Non posso credere che i suoi boccoli naturalmente morbidi e lucenti si trasformino in un cespuglio floscio e senza forma. Più vado avanti e più mi convinco che questa sia la chiave per capire il suo carattere. Sembra così forte e bella dall’esterno, ma in realtà, se si sa come ingabbiarla, diventa una creatura debole e insignificante. Dopo che l’ho capito, ci sono rimasto male. Credevo che lei potesse essere la mia salvezza, lo scoglio a cui aggrapparmi e invece, è più debole di me. Adesso che l’ho resa prigioniera, i suoi occhi improvvisamente smorti mi perseguitano, mi pregano di darle l’identità che non ha mai avuto. Nonostante questo, non mi sento il carnefice, ma la vittima. Le mie giornate sono grigie, nere, piene delle sue urla. Sono dimagrito, posso contarmi le costole guardandomi allo specchio. Lei è rannicchiata in un angolo e mi scruta. Mi ama perché crede che io possa darle la libertà perduta, mi odia perché non lo faccio. Il problema è che non posso, mi sentirei in colpa se le permettessi di andarsene. Con i suoi boccoli lucenti ingannerebbe di nuovo qualcun altro e si lascerebbe conquistare per poi renderlo schiavo e succhiargli l’anima. Quando il suo banchetto è finito, prega la sua vittima di lasciarla andare. Ho capito come è fatta, ma non la libererò. Ora, nonostante io non sia altro che l’ombra di me stesso, sono consapevole di quello che provo. Lei fa così perché è debole, più debole degli uomini che seduce. Proverò a salvarla, la terrò con me anche se non ho un soldo in tasca. Poterla aiutare mi servirà come un’ancora di salvezza, darle un’identità mi restituirà quella che ho perduto, darle la forza per vivere mi permetterà di trovare uno scopo alla mia esistenza. Non importa che io non sia più la stessa persona di prima. La cosa che conta veramente è l’amore che provo per lei.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
I suoi capelli diventano lisci dopo che li ha legati. Non posso credere che i suoi boccoli naturalmente morbidi e lucenti si trasformino in un cespuglio floscio e senza forma. Più vado avanti e più mi convinco che questa sia la chiave per capire il suo carattere. Sembra così forte e bella dall’esterno, ma in realtà, se si sa come ingabbiarla, diventa una creatura debole e insignificante.

L'incipit mi lascia perplessa, per le reazioni ambivalenti che provoca in me. Da un lato mi piace, e mi piace il linguaggio curato che hai adoperato; dall'altro, essendo per natura riccia e un tempo boccolosa, mi chiedo di che tipo di boccoli tu stia parlando. Se non sono naturali, ha un senso; se invece sono naturali col piffero che legandoli diventano lisci. :asd: Poi, non mi convince molto il paragone "con un cespuglio floscio e senza forma". Quelle naturalmente ricce sembrano avere "un cespuglio in testa", ma per quelle che hanno i capelli fondamentalmente lisci mi sembra eccessivo definirli "un cespuglio". Comunque, non è importante nella sostanza ho gradito le immagini che hai adoperato.

Adesso che l’ho resa prigioniera, i suoi occhi improvvisamente smorti mi perseguitano, mi pregano di darle l’identità che non ha mai avuto. Nonostante questo, non mi sento il carnefice, ma la vittima. Le mie giornate sono grigie, nere, piene delle sue urla

Mi sono un po' persa in questa parte, quando parli di conferirle "un'identità". A un certo punto, mi son chiesta: ma stiamo parlando di un essere umano, di una creatura soprannaturale o... di un cane? :asd:

Alcune frasi mi fanno pensare che tu stia parlando di un animale, ma questa mia ipotesi si sposa poco con la presenza "dei boccoli" che si legano. Se si tratta di un essere umano, perché se ne sta rannicchiata in un angolo e urla?

Con i suoi boccoli lucenti ingannerebbe di nuovo qualcun altro e si lascerebbe conquistare per poi renderlo schiavo e succhiargli l’anima. Quando il suo banchetto è finito, prega la sua vittima di lasciarla andare. Ho capito come è fatta, ma non la libererò. Ora, nonostante io non sia altro che l’ombra di me stesso, sono consapevole di quello che provo. Lei fa così perché è debole, più debole degli uomini che seduce

Qui invece mi fai propendere per la creatura soprannaturale, una vampira magari? Ma poi parli di "liberarla" e allora ritorno a pensare che non sia un essere umano. :asd:

darle un’identità mi restituirà quella che ho perduto,

Cosa intendi? E' un randagio e le vuole dare un nome? E' una vampira e la vuole sposare in modo che abbia una nuova identità?

Sono curiosa di sentire le tue spiegazioni.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Storia di un rapporto malsano come ne ho visti. Almeno in apparenza. Lui la ama ma lei è problematica e i sentimenti di entrambi sono ambivalenti. Amore, odio, dipendenza reciproca, c’è tutto il necessario.

Però è anche possibile n’interpretazione alternativa: i due personaggi sono due facce della stessa persona. Un io diviso in cui ciascuna parte si sforza di controllare l’altra.

Benchè molto asciutto ed essenziale trovo che, nel brano, ci sia qualche imprecisione stilistica che si direbbe dovuta alla fretta.

Per esempi avrei qualcosa da dire sull’incipit, che ripete due volte lo stesso concetto, uilizzando le parole boccoli e capelli come sinonimi. Inizierei con quello più forte, unendoli. Qualcosa come "Non posso credere che i suoi boccoli divengano così lisci dopo che li ha legati. Naturalmente sono morbidi e lucenti ma si trasformano in un cespuglio floscio e senza forma."

Anche qui

Quando il suo banchetto è finito, prega la sua vittima di lasciarla andare

Sembra esserci una ripetizione, visto che appena sopra hai scritto

Il problema è che non posso, mi sentirei in colpa se le permettessi di andarsene

Anche se forse intendi sottolineare come lui, in fondo, sia solo una delle sue vittime. In questo caso sarebbe comunque un errore mettere prima il caso particolare e poi quello più generale.

Magari toglierei il primo andarsene sostituendolo con qualcosa come "fare ciò a cui è più portata"

Dove scrivi:

Sembra così forte e bella dall’esterno, ma in realtà, se si sa come ingabbiarla, diventa una creatura debole e insignificante

Toglierei senz’altro "in realtà", del tutto superfluo. Per finire

Ho capito come è fatta, ma non la libererò

Credo che si possa fare a meno dell’avversativa ma, usata in modo improprio perché le due frasi sono consecutive e non contrapposte " Ho capito come è fatta e quindi non la libererò".

Non che voglia suggerirti di usare l’orrido "e quindi", però. Toglierei il ma e basta, il concetto risulta chiaro lo stesso.

La cosa migliore di questo racconto è la tensione che riesci a creare, che arriva molto diretta.

Forse sarebbe opportuno espanderlo un po’.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Hwang ho preso spunto dai miei capelli... di solito sono boccoli morbidi, ma non so perché, quando li lego perdono forma :asd:

Per quanto riguarda la natura del personaggio femminile di certo non è un cane. Con identità non si intende solo nome e cognome. In questo caso è legato al suo mondo interiore...

Mi sono un po' persa in questa parte, quando parli di conferirle "un'identità". A un certo punto, mi son chiesta: ma stiamo parlando di un essere umano, di una creatura soprannaturale o... di un cane? :asd:

Non svelerò se è umana o meno, ma comunque non è molto normale :asdf:

Ti ringrazio per il tuo parere ;)

Storia di un rapporto malsano come ne ho visti. Almeno in apparenza. Lui la ama ma lei è problematica e i sentimenti di entrambi sono ambivalenti. Amore, odio, dipendenza reciproca, c’è tutto il necessario.

Però è anche possibile n’interpretazione alternativa: i due personaggi sono due facce della stessa persona. Un io diviso in cui ciascuna parte si sforza di controllare l’altra.

Si avvicina più la prima ipotesi, ma lascio libera interpretazione.

Ti ringrazio per le correzioni formali :lol:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

I suoi capelli diventano lisci dopo che li ha legati

Immagino sia una cosa che è stata osservata spesso: allora meglio ‘diventano lisci ogni volta che li lega’. Se no resta un’azione unica, immobile e anche noi restiamo un po’ fermi.

in un cespuglio floscio

L’espressione ‘cespuglio’ cozza con l’immagine di liscio che mi hai appena dato.

Le mie giornate sono grigie, nere, piene delle sue urla.

Quando parlavi di debole la pensavo più abbattuta, questa cosa delle urla mi ha dato un’immagine molto diversa.

In generale la mia interpretazione (leggo i commenti solo dopo aver letto il brano) è diversa da chi mi ha preceduto: io ci vedo un uomo che ha legato a sè una donna obbligandola a stare con lui, convincendo se stesso che i tentativi di fuga di lei siano per cattiveria invece che dettati dalla paura. Potrebbe addirittura essere un rapimento, oppure un rapporto che lei ha cercato di chiudere e lui non lo ha accettato, segregandola ficisacamente in casa per un certo tempo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao, questo frammento m'ha incuriosito molto e vorrei capire meglio il rapporto tra i due. Lui sembra vittima di lei, ma poi si scopre che la sta segregando, quindi in realta' i due sembrerebbero al contempo vittima e carnefice l'uno dell'altro. Dalla descrizione che emerge dalle parole di lui non mi viene da pensare che lei sia un essere umano normale e tu confermi questo. Spero posterai il seguito, a rileggerti!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

A quanto pare devo modificare l'incipit...

Il rapporto tra i due è malato, sono entrambi vittime, carnefici l'uno dell'altra. Ringrazio sia Emma che Cene Sventola per avermi letto e per il loro parere :li:

Spero posterai il seguito, a rileggerti!

Non so se ci sarà un seguito...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

I frammenti sono sempre i più difficili da comprendere appieno per quanto riguarda la storia :asdf: . Però l'aneddoto mi sembra abbastanza chiaro. Solo le perplessità che sono state sollevato negli altri commenti mi hanno fatto capire che forse è più complicato di quanto non sembri. Comunque non cercherò di sforzarmi troppo :asd: . Come frammento mi sembra molto valido, il testo è scorrevole e le descrizioni perfette, tranne una:

I suoi capelli diventano lisci dopo che li ha legati. Non posso credere che i suoi boccoli naturalmente morbidi e lucenti si trasformino in un cespuglio floscio e senza forma.

neanche a me convince molto questo paragone :asdf:

Per il resto non ho niente da dire. Essendo un frammento non mi aspetto di avere delle risposte quindi credo vada bene così. Posso dirti che l'impressione generale che ne ho è buona, forse siccome a me non piacciono le "storie" d'amore non posso apprezzare appieno ciò che hai scritto. Comunque aspetto nuovi tuoi racconti.

A rileggerti!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao :D Sono riccia naturale e ho dei boccoli davvero belli e mentre tutte mi invidiano per i capelli ricci io invidio loro per i capelli lisci che hanno. Di che elastico magico stai parlando? Mi servirebbe.

Bando alle ciance, del frammento mi piace solo lo stile adoperato, per il resto sono confusa, non so se tu stia parlando di un animale o di una persona. E come sopra ti hanno corretto, chi ha i capelli ricci ha un cespuglio mentre i capelli lisci sono spaghetti quindi il paragone con il cespuglio per i capelli lisci non va bene. Ti dirò, la storia mi incuriosisce soprattutto per le personalità dei protagonisti. A rileggerti ciaooo :D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Credo che si tratti di un rapporto malsano, ma indissolubile tra due persone.La schiavitù è duplice. Entrambi sono vittime e carnefici. Lui è pronto a distruggersi pur di tenerla legata a sé. Mi viene in mente un vecchio e strano film di cui non ricordo il nome, in cui c'erano due amanti che si divoravano a vicenda.In nome dell'amore, o qualcosa di simile all'amore, che è la follia.

Mi sembra un frammento interessante che può diventare parte di una una storia.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Grazie dei vostri commenti :flower:

I frammenti sono sempre i più difficili da comprendere appieno per quanto riguarda la storia :asdf: . Però l'aneddoto mi sembra abbastanza chiaro. Solo le perplessità che sono state sollevato negli altri commenti mi hanno fatto capire che forse è più complicato di quanto non sembri. Comunque non cercherò di sforzarmi troppo :asd: . Come frammento mi sembra molto valido, il testo è scorrevole e le descrizioni perfette, tranne una:

I suoi capelli diventano lisci dopo che li ha legati. Non posso credere che i suoi boccoli naturalmente morbidi e lucenti si trasformino in un cespuglio floscio e senza forma.

neanche a me convince molto questo paragone :asdf:

Cercherò di rimediare :li:

Ciao :D Sono riccia naturale e ho dei boccoli davvero belli e mentre tutte mi invidiano per i capelli ricci io invidio loro per i capelli lisci che hanno. Di che elastico magico stai parlando? Mi servirebbe.

I miei capelli invece, quando li lego perdono forma :perchè:

Credo che si tratti di un rapporto malsano, ma indissolubile tra due persone.La schiavitù è duplice. Entrambi sono vittime e carnefici. Lui è pronto a distruggersi pur di tenerla legata a sé. Mi viene in mente un vecchio e strano film di cui non ricordo il nome, in cui c'erano due amanti che si divoravano a vicenda.In nome dell'amore, o qualcosa di simile all'amore, che è la follia.

Mi sembra un frammento interessante che può diventare parte di una una storia.

Avevo pensato a una relazione del genere, ma ogni persona che ha letto questo frammento ne ha tirato fuori una teoria diversa... :asd:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite Woland

Un bel frammento, la cui dimensione credo sia perfetta: svilupparlo ulteriormente ne avrebbe, a mio avviso, appesantito la lettura o comunque ne avrebbe limitato l'efficacia.

Mi è piaciuto particolarmente l'incipit: la possibilità di decriptarne il carattere in base alla "trasformazione" dei capelli.

CiaO

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Mi è piaciuto particolarmente l'incipit: la possibilità di decriptarne il carattere in base alla "trasformazione" dei capelli.

Sei il primo che lo dice :asd:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Il pezzo mi è piaciuto. Sembra che la Lei lo inviti a dargli la caccia ogni giorno, ogni ora, ma Lui, odiando disperatamente questi suoi gesti e queste sue azioni autodistruttive, la ami ancora di più!

cit.: "...Mi ama perché crede che io possa darle la libertà perduta, mi odia perché non lo faccio..."

In questa frase ho intravisto una immedesimazione da parte del personaggio, come se stesse parlando anche di se stesso, oltre che della sua Lei, cioè: "La amo perchè credo che possa darmi la libertà

perduta, la odio perchè non lo fa".

Anche la conclusione mi è sembrata molto bella: "Proverò a salvarla, la terrò con me anche se non ho un soldo in tasca. Poterla aiutare mi servirà come un’ancora di salvezza, darle un’identità mi restituirà quella che ho perduto, ... Non importa che io non sia più la stessa persona di prima. La cosa che conta veramente è l’amore che provo per lei."

Il suo amore, un pò temerario, un pò "diverso", è la cosa vera che gli conferisce identità.

Non è più quello che pensa, ma quello che fa, per Lei, la cosa importante.

Credo che si possa collegare a quello che succede quando si cresce e non sono più i Ti Amo, o i "Sei la Mia Vita" ad avere più importanza, ma si dà più peso anche alla concretezza delle cose, nelle cose...

Direi che nel disagio del Lui, si possa quindi intravedere una crescita del personaggio, una consapevolezza maturata, ed una conferma di Amore non fisico, ma emotivo, quasi ancestrale.

Brava, credo che con queste basi potresti tirar su anche un altro frammento. :sornione:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite
Questa discussione è chiusa.

×