Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

Memory of Dream

Protocollo/cerimoniale

Post raccomandati

Mi servirebbe un aiuto. Come si rivolgerebbero l'un l'altro nobili, sovrani, ambasciatori e autorità religiose varie in un'occasione ufficiale?

Ad esempio:

Il dubbio mi sorge perché dai titoli usati durante questi incontri si potrebbe trasmettere molto. Come potrebbe ad esempio un ambasciatore di una nazione estera rivolgersi al sovrano con il dovuto rispetto, ma lasciando intendere che la nazione che rappresenta non ha intenzione di piegarsi?

Dubito che lo chiamerebbe sire o maestà.

Va bene sia una bella carrellata di appellativi con l'indicazione di quando usarli, sia libri o siti da consultare.

Grazie in anticipo ^_^

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Perché no? Lo chiamerebbe invece proprio "sua maestà re xy". Ovviamente se si tratta di Europa moderna/contemporanea. Ah, e l'ambasciatore non parla a suo nome, ma a nome del suo paese, quindi non parlerà in prima persona.

Altrove bisogna sapere dove e quando, messa così è troppo vaga. Potrebbe anche essere che in un'occasione ufficiale non si incontrino nemmeno, che non possa rivolgergli la parola ma debba parlare con qualcun altro che poi parla al sovrano, o che debba parlargli attraverso una tenda, o che venga trattenuto da due energumeni per paura di attentati, ecc.: fantasia al potere in questi casi.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

È molto vaga perché è un dubbio che mi è sorto senza essere legato a una storia specifica. Direi che più che riferirlo a un contesto moderno, è da riferire a uno passato.

In occasioni in cui parlano più o meno in privato secondo me si potrebbe giocare molto su questi termini. Ad esempio l'ambasciatore di una nazione non propriamente amica (ad esempio perché il sovrano vuole conquistare quel territorio) potrebbe evitare volontariamente di chiamarlo sire o maesta. Un modo sottile per dire che la nazione che rappresento non ti considera un nostro sovrano.

E il sovrano come si riferirebbe a un ambasciatore? proprio perché l'ambasciatore parla a nome di un'altra nazione potrebbe appellarlo con il titolo di eccellenza, o sbaglio?

RIpento sono dubbi slegati da una trama a cui posso far riferimento per essere più chiaro.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Riconoscere una persona come sovrano o riconoscerla come il proprio sovrano sono due cose molto diverse. Come è molto diverso un colloquio privato da uno pubblico. In un colloquio pubblico (che è il caso più semplice), l'ambasciatore si comporta da lettera parlante: dirà cose del tipo "sua grazia il duca X, sovrano del ducato Y [qui deve snocciolare tutti i titoli del proprio sovrano], porge i suoi omaggi a sua maestà re Z, ecc. [qui ricordarsi o dimenticarsi qualche titolo può essere usato strategicamente]. Quindi ricorda l'amicizia tra i due sovrani e la proficua e lunga collaborazione di pace, espone la vicenda, sempre a nome del duca X, e infine, qualsiasi cosa abbia detto, ricorda di nuovo l'amicizia e si auspica che la pace prosegua (ovvio è un po' diverso se gli ha appena dichiarato guerra, ma se per esempio non vuole sottomettersi o non vuole concedere il passaggio dell'esercito nel suo territorio ricorderà sempre l'amicizia e la pace e quanto andiamo d'accordo ecc.)

In colloquio privato invece le cose saranno molto diverse e dipendono più dal grado di confidenza che c'è tra i due personaggi che dalla questione. Bisogna tenere presente che la nobiltà dei vari paesi è spesso imparentata, che si conoscono un po' tutti tra loro, spesso sono stati "a scuola insieme" e via discorrendo. Questi rapporti sono subordinati alla ragion di stato, ma non spariscono, per cui può anche darsi che si dichiarino guerra bevendo un tè insieme.

Inoltre non è detto che il sovrano partecipi a queste discussioni: anzi, è facile che sia qualche funzionario di livello inferiore (un ministro per esempio) a occuparsene e al sovrano venga lasciata solo la parte cerimoniale (che se non si è capito, è poco più di un teatrino). In questi casi un rapporto informale è ancora più probabile.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un utente per inserire un commento.

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

×