Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

Ospite Signor Ford

L'erudita

Post raccomandati

Buon pomeriggio a tutti, sono nuova qui e non ho ancora capito bene come funziona e cosa ci faccio, ma vorrei intervenire a proposito di "L'Erudita" e confermare che è tutto vero, non chiedono alcun contributo, nè ti obbligano ad acquistare copie del libro, ho pubblicato con loro il mio primo romanzo, *Editato dallo Staff*, senza spendere un centesimo, sono pieni di entusiasmo, disponibili e tanto carini, sono un piccolo gruppo, ma ti supportano come possono e alle spalle hanno comunque Giulio Perrone. 

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao @Starpas59 , puoi parlare di questa casa editrice qui nell'apposita discussione, ti consiglio, però, di dare un'occhiata al nostro topic di Benvenuto (a questo link) e al regolamento del forum, qui, infatti, non è possibile citare i titoli (o inserire link) dei propri libri. Esistono sezioni specifiche in cui poterlo fare (come specificato dal regolamento), per questo motivo ho dovuto editare il tuo post.

Buon proseguimento. :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Sì, ho già pubblicato con loro e, per il momento sono abbastanza soddisfatta, da poco hanno anche cominciato a fare distribuzione, come prima esperienza va più che bene.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Forse avrei potuto essere meno frettolosa perchè poi ho ricevuto offerte da altri editori, ma ero così eccitata all'idea che un editore, "non a pagamento", avesse ritenuto pubblicabile il mio romanzo, che ho firmato subito il contratto.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Io ho ricevuto un invito a parlare del mio libro, erano interessati, ma avevo già firmato con altra CE.

Il Responsabile (che poi è quello che mi ha contattato, lasciandomi il suo numero di cellulare) ha un ruolo importante nella CE principale (Giulio Perrone).

 

Che ne pensate del fatto che alcune case editrici si stanno dotando di una sorta di "B-side", cioè marchi collegati al principale, con struttura e distribuzione "cheap", che più che altro pubblicano esordienti?

Devo essere sincero può sembrare anche una sorta di "serie C", che viene dopo le medio-grandi e le medio-piccole.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Ragno , la tua esperienza ha a che fare con quetsa casa editrice, per cui è oggetto del topic, però la tua domanda successiva:

 

7 ore fa, Ragno ha detto:

Che ne pensate del fatto che alcune case editrici si stanno dotando di una sorta di "B-side", cioè marchi collegati al principale, con struttura e distribuzione "cheap", che più che altro pubblicano esordienti?

 

è generica, per cui se vuoi discuterne (e per chiunque altro desideri rispondere) è possibile aprire una discussione apposita in altra sezione.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Il 6/7/2018 alle 13:39, cxrnvs ha detto:

Esco esattamente in questo questo momento dal loro ufficio. Venti minuti parlando di "novità", "nuovo modello di editoria", "collaborazione", "crescere insieme". Neanche una parola sul romanzo che avrebbero selezionato. Confermo i numeri letti qui sopra, numero di copie e percentuali. L'autore si fa carico di organizzare presentazioni e vendere durante queste. Tutto è supervisionato, da Roma, senza muoversi, da un redattore e da un loro addetto al marketing. 

La mia impressione? Questi non cercano scrittori, cercano piazzisti porta a porta, bravi venditori a provvigione del 7%. Questo è il loro modello : autore che vende, non autore che scrive.

Se avessi voluto fare il venditore dei miei libri, me li sarei autopubblicsti, mi sarei organizzato tutto, li avrei venduti a 7/8 euro guadagnando fino al 30%. 

Se volete fare carriera come venditori di libri, è la casa editrice per voi. 

La penso esattamente come te.

Però sono furbi a presentarsi!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Mi accodo alla discussione per contribuire con considerazioni che non riguardano soltanto questo editore, ma in genere i piccoli editori italiani. Ho una pluriennale esperienza editoriale (traduttore, editor, autore) sia in Italia sia all'estero. Ebbene, da noi i piccoli editori chiedono quasi tutti che l'autore povveda in toto a quasi alla promozione. Questi editori non inviano copie del libri che pubblicano a quotidiani o periodici per eventuali recensioni, non organiozzano loro le presentazioni, e i libri difficilmente compaiono nelle librerie - il cliente deve ordinarle il libro al libraio e aspettare anche diversi giorni per averlo. All'estero, invece, anche i piccoli-medi editori provvedono loro alla promozione, loro inviano copie per le recensioni, loro organizzano presentazioni e quanto altro. Un autore che voglia pubblicare presso un piccolo editore italiano, anche molto competente, deve tenere conto di questa realtà. Personalmente ritengo che il compito di uno scrittore sia scrivere, non vendere o promuovere. Per le vendite e le promozioni si affida appunto a un editore. Nel caso di presentazioni, è giusto che l'autore garantisca la sua presenza, ma a organizzare dovrebbe essere l'editore - come avviene in altri paesi.

  • Mi piace 3
  • Grazie 1
  • Non mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
17 minuti fa, FrFr ha detto:

Mi accodo alla discussione per contribuire con considerazioni che non riguardano soltanto questo editore, ma in genere i piccoli editori italiani. Ho una pluriennale esperienza editoriale (traduttore, editor, autore) sia in Italia sia all'estero. Ebbene, da noi i piccoli editori chiedono quasi tutti che l'autore povveda in toto a quasi alla promozione. Questi editori non inviano copie del libri che pubblicano a quotidiani o periodici per eventuali recensioni, non organiozzano loro le presentazioni, e i libri difficilmente compaiono nelle librerie - il cliente deve ordinarle il libro al libraio e aspettare anche diversi giorni per averlo. All'estero, invece, anche i piccoli-medi editori provvedono loro alla promozione, loro inviano copie per le recensioni, loro organizzano presentazioni e quanto altro. Un autore che voglia pubblicare presso un piccolo editore italiano, anche molto competente, deve tenere conto di questa realtà. Personalmente ritengo che il compito di uno scrittore sia scrivere, non vendere o promuovere. Per le vendite e le promozioni si affida appunto a un editore. Nel caso di presentazioni, è giusto che l'autore garantisca la sua presenza, ma a organizzare dovrebbe essere l'editore - come avviene in altri paesi.

Concordo perfettamente, dovrebbe essere così. Anzi, a mio modesto parere, dovrebbe essere proprio il piccolo editore a impegnarsi in modo capillare e pervicace, proprio perché privo dei grandi mezzi delle cosìddette majors.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Intervento Staff

Questa discussione riguarda una casa editrice in particolare; interventi generali sull'editoria vanno postati nelle sedi adatte.

Ritorniamo in topic, grazie.

  • Mi piace 1
  • Grazie 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao a tutti, vorrei contribuire con la mia esperienza con la CE Erudita. Anche io 15 giorni fa ho ricevuto la famosa mail con la quale mi si invitava a Roma per un colloquio, a seguito dell'invio di un mio manoscritto.

Avendo letto da tempo questa discussione ero già a conoscenza dei dettagli e delle modalità, già ampiamente specificate, quindi quando ho telefonato due giorni fa l'ho fatto solo per mera curiosità. Non mi hanno dato dettagli né chiarimenti sull'offerta di pubblicazione ma, quando ho detto che io dalla lombardia a Roma non ci sarei andato, mi hanno proposto di presentarmi a Milano al Book Pride di metà marzo 2019. Bene, ho pensato, una buona alternativa. Sono rimasto perplesso subito dopo però perché non mi hanno chiesto il nome (!!!) né mi hanno dato un appuntamento, semplicemente mi hanno consigliato di presentarmi in uno dei tre giorni della manifestazione, cercandoli presso la Perrone editore. Francamente non mi sembra una cosa seria.

Comunque se qualcuno ha voglia di farci due chiacchiere saranno a Milano dal 15 al 17 marzo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite Ginia

@Zenoteam: fammi capire. Hai chiamato in incognita? Se ti presentassi al Book Pride non ti chiederebbero chi sei e qual vento ti porti a rivolgerti a loro? Non ho capito le tue perplessità. Se loro sono lì tutto il giorno sono stati gentili a non costringerti a venire a un orario preciso e passare invece quando vuoi. No?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
3 ore fa, Ospite Ginia ha detto:

@Zenoteam: fammi capire. Hai chiamato in incognita? Se ti presentassi al Book Pride non ti chiederebbero chi sei e qual vento ti porti a rivolgerti a loro? Non ho capito le tue perplessità. Se loro sono lì tutto il giorno sono stati gentili a non costringerti a venire a un orario preciso e passare invece quando vuoi. No?

Non gli è interessato sapere chi fossi, non mi hanno chiesto di che racconto stavamo parlando, io glielo avrei anche detto...Secondo me è un'ulteriore dimostrazione che  a loro non interessa chi sei o cosa scrivi bensì se sei in grado di vendere le 150 copie che ti stampano, stanno cercando gente da arruolare senza valutarne il prodotto. Poi è una mia interpretazione, assolutamente contestabile, ma mi sembra strano che una CE invita un'autore per un colloquio senza appuntamento, chiunque ti accoglierà saprà cosa dirti, conosce il tuo scritto?  Viene da pensare che  chiunque ci sarà allo stand andrà bene, tanto non conta se il manoscritto è stato letto, l'offerta è uguale per tutti.

Comunque mi interessa poco, non credo che andrò

  • Mi piace 4

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

anche io ho ricevuto una proposta di pubblicazione in questi giorni, purtroppo dopo quello che ho letto, sono molto scoraggiata a firmare il contratto. Tra l’altro ho avuto il contatto da un’insegnante che organizza corsi a Roma al Palazzo delle Esposizioni. Alla fine del corso c’era proprio l’incontro con l’editore, io quel giorno non era potuta andare e l’ho mandato in un secondo momento. Dopo una decina di giorni mi è arrivato l’esito positivo e mi invitavano a recarmi in sede. All’inizio mi è sembrato tutto invitante, poi facendo le varie ricerche e leggendo qui, sul forum mi sono fatta un’idea più precisa. Lo devo risentire lunedì il ragazzo in questione, gli vorrei fare delle domande mirate per vedere cosa ne esce fuori... si vedrà 

grazie 

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Buonasera a tutti, anche io ho appena ricevuto la mail da L'erudita che mi invita a telefonare per fissare un incontro presso la loro sede di Roma in via Procida.

 

Io vivo ad Asti e dopo avere letto molte delle vostre testimonianze (avevo contattato anche questa CE prima di conoscere questo bel forum!) naturalmente ora sono molto restio a dare seguito a questa comunicazione... nel mio caso si tratta di saggistica e se l'esito, da quanto dite, è quello di dovere diventare una sorta di autore-venditore, non credo che proseguire il dialogo con loro possa essere la strada giusta per me.

Voi che ne dite?

 

Grazie

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Per concludere la mia esperienza con l’erudita: avrei dovuto sentire il ragazzo incaricato ma sono già due volte che lo chiamo ma non mi risponde. Evidentemente non dovevo farmi sentire dubbiosa riguardo la pubblicazione, e questo atteggiamento mi pare più che sospetto. Il loro obiettivo è pubblicare quanti più autori per fare introiti... non c’è una reale passione dietro il loro lavoro. Sono basita anche perché fa capo alla Giulio Perrone editore. Passo e chiudo! Grazie 

  • Mi piace 3

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Vorrei anch’io riportare la mia esperienza con questa CE. Mi hanno contattato per avere il manoscritto dopo che anche io, come tanti altri, avevo spedito le prime trenta pagine a Giulio Perrone. Naturalmente non ho inviato nulla, perché, nel frattempo, avevo letto questa discussione,  e meno male... altrimenti mi sarei illusa di aver suscitato interesse al primo colpo! E di questo devo ringraziare tutti voi del WD. Penso che ciò che scriviamo, bello o brutto che sia, meriti un maggiore rispetto da parte di qualsiasi CE, piccola e grande, e che certi comportamenti, proprio per questa ragione, vadano evitati.

  • Mi piace 5
  • Grazie 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Buon pomeriggio, io come tanti altri che hanno scritto prima di me ho ricevuto la fatidica mail ed ho fatto l'altrettanto fatidica telefonata, ho appuntamento per la settimana prossima ma ora, alla luce di quanto letto soprattutto negli ultimi post di questa discussione, non so bene cosa aspettarmi anche perchè è la prima volta che una CE mi ricontatta dopo l'invio di un manoscritto. Speriamo bene, anche se buona parte delle speranze che cullavo dopo aver letto i post di qualche anno fa si sono pian piano sgretolate. Autori soddisfatti della CE L'Erudita, battete un colpo!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Tommaso Mirri , vedo che questo è il tuo primo post (se escludiamo il doppione che ho eliminato). Ci piacerebbe che i nuovi iscritti si presentassero in Ingresso (qui) agli altri membri della comunità, prima di postare in ulteriori sezioni. Ti attendiamo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Sono tra quelli contatti "dall'Erudita" e anche a me non hanno anticipato niente sulla proposta che intendono farmi, mi han detto semplicemente: il romanzo  è piaciuto e lo vorremo pubblicare. Nel mio caso fortunatamente chi mi ha chiamato sarà nella mia regione in estate, e dobbiamo risentirci tra un mese così mi darà una data precisa. Io posso condividere la loro voglia di conoscere i loro autori, ma pretendere che la gente si sposti per mezza nazione prima di sentire la loro proposta mi sembra un po' eccessivo, andrebbe meglio o alla firma del contratto o dopo, magari per una presentazione... Comunque leggendo su questo bel forum, adesso conosco la loro proposta e onestamente avrei accettato e sarei anche andato a Roma, ma ieri sono stato contattato dalla *Editato dallo Staff*. Al telefono la persona mi aveva già spiegato tutto e mi ha colpito molto positivamente, poi mi ha subito inviato la mail e la loro proposta e più o meno è simile a quella che generalmente fanno quelli dell'erudita, con una differenza, mi chiedono solo 390€ anche perché il mio libro avrà 500 pagine. Ora sarò folle, ma forse firmero' con la CE che mi ha chiesto quel "piccolo" contributo. Non so, l'erudita non è riuscita a convincermi, se qualcuno mentre può darmi un consiglio lo accettero' volentieri. 

  • Non mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
28 minuti fa, Ivan Collura ha detto:

Sono tra quelli contatti "dall'Erudita" e anche a me non hanno anticipato niente sulla proposta che intendono farmi, mi han detto semplicemente: il romanzo  è piaciuto e lo vorremo pubblicare. Nel mio caso fortunatamente chi mi ha chiamato sarà nella mia regione in estate, e dobbiamo risentirci tra un mese così mi darà una data precisa. Io posso condividere la loro voglia di conoscere i loro autori, ma pretendere che la gente si sposti per mezza nazione prima di sentire la loro proposta mi sembra un po' eccessivo, andrebbe meglio o alla firma del contratto o dopo, magari per una presentazione... Comunque leggendo su questo bel forum, adesso conosco la loro proposta e onestamente avrei accettato e sarei anche andato a Roma, ma ieri sono stato contattato dalla *Editato dallo Staff*. Al telefono la persona mi aveva già spiegato tutto e mi ha colpito molto positivamente, poi mi ha subito inviato la mail e la loro proposta e più o meno è simile a quella che generalmente fanno quelli dell'erudita, con una differenza, mi chiedono solo 390€ anche perché il mio libro avrà 500 pagine. Ora sarò folle, ma forse firmero' con la CE che mi ha chiesto quel "piccolo" contributo. Non so, l'erudita non è riuscita a convincermi, se qualcuno mentre può darmi un consiglio lo accettero' volentieri. 

 

io ci penserei molto ma molto bene anche sulla proposta da 390 €

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Il Principe @LuckyLuccs

Lo so, entrambe non saranno grandi proposte, però non ho ricevuto di meglio. *Editato dallo Staff*

Altre persone qualificate hanno letto la mia opera, e tutte mi hanno detto che necessita di una Bella revisione, però la storia c'è ma ci vogliono mesi di lavoro per presentarla al pubblico finale e al momento gli unici ad accettare la sfida sono stati loro.

  • Non mi piace 3

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
13 ore fa, Ivan Collura ha detto:

@Il Principe @LuckyLuccs

Lo so, entrambe non saranno grandi proposte, però non ho ricevuto di meglio. *Editato dallo Staff*

Altre persone qualificate hanno letto la mia opera, e tutte mi hanno detto che necessita di una Bella revisione, però la storia c'è ma ci vogliono mesi di lavoro per presentarla al pubblico finale e al momento gli unici ad accettare la sfida sono stati loro.

 

Accettare la sfida quando sei tu che paghi mi pare un po' voler vincere facile, altro che sfida...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, LuckyLuccs ha detto:

 

Accettare la sfida quando sei tu che paghi mi pare un po' voler vincere facile, altro che sfida...

Si ma quando ti chiedono 1300€ solo per una revisione, 390€ per revisiosne, stampa, codice isbn e distribuzione, a parer mio son proprio una bazzecola... 

Che poi magari  non sarà un ottimo servizio pazienza, ma sempre meglio di CE che ti chiedono migliaia di € e non ti offrono tanto di più e magari quel qualcosa in più non lo sfrutti neanche perché la CE non è nella tua regione

  • Non mi piace 3

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@LuckyLuccs , @Ivan Collura , considerando che ciascun utente è libero di compiere le proprie scelte (ponderate o azzardate che siano) su cui si può essere anche in disaccordo, vi invito a disquisire in altre sezioni circa l'opportunità o meno di una pubblicazione a pagamento e continuare qui con le sole esperienze personali. In quanto tali, esse possono benissimo essere opinabili, ma cerchiamo di esporre le nostre opinioni e/o rimostranze in merito nelle aree apposite. Grazie. :)

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
2 ore fa, ElleryQ ha detto:

@LuckyLuccs , @Ivan Collura , considerando che ciascun utente è libero di compiere le proprie scelte (ponderate o azzardate che siano) su cui si può essere anche in disaccordo, vi invito a disquisire in altre sezioni circa l'opportunità o meno di una pubblicazione a pagamento e continuare qui con le sole esperienze personali. In quanto tali, esse possono benissimo essere opinabili, ma cerchiamo di esporre le nostre opinioni e/o rimostranze in merito nelle aree apposite. Grazie. :)

 

chiedo scusa, ho risposto in questo senso perché @Ivan Collura aveva espressamente chiesto un consiglio.

Continuiamo in privato.

  • Mi piace 1
  • Grazie 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un utente per inserire un commento.

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

×