Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

Mrs Dalloway

Si deus est, unde malum?

Post raccomandati

Da tenere anche presente, ma è una chiosa, che la Germania dopo la fine della 2^ GM pagò molto duramente e con gli interessi.

Che mi dici dei campi di concentramento istituiti dai "liberatori" dove furono rinchiusi inutilmente donne e bambini tedeschi che non c'entravano niente con il nazismo, lasciando che le vittime del nazismo, talune vittime, non tutte, infierissero nei loro confronti?

La Germania non ha pagato un accidente. Sei milioni di vite distrutte nel più totale abominio, un decennio di terrore e sei anni di guerra non li ripaghi, e sicuramente non con gli interessi. Ma per favore.

Il silenzio della Chiesa cattolica ufficiale in questa, e troppe altre occasioni, è solo una vergogna che va guardata in faccia e riconosciuta per evitare argomentazioni barbine. Senza ma e senza però. Il comportamento di alcuni cristiani benefattori è un altro discorso.

" I vari concordati e decreti sull'istituzione dei ghetti ebraici sono anche quelli figli dei loro tempi visti con il senno di poi. L'alternativa era il rischio della scristianizzazione dell'Occidente"

:facepalm:

Non a tutti i teologi e nemmeno nei concili regionali (che però non fanno testo) garbava l'idea che l'uomo potesse discendere da un bruto che proveniva dal fango e non dall'Eden come creatura già completa e dotata di anima. Nemmeno a me garba l'idea, nonostante sia un ignorante.

Sorvolando sulla fantascienza del monogenismo e del poligenismo, sono curiosa. Perché l'idea di discendere da una scimmia è così repellente? Sono creature intelligenti e sensibili.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite Signor Ford

Ok. Ho evitato questo topic, perché pensavo si rivolgesse in primo luogo ai credenti, e dato che io non lo sono in senso cattolico, non me ne sentivo a parte. Strana reazione, lo so, ma ho appreso che il cattolicesimo vorrebbe che io mi odiassi per quello che sono, e come risposta ho imparato a odiare loro con la stessa intensità.

Comunque, due paroline le vorrei dire, sulla questione nazismo: Allora, il fatto che si dica che la Germania abbia pagato molto, forse, andrebbe accompagnato anche dal fatto che la Germania, dal secondo dopoguerra, ha iniziato a chiedere scusa a tutti per quello che ha combinato. Lo dimostrano i vari monumenti sparsi: contro l'olocausto, contro l'omocausto e contro tutte le nefandezze che la specie umana col nazismo è stata in grado di realizzare. Onde per cui, Albè, se ha pagato, è perché se lo è meritato, e la colpa oggi i tedeschi se la vedono tutta addosso se ancora cercano di riabilitarsi agli occhi della comunità mondiale.

Non ti piacerà, so bene, anche il seguito delle mie parole. Tu dici:

Non nego assolutamente questo. I vari concordati e decreti sull'istituzione dei ghetti ebraici sono anche quelli figli dei loro tempi visti con il senno di poi. L'alternativa era il rischio della scristianizzazione dell'Occidente, cosa che comunque, malgrado i concordati sta avvenendo alla grande, visto che se io mi sogno di mettere il Crocifisso nel mio ufficio pubblico rischio di essere denunciato.

Ecco. A parte che un discorso del genere mi pare un'apologia antisemita bella e buona, ma francamente: i cristiani, il clero, vedeva negli ebrei uno spauracchio da osteggiare perché minava il loro potere temporale e il loro predominio di controllo sulla popolazione. Non foss'altro che hanno pubblicamente accusato la popolazione ebrea di aver ammazzato Gesù. Ok, è anche vero questo (ma i romani se ne sono lavati le mani), ma da che io ricordi del catechismo, il vangelo invita i credenti "ad amare il prossimo tuo come te stesso". Ecco, non mi sembra proprio che questa tendenza di voler trucidare un ebreo, escluderlo, ghettizzarlo, sia proprio amore.

Questione crocifisso: uno stato in primis laico, come è giusto che debba essere, non può e non deve in qualche modo avvantaggiare la religione (=aspetto privato della vita delle persone) di una certa porzione di cittadini rispetto alla totalità. Per due motivi distinti:

1: se metti il crocifisso, proprio per rispetto dell'altro, mi metti accanto tutti i simboli di tutte le religioni esistenti nel paese.

2. Essendo la confessione una questione privata dell'individuo, vado a praticarla nei luoghi di culto a ciò preposti: se devo pregare vado in chiesa, non all'anagrafe del mio Comune dove devo fare altro.

In guerra hanno aiutato, ogni volta che potevano: Ebrei, Alleati, Tedeschi, nazisti e fascisti e addirittura i partigiani, quando, da una parte o dall'altra le sorti cambiavano e rischiavano la pelle. Infatti la religione cristiana è sempre stata uno "scandalo". Per fortuna dico io, al contrario di certi uomini e di certe opinioni intercambiabili.

Certo: hai ragione. La religione ha fatto scandalo. Ma sai, lo scandalo sta nel fatto che, sempre secondo la bibbia, chi aiuta un criminale che deve essere punito, e lo fa scappare, non sta aiutando una persona bisognosa: diventa complice del crimine.

E francamente: la chiesa ha fatto tanti altri scandali nel tempo e nello spazio, non ha solo aiutato i nazisti, ma ha rovinato la vita di milioni di bambini coprendo gli atti di pedofilia, massacrato e ucciso oppositori a tutto spiano spargendo sangue (eretici, donne emancipate chiamate "streghe", guerra santa, crociate, ugonotti, protestanti... ti ricorda nulla?)

Eh sì, il grande Papa Giovanni II nel 2000 ha fatto scandalo per il WorldPride a Roma, perché era inconcepibile che si manifestasse il rispetto per gli omosessuali nella città "Santa" durante il Giubileo. Però aspetta: qualche mese prima non ha avuto nulla da obiettare quando ha stretto sorridente la mano a un certo signor Pinochet colpevole di un eccidio di proporzioni enormi nel suo paese (e dubito che ignorasse la questione).

Ma chissà perché: i gay è giusto che soffrano perché vivono nel peccato. "Ama il prossimo tuo, come te stesso". Sì, come no [cit.].

Ecco un esempio di cosa sia lo scandalo della chiesa oggi (immagine liberamente trovata su un social network):

chiesak.jpg

Che mi dici dei campi di concentramento istituiti dai "liberatori" dove furono rinchiusi inutilmente donne e bambini tedeschi che non c'entravano niente con il nazismo, lasciando che le vittime del nazismo, talune vittime, non tutte, infierissero nei loro confronti?

Su questo ti chiedo lumi perché non ne sono a conoscenza. Ma in ogni caso, efferatezze ce ne sono state da entrambe le parti, ma davvero: cosa avevano fatto di male 6.000.000 circa di ebrei, 20.000 omosessuali, e via dicendo? Siamo certi che sia giusto, giustificare il nazismo? Purtroppo, scusami, ma ho avuto esperienza in famiglia del campo di concentramento, e non è stata una bella cosa.

Senza offesa, ma Paolo di Tarso è stato uno di quelli che, per il suo tempo (e ricordo che l'ebraismo cristiano musulmano all'epoca era l'unica setta- poi religione- che parlava di abominio nel giacere con uomo come fosse una donna) si scagliò contro gli omosessuali. Mio pensiero personale, ma la decapitazione è stata un punizione troppo blanda, e quasi gentile, per tutto quello che, grazie a lui, vivono sulla propria pelle quelli come noi.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Onironauta, studio ed esperienza del "metodo scientifico" non giustificano il disprezzo che traspare dalle tue parole che definiscono "atavici intrugli" modi diversi di intendere la conoscenza umana. Se non è tirannide intellettuale questa... o forse il disprezzo è meglio? :)

Per quanto riguarda la questione "schiavitù", che a tuo parere sembra che io abbia "sradicato dal suo contesto per trasferirla all'oggi"... tu stesso hai parlato di misoginia riguardo a Paolo di Tarso. E da come hai esposto la questione pare intrisa di concezioni Illuministiche sull'uguaglianza che poco hanno a che vedere con Paolo e il suo tempo.

È comodo mescolare la linea del tempo a proprio vantaggio per sostenere le proprie tesi e impedire di farlo a chi ti risponde. ;)

E poi è vero, sono agnostico. Forse dovresti leggere meglio i miei primi interventi nel topic. ;) Ma metto in dubbio le tesi che ritengo più attaccabili, senza usare (male) argomenti che trovo forzati o privi di fondamento.

Per esempio sono quasi completamente d'accordo con quanto detto da Frà.

Ma ora lascio la parola a chi è più teologo di me...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Non a tutti i teologi e nemmeno nei concili regionali (che però non fanno testo) garbava l'idea che l'uomo potesse discendere da un bruto che proveniva dal fango e non dall'Eden come creatura già completa e dotata di anima. Nemmeno a me garba l'idea, nonostante sia un ignorante.

Sorvolando sulla fantascienza del monogenismo e del poligenismo, sono curiosa. Perché l'idea di discendere da una scimmia è così repellente? Sono creature intelligenti e sensibili.

Credo che sia perché in questo modo l'uomo è costretto ad ammettere di non essere poi così diverso dagli animali, di non avere quella posizione privilegiata che crede di avere.

C'è poi un'altro motivo, molto più preoccupante per certi aspetti: che prima o poi ci sia una nuova evoluzione e un'altro essere intelligente faccia la propria comparsa sulla Terra.

La scienza con le sue scoperte ha capito che siamo un evoluzione delle scimmie, non ci trovo nulla di strano (troverei molto più spaventoso l'idea che due soli umani abbiano dato vita a 7 miliardi di persone, sarebbe un incesto di proporzioni epiche)

Ancora una volta non posso che rispondere che con le parole di Sagan.

palebluedot.png

Pensate ai fiumi di sangue versati da tutti quei generali e imperatori affinché, nella gloria e nel trionfo, potessero diventare i signori momentanei di una frazione di un puntino. Pensate alle crudeltà senza fine inflitte dagli abitanti di un angolo di questo pixel agli abitanti scarsamente distinguibili di qualche altro angolo, quanto frequenti le incomprensioni, quanto smaniosi di uccidersi a vicenda, quanto fervente il loro odio. Le nostre ostentazioni, la nostra immaginaria autostima, l'illusione che abbiamo una qualche posizione privilegiata nell'Universo, sono messe in discussione da questo punto di luce pallida. Il nostro pianeta è un granellino solitario nel grande, avvolgente buio cosmico.

Quella dell'uomo non è che una illusione. Abitiamo su un pianeta sperduto alla periferia di una delle miliardi di galassie presenti. Grandezze così grandi da risultare difficili anche solo da arrivare a immaginare. Dire che l'universo visibile è circa 13,7 miliardi di anni-luce è semplice, ma riflettere su cosa quella distanza indichi davvero... beh... provateci.

@Unius può non piacerti che uno scienziato ti dica quando è nato l'universo, eppure può farlo, può anche dirti cosa sia successo fino a pochissimi millesimi di secondo dopo il big bang, quando ancora tutte le forze erano una sola. Al momento su cosa è successo al momento 0 ci sono solo ipotesi, ma io credo si arriverà a capire anche quello.

Quoto tutto quanto detto da Frà.

L'essere credenti o meno è una scelta privata, ma per quanto riguarda le varie "chiese" non riesco a non essere critico, perché a mio modesto modo di vedere pur proclamandosi portatrici di valori superiori in realtà diffondono valori e disvalori molto umani.

Rispondo solo adesso a galgano

Non so dove tu abbia poi tratto la conclusione che ci crediamo gli unici esseri viventi dell'intero Universo. Nessuno dalle parti di Roma lo crede. Il problema per loro risiede semmai nella curiosità se la Rivelazione (Gesù che si è fatto uomo) si sia ripetuta anche in quel pianeta. Ma temo che rimarrà una curiosità senza risposta ancora per molto. Almeno finché non entreremo in contatto con una razza aliena.

Se le varie chiese non riescono ad accertarsi l'una con l'altra, veramente credete che se mai entreremo in contatto con altre civiltà che hanno una religione le chiese sarebbero pronte a riconoscere nel loro dio anche il proprio?

Sarà, ma io ipotizzo solo guerra nel caso di una cosa del genere.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Frà, guarda che io non sono un nazista, sarebbe difficile per me esserlo: mio padre trascorse due anni nei campi di concentramento tedeschi, era un carabiniere di 19 anni.

Non sono contro gli omosessuali e questo lo sai;

Odio la pedofilia e chi la favorisce o la nasconde, da qualunque ambiente o pulpito provenga;

Il fatto che la chiesa odiasse e temesse gli Ebrei accusandoli di aver ucciso Dio è parzialmente vera, i motivi erano anche altri. Ma in ogni caso non trovo scusanti all'Olocausto.

( Se poi vogliamo spaccare il capello in quattro, in un ipotetico processo contro chi uccise Gesù ci dovremmo mettere sia i mandanti, gli Ebrei, e sia gli esecutori, i soldati romani della X Legio Fretensis, formata da italici, non ancora italiani, ma delle nostre parti comunque, documentazione in abbondanza ovunque per chi vuole dare un'occhiata, su cartaceo e in rete.)

Ma già mi pento di averlo detto: Onironauta ha già classificato le mie argomentazioni come strampalate e comiche, chissà che altre risate gli farò fare...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite Signor Ford

Diciamo che l'omicidio del Nazareno è la versione ufficiale, i motivi erano altri sì. Ci mancherebbe altro, Albé, ma è sempre meglio specificare. Letto così, il tuo intervento precedente da adito anche a una "giustificazione" dell'antisemitismo. Sempre meglio discostarsi dalle motivazioni storicamente certe con le proprie personali opinioni. :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

In certe scuole lo hanno tolto perchè ci sono state denunce di genitori, italiani pseudo cattolici e stranieri. Perchè "turbava" i bambini e "offendeva" chi non era cristiano.

Poi lo hanno rimesso. E chi insisteva ad appenderlo nonostante le denunce, a "ostentarlo", era considerato... lasciamo perdere.

Non voglio dire che è una situazione all'ordine del giorno, per fortuna non ancora, ma poco ci manca. Queste cose sono successe e sono state riportate in tv e giornali, nonchè hanno causato apertura dibattiti idioti sull'opportunità di usare questo "residuo" medievale.

Dibattiti idioti per la levatura morale a sfottò di chi li conduceva, fra una risata e una pubblicità, facendo apparire i sacerdoti invitati a questi dibattiti tv come emeriti imbecilli.

Adesso non se ne sente parlare da un po', ma stai tranquilla che all'apertura delle scuole ci sarà qualche esposto di altri genitori indignati dall'ostentazione di "quell'uomo morto appeso".

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Credo che non volere i crocifissi a scuola sia solo una questione di rispetto. E di coerenza.

Rispetto perchè non è giusto elevare la religione cattolica a religione "migliore", unica di cui si debba esporre un simbolo, rispetto alle molte religioni che ormai affollano il nostro paese, sempre più indirizzato verso il meltin' pot.

E coerenza perchè se la chiesa si deve occupare dello spirito, se la religione si deve interessare dell'anima, che senso ha volere influenzare la vita sociale - e spesso politica - di un paese? Mettendo poi cosa? Un simbolo, un oggetto di cui, in teoria, chi ha vera fede dentro sè stesso non ha bisogno?

Sembra quasi un'imposizione, che mal si concilia con il rispetto verso tutti predicato tanti anni fa. O forse il rispetto vale solo per chi la pensa come te?

(te, inteso persona che credi nella parola di Gesù, non te Caio o Tizio)

Certo che siamo i campioni dell'OT ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Onironauta, studio ed esperienza del "metodo scientifico" non giustificano il disprezzo che traspare dalle tue parole che definiscono "atavici intrugli" modi diversi di intendere la conoscenza umana. Se non è tirannide intellettuale questa... o forse il disprezzo è meglio? :)

Ecco, anche questa è una cosa che non si capisce. Uno scienziato studia per almeno dieci-venti anni una disciplina, la quale deve essere formata di fatti dimostrabili, dimostrati e verificati praticamente dall'orbe terracqueo, e sottopone a verifica continua ogni parte del suo lavoro prima di arrivare a dire "forse è così, proviamo", cercando sempre nuovi metodi per rendere imparziale e certa la verifica (vedi per esempio il metodo del doppio cieco che si usa in medicina).

Altri invece si affidano ai rimedi della nonna (che essendo buona si sa che non può farti male) o al più a principi curativi in cui la dimostrazione massima è "si fa così da mille anni" o "segue la filosofia cinese", che è superiore per definizione, e non accettano di sottoporsi a nessuna verifica seria. Né ovviamente a studiare per venti anni per curare (forse) una malattia, ma in un paio d'anni al massimo si arriva a una panacea di tutti i mali, roba che neanche l'erba del re di tolkeniana memoria.

Ma gli arroganti sono sempre gli scienziati. Mah. :grat:

Per quanto riguarda la questione "schiavitù", che a tuo parere sembra che io abbia "sradicato dal suo contesto per trasferirla all'oggi"... tu stesso hai parlato di misoginia riguardo a Paolo di Tarso. E da come hai esposto la questione pare intrisa di concezioni Illuministiche sull'uguaglianza che poco hanno a che vedere con Paolo e il suo tempo.

È comodo mescolare la linea del tempo a proprio vantaggio per sostenere le proprie tesi e impedire di farlo a chi ti risponde. ;)

Ho capito. Gesù era un illuminista trasportato con la macchina del tempo. Non ci sono altre spiegazioni, fosse stato un figlio del suo tempo sarebbe stato misogino anche lui, e avrebbe scagliato altro che prime pietre, pareti di mattoni intere. Per non dire che avrebbe schifato persino sua madre, visto che era costume dell'epoca.

Su questi concordo con Unius: più facile che abbiano modificato le lettere di San Paolo più tardi, quando la politicizzazione della chiesa richiedeva che le donne tornassero al loro posto (e magari anche un paio di gradini più giù), viste le contraddizioni nel suo apostolato. Ma anche non fosse le contraddizioni fanno parte della natura umana.

In ogni caso non è che in un momento storico o in un posto debbano essere tutti allineati come domini magnetici: il mondo ellenistico produceva idee e costumi nuovi ogni giorno, e lo stesso spirito che ha generato Gesù e Paolo ha generato anche Ipazia, la quale era una donna dei suoi tempi come quelli che l'hanno martirizzata. Anche oggi esistono gli uni e gli altri e anche se la società è profondamente maschilista, c'è comunque chi non la pensa in modo allineato.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Scusate l'ultimo OT... Quindi se non c'è una legge che obblighi i crocifissi in aula è possibile protestare perché venga tolto dall'aula o si possa mettere anche il simbolo di altre religioni?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite Lem Mac Lem

Scusate l'ultimo OT... Quindi se non c'è una legge che obblighi i crocifissi in aula è possibile protestare perché venga tolto dall'aula o si possa mettere anche il simbolo di altre religioni?

In realtà la legge imporrebbe di toglierli da tutti gli uffici aperti al pubblico, sti crocefissi. Comunque sì, puoi pretendere che venga tolto, o se vuoi fare la tollerante puoi pretendere che venga aggiunto il simbolo della tua religione.

Ammetto che vorrei tanto trovare un muro dove accanto al crocefisso ci sia un Buddha panzone e ridanciano o un bel pentacolo wicca *trollface*

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ammetto che vorrei tanto trovare un muro dove accanto al crocefisso ci sia un Buddha panzone e ridanciano o un bel pentacolo wicca *trollface*

Qualcuno dovrebbe farlo :ohh:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ammetto che vorrei tanto trovare un muro dove accanto al crocefisso ci sia un Buddha panzone e ridanciano o un bel pentacolo wicca *trollface*

in Italia? forse fra qualche migliaio di anni. per ora dobbiamo accontentarci dei simboli religiosi di chi predica la povertà e conserva pepite d'oro nei cassetti delle proprie scrivanie. pepite che poi si fa pure fregare dal maggiordomo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

La classe di mio fratello lo fece. Se non ricordo male c'era pure un Quelo.

Ma erano altri tempi. Ora, dopo tutto il can can che è stato fatto intorno alla questione, è diventato quasi impossibile toglierlo o aggiungere altri simboli. Solo esprimere l'idea di poterlo ipotizzare porta all'accusa di anti-cristianesimo e di minare le radici culturali d'Italia. Perché è chiaro che i cristiani in Italia sono una minoranza da tutelare.

Comunque la presenza del crocefisso in aule scolastiche e altri uffici pubblici è previsto dalla legge, ossia è obbligatorio, però solo per elementari e medie.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Swetty Ma si sa che ultimamente in Italia basta poco per essere accusati di essere anti-cristiani. Io ho fatto una vera e propria lotta perché durante l'ora di religione alle superiori si parlasse della storia delle religioni (e altri argomenti pertineti) e non si tramutasse in un catechismo scolastico.

Mi permetto un ultimo OT: se volete una risposta a effetto ma anche vera per la domanda "Chi siamo?" (va beh in realtà sarebbe più corretto dire che è la risposta alla domanda di cosa siamo fatti, ma allarghiamo il discorso ^_^) rispondete: "Polvere di stelle" (non vi spiego il perché è vera perché poi vado troppo ot, se però vi interessa possiamo parlarne altrove... maniaco dell'astronomia mode ON)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite Lem Mac Lem

Ma erano altri tempi. Ora, dopo tutto il can can che è stato fatto intorno alla questione, è diventato quasi impossibile toglierlo o aggiungere altri simboli. Solo esprimere l'idea di poterlo ipotizzare porta all'accusa di anti-cristianesimo e di minare le radici culturali d'Italia. Perché è chiaro che i cristiani in Italia sono una minoranza da tutelare.

Ecco, sempre chiesta: visto che evidentemente le nostre radici culturali sono più importanti del nostro futuro, visto che le prime vengono tutelate col sangue (nostro) mentre il secondo è un bagno di sangue (sempre nostro), perché invece del crocefisso non si mette la bandiera italiana?

Che sarà demodè, ma sfido chiunque a negare che rappresenti la nostra identità nazionale, molto più di un mediorientale giustiziato migliaia di anni fa.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ecco, sempre chiesta: visto che evidentemente le nostre radici culturali sono più importanti del nostro futuro, visto che le prime vengono tutelate col sangue (nostro) mentre il secondo è un bagno di sangue (sempre nostro), perché invece del crocefisso non si mette la bandiera italiana?

Che sarà demodè, ma sfido chiunque a negare che rappresenti la nostra identità nazionale, molto più di un mediorientale giustiziato migliaia di anni fa.

Quotissimo. Anche perché non solo non mi sento rappresentata da un mediorientale giustiziato duemila anni fa (e che non sono nemmeno sicura sia esistito) ma nemmeno dei tanti italiani suoi seguaci, padre Pio per primo (che ormai non puoi girarti che trovi un'orrida statua in ogni angolo... non per dire, ma che c'entra padre Pio a Fossanova? E scusate l'ot)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite Lem Mac Lem

Beh no, storicamente è abbastanza dimostrato che Gesù sia esistito, che abbia girato per la Palestina predicando, e che sia stato giustiziato tramite crocefissione.

Quello che non è dimostrata è la sua natura divina, ma lì si entra nell'ambito del non dimostrabile, quindi ciccia.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
storicamente è abbastanza dimostrato che Gesù sia esistito

Volendo è anche abbastanza non dimostrato, dato che solo una decina di storici parlano vagamente di uno che predicava, o di uno che è stato giustiziato perchè faceva stregonerie, o di uno che esaltava le folle. O al massimo parlano dell'eclissi o dell'abitudine alla crocifissione.

Non ce n'è uno e dico uno che abbia detto le stesse cose di questo fantomatico tizio così come sono descritte nei vangeli, eppure avrebbe dovuto essere un omino importante... per fare miracoli, proclamarsi divino, tentare di rovesciare un governo e venire ammazzato come pubblico esempio, magari due parole in più le avrebbe meritate. Invece niente. O Bibbia o vaghi accenni.

Ehm... ho fatto un altro OT : RedFace :

Non gli si può cambiar titolo, alla discussione, e chiamarla "tutto ciò che vi passa per la testa sul cristianesimo"? ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ehi, ehi, ehi, (come diceva Fonzie, hanno fatto anche delle repliche dovrebbe essere conosciuto :D ).

Qualcuno potrebbe offendersi a sentire chiamare Gesù il Cristo solo un "mediorientale".

Il termine "mediorientale" non è offensivo, ma a seconda del tono con cui viene usato può dare adito a equivoci. Lo so che non è stato certo detto con intenti razzisti.

A questo punto non dovrebbero esserci problemi se un mediorientale (per chi non lo sapesse, sono di razza bianca come noi, longobardi e celti a parte naturalmente, che appartengono al ceppo nordico) non dovrebbero esserci problemi se un "occidentale" mettiamola così, mostrasse fastidio al fatto che vede intorno a se, a Parigi come a Londra o a Milano o a Genova, un tempio a Buddha, che è un "indiano" o peggio, rappresentati i pensieri del Taoismo e Confucianesimo che sono "cinesi".

Vogliamo parlare della religione giapponese? Si aprirerebbe un vespaio, lo so, con tutti i manga che abbiamo... confesso la mia ignoranza in questo campo.

Ma forse sono meglio graditi. Perchè non sono cristiani ovviamente e perchè le statue di Buddha ci stanno bene in giardino e non spaventano. :)

ps.

senza vena di polemica, ma nei miei viaggi in Medio Oriente ho incontrato ragazze bionde e rosse di capelli, con gli occhi verdi e celesti. E non erano figlie di inglesi o tedeschi in vacanza.

Erano del posto, di Amman per essere precisi. Da innumerevoli generazioni. : Chessygrin :

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Beh, se vogliamo aprire una gigantesca parentesi su come il Buddhismo non sia una religione ma una filosofia, o un'esaltante discussione sul pantheon shintoista Jappo, prenoto una poltroncina in prima fila e dò una pulita alla tastiera ^_^

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite Lem Mac Lem

Volendo è anche abbastanza non dimostrato, dato che solo una decina di storici parlano vagamente di uno che predicava, o di uno che è stato giustiziato perchè faceva stregonerie, o di uno che esaltava le folle. O al massimo parlano dell'eclissi o dell'abitudine alla crocifissione.

Non ce n'è uno e dico uno che abbia detto le stesse cose di questo fantomatico tizio così come sono descritte nei vangeli, eppure avrebbe dovuto essere un omino importante... per fare miracoli, proclamarsi divino, tentare di rovesciare un governo e venire ammazzato come pubblico esempio, magari due parole in più le avrebbe meritate. Invece niente. O Bibbia o vaghi accenni.

Ehm... ho fatto un altro OT : RedFace :

Non gli si può cambiar titolo, alla discussione, e chiamarla "tutto ciò che vi passa per la testa sul cristianesimo"? ;)

No, è dimostrato. Era uno dei tanti predicatori che giravano per la Palestina parlando contro la dominazione romana (infatti i Vangeli si preoccupano di smentire che Gesù fosse uno degli agitatori che venivano crocefissi a paccate in quei giorni, anche se ha fatto la stessa fine).

E basta con l'OT, please, che in questo post ho letto già parecchie cose che mi hanno fatto girare le scatole non poco. E a tale proposito...

Qualcuno potrebbe offendersi a sentire chiamare Gesù il Cristo solo un "mediorientale".

Beh molta gente si potrebbe offendere per molte altre cose, che pure sono state fatte passare, in questo post.

Chiuso l'OT. Sul serio.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Per la verità dal punto di vista storico non è che ci sia granché. La figura di Gesù Cristo compare, se non sbaglio, a partire dal quarto secolo.

Esistono pochissime citazioni precedenti e tutte piuttosto dubbie. Una è quella tratta dalle vite dei Cesari di Svetonio (ma siamo già intorno al centoventi) secondo cui sotto l'imperatore Claudio ci fossero stati dei disordini tra gli ebrei risiedenti a Roma "A causa dell'influsso di un certo Cresto"

Più interessante è un testo di Giuseppe Flavio, uno storico ebraico romanizzato, perché risalente alla seconda metà del primo secolo.

Il testo di G. F. tradizionalmente tramandato è piuttosto dubbio e, probabilmente, interpolato da qualche commentatore cristiano successivo. Però esiste una versione araba che ha l'aria di essere più vicina all'originale e in cui si accenna comunque della figura di Gesù Cristo come di un predicatore avente discepoli.

Anche se il testo si sofferma più che altro sul fratello di Gesù, Giacomo, e sulla vicenda di Giovanni Battista nel quadro della biografia di re Erode.

Comunque questo è tutto.

Modificato da Nanni

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Si, comincia a farlo Bee che ti ascolto. Lo so che il Buddhismo è una filosofia, e il Taoismo e il Confucianesimo. Trasportiamo il Buddha dormiente anche a Roma, sul raccordo anulare.

Sarebbe un segno di rispetto per i Buddhisti, non trovi? Visto che li offendiamo tutti i giorni con l'ostentazione a casa nostra della (non dico "nostra" religione, perchè non voglio offendervi) della mia religione cristiana.

Illà llikà in sciallah

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite Lem Mac Lem

Devo ripeterlo?

FINITELA CON QUESTO OT. AL PROSSIMO PARTONO I RICHIAMI.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Chiedo scusa, il mio era un commento a quanto scritto da Lem a proposito dell'esistenza storica di Gesù Cristo. Non mi ero reso conto che poi erano stati aggiunti parecchi interventi.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

×