Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

Ospite AfroditeAx

Scirocco

Post raccomandati

Ospite AfroditeAx

In un sera afosa e stanca

porti l’essenza di giardini

chiusi e invalicabili.

Sei un alito

sul mare piatto e liscio.

Turbine di sabbia infuocata,

sei uno scirocco furioso

e devastante.

Alzi sul mare vorticando

colonne d’acqua,

percuoti le lande erbose,

sradicando tenui germogli.

Vibrante di infinite armonie,

sei tagliente

fendendo canne e arbusti,

docili al tuo soffio,

libero e indomato.

Ahimè, risuoni tetro,

imprigionato

ed imbrigliato

in buie spelonche.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Bella, veramente bella...

Una piccola considerazione stilistica: dopo "arbusti" non avrei messo la virgola. Suona diverso e forse è troppo scorrevole senza virgola, ma a mio avviso darebbe un'enfasi maggiore alla forza dell'elemento...

La poesia ha una sorta di ritmo che parte piano per poi salire di colpo e concludersi in maniera riflessiva, e questo mi piace molto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite AfroditeAx

Grazie Jair, in effetti quella virgola impensieriva anche ma... ci penserò.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Molto interessante come poesia.

Parti da una posizione di tranquillità apparente, di una situzione quasi d'attesa "un alito sul mare piatto e liscio"; poi nella seconda strofa in un momento cambia tutto, quindi in realtà io vedo un cambio di sensazione, un'inquietudine che diventa grintosa. Questa sensazione diventa ricerca di libertà nella terza strofa e si esaurisce in una sensazione di rassegnazione forzata nella quarta e ultima. E' una poesia che nasce e muore, senza lasciare un pensiero, senza lasciare strascichi di domande. Adotti un linguaggio semplice ma mai banale e riesci a far vivere a chi ti legge in alcuni tratti la visione del momento, ed è per questo che il mio commento non puo' che essere positivo!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Come sempre, un lavoro ben riuscito. E' una poesia carica di immagini nitide, potentemente suggestive. La promessa dell'incipit è rispettata, e tutte le strofe (specie la terza) sono all'altezza della prima. Se mi posso permettere, io userei meno aggettivi. Secondo me appesantiscono il testo senza conferirgli particolare vivacità (eccezion fatta per i secondi due, "chiusi e invalicabili"). Molto spesso sono simili, e perciò in una certa misura ripetitivi e superflui (come questi che ho inserito or ora). E dato che la poesia è essenza, mi sembrano impoetici.

(La mia non vuole essere una critica, visto che, a mio avviso, sei la poetessa più brillante di Writer's Dream)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite
Questa discussione è chiusa.

×