Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

Salvo Honeycutt

Aggressione.

Post raccomandati

Ciao a tutti, vorrei chiedervi una cosa.

Uno dei miei personaggi viene aggredito da cinque persone a lui sconosciute che nel momento dell'aggressione portavano il passamontagna. Non ha riportato ferite gravi.

Soltanto che trova sul muro di casa sua una minaccia di morte.

Ora. Il personaggio va dalla polizia. Ma quest'ultima come si comporta a riguardo?

In che modo può intervenire?

Il personaggio deve convivere con il terrore di una seconda aggressione e di essere ucciso?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

La polizia prende nota. Devi fare una denuncia e in questo caso, forse, partono delle indagini. Ma non è molto probabile che succeda, a meno che non sia tu a fornirgli qualche indizio.

Temo che l'ultima ipotesi che fai sia la più probabile.

D'altra parte se qualcuno ti aggredisce avrà una qualche ragione per farlo e, probabilmente, cercherà di fartela conoscere, se vuole qualcosa dda te.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Allora probabilmente la polizia sa già qualcosa. Cinque persone che si coordinano per un'azione violenta hanno bisogno di comunicare tra loro e avranno un luogo in cui farlo, un circolo razzista, un club di tifosi ultras o qualcosa di simile, e ci saranno altre persone coinvolte oltre a quelle che svolgono materialmente l'azione. E queste cose di solito la polizia le conosce.

A questo si aggiunge che il fatto avrà probabilmente una certa risonanza, un po' per la generale cattiva coscienza, un po' per l'intervento delle associazioni che proteggono gli omosessuali. Facile quindi che i responsabili siano individuati e persino fermati.

Che poi restino in prigione è tutta un'altra storia. L'aggravante della discriminazione sessuale non è stata convertita in legge per colpa dei cattolici presenti nei diversi partiti e per l'aggressione con lesioni lievi non si arriva a pene tali da portare alla detenzione. A meno che non ci siano precedenti o l'arresto non sia considerato "in flagrante" - che non vuol dire immediato - poca roba comunque.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite Lem Mac Lem

Più che altro, considera che gli omofobi sono gente violenta, e che cinque persone che ne aggrediscono un'altra possono tranquillamente ammazzarla, anzi, di solito se si organizzano per un'aggressione così in grande stile lo scopo è quello. E' poco verosimile che ne esca con qualche contusione di poco conto.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite Prisca
Più che altro, considera che gli omofobi sono gente violenta, e che cinque persone che ne aggrediscono un'altra possono tranquillamente ammazzarla, anzi, di solito se si organizzano per un'aggressione così in grande stile lo scopo è quello. E' poco verosimile che ne esca con qualche contusione di poco conto.

Purtroppo è vero. Ormai ci si ammazza per poco.

Se fossi al tuo posto, proverei a contattare i vigli urbani per avere informazioni precise. Se mi dai altri dettagli in privato, altrimenti, mi posso informare personalmente. :la: Ricordati che la cosa dipende anche da dove è ambientato.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite Bradipi

Salvo, se parli di attualità devi leggere la cronaca nera dei giornali, ad esempio questa notizia: http://tg.la7.it/cronaca/video-i569238 o le tante consimili.

Un piccolo suggerimento: mettiti nei panni di tutti i personaggi: in cinque vanno a fare una spedizione e in tutto riescono solo a ottenere ferite non gravi? Saranno sfottuti a sangue da tutti i loro amici.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao a tutti, vorrei chiedervi una cosa.

Uno dei miei personaggi viene aggredito da cinque persone a lui sconosciute che nel momento dell'aggressione portavano il passamontagna. Non ha riportato ferite gravi.

Soltanto che trova sul muro di casa sua una minaccia di morte.

Ora. Il personaggio va dalla polizia. Ma quest'ultima come si comporta a riguardo?

In che modo può intervenire?

Il personaggio deve convivere con il terrore di una seconda aggressione e di essere ucciso?

Nell'ordine:

la polizia richiede la cartella al medico di servizio nel pronto soccorso dove lui è stato portato ed in base alla prognosi formula un'informativa di reato all'Autorità Giudiziaria (il PM) per il reato di lesioni. Se la prognosi (e per prognosi non si intende quanto sta in ospedale, ma il tempo efefttivo per guarire) è superiore ai 20 giorni sono lesioni gravi, se l'arto o la sede non riacquisterà mai la sua funzionalità al 100% sono permanenti, se potevano compromettere le funzioni vitali diventa tentato omicidio.

Il PM, ricevuti gli atti, apre le indagini e ordina (di solito al comando che segnala il fatto,ma NON sempre) di procedere.

In questo caso le indagini le farei tra coloro che la vittima conosceva: erano mascherati, quindi temevano di essere riconosciuti, e il fatto che si trovi le minacce di morte in casa significa che sanno dove trovarlo.

Se ci fossero locali o organizzazioni notoriamente omofobe e violente (forza nuova, casapound) batterei quella pista, ma sarei anche tentato di sospettare che si tratti di coperture, ovvero che l'aggressione è per motivi diversi da quelli che sembrano evidenti, quindi indagherei anche in altri giri della vittima, relegando l'ipotesi "aggressione omofoba" all'ultimo posto.

Inutile dire che sequestrerei tutte le registrazioni delle telecamere di sorveglianza entro 500 metri dal fatto: sicuramente un gruppo di 5 uomini non passa inosservato, e le possiblità che una telecamera li inquadri (magari senza i passamontagna o per somma fortuna mentre se ne vanno in un'auto così ho una targa) sono altissime,e appena ho i volti, ho loro.

E' un'indagine che si risolve spesso in pochi giorni.

Il problema vittima: la legge non impone di mettere una scorta a questa persona. Lui potrebbe decidere di chiedere un porto d'armi motivando con le minacce e l'aggressione ma 1- bisogna essere mentalmente diposti a girare armati 2- è il prefetto che decide, ed in ogni caso la prassi è lunga.

Sicuramente sarebbe consigliato di farsi seguire da psicologi e probabilmente cercherei di tenerlo d'occhio o farlo tenere d'occhio (mi immagino commissario dai :D ) specialmente nei momenti più pericolosi della giornata (sera e ritorno a casa quindi) magari con la speranza di beccare sul fatto i 5.

In realtà è molto probabile che, semplicemente si, la vittima deve convivere col terrore di nuove aggressioni e della morte. Succede con gli stupri, con i pestaggi e con le rapine domestiche ed è uno dei punti più deboli del nostro pur decente apparato giudiziario.

Se fossi al tuo posto, proverei a contattare i vigli urbani per avere informazioni precise

Lo ha appena fatto.

Modificato da Vale

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Rispondo alla seconda parte, perche' per il resto e' stato detto tutto.

Direi che dipende anche dal motivo del comportamento omofobico.

Chi e' il vero mandante, uno o tutti e cinque?

Qual e' lo scopo dell'aggressione prima? Spaventare, minacciare, fare male, uccidere? Aggredire fisicamente o psicologicamente la persona?

Quali erano i rapporti con uno o tutti loro?

Se non avevano rapporti e sono omofobi criminali organizzati, verosimilmente aggrediscono per fare male. Perché lo hanno preso di mira?

Per il resto anche la cronaca nera, come ti e' stato detto, aiuta per comprendere le dinamiche.

Il trauma di un'aggressione può persistere a prescindere, sicuramente al di la' della possibilità che avvenga di nuovo, credo che se ha avuto paura, potrebbe avvertirne ancora.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Il trauma dell'aggressione ti rimane per tutta la vita o quasi. In particolare quello di uno stupro,ma anche quelli del bullismo. In generale qualsiasi trauma dovuto ad una soppraffazione forte (psicologica oltre che fisica) permane e muta i sentimenti e i modi di rapportarsi con gli altri per tutta la vita. Si diventa più chiusi e prudenti, in alcuni si scatenano reazioni violente, in altri tic nervosi.

Spariscono invece abbastanza rapidamente i postumi di una rissa, anche prendendole.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un utente per inserire un commento.

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

×