Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

Gianluca

Bernardo l'eremita

Post raccomandati

scritta un po' di tempo fa per la SARS, estremamente attuale anche in questo periodo di psicoipocondria da influenza suina

Bernardo l’eremita sta silente

raccolto dentro ovale palafitta

a ricordare invano il miserabile

singulto biogenetico dell’uomo.

Due donne mangiano voracelente

la loro dose di menzogna fritta

pensando all’accoppiarsi astutolabile

di cromosoma sopra cromosomo.

Il pollo Jonny vola impertinente

sopra le voci circolanti in citta

che fan di lui sicario inafferrabile

scolpito in quotidiano monocromo.

Ti acciufferemo, morbo dell’oriente

– i cacciatori armati di sagitta

fanno di lui un nemico incontestabile –

il ghetto tuo sarà nel pennodromo.

(Se c’è morale avrà un perché latente

disperso in gas d’industria o di marmitta

che trova nel dolore negoziabile

l’implicito alter ego al superuomo)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite AfroditeAx

L'uso della lingua è estremo, ma si fa leggere e tutto sommato capire, nella sua elegante ironia di un mondo pieno di parodossi.

L'uomo /Bernardo si rifuggia nel ventre materno a rimurginare sull'esistenza senza morale dei suoi simili.

Umano troppo umano e il dolore dell'uomo moderno che si accontenta di un dolore negoziabile per ingoiare meglio la menzogna fritta.

Questo verso mi è piaciuto moltissimo :D !

pensando all’accoppiarsi astutolabile

di cromosoma sopra cromosomo.

Nonostante sia molto lontana dal mio genere, la trovo profonda e emblematica di un nuovo modo di articolare la parola in vista del fine ultimo: lasciare un segno, comunicare un messaggio.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
L'uomo /Bernardo si rifuggia nel ventre materno a rimurginare sull'esistenza senza morale dei suoi simili.

guarda, il senso è esattamente quello, solo una postilla. in francese il paguro si chiama proprio "bernardo l'eremita", da cui l'ovale palafitta è il suo guscio. poi, ovviamente, il paguro diventa figura dell'uomo che si fa i fatti suoi e bla bla bla (ammetto che non era semplice arrivarci!)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite AfroditeAx

Come metafora è azzeccata e aggiungerei ... riuscita nel suo intento!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite
Questa discussione è chiusa.

×