Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   1 utente

Aurocastro

Meucci Agency

Post raccomandati

Alle 10/2/2018 at 13:24, Aspirante Scrittore ha detto:

Idem: "Abbiamo letto con attenzione la sua proposta e siamo spiacenti di comunicarle che non rientra nel profilo di opera che ci vediamo capaci di rappresentare. Poiché questa decisione risponde a un criterio di analisi e gusto del tutto personali e soggettivi, la invitiamo a contattare altre agenzie." 

Almeno non è una stroncatura, sembrerebbe dipendere dal gusto personale... e poi ha risposto dopo soli 9 giorni, per cui va ringraziata. Mi domando se abbia scritto le medesime parole anche agli altri oppure se abbia personalizzato ogni risposta in base al caso.

Sì. è la risposta standard, l'ho ricevuta anche io.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite Mirtillasmile

@Marco ML ti aveva chiesto il testo completo?

 

Ti sei risposto da solo alla tua domanda. Non potrai più usufruire del form ma, previa richiesta via email e solo dopo la loro approvazione, potrai inviare l’altro.

 

Come ti hanno già detto, potrai fare la richiesta a giugno, non prima.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Mirtillasmile No, non ha chiesto il testo completo, sono riuscito solo a inserire i dati nel form. Ignoravo che fosse possibile usarlo solo una volta a prescindere dal numero di dattiloscritti a disposizione. E' un tantino strano.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite Mirtillasmile

@Marco ML non è strano ma pratico e forse un po’ scocciante. ‘La chiusura’ serve per dare un’opportunità a tutti. 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
1 minuto fa, Mirtillasmile ha detto:

@Marco ML non è strano ma pratico e forse un po’ scocciante. ‘La chiusura’ serve per dare un’opportunità a tutti. 

 

L'opportunità di essere rifiutati? Questo mese siamo stati respinti in quattro e sto parlando solo di utenti di questo forum. Lo scoramento deve divenire virale, contagio su vasta scala...:s

  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
9 minuti fa, Marco ML ha detto:

L'opportunità di essere rifiutati? Questo mese siamo stati respinti in quattro e sto parlando solo di utenti di questo forum. Lo scoramento deve divenire virale, contagio su vasta scala...:s

 

In più si tralascia una cosa fondamentale: che un autore può migliorare da un'opera all'altra.

Per chi ama la musica: John Coltrane era considerato una imitazione mal riuscita di Charlie Parker (e ci sono registrazioni che lo confermano). Poi scattò qualcosa in lui e divenne il più grande di tutti.

  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
2 minuti fa, konradin ha detto:

 

In più si tralascia una cosa fondamentale: che un autore può migliorare da un'opera all'altra.

Per chi ama la musica: John Coltrane era considerato una imitazione mal riuscita di Charlie Parker (e ci sono registrazioni che lo confermano). Poi scattò qualcosa in lui e divenne il più grande di tutti.

E se non scatta significa che non siamo tagliati per farne un lavoro, ma solo un passatempo. O forse no... Pensiero positivo: se hai talento, stai certo che non si lasceranno scappare un tizio che può rendere il loro portafogli più florido. Pensiero negativo: puoi essere potenzialmente il miglior autore sulla faccia del pianeta, ma i tuoi lavori non li leggono perché sanno già su chi puntare e non hanno intenzione di perder tempo. Pensiero neutro: continua a scrivere senza pretese, può darsi che prima o poi tu abbia una botta di deretano. Qui rischiamo di andare in O.T. ;) Un caro saluto.

  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
10 ore fa, Marco ML ha detto:

@Mirtillasmile No, non ha chiesto il testo completo, sono riuscito solo a inserire i dati nel form. Ignoravo che fosse possibile usarlo solo una volta a prescindere dal numero di dattiloscritti a disposizione. E' un tantino strano.

 Qualcuno ha detto che l'agenzia è interessata all'autore piuttosto che al testo, se le cose stanno così non stupisce il fatto che siano inibiti nuovi invii: l'autore è già stato valutato, perché mai perdere tempo leggendo altre sue cose?

 

Io invece ho qualche altra perplessità, non tanto legata al criterio di selezione delle proposte (avendo per leggere poco tempo disponibile, la velocità di compilazione di un form è un criterio di selezione buono come un altro), quanto al fatto che con poche migliaia di caratteri e qualche riga di biografia ci si possa davvero fare un'idea accurata non solo di un testo, ma addirittura di un autore.

 

Non perché dubiti delle capacità dell'agenzia di fare il proprio lavoro velocemente e sulla base di pochi indizi, sono professionisti, con un'esperienza tale che sicuramente gli consente di ridurre comunque al minimo le possibilità di errore. Quanto perché dubito delle mie capacità di riuscire a presentare il mio lavoro in modo efficace potendone proporre appena il 5% e, a maggior ragione, delle mie capacità di presentare me stesso e le mie motivazioni a scrivere in poche righe.

 

Detto tutto ciò credo però che in realtà ogni perplessità sia superflua. Il gioco è questo e se lo si vuole giocare le regole sono queste.

Se si cercano conferme, positive o negative, non è questo lo strumento adatto, non ci debbono nulla a parte la cortesia, che mi sembra inappuntabile.

Se si cerca l'occasione di fare leggere qualche propria riga a professionisti e per di più in modo gratuito, perché no?

  • Mi piace 3

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
1 minuto fa, Marco ML ha detto:

E se non scatta significa che non siamo tagliati per farne un lavoro, ma solo un passatempo. O forse no... Pensiero positivo: se hai talento, stai certo che non si lasceranno scappare un tizio che può rendere il loro portafogli più florido. Pensiero negativo: puoi essere potenzialmente il miglior autore sulla faccia del pianeta, ma i tuoi lavori non li leggono perché sanno già su chi puntare e non hanno intenzione di perder tempo. Pensiero neutro: continua a scrivere senza pretese, può darsi che prima o poi tu abbia una botta di deretano. Qui rischiamo di andare in O.T. ;) Un caro saluto.

 

Tutto vero, però tornando all'agenzia non credo sia giusto “chiudere” così. La selezione c'è già, a mezzanotte, e la accettiamo. Ma così credo sia una discriminazione, spero che qualcuno dell'agenzia capiti magari su questo forum (che loro stessi segnalano sul sito) e se ne renda conto.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@theco Il ragionamento sulla valutazione non fila del tutto, dal momento che puoi inviare via email un altro lavoro successivamente previo avviso. Quindi la chiusura del form per coloro che ne hanno già usufruito non ha una logica del tutto chiara.

@konradin Già, la stessa agenzia in un certo senso si vanta di avere uno spazio su questo forum e vi rimanda per chiarimenti, però non mi sembra che ci sia mai stato da parte loro uno scambio di opinioni.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite Christopher
4 ore fa, theco ha detto:

 Qualcuno ha detto che l'agenzia è interessata all'autore piuttosto che al testo, se le cose stanno così non stupisce il fatto che siano inibiti nuovi invii: l'autore è già stato valutato, perché mai perdere tempo leggendo altre sue cose?

 

Questa cosa che hai detto mi sembra completamente senza senso (non è un tono accusatorio il mio, rispetto sempre l'opinione altrui, credo solo che tu non abbia ponderato bene le parole o non abbia riflettuto sulla loro gravità, quindi ora parlerò in termini generali e non rivolto a te). La maggior parte di quelli che oggi sono ritenuti grandi scrittori ha ricevuto rifiuti per i suoi primi lavori (vedi Proust, Jack London, eccetera eccetera) e poi hanno fatto tesoro dei loro errori e hanno scritto i loro capolavori. Le persone migliorano con il tempo. Non si nasce perfetti. Soprattutto se stiamo parlando di ragazzi giovani che inviano il loro primo lavoro senza essersi confrontati con editor perché magari sono inesperti o non hanno i soldi per farlo. E allora? Quindi dobbiamo ritenerli delle nullità solo per un peccato giovanile o mancanza di mezzi? Al contrario se di quell'inesperienza e di quel primo rifiuto hanno fatto tesoro, a maggior ragione bisogna valutare un loro secondo lavoro per vedere se hanno capito (oltre al fatto che magari il primo rifiuto può essere dettato da gusti personali, e quindi magari non dovevano imparare niente, ma questo è un altro discorso). Poi chiaramente se viene rifiutato anche il secondo lavoro allora vorrà dire o che non hanno capito o che magari quella persona, in questo caso la Meucci, non è quella che fa per loro perché ha altri gusti.

Ma credo che la Meucci queste cose le sappia perché è una persona intelligente se è arrivata a essere quella che è, tant'è che il secondo invio è possibile anche se non tramite il forum.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

In realtà il secondo invio non sempre è possibile, bisogna chiedere, e alcune volte non risponde affatto, altre invece ti dice magari quando inviarlo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ma se un libro è originale e la storia merita davvero, credo che un'agenzia seria dovrebbe puntare su quel libro, anche nell'ipotesi in cui non dovesse credere nel suo autore esordiente in una prospettiva di lungo termine, teputandolo uno scrittore da un solo libro, quand'anche necessitasse di un editing mirato e non scrivesse bene come Calvino o Buzzati.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Per valutare in modo serio un libro bisognerebbe leggerlo per intero, le prime 10 pagine non possono essere sufficienti. Capisco che la Meucci abbia scelto questo criterio veloce per dare un parere gratuito e lo rispetto. Mi spiace solo non avere qualche migliaio di euro in più da buttare per richiedere una valutazione completa a pagamento a lei e ad altre agenzie.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

A questo punto, se tra i membri di questo forum fosse presente qualcuno che alla fine è riuscito a pubblicare lo stesso con una CE free nonostante il rifiuto iniziale e "frettoloso" della Meucci, lo/la invito a battere un colpo qui in forma anonima. Sarebbe di enorme conforto per noi sognatori :) 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
16 minuti fa, Aspirante Scrittore ha detto:

Per valutare in modo serio un libro bisognerebbe leggerlo per intero, le prime 10 pagine non possono essere sufficienti. Capisco che la Meucci abbia scelto questo criterio veloce per dare un parere gratuito e lo rispetto. Mi spiace solo non avere qualche migliaio di euro in più da buttare per richiedere una valutazione completa a pagamento a lei e ad altre agenzie.

 

Non c'è bisogno di leggere tutto un romanzo per valutare il suo potenziale. Per valutare oggettivamente la qualità di un testo basta spesso un paragrafo: errori sintattici ed ortografici, mancanza di logica, caratteri superficiali, uno stile che imita scrittori famosi, e una dozzina di altri criteri per scartare ab ovo un testo possono essere rilevati in meno di una pagina. E, credetemi, un'editore a ancora meno pazienza di loro :-p Come dicono gli inglesi, "Non c'è una seconda possibilità di dare una buona prima impressione!"

 

E non dimenticate che parliamo cui di una molto piccola agenzia (un paio di persone), ma chi sono professionali chi leggeno decine di libri al mese, conoscono il mercato editoriale meglio di noi tutti insieme, sanno quali testi hanno un vero potenziale commerciale, e che cosa cercano gli editori con cui lavorano. Oltre a tutto il loro lavoro di rappresentazione di 30+ autori "da casa" (e di 30+autori stranieri co-rappresentati da loro in Spagna ed it Italia), trovo molto generoso che leggono almeno dieci pagine di 10-15 manoscritti nuovi al mese, e danno gratuitamente la loro risposta/valutazione in una settimana, lavorando dopo mezzanotte, e anche il fine di settimana. Non possono fare di più: manca il tempo e gli persone. Nonostante, il loro sistema e più democratico, semplice, trasparente e generoso che la grande maggioranza dei altri agenti.

 

(Scusate ogni errore mio di redazione, l'italiano non è la mia lingua madre.)

  • Mi piace 3

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Allora chi viene scartato dalla Meucci dopo la lettura di sole 10 pagine dovrebbe bruciare il proprio libro nel camino? 

Rilancio l'invito: se qualcuno alla fine è riuscito a pubblicare il proprio libro con una CE free, nonostante il niet iniziale della Meucci e avendo inviato a entrambe lo stesso identico manoscritto, per favore batta un colpo in questa discussione: sarebbe di enorme conforto per tutti noi. :) 

  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
2 minuti fa, Aspirante Scrittore ha detto:

Allora chi viene scartato dalla Meucci dopo la lettura di sole 10 pagine dovrebbe bruciare il proprio libro nel camino? 

Nessuno ha detto questio: forse questa è solo la tua interpretazione. La mia, dopo la mia esperienza con loro, è: o non rappresentano il tipo di romanzo che hai scritto, o hai ancora molto lavoro da fare per migliorarlo.

 

A volte mi chiedo se, invece di incolpare il form di mezzanotte e il sistema per filtrare i manoscritti (il mezzo tecnico), le persone che vogliono sottoporre il loro lavoro a questa agenzia abbiano prima letto nemmeno uno, qualsiasi, dei libri degli autori che rappresentano (il loro vero "fine" artistico), per farsi un'idea del livello di qualità, della "voce" e degli argomenti che stanno cercando, per scoprire se si adattano a quel profilo "tipo" Marone, Rattaro, Limone, Ianniello... Questo è solo un suggerimento construttivo :-)

 

 

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Aspirante Scrittore Il primo libro l'ho pubblicato con una free ed è stato scartato non dalla Meucci ma da altre agenzie (non sono certo il solo qui a non aver scucito un centesimo, stai tranquillo); il secondo fresco di meucciano rifiuto non avrà sorte diversa e ci mancherebbe altro.

 

@Christopher In linea di massima sono d'accordo con te, a parte il fatto che, nella fattispecie, non può essere la Meucci a garantirti un percorso di crescita. Un'agenzia che rifiuta con un messaggio standard non è idonea allo scopo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
5 minuti fa, Edelweiss ha detto:

A volte mi chiedo se, invece di incolpare il form di mezzanotte e il sistema per filtrare i manoscritti (il mezzo tecnico), le persone che vogliono sottoporre il loro lavoro a questa agenzia abbiano prima letto nemmeno uno, qualsiasi, dei libri degli autori che rappresentano (il loro vero "fine" artistico), per farsi un'idea del livello di qualità, della "voce" e degli argomenti che stanno cercando, per scoprire se si adattano a quel profilo "tipo" Marone, Rattaro, Limone, Ianniello... Questo è solo un suggerimento construttivo :-)

 

Quindi un'agenzia scarta un potenziale capolavoro noir perché specializzata, ad esempio, nel romanzo storico? Dall'umiltà della risposta standard (...non riteniamo di poter rappresentare...) si potrebbe con molto ottimismo pensar questo, ma stiamo parlando sempre di un'impresa che deve macinare denaro e rifiutare una potenziale fonte di denaro sarebbe folle. Secondo me in quelle 40.000 battute o non hanno visto nulla di interessante o semplicemente, come tutti ci auguriamo, si sono semplicemente sbagliati. Un'altra cosa sulla quale possiamo discutere è invece l'estratto da inviare: io sono abituato a inserire le prime pagine, ma se invece inserissimo quelle più stupefacenti? Un romanzo non inizia col botto, tipo: "Ti ammazzo, bastardo!" a meno che non sia un film di Tarantino. xD

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite Christopher

@Marco ML no certo il mio era un discorso generico, se lei non ti dice i motivi del rifiuto (ma a volte secondo qualche testimonianza pare che lo faccia) sta a te interrogarti e crescere in modo autonomo... comunque come dicevo a volte si tratta solo di questione di gusto, insomma ogni caso varia, però è necessaria un'autoanalisi in ogni caso dopo un primo rifiuto, rivolgersi ad altri professionisti per capire se e dove sbagli per poter migliorare, così poi da poter scrivere un romanzo più maturo (sempre, ripeto, se non è una semplice questione di gusti)

PS: discussione molto interessante ma forse stiamo andando OT :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
38 minuti fa, Edelweiss ha detto:

 

Non c'è bisogno di leggere tutto un romanzo per valutare il suo potenziale. Per valutare oggettivamente la qualità di un testo basta spesso un paragrafo

Mi spiace ma non sono per niente d'accordo. Allora alziamoci e usciamo fuori dal cinema dopo solo i primi 10 minuti di un film se la regia non è immediatamente all'altezza di un Coppola o di uno Spielberg. Si può emettere un giudizio su un libro e su un film solo dopo averlo letto/visto tutto. A questo punto le agenzie e le CE che (giustamente) richiedono per la valutazione solo i manoscritti dell'opera per intero sono da considerarsi ubriache oppure incapaci? Visto che non si limitano e richiedere solo le prime 10 pagine. 

  • Mi piace 1
  • Non mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Intervento di moderazione

 

Ragazzi, questo non è un salotto di discussione generico sul modus operandi delle agenzie o sugli atteggiamenti di questo o quell'altro agente, di questo o quell'altro scrittore nei confronti di un rifiuto o di altre richieste.

Limitatevi alle esperienze personali riguardo l'Agenzia Meucci e mantenete il topic più pulito possibile per chi lo segue per avere informazioni utili, per favore.

  • Mi piace 7

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
59 minuti fa, Niko ha detto:

Limitatevi alle esperienze personali riguardo l'Agenzia Meucci

Sono d'accordo, infatti, a tal proposito, non trovo niente di più pertinente e interessante per la quasi totalità di noi sognatori scartati dalla Meucci, che tornare a chiedere l'esperienza personale di chi prima è stato scartato dalla Meucci in seguito alla lettura della sinossi e di 10 sole pagine ma che poi è riuscito a pubblicare lo stesso con una CE free (meglio ancora se importante), alla quale aveva sottoposto lo stesso identico manoscritto.

  • Mi piace 1
  • Non mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
17 ore fa, Christopher ha detto:

 

Questa cosa che hai detto mi sembra completamente senza senso (non è un tono accusatorio il mio, rispetto sempre l'opinione altrui, credo solo che tu non abbia ponderato bene le parole o non abbia riflettuto sulla loro gravità, quindi ora parlerò in termini generali e non rivolto a te). La maggior parte di quelli che oggi sono ritenuti grandi scrittori ha ricevuto rifiuti per i suoi primi lavori (vedi Proust, Jack London, eccetera eccetera) e poi hanno fatto tesoro dei loro errori e hanno scritto i loro capolavori. Le persone migliorano con il tempo. Non si nasce perfetti. Soprattutto se stiamo parlando di ragazzi giovani che inviano il loro primo lavoro senza essersi confrontati con editor perché magari sono inesperti o non hanno i soldi per farlo. E allora? Quindi dobbiamo ritenerli delle nullità solo per un peccato giovanile o mancanza di mezzi? Al contrario se di quell'inesperienza e di quel primo rifiuto hanno fatto tesoro, a maggior ragione bisogna valutare un loro secondo lavoro per vedere se hanno capito (oltre al fatto che magari il primo rifiuto può essere dettato da gusti personali, e quindi magari non dovevano imparare niente, ma questo è un altro discorso). Poi chiaramente se viene rifiutato anche il secondo lavoro allora vorrà dire o che non hanno capito o che magari quella persona, in questo caso la Meucci, non è quella che fa per loro perché ha altri gusti.

Ma credo che la Meucci queste cose le sappia perché è una persona intelligente se è arrivata a essere quella che è, tant'è che il secondo invio è possibile anche se non tramite il forum.

Non mi stavo riferendo a ciò che penso io, ma al fatto che qualche intervento sopra è stato detto che l'agenzia valuta l'autore prima del testo, se questo è il modus operandi (condivisibile o meno) si spiega bene la scelta di non aprire il form una seconda volta, ma di accettare eventualmente contatti di altro genere, che presuppongono un approfondimento preliminare della conoscenza dell'autore. E' ovvio che un autore matura nel tempo, non è altrettanto ovvio che un'agenzia letteraria sia disponibile a seguirne la crescita.

17 ore fa, Edelweiss ha detto:

"Non c'è una seconda possibilità di dare una buona prima impressione!"

Queste parole mi sembra descrivano molto bene la metodologia applicata dall'agenzia, per il poco che ci è dato dedurre .

La valutazione non riguarda il valore del nostro lavoro, non potrebbe farlo con poche righe a disposizione e sicuramente non si pone l'obiettivo di farlo.

 

Concordo con Edelweiss quando dice che basta una pagina per notare gli orrori, ma so per certo che nel mio caso il testo inviato non conteneva nulla del genere, quindi l'unica possibilità è che non abbia fatto una buona prima impressione, a prescindere dal suo valore intrinseco. Tra l'altro questa situazione si ricava anche dalle righe della mail di risposta, che rivendica con forza la soggettività del giudizio invitando l'autore a seguire altre strade. Non vedo proprio il motivo, su queste basi, di considerare il rifiuto come una valutazione negativa del proprio lavoro. Suppongo che nella valutazione di poche righe la componente intuitiva sia inevitabilmente predominante rispetto alla componente razionale, ma questo è il metodo utilizzato, inutile dolersene.

 

Non concordo invece con Edelweiss quando invita gli aspiranti ad ispirarsi agli autori già rappresentati dall'agenzia. Primo perché sono certo che l'agenzia (come qualunque altra realtà imprenditoriale) debba prestare grande attenzione al nuovo, secondo perché così facendo si incorrerebbe in uno degli orrori già elencati dalla stessa Edelweiss: l'imitazione dello scrivere altrui, sono più che certo che l'agenzia sia poco interessata ad omologare il suo prodotto.

 

Non riceviamo una valutazione, riceviamo il feedback di un'impressione, così è (se vi pare).

Ciao

 

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Possiamo fare tutte le valutazione possibili e immaginabili, ma tanto per usare una metafora a tema, essere accartocciati e finire nel cestino non è piacevole. La sensazione che mi ha dato la Meucci è stata questa.

  • Mi piace 2
  • Non mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Intervento Staff

 

Da regolamento non è possibile rispondere a un intervento di moderazione, @Aspirante Scrittore , quindi a te un punto di richiamo.

@theco@Marco ML avevo invitato a smetterla con le chiacchiere da salotto e limitarsi alle esperienze dirette. Anche a voi un punto di richiamo.

 

Spero che stavolta il mio invito venga ascoltato. Grazie e buon proseguimento.

  • Mi piace 2
  • Grazie 1
  • Non mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ho visto sul sito della meucci un indirizzo mail silvia@meucci..... ma la mail inviata torna indietro segnalandomi errore.

Qualcuno sa dirmi perché?

 

Si apre anche quella a mezzanotte? Se uno deve chiederle qualcosa di diverso?

Grazie

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un utente per inserire un commento.

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

×