Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

Aurocastro

Meucci Agency

Post raccomandati

La procedura-Cenerentola della mezzanotte adesso va eseguita digitando soltanto con una mano, pena l'esclusione.:D

Scherzi a parte, mi sembra una richiesta davvero poco dignitosa e umiliante, quasi una presa in giro per vedere a cosa sono disposti a sottoporsi gli aspiranti scrittori e un modo per affermare la propria superiorità nei loro confronti.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite Mirtillasmile

@Marco Scaldini non sono assolutamente d'accordo. Non voglio fare l'avvocato del diavolo ma la Meucci ha spiegato che la procedura a tempo le permette per davvero di leggere tutto quello che le arriva. 

Per te è meglio inviare e poi sparire nel silenzio o faticare un po' ed ottenere una risposta? 

Non dimentichiamoci che il sevizio è gratuito. Bisogna alzare la cresta quando si paga per qualcosa. 

Secondo la Meucci, testimonianza dei vari utenti del forum, è una donna professionale, preparate e decisa a far pubblicare i libri che rappresenta. 

Ognuno ha il suo metodo di lavoro e se lei ritiene che l'invio a tempo sia il migliore per gli espediente e se stessa allora va bene così. Io penso che sia arrivata a questo metodo dopo anni di esperienza e poi scusa dici 'cosa sono disposti a sottoporsi' non ti sta mica chiedendo di ballare in mutande in metropolitana.

terzo: se il metodo non è congeniale si scelga un'agenzia con i metodi più affini al soggetto in questione.

La Meucci ha fatto una proposta adesso sta a noi accettare o meno, lei non obbliga nessuno.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Mi scoccia riparlarne, ma credo che forse sarebbe bene rispiegare perché il sistema Meucci a qualcuno proprio non piace. 

In pratica si tratta di una gara di velocità notturna, dove i vincitori hanno la certezza che i loro inediti proposti, anche se solo in parte, saranno esaminati. La selezione iniziale è basata sulla velocità. E questo ad alcuni sembra, come dice @Marco Scaldiniuna cosa davvero poco dignitosa e umiliante. 

Dato che la signora Meucci non ha il tempo per leggerci tutti, perché non estrae a sorte i cinque o sei da esaminare, senza sottoporre i candidati alla sua insolita corsa di mezzanotte?

 

Non credo di essere un romanziere promettente e di futuro successo ma, qualora anche lo fossi, dato che il metodo adottato mi indispone, la signora Meucci non avrà mai alcuna possibilità di rendersene conto...

Ma credo che, alla Meucci, di queste considerazioni non importi proprio un bel nulla!

 

Il mio consiglio è: non speditele più niente e, se davvero ella ci tiene a scoprire qualche nuovo autore, cambierà il sistema. Altrimenti...

 

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
16 ore fa, Mirtillasmile ha detto:

procedura a tempo le permette per davvero di leggere tutto quello che le arriva. 

Ora ho capito O_O.

Quando arrivano con la "procedura a tempo", anche le ciofeche si leggono fino in fondo, in modo da essere veramente sicuri che siano ciofeche. Metodo molto interessante per garantire la parità dei diritti di tutti gli inediti ricevuti. A questo punto mi chiederei quanto tempo le rimarrà per evadere la corrispondenza corrente. Dico "mi chiederei" perché so già la risposta.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Prima che venisse pubblicato, spedii in lettura il pro-manuscripto del mio ultimo romanzo a un famoso e gentilissimo agente editoriale. Mi rispose, nel giro di qualche ora, che era oberato di lavoro e che, neppur volendo, avrebbe potuto prendere in esame la mia proposta.

Mi fece gli auguri, aggiungendo che la sinossi (in realtà una quarta di copertina) era promettente e interessante.

In poche parole: un no cortese e... incoraggiante.

E, soprattutto, come disse @Marco Scaldini, senza avere fatto ricorso a una procedura poco dignitosa e umiliante.

Mi arrendo, e mi dispiace per l'Agenzia Meucci che non avrà l'opportunitò di esaminare uno dei miei capolavori! Sopravviverà a un tal nefasto e pubblico annuncio?

Con questa considerazione finale, saluto e ringrazio i partecipanti a questo vivace e interessante dibattito, e auguro di cuore a @Mirtillasmile di trovare un ottimo editore.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Mirtillasmile Anch'io avrei intenzione di tentare la sorte questo primo settembre e compilare il famoso form della Meucci, ma sinceramente sono talmente confusa e scoraggiata che non ci conto molto. Se, a quanto pare, non ci sono testimonianze dirette di pubblicazione con quest'agenzia con la quale è già difficile collaborare per via della modalità d'invio, non so fin quando ci conviene sperare.

Tentar non nuoce, come si suol dire, quindi proverò comunque a proporre il manoscritto. In caso di rifiuto però, vorrei chiedere a @Fraudolente quali sono questi famosi e gentilissimi agenti di cui parla, così da tentare anche con loro :super:

 

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ah già @Mirtillasmile , volevo condividere con te alcuni dei miei dubbi...

Nel fac simile del form (che sicuramente anche tu avrai letto e riletto :asd:), riguardo al numero delle pagine, bisogna semplicemente dividere il numero dei caratteri per 2000? Oppure si deve utilizzare una formattazione in particolare, ad esempio quella per cui una pagina word equivale a una cartella (1800 caratteri, 30 righe per 60 battute)?

Poi, per quanto riguarda la biografia, non so se è il tuo caso, ma io in realtà non so proprio cosa metterci, non avendo partecipato a nessun concorso ed essendo il primo romanzo che invio...cosa scrivere in quella sezione allora?

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Ellywriter Per quanto riguarda la lunghezza io avevo fatto caratteri totali / 1800. Tanto si tratta di dati molto indicativi, più che altro per rendersi conto della lunghezza. Se poi imposti la pagina word per i 1800-2000 caratteri basta contare le pagine e fai prima. Sulla biografia mi ero limitato a scrivere età, studi, lavoro, famiglia, dove vivo e ho aggiunto una riga con le motivazioni che mi portano a scrivere. Non ha senso scrivere altro (concorsi ecc.) perché se li hai vinti non avresti bisogno di fare questa corsa notturna, e se non li hai vinti ma hai solo partecipato forse è meglio tacere :-D

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite Mirtillasmile

@Ellywriter concordo con 

@Steve666 .

Io spero di inviare a settembre anche se credo che dovrò aspettare ottobre perché non ho finito l'editing.. :s..

Comunque ho le dita incrociate per tutti coloro che proveranno tra due giorni!  

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite Mirtillasmile

@GiD xD... io incrociate come buona fortuna, voi mano lesta.

Non è semplice ma nemmeno impossibile.. forza ragazzi 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
3 ore fa, Ellywriter ha detto:

@Mirtillasmile@FraudolenteSe, a quanto pare, non ci sono testimonianze dirette di pubblicazione con quest'agenzia con la quale è già difficile collaborare per via della modalità d'invio, non so fin quando ci conviene sperare.

Ma sì, c'è una: guarda il mio post-testimonianza dal 7 giugno, dove spiego tutta la mia esperienza 100% positiva :-) Tra gli autori rappresentati, cercate "Vic Echegoyen": sono esordiente totale, pubblicata in Spagna (2016), e prossimamente in Italia da Sonzogno, in ottobre, grazie alla agenzia Meucci.

 

In bocca al lupo a tutti!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Steve666 Hai ragione, alla fine non ci sarebbe motivo di sottoporsi a questa procedura "umiliante", come l'hanno definita alcuni, se si ha un curriculum impeccabile. Però non ho ben capito perché hai diviso il numero dei caratteri diviso 1800, nel fac simile del form diceva per 2000, perciò pensavo si dovesse fare in questo modo. Potrei formattare il testo facendo sì che una pagina equivalga a una cartella, facendo copia-incolla in un file che ho scaricato proprio da qui che ha già la formattazione impostata, ma mi pare di ricordare che incollare il testo invece che scriverci non avrebbe sortito lo stesso effetto. Comunque proverò, grazie!

 

@Mirtillasmile Manca molto per completare l'editing? Spero tu ce la faccia in tempo per settembre, in caso contrario, in bocca al lupo per ottobre!

 

@Edelweiss Grazie mille per aver condiviso la tua esperienza (soprattutto perché positiva) con noi! Mi fa sentire meglio sapere che qualcuno alle prime armi come me ce l'ha fatta :lol:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite Mirtillasmile

@Ellywriter in bocca al lupo!!! Io sono decisamente fuori gara, mi rifarò ad ottobre :nerdare:... 

 

In bocca al lupo a tutti! 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
7 minuti fa, quandechesimangia ha detto:

Io sospetto che a Meucci interessi maggiormente la produzione spagnola e che l'Italia sia un mercato in cui proporla, l'esperienza di@Edelweiss mi rafforza in questa convinzione. Però questa notte provo, metti caso.

 

Non è propprio così: gli "bestseller" nella scuderia Meucci sono tutti italiani (Rattaro, Marone, Ianiello e Limone, per esempio), almeno fino a oggi :-)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao @Edelweiss , è giusto quello che dici, ma ci sono tanti ma. Il primo è che il sistema di procacciamento esordienti non è meritocartico, bensì casuale. Il secondo è: gli scrittori da te citati come sono entrati nella scuderia di Meucci? Il terzo è che guardando la pagina dell'agenzia gli autori in lingua ispanica sono davvero molti (non l'accuso, penso che sia più facile vendervi, avete un pubblico potenziale sterminato). Il quarto è la sede a Barcellona (mantenere una sede costa, per investire in due sedi devo avere interessi... vivi, ecco :-). Ma (il quinto) questa notte provo comunque, vuol dire che nonostante i dubbi vorrei dare a Meucci la possibilità di scoprirmi e di fare tanti soldi con i miei libri :D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite Mirtillasmile

@quandechesimangia ognuno di noi ha il suo metodo di lavoro. La Meucci ha una lunga esperienza alle spalle e se è arrivata a scegliere questo metodo a tempo a mezzanotte ha i suoi motivi.

Inoltre non c'è limite di volte cui una persona può provare: non si riesce la prima volta, si prova, si prova e si prova di nuovo.

Io penso che l'esperienza di @Edelweiss sia la prova di quanto seria e professionale sia la Meucci. Che l'ha accolta nella sua scuderia e l'ha già fatta pubblicare, in Spagna, Messico e Italia.

No parole ma fatti. 

Testimonianza degli utenti del forum:

quelli a cui è stato chiesto l'intero manoscritto, è vero che non hanno firmato un contratto ma la Meucci ha sottolineato che il rifiuto è stato dettato da un gusto personale che non aveva nulla a che vedere con la composizione del romanzo.

La Meucci si è proposta con determinate regole, in cambio offre una lettura garantita e una risposta entro una settimana (scusate se è poco).

 

A chi obbietta che con la gara a tempo non si premia il romanzo ma la celerità delle dita: chi dice che i più celeri sono anche quelli che scrivono ciofeche?  xD

(Domanda retorica) 

Modificato da Mirtillasmile
Integrazione

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Mirtillasmile non discuto che ognuno adotti metodi che gli risultino confacenti, faccio delle valutazioni in merito a quanto ho potuto leggere qui e altrove, sito Meucci compreso. Ma chiediamo a @Edelweiss come è entrata in scuderia (se avrà la bontà di dircelo), se ci risponderà che per un anno ha provato la gara con il tempo, mi taccio. ._. (giurin-giurello)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ecco sono i miei post da settembre 2016, con tutta l´informazione oggettiva del mio caso: perdonatemi se non ho tempo per rispondere al sarcasmo che non fornische nulla di utile ne construttivo, ma sto finendo il mio prossimo romanzo che devo consegnare in pochi giorni :)

 

Quindi, i posts, copia incolla, e in bocca al luppo a tutti:

 

Inviato 3 settembre 2016 · Segnala messaggio

 

Ciao! Perdonate il mio pessimo italiano, sono straniera e non lo parlo (e preferisco usare spagnolo, anglese, tedesco o francese per rispondere a qualsiasi domanda). Questo è il mio primo post, quindi permettimi de presentarmi. Sono uno di quelli unicorni mitici di cui tutti hanno sentito parlare ma nessuno ha mai visto qui: un’esordiente assoluta della scuderia Meucci. Mi chiamo Vic Echegoyen, e il mio primo romanzo sarà pubblicato il 7 settembre in Spagna da uno dei più grandi case editrici, un paio di settimane più tardi in Messico, e nel 2017 in Italia.

Posso confermare tutto ciò che Boyle22 ha detto. Il mio manoscritto è stato letto personalmente in primo luogo dal sig Suarez e poi dalla sig.ra Meucci.

Sulla base della mia esperienza posso raccomandare pienamente e senza reserve l’agenzia per l'altissima qualità e professionalità e l’approccio a lungo termine: sono alla ricerca di qualità costante e non di un fuoco di paglia, vogliono soprattutto autori con capacità di crescere, evolvere e migliorare, di lavorare in gruppo, di essere flessibili e resistenti, ed accettare contrattempi e rifiuti come parte del processo. Tutto questo è proprio perché secondo a me essi sono gli agenti ideali per gli esordienti.

Pensate che non sia facile superare l'ostacolo di mezzanotte? Ah-ha, è ancora molto più difficile convincerli nelle seguente fasi: questa è la vera scommessa. La maratona per complire il form non è niente in confronto al lavoro che vi attende dopo aver superato con successo questa barriera,  dopo che vi hanno richiesto il libro completo, e anche dopo che hanno accettato di rappresentare il vostro testo. In ogni fase aumenta il livello di difficoltà, ecco la bella sfida. Sono molto esigenti, e forse spingeranno la vostra capacità di lavoro al limite, fino a quando si può a volte pensare che si stanno spingendo troppo lontano, ma loro sanno quello che stanno facendo: ci si può fidare. Vi faranno lavorare duramente, ma essi lavoreranno ancora più di voi per trovare la CE ideale per voi.

 Ne vale la pena tanta fatiga da parte vostra? Penso di si; il loro successo con il mio primo „mattone” lo dimostra. Per me era un prezzo basso da pagare per essere pubblicato ed apprendere a transformare un manoscritto "fatto in casa" in un vero e proprio libro. Quindi, se volete provare, seguite le loro istruzioni in tutto, fidati dal loro giudizio ed ascoltati il loro consigli; pazientate (il mio primo contatto a travverso il form era in novembre 2014), e vedrete i risultati.

 Ma se pensate che il vostro libro è proprio perfetto e non puo essere migliorato da nessuno, se vi aspettati di essere accettati immediatamente da loro senza una critica neanche proposte per migliorar il vostro lavoro in profondità, se vi aspettate di trovare un editore il mese stesso dopo essere accettati da loro per rappresentarvi, quindi forse sia meglio di cercare altrove. Questa è solo la mia opinione individuale e soggettiva; la vostra situazione potrebbe essere diversa.

 Saluti a tutti, e coraggio!

 

Inviato 4 settembre 2016 · Segnala messaggio

No, no, è solo a travverso l´agenzia SM che sono riuscita a essere pubblicata; io non conosceva nessuno in Spagna (CE, agenzie, etc), perchè vivo in Austria/Ungheria/Belgio. Il processo è stato questo:

1) ho remplito il form e lo ho inviato a l'agenzia come voi tutti;

2) dopo la prima selezione in una settimana (dieci pagine + sinossi), il sig. Suarez mi ha chiesto per email il manoscritto completo;

3) il sig. Suarez ha fatto la valorazione del libro completo, poi mi ha suggerito alcune modifiche strutturali, che io ho fatto immediatamente;

4) il sig. Suarez ha letto ancora una volta il libro, li ha dato il suo OK, e ho firmato con l´agenzia un contratto di rappresentazione;

5) dopo alcune mesi de gestione della agenzia una CE spagnola importante ha detto che voleva pubblicare il mio libro;

6) la sig.ra Meucci ha letto il romanzo, li a piacuto, e lo ha offerto a editori italiani.

 Quindi penso che la sig.ra Meucci legge testi in italiano, el il sig. Suarez testi in spagnolo (e credo anche che così ciascuno di essi fanno la valorazione, l´una per i testi italiani, l´altro per le spagnoli, ma non sono sicura), anche se tutti due parlano italiano e spagnolo.

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
11 minuti fa, quandechesimangia ha detto:

@Edelweiss non c'è sarcasmo, è quello che facciamo qui, un anno di tentativi a mezzanotte.

 

Io sono riuscita a inviare al primo tentativo, il 1 luglio scorso, e non penso di avere particolari doti di rapidità tastieristica. Mi ero giusto organizzata il materiale in modo da ottimizzare i copia-incolla, avrò avuto fortuna, non so, ma tant'è non è affatto impossibile riuscirci. Dopo una settimana secca ho ricevuto il rifiuto standard (puntualissimo, manngiarcklfgrxtrfgs) però la mia chance l'ho avuta.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

×