Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

Writer's Dream Staff

Arduino Sacco

Post raccomandati

Secondo contratto dovevo inviare il file word del mio libro alla casa editrice, dopo aver spedito il contratto firmato e ricevuto una copia dello stesso controfirmata. Ho eseguito tutto alla lettera, poi dopo un periodo lungo di silenzio mi son deciso a contattare la casa editrice per chiedere se ci fosse qualche intoppo, non avendo più ricevuto notizie da loro. Mi hanno risposto dicendomi di telefonare al Dottor C (non scrivo il cognome intero per correttezza). Telefono e mi viene chiesto di andare a Roma e portare il tutto in un cd rom.

Mi è stato detto che è necessario proseguire così nonostante la casa editrice abbia già il file e tutto il resto. Si deve parlare della distribuzione. Mezza giornata e il libro è impaginato e in rete. Ora nasce la mia perplessità: se ci vuole mezza giornata per concludere il tutto e se la vendita del libro avviene solo tramite internet, perchè è necessario che io vada fino a Roma?

So che Max (moderatore) ha avuto un'esperienza con loro. Mi piacerebbe sapere cosa potrebbero chiedermi una volta giunto lì.

con questa rispondo a tutti sperando che finalmente capiate cosa da arduino sacco...

non sto qui per cercare di convincervi ma solo per farvi capire perchè da quello che leggo credo che siate abbastanza confusi...

punto primo ) credo che ARDUINO SACCO EDITORE non dovrebbe essere sull'indice DOPPIO BINARIO ma come casa editrice non a pagamento.

punto secondo) non si paga ne la publicazione come tante case editrici ancora purtroppo fanno... ne la distribuzione..

punto terzo) le promozioni ne fà eccome basta guardare " fiera dell'autore" a roma il 22 dicembre che tra l'altro è stata solo una prova per vedere come gli autori si comportavano e poi successivamente a potenza dove sono stati ospitati circa 70 autori accreditati completamente e muniti di copie per poter interargire con il publico tale fiera è publicizzata su yutube basta cliccare fiera dell'autore a potenza e guardare il video. yahoooooo.gif ha organizzato inoltre il mercatino dell'autore dove ovviamente in tutte queste iniziative porta tutti i 550 titoli della C.E. a settembre sta organizzando la convention degli autori dove a invitato il 3 e il 4 settembre tutti gli autori a intervenire per organizzare come meglio si può distribuzione librarie

E qui siamo all'ultimo punto LE LIBRERIE: book6.gif

beh ragazzi e ragazze a parte chi vi scrive è un autrice come voi e spera che un giorno diventi famosa... ma non è essere in libreria che si divulga la nostra opera... ma facendo in modo che venga conosciuto ... in che modo? con il passa parola... iniziando con i parenti, amici, parenti degli amici, conoscenti, amici dei conoscenti, fare promozioni nella zona di appartenenza... e ogni promozione ... ogni presentazione la casa editrice vi appoggia ed è li presente... ve lo garantisco visto che nel l'ultimo mese mi sono fatta 3000 km per assistere a presentazioni. bash.gif

le librerie vanno gestite inazitutto nella zona di appartenenza e sapete che le librerie vanno gestite con omaggi e scontistiche, non pagano spese e se si farebbe la distribuzione immediata nazionale per tutti gli autori la casa editrice faliribbe aspettando che le librerie paghino il conto vendita dei titoli... ragazzi il mondo librario non è facile credetimi.... ecco perche si fà un passo alla volta.....

saluti a tutti

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Secondo contratto dovevo inviare il file word del mio libro alla casa editrice, dopo aver spedito il contratto firmato e ricevuto una copia dello stesso controfirmata. Ho eseguito tutto alla lettera, poi dopo un periodo lungo di silenzio mi son deciso a contattare la casa editrice per chiedere se ci fosse qualche intoppo, non avendo più ricevuto notizie da loro. Mi hanno risposto dicendomi di telefonare al Dottor C (non scrivo il cognome intero per correttezza). Telefono e mi viene chiesto di andare a Roma e portare il tutto in un cd rom.

Mi è stato detto che è necessario proseguire così nonostante la casa editrice abbia già il file e tutto il resto. Si deve parlare della distribuzione. Mezza giornata e il libro è impaginato e in rete. Ora nasce la mia perplessità: se ci vuole mezza giornata per concludere il tutto e se la vendita del libro avviene solo tramite internet, perchè è necessario che io vada fino a Roma?

So che Max (moderatore) ha avuto un'esperienza con loro. Mi piacerebbe sapere cosa potrebbero chiedermi una volta giunto lì.

con questa rispondo a tutti sperando che finalmente capiate cosa da arduino sacco...

non sto qui per cercare di convincervi ma solo per farvi capire perchè da quello che leggo credo che siate abbastanza confusi...

punto primo ) credo che ARDUINO SACCO EDITORE non dovrebbe essere sull'indice DOPPIO BINARIO ma come casa editrice non a pagamento.

punto secondo) non si paga ne la publicazione come tante case editrici ancora purtroppo fanno... ne la distribuzione..

punto terzo) le promozioni ne fà eccome basta guardare " fiera dell'autore" a roma il 22 dicembre che tra l'altro è stata solo una prova per vedere come gli autori si comportavano e poi successivamente a potenza dove sono stati ospitati circa 70 autori accreditati completamente e muniti di copie per poter interargire con il publico tale fiera è publicizzata su yutube basta cliccare fiera dell'autore a potenza e guardare il video. yahoooooo.gif ha organizzato inoltre il mercatino dell'autore dove ovviamente in tutte queste iniziative porta tutti i 550 titoli della C.E. a settembre sta organizzando la convention degli autori dove a invitato il 3 e il 4 settembre tutti gli autori a intervenire per organizzare come meglio si può distribuzione librarie

E qui siamo all'ultimo punto LE LIBRERIE: book6.gif

beh ragazzi e ragazze a parte chi vi scrive è un autrice come voi e spera che un giorno diventi famosa... ma non è essere in libreria che si divulga la nostra opera... ma facendo in modo che venga conosciuto ... in che modo? con il passa parola... iniziando con i parenti, amici, parenti degli amici, conoscenti, amici dei conoscenti, fare promozioni nella zona di appartenenza... e ogni promozione ... ogni presentazione la casa editrice vi appoggia ed è li presente... ve lo garantisco visto che nel l'ultimo mese mi sono fatta 3000 km per assistere a presentazioni. bash.gif

le librerie vanno gestite inazitutto nella zona di appartenenza e sapete che le librerie vanno gestite con omaggi e scontistiche, non pagano spese e se si farebbe la distribuzione immediata nazionale per tutti gli autori la casa editrice faliribbe aspettando che le librerie paghino il conto vendita dei titoli... ragazzi il mondo librario non è facile credetimi.... ecco perche si fà un passo alla volta.....

saluti a tutti

Scusa la domanda, dici di essere un'autrice ma sul tuo profilo facebook (mi sono permessa di dare un'occhiata visto che lo hai reso pubblico nel profilo qui sul WD) c'è scritto che sei coordinatrice editoriale di arduino. Se così fosse non sei solo un'autrice, ma anche un'addetta ai lavori che forse ha una visione diversa dalla nostra.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

infatti non mi sono nascosta.... sono un adetta ai lavori... ed è per questo che spiegavo il nostro punto di vista... il mio nik infatti e aurora ase .... se volevo nascondermi avrei usato un'altro nik.... ho solo spiegato come la può pensare un editore per far girare i suoi autori... ma sono anche un autrice che se dai un'occhiata lo vedi su google

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Un addetta ai lavori di una casa editrice che usa puntini a sproposito e non controlla come vanno effettivamente scritte alcune parole.

Non so se sia perché non considera importante un semplice post in internet, ma le consiglierei di fare più attenzione alla forma, d'altronde da chi si occupa di scrittura non ci si aspetta altro.

  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

Spostata in free sulla base delle ultime testimonianze e di quanto dichiarato sul sito web.

Invito nuovamente a moderarsi e a portare rispetto agli interlocutori.

Non me lo fate ripetere una terza volta o chiudo il topic.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Spostata in free sulla base delle ultime testimonianze e di quanto dichiarato sul sito web.

Invito nuovamente a moderarsi e a portare rispetto agli interlocutori.

Non me lo fate ripetere una terza volta o chiudo il topic.

Nel contratto c'è scritto chiaramente che sono free, non potrebbero in alcun modo chiedere soldi dopo quanto scritto, al di là delle dichiarazioni in tal senso che rafforzano questa convinzione.

Non sarebbe meglio chiudere le utenze, invece del topic? Altrimenti basta fare casino su una discussione che non ci piace per farla chiudere... book6.gif

  • Non mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Un addetta ai lavori di una casa editrice che usa puntini a sproposito e non controlla come vanno effettivamente scritte alcune parole.

Non so se sia perché non considera importante un semplice post in internet, ma le consiglierei di fare più attenzione alla forma, d'altronde da chi si occupa di scrittura non ci si aspetta altro.

come ripeto sono un autrice.... e sono anche artisticamente strana ed ho il mio modo di scrivere.... non starò attenta ad usare i puntini... ma prometto che la prossima volta terrò d'occhio le parole....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Un addetta ai lavori di una casa editrice che usa puntini a sproposito e non controlla come vanno effettivamente scritte alcune parole.

Non so se sia perché non considera importante un semplice post in internet, ma le consiglierei di fare più attenzione alla forma, d'altronde da chi si occupa di scrittura non ci si aspetta altro.

come ripeto sono un autrice.... e sono anche artisticamente strana ed ho il mio modo di scrivere.... non starò attenta ad usare i puntini... ma prometto che la prossima volta terrò d'occhio le parole....

aurora..

Scusatemi, non sono mai intervenuto personalmente perché non ho molto tempo per dedicarmi a queste forme di carteggio elettronico, vuoi pure perché non appartiene alla mia generazione. Ma con la nuova iniziativa di abbattere tutte le farse dell’editoria, non capisco perché si sia aperta una polemica contro la nostra casa editrice, pensavo di fare una cosa utile per tutti coloro che vogliono tentare la strada dello scrivere. Mi dispiace di aver scontentato qualcuno, forse involontariamente ho messo il dito sulla piaga. Beh! A questo punto non so proprio che dirvi : “io non me la sento di prendere in giro gli autori specie quelli giovani ed inesperti”. Con sincero affetto vi saluto e tanti auguri tutti. Arduino sacco

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

Non sarebbe meglio chiudere le utenze, invece del topic? Altrimenti basta fare casino su una discussione che non ci piace per farla chiudere... book6.gif

Non sta a te mettere in discussione le decisioni dello staff e sai bene che per rispondere a un richiamo si devono usare i MP.

Io non so perché siate tutti così polemici in questi giorni ma l'avevo detto e lo faccio.

Il topic è chiuso finché non vi sarete dati una calmata.

Per le lamentele ci sono i messaggi privati e consiglio vivamente a tutti quanti di rileggersi il regolamento.

Se preferite un richiamo formale accomodatevi.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ho seguito con curiosità il dibattito sulla Arduino Sacco, trovando interessani le osservazioni sia dei sostenitori che di chi è avverso alla CE.

Mi permetto alcune osservazioni.

1- il contratto appare chiaro, la CE non chiede contributi per la stampa e la distribuzione (?) del libro;

2- tale contratto presenta tuttavia un'appendice piuttosto singolare: non può essere considerata un completamento chiarificatore del contratto stesso perché non chiarisce nulla di quanto sopra riportato; non può esere considerato vincolante in qualche modo nei rapporti editore - autore perché non pone vincoli...Pare soltanto una specie di istruzioni per l'uso che l'editore propone all'autore. Cosa piuttosto antipatica sia nella forma, per la vioenza verbale con la quale vengono illustrate le tesi dell'editore, sia nella sostanze, perché appare chiaro che per l'editore gli autori sono in genere una massa di idioti illusi tendenti a scocciare gli editori, in tutt'altre faccende affaccendate, con i loro sogni. E' possibile che possa capitare ma il sig. Arduino Sacco dovrebbe ammettere che esistono anche persone equilibrate, non convinte di essere dei Tomasi di Lampedusa (anch'egli un esordiente bistrattato), che scrivono per hobby, che certo vedrebbero con piacere un riconoscimento delle loro capacità (stampa e acquisto del loro libro) ma che hanno sufficiente equilibrio per considerare con serenità i loro rapporti con gli editori.

Per queste persone sentirsi trattare dall'alto, con sufficienza, da un editore che nel suo sito asserisce che è sufficiente inviare un manoscritto alla sua casa editrice per vederselo pubblicare, o meglio stampare in due copie consegnate all'autore e per il resto si vedrà... beh, diciamo che è irritante a dir poco.

E' possibile che, al di là dei suoi exploit filosofico-sociali la Arduino Sacco sia una casa seria ma certamente, almeno per me, non invoglia ad allacciare rapporti con lei.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Scusate, ma onestamente non riesco a comprendere tutta questa caciara. La Arduino Sacco ha avuto un'idea e ha fatto una scelta. Punto. Come diceva il grande Totò, c'è a chi piace e a chi non piace. Anche qui aggiungerei un bel segno di punteggiatura minuscolo e rotondo. Quindi, se la cosa a qualcuno non convince non la metta fra le case editrici preferite o a cui mandare i propri lavori. Gli altri, specie quelli che pur di venire pubblicati sarebbero disposti anche a pagare un piccolo contributo, andranno a nozze.

Almeno potranno dissetare la loro vanità e soddisfare le loro velleità di scrittori senza cacciare il becco di un quattrino.

Domanda: qual è il problema?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Io ho ricevuto una loro proposta di pubblicazione, nella quale non si parla di soldi...inoltre dicono di non richiedere contributi e di autofinanziarsi con le vendite dei libri...volevo sapere se qualcuno di voi ha un'esperienza di pubblicazione con questa casa editrice...nel contratto si parla del fatto che l'autore puo' scegliere le librerie nelle quali pubblicare ma non ho visto specificato ne che questo è un servizio a pagamento, ne eventualmente il costo...

Avevo già risposto in passato. Io ho pubblicato con Arduino. Gente simpatica, m al'editoria funziona in un'altra maniera. Dove non c'è distribuzione nazionale oggi si fa fatica a vendere i libri. Inoltre i prezzi di copertina dell'Arduino Sacco sono spropositati.

C'è però un vantaggio. Non si paga nulla. Se poi il libro vende online, meglio. Altra cosa. Il contratto dura solo un anno.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

Domanda: visto il costo dei libri, decisamente molto alto, gli stessi romanzi sono venduti anche in formato e-book?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Arduino Sacco ha fatto le cose in grande... ha preso tre stand comunicanti tra loro al Mercatino Conca d'Oro (zona Viale Libia) qui a Roma, una mostra permanente di antiquariato e altre cose. Uno degli stand ha funzione di libreria, ovviamente, mentre gli altri due ospitano decine di sedie, due telecamere per mandare tutto su Youtube e presentazioni giornaliere di libri... ho l'onore di aprire le danze, domenica 11 settembre alle ore 18. Chi di voi potesse/volesse intervenire, è il benvenuto thanks.gif

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Uno stand solo... i costi erano proibitivi.

Quindi le sedie sono solo una dozzina... però la presentazione è andata alla grande (i dettagli nella sezione Promozione).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite Lem Mac Lem

alexmai, se vuoi promuovere il tuo libro fallo negli appositi spazi, questo topic è dedicato alla casa editrice, non ai singoli titoli che pubblica. Grazie per la collaborazione ^^

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
alexmai, se vuoi promuovere il tuo libro fallo negli appositi spazi, questo topic è dedicato alla casa editrice, non ai singoli titoli che pubblica. Grazie per la collaborazione ^^

Infatti io parlavo della CE, che sta investendo molto nell'idea dello stand. Non sapevo fino a pochi giorni fa che avrei fatto la presentazione, dovevo farla altrove a fine mese... quindi promuovevo il marchio della CE.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

Quando un moderatore ti richiama si risponde tramite messaggio privato e non si polemizza (e non è la prima volta che succede) se non vuoi beccarti un richiamo formale.

edit: tra l'altro ho riguardato i topic indietro e ti sei spudoratamente fatto pubblicità mettendo il link dove acquistare il tuo libro, quindi non inventiamo scuse.

E spero che la questione sia chiusa qui.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Una cosa non capisco: se si va all'home page della casa editrice c'è scritto che ogni autore può pubblicare senza l'esame di una commissione (e c'è anche il contratto già pronto). Per cui che differenza fa con la nuova proposta di pubblicare coloro che sono stati rifiutati da una casa editrice famosa?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

forse perché quella del pubblicare chi è stato rifiutato da una grossa CE era una proposta vecchia?

La nuova politica editoriale è quella che si legge nella homepage del sito :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite Claudio Piras Moreno

E' uscito il mio secondo romanzo per quelli della Arduino, ma il prezzo è a mio giudizio troppo alto. Credo che non me lo comprerà nemmeno mio nonno! 25 euro sono un pò tanti direi... penso che farò finta di non averlo mai scritto, perchè ce l'ho vincolato 20 anni e a quel prezzo non ne venderò mai nemmeno una copia, ne sono sicuro! Meno male che ne ho scritto degli altri di libri... mi sa che cambio anche pseudonimo per i prossimi che pubblicherò. Che peccato, perchè non sono nemmeno cattive persone, ma a queste condizioni non si può lavorare, soprattutto visto il periodo di crisi e le condizioni mie personali... mah

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

E' uscito il mio secondo romanzo per quelli della Arduino, ma il prezzo è a mio giudizio troppo alto. Credo che non me lo comprerà nemmeno mio nonno! 25 euro sono un pò tanti direi...

Se tu avessi osservato gli altri libri editi da Sacco (ma anche da un sacco di altri piccoli editori, diciamo la gran parte), avresti visto che i prezzi per i romanzi lunghi oltre 200 pagine sono davvero alti. Non perchè sia "cattivo" lui, ma perchè la produzione fisica di un libro ha il suo costo (sul quale è basato infine il prezzo di copertina, dato che degli ipotetici 10 euro meno di 4 vanno all'editore). Potevi cercare un altro editore oppure effettuare un auto-editing brutale sul tuo libro per accorciarlo, o addirittura dividerlo in due storie separate se era possibile farlo. Lamentarsi a cose fatte di ciò che hai scelto di fare tu, senza nessuno che ti obbligasse a farlo, mi sembra poco logico...

In bocca al lupo!

Alessandro

  • Non mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

E' uscito il mio secondo romanzo per quelli della Arduino, ma il prezzo è a mio giudizio troppo alto. Credo che non me lo comprerà nemmeno mio nonno! 25 euro sono un pò tanti direi... penso che farò finta di non averlo mai scritto, perchè ce l'ho vincolato 20 anni e a quel prezzo non ne venderò mai nemmeno una copia, ne sono sicuro! Meno male che ne ho scritto degli altri di libri... mi sa che cambio anche pseudonimo per i prossimi che pubblicherò. Che peccato, perchè non sono nemmeno cattive persone, ma a queste condizioni non si può lavorare, soprattutto visto il periodo di crisi e le condizioni mie personali... mah

Per curiosità, quante pagine ha il tuo libro?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Direi circa 250... ;)

Calcola (se ti serve per fare calcoli) che il numero di pagine in Word trae in inganno... parecchio :(

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Io ho avuto un problema simile. Però l'editore fu molto corretto e mi disse: "il libro che viene fuori costerà sui 23 euro e col cavolo che lo vendiamo. Fanne una revisione e pota tutto il potabile." Così ho fatto. Lavoro non indifferente, ma ci sono riuscito. Ora costerà solo 14 euro pur essendo di 330 pagine (prima superava le 500). Bisogna tener conto del fatto che i piccoli editori non partono con grosse tirature; ora, i costi di stampa si distribuiscono sul numero di copie. Meno copie stampi, più costa il singolo libro. Quindi Mondadori e soci possono permettersi di vendere un libro di 700 pagine a un prezzo contenuto. Gli altri no. Sono calcoli che bisogna fare, purtroppo, prima di contattare un editore. Ricordiamoci che un esordiente e/o sconosciuto già ha enormi difficoltà di vendita anche a prezzi abbordabili, figuriamoci se superano i 20 euro. Nemmeno Stephen King, in questo momento, venderebbe in Italia a prezzi simili...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un membro per inserire un commento.

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

×