Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

Tinucci

Domanda tecnica su intercettazioni telefoniche

Post raccomandati

Mi chiedevo questo: se qualcuno fa una telefonata anonima di minaccia e il minacciato riesce, durante la conversazione, a far avvertire la polizia e a chiedere di intercettare la telefonata in corso per capire da dove proviene, la polizia tecnicamente può procedere subito? Quanto tempo ci vuole per poter intercettare, minuti/ore/giorni? Se qualcuno è esperto, per favore mi dia una mano...

Grazie!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Il discorso è lungo e complicato e lo conosco solo parzialmente. Dal punto di vista tecnico effettuare un'intercettazione con le centraline digitali è questione di secondi, ma i dispositivi burocratici necessari per una registrazione non possono essere avviati al volo.

Per quel che riguarda - invece - la sola durata e provenienza della chiamata, si tratta di dati che vengono conservati per un certo periodo di tempo dal provider telefonico per essere messi eventualmente a disposizione delle autorità in caso di indagini, e includono anche la presenza di un eventuale cellulare all'interno di una cella telefonica specifica (il diametro della cella, se non erro, è di circa 4 Km, quindi un cellulare rivela la nostra presenza in una certa area geografica). La normativa di riferimento è quella antiterrorismo (il decreto Pisanu) che però credo che sia stata rivista recentemente, e regola anche la conservazione dei tabulati degli accessi Internet, assieme alle disposizioni del Garante della Privacy, che sono vincolanti.

Dal punto di vista tecnico tale conservazione è facilissima e comprende anche i numeri privati (non visualizzati da telefoni domestici o cellulari), anche se vi sono eccezioni. In alcuni casi le indagini possono essere difficili o impossibili se la chiamata avviene tramite sistemi telefonici esteri o tramite una chiamata VOIP, ad esempio da Skype, poiché per avere determinati dati dovrebbe essere necessaria una rogatoria internazionale. Ma da un sistema telefonico italiano avere l'identificativo del chiamante può essere questione di minuti o secondi. Fatto sta che la legge italiana di fatto non consente - almeno in linea teorica - un intervento in tempo reale se non c'è stata una qualche forma di preavviso o denuncia preventiva che porti alla necessità di indagini e all'acquisizione di prove, e a quel punto il telefono è già interamente sotto controllo, registrazione delle chiamate inclusa.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite Njagan

In caso di telefonata anonima si dovrebbe procedere con una denuncia agli organi competenti i quali aspettano l'autorizzazione a procedere da parte del magistrato che, visti i motivi (minacce o persecuzioni di vario tipo) e accertata la gravita', da' luogo a procedere. Solo allora la polizia può avere accesso ai tabulati. Quindi, la procedura e' un po' lunga e non fornisce un riscontro immediato all'offeso.

Se hai qualche amicizia in polizia o qualcuno che lavori in una compagnia telefonica, il riscontro e' immediato ma fatto, pero', aggirando la burocrazia o precedendo le indagini.

Tutto sta a considerare il caso specifico che ti serve conoscere. Se nel romanzo che stai scrivendo c'è uno stalker che perseguita la protagonista e lei ha qualche amicizia in polizia, la scoperta può avvenire fuori dalla burocrazia e immediatamente. Anche se le telefonate sono di minaccia e avvengono contemporaneamente a qualche altra indagine, magari omicidio, il riscontro e' immediato.

Se una ragazza riceve telefonate persistenti, da uno che e' un maniaco di quelli classici, che poi si rivela anche un'omicida...beh...se aspetti che la macchina burocratica si metta in moto...puoi tranquillamente disporre già del tuo funerale!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Grazie delle risposte. Allora mi sa che ho messo il mio protagonista in un guaio brutto brutto...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Quello che succederebbe in Italia è che chiamando il 112 o il 113 spediscono una volante dopo aver valutato la disponibilità di personale e la gravità della situazione, e questo molto prima di qualsiasi indagine telefonica, a meno che circostanze eccezionali suggeriscano diversamente. Senza alcun pregresso è impossibile alcun tipo di azione investigativa immediata, quindi si punta alla prevenzione di conseguenze peggiori proteggendo la possibile vittima e valutando contemporaneamente lo stato di rischio.

Il tipo di indagine che suggerisci necessita di una certa pianificazione e di un certo interesse (il caso tipico è la cattura di Vallanzasca a Grado, facilitata dall'uso massiccio di intercettazioni telefoniche su utenze interessanti).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite Jack Shark

L'unico caso che mi viene in mente, è se l'autore della telefonata o chi la riceve sia già sotto intercettazione per altre indagini, ma anche in questo caso, bisogna aspettare le trascrizioni e l'eventuale segnalazione, quindi una procedura leggermente più rapida, ma comunque non così immediata come forse ti servirebbe.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un utente per inserire un commento.

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

×