Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

Post raccomandati

Notizia che mi sarei anche potuto aspettare da altre realtà... che botta sentirla da Asengard!

Dispiace davvero molto leggere notizie del genere...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Mi dispiace davvero molto, tra le altre cose erano anche tra le poche CE a vendere ebook a prezzi bassissimi e senza DRM. Un vero peccato.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Pure io sono parecchio dispiaciuto.

Posseggo e ho letto alcuni loro titoli con molto piacere e, a dire il vero, pensavo stessero andando benone.

Vedrò almeno di recuperare qualche loro testo prima che sia troppo tardi.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Decisione straziante, ma ennesima dimostrazione di:

a) serietà della Asengard e del loro staff (che avevo incontrato al Salone di Torino);

B) difficoltà del lavoro di una CE che voglia davvero fare il suo mestiere e restare aperta.

Che tristezza...

--

Alain

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Vedrò almeno di recuperare qualche loro testo prima che sia troppo tardi.

Farò la stessa cosa anch'io, purtroppo non resta altro da fare... icon_cry.gificon_cry.gif

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

Ecco che fine fanno le CE che non si piegano al mercato del "commerciale" e tentano la strada della "nicchia" (seppur di qualità).

Non fa piacere per niente.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Non riesco a crederci... Che notizia terribile T_T Non so veramente cosa dire, non me l'aspettavo affatto... ._.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Mi dispiace terribilmente T_T Ed io che speravo di poter pubblicare con loro in futuro...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

La notizia ha lasciato molto addolorata anche me.

Nonostante questo ho una domanda che mi nasce così, nella speranza che possa far nascere una riflessione costruttiva sul mondo dell'editoria. Secondo voi quali possono essere le ragioni che non hanno permesso ad Asengard di crescere ed andare avanti? Si attestano soltanto sulla loro onestà editoriale o c'è dell'altro? Scusate, ma non posso credere che il motivo per cui una CE free chiuda si possa ritrovare solo nel suo essere, appunto, free.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
La notizia ha lasciato molto addolorata anche me.

Nonostante questo ho una domanda che mi nasce così, nella speranza che possa far nascere una riflessione costruttiva sul mondo dell'editoria. Secondo voi quali possono essere le ragioni che non hanno permesso ad Asengard di crescere ed andare avanti? Si attestano soltanto sulla loro onestà editoriale o c'è dell'altro? Scusate, ma non posso credere che il motivo per cui una CE free chiuda si possa ritrovare solo nel suo essere, appunto, free.

l'ho detto: secondo me il rifiuto di "far cassa" pubblicando uno o due romanzi mainstream

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
La notizia ha lasciato molto addolorata anche me.

Nonostante questo ho una domanda che mi nasce così, nella speranza che possa far nascere una riflessione costruttiva sul mondo dell'editoria. Secondo voi quali possono essere le ragioni che non hanno permesso ad Asengard di crescere ed andare avanti? Si attestano soltanto sulla loro onestà editoriale o c'è dell'altro? Scusate, ma non posso credere che il motivo per cui una CE free chiuda si possa ritrovare solo nel suo essere, appunto, free.

l'ho detto: secondo me il rifiuto di "far cassa" pubblicando uno o due romanzi mainstream

Per me sarebbero bastati un paio di romanzi sui vampiri.

Che poi alla fine anche tra il commerciale si può trovare qualcosa di valido, quindi boh, IMHO potevano sfruttare un paio di titoli per tirare avanti. Per me è sempre meglio che chiudere.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

va detto che non tutte le scelte editoriali di asengard sono state azzeccatissime - è una cosa che ho letto sul blog di mcnab. e anche secondo me, con la distribuzione che avevano, anche solo un paio di romanzi di Kikkettina Rybellina96 sarebbero bastati

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Sì, è che alla fine uno può dire che è ingiusto, ma piuttosto che rimetterci l'intera casa editrice (e quindi anche le opere non commerciali e valide) forse è meglio adeguarsi un po' al mercato, almeno il minimo indispensabile per restare in vita.

Andrò a leggermi quel blog, comunque.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

L'onestà intellettuale è rara di questi tempi, e il caso Asengard spiega ampiamente perchè. Tutto questo mi fa riflettere: conviene davvero arroccarsi dietro posizioni monolitiche, per quanto giuste possano essere? Se Asengard avesse smussato un filino, ma solo un filino - senza mettere in gioco la dignità, sia chiaro - le proprie posizioni circa il mainstream, probabilmente avrebbe avuto un ritorno economico sufficiente a campare. Può non piacere, d'accordo, ma nella vita solo gli ingenui sono convinti che per andare avanti non si debba mai scendere a compromessi.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Sì, è che alla fine uno può dire che è ingiusto, ma piuttosto che rimetterci l'intera casa editrice (e quindi anche le opere non commerciali e valide) forse è meglio adeguarsi un po' al mercato, almeno il minimo indispensabile per restare in vita.

Evidentemente non ne volevano proprio sapere di scendere a compromessi... icon_cry.gif

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Sì, è che alla fine uno può dire che è ingiusto, ma piuttosto che rimetterci l'intera casa editrice (e quindi anche le opere non commerciali e valide) forse è meglio adeguarsi un po' al mercato, almeno il minimo indispensabile per restare in vita.

Evidentemente non ne volevano proprio sapere di scendere a compromessi... icon_cry.gif

se fosse così, mi pare un ragionamento un po' troppo naif per chiunque voglia affacciarsi in un mercato diciamo concorrenziale. francamente dubito sia il caso...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Personalmente non saprei, credo che dipenda da dinamiche legate alla vita dell' "azienda": ci sono molte realtà aziendali che quotidianamente falliscono, anche al di fuori del mondo dell'editoria intendo.

Ad ogni modo, credo che la tua domanda potrebbe essere interessante e che, per non andare OT, converrebbe postarla in un 3d a parte

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Sì, è che alla fine uno può dire che è ingiusto, ma piuttosto che rimetterci l'intera casa editrice (e quindi anche le opere non commerciali e valide) forse è meglio adeguarsi un po' al mercato, almeno il minimo indispensabile per restare in vita.

Evidentemente non ne volevano proprio sapere di scendere a compromessi... icon_cry.gif

Mah, io comunque spero che il motivo del fallimento non sia quello, perché alla fine la casa editrice non è una cosa che riguarda solo loro, ma ci sono tutti i loro autori pubblicati che ci rimettono. Alla fine con che coraggio potrebbero guardare in faccia le persone che hanno pubblicato e dire "mi dispiace, ma siccome non vogliamo affiancare alla tua opera una più commerciale allora chiudiamo baracca"?

Insomma, io spero proprio che il motivo sia uno sbaglio di strategia, non una scelta consapevole di gettare nel letame gli altri romanzi.

Che poi alcuni dei loro romanzi sono stati editati dalla vecchia "Torre di Carta", quindi anche il WD ci rimette in tutto ciò.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ma i romanzi non ci rimettono; i diritti vengono liberati e gli autori, forti delle copie che sono riusciti già a vendere, possono proporli ad altre case editrici...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
sì ma quante CE sono solite ripubblicare libri già pubblicati con altri editori?

Appunto.

Senza contare che un autore con il romanzo già "sistemato" non avrà tanta voglia di ricominciare a cercare editori, organizzare presentazioni e via dicendo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Dipende sempre di che libro si tratta. Ma comunque la vita dell'autore è tutta " cerca editori " e " organizza presentazioni " indipendentemente da quanti ne hai pubblicati...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Feleset, credo voglia dire che mettersi a cercare di nuovo un editore per un'opera che dopo tante peripezie aveva trovato finalmente posto in una delle CE più agognate del fantastico, debba essere più deprimente del tuo avatar... icon_cheesygrin.gif

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Concordo con Feleset e syllon. L'unica (magrissima) consolazione è che, forse, dire di aver già pubblicato con Asegnard potrebbe essere un'aggiunta almeno vagamente significativa da mettere nella lettera di presentazione per un'altra CE. Però devo ammettere la mia ignoranza in questo campo... non so quanto incida effettivamente.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Concordo con Feleset e syllon. L'unica (magrissima) consolazione è che, forse, dire di aver già pubblicato con Asegnard potrebbe essere un'aggiunta almeno vagamente significativa da mettere nella lettera di presentazione per un'altra CE. Però devo ammettere la mia ignoranza in questo campo... non so quanto incida effettivamente.

Più niente che poco, purtroppo... hurted.gif

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un utente per inserire un commento.

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

×