Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

Writer's Dream Staff

Lettere Animate Editore

Post raccomandati

14 ore fa, Guerriera dice:

Posso chiedere a chi ha già pubblicato con lettere animate ma il cartaceo del libro dove si acquista? Su AMAZON c'è solo eBook 

Il cartaceo si acquista anche su Amazon (che non è proprio il massimo della vita) così come in tutti gli store on-line. Tanto per citarne alcuni dei più importanti IBS, Mondadori Store, La Feltrinelli.  Ci vuole solo un po' più di tempo perchè ebook e cartaceo hanno due strade diverse.  Conosco qualche autore di Lettere Animate che con Amazon ha avuto qualche problema perchè non rende disponibile/ordinabile il libro anche se in catalogo (problema di Amazon e non dell'editore), io stesso ho avuto qualche difficoltà, mentre con gli altri canali citati personalemente non ho avuto nessun problema.

Per quanto riguarda le librerie c'è il solito annoso problema che hanno tutte piccole case editrici, pertanto personalmente consiglio i canali online che ti ho citato prima

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao a tutti. Io ho ricevuto la proposta di pubblicazione da L.A. il 6 maggio. Dopo qualche giorno ho inviato una mail per chiarire dei dubbi sul contratto. Ancora oggi non ho ricevuto risposta. Ho chiesto se l'avessero ricevuta, ma nessuna risposta. Non so cosa pensare.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Salve a tutti! io ho pubblicato l'ebook con Lettere Animate e posso dire solo parole bellissime per questa realtà editoriale. Velocissimi nella risposta, cordiali nelle mie continue domande. Roberto è una persona squisita e non è il classico editore che pensa al Dio Denaro. E' un editore amico degli autori. Si come avete detto non viene fatto l'editing nel romanzo ma non ti vietano di farlo successivamente. Io ho cambiato le versioni dell'ebook due volte e a breve con l'uscita del POD, ho fatto la terza correzione. Se volete delucidazioni, scrivetemi in privato. 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
On 19/5/2016 at 15:53, Pietro Sanzeri dice:

@Roslyn in che indirizzo la mandi? risponderanno loro, gli sarà sfuggita. 

 

@andyben in quasi tutti gli store online (amazon, ibs, ect)

Si hai ragione, ma è questione di lana caprina. Gli store più importanti sono coperti

 

Hai torto invece sull'editing. Non so a quale livello di profondità si arrivi (se verrà accettato il mio nuovo romanzo lo sperimenterò personalmente) , ma da qualche mese viene fatto anche l'editing del testo e non una semplice correzione bozze. Comunque per maggiori ragguagli è possibile chiedere direttamente all'editore

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Io ho inviato la mail allo stesso indirizzo da cui mi era stata inviata la mail con la proposta di pubblicazione. Il giorno stesso ho comunicato direttamente col direttore. Quindi inizialmente ho ricevuto risposta. Solo dopo aver esaminato il contratto e  aver inviato richiesta di chiarimenti su alcuni punti e aver proposto alcune modifiche (credo sia legittimo), non ho ricevuto alcuna risposta. Dopo 10 giorni, quasi alla scadenza del periodo di validità della proposta (15 gg), il direttore mi ha risposto dicendomi di contattarlo per telefono. Ho chiesto quale orario preferisse, ma silenzio. Poi due giorni fa ho deciso di chiamarlo, ma squillava e nessuno rispondeva. Ho inviato un'altra mail per avvisare della chiamata che avevo effettuato, ma niente di niente. Il termine è scaduto, credo.

Il contratto normalmente è bilaterale, se uno dei contraenti non è d'accordo su qualche punto o vuole modificarne qualcuno, può comunicarlo all'altro. Se l'altro non concorda, non si conclude il contratto. Tutto qui. Basta farlo sapere, comunicando una risposta negativa. Il silenzio come deve essere interpretato? Normalmente assenso, ma in questo caso non credo proprio. Mi spiace dare un parere negativo.

Dalla proposta di pubblicazione e dal contratto, L.A. mi era sembrata una CE seria. Forse ho sbagliato io a chiedere chiarimenti.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
22 ore fa, Roslyn dice:

Io ho inviato la mail allo stesso indirizzo da cui mi era stata inviata la mail con la proposta di pubblicazione. Il giorno stesso ho comunicato direttamente col direttore. Quindi inizialmente ho ricevuto risposta. Solo dopo aver esaminato il contratto e  aver inviato richiesta di chiarimenti su alcuni punti e aver proposto alcune modifiche (credo sia legittimo), non ho ricevuto alcuna risposta. Dopo 10 giorni, quasi alla scadenza del periodo di validità della proposta (15 gg), il direttore mi ha risposto dicendomi di contattarlo per telefono. Ho chiesto quale orario preferisse, ma silenzio. Poi due giorni fa ho deciso di chiamarlo, ma squillava e nessuno rispondeva. Ho inviato un'altra mail per avvisare della chiamata che avevo effettuato, ma niente di niente. Il termine è scaduto, credo.

Il contratto normalmente è bilaterale, se uno dei contraenti non è d'accordo su qualche punto o vuole modificarne qualcuno, può comunicarlo all'altro. Se l'altro non concorda, non si conclude il contratto. Tutto qui. Basta farlo sapere, comunicando una risposta negativa. Il silenzio come deve essere interpretato? Normalmente assenso, ma in questo caso non credo proprio. Mi spiace dare un parere negativo.

Dalla proposta di pubblicazione e dal contratto, L.A. mi era sembrata una CE seria. Forse ho sbagliato io a chiedere chiarimenti.

Ho visto il catalogo di questa CE e ho notato che pubblicano tantissimi titoli. Immagino che per supportare una tale mole di scrittori, opere e promozione qualcuno se lo perdano per strada come è successo a te. Sono tentacolari O_O

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@anika A me successe di non riuscire a inviare il file. Mandai una mail avvisandoli di questo, mi rispose credo il capo, dicendomi di inviarlo alla mail.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Io dopo aver firmato il contratto con loro, non ho più ricevuto nessuna risposta. E non capisco visto che avevo un tempo di 15 giorni per rispondere, e rientravo pienamente nei termini.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
2 minuti fa, Guerriera dice:

@Artemisia9117 posso chiederti quando hai firmato?

Ho appena notato che ogni volta che cliccavo su rispondi, gmail metteva il mio indirizzo email e non quello della casa editrice destinataria del messaggio, non capisco come sia stato possibile. Per questo non mi avevano risposto. Ho ricevuto a Maggio la proposta, avevo 15 giorni per firmare, il contratto in effetti ha la data che rientra in quei giorni, con la mia firma, spero solo che loro capiscano e mi accettino lo stesso. Mi mangio le mani per non averlo notato prima.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

A me hanno fatto una proposta editoriale, ma sono veramente indeciso sul da farsi. Certo quando pensavo alla pubblicazione, sognavo quella tradizionale su questo non c'è dubbio. Ma ormai il panorama editoriale è cambiato, i libri stessi sono cambiati, la nostra lingua, la nostra cultura, ogni cosa sprofonda in un baratro senza fine da cui, a quanto pare, riescono ad emergere solo operette di costume e rotocalchi da parrucchieri. Poveri noi!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Non è tanto la proposta a non soddisfarmi, quanto il concetto stesso di self-publishing. Io non comprerei mai un libro di un autore sconosciuto, per di più senza la garanzia di alcuna casa editrice. A parte il fatto che leggo solo classici, ma questo è un mio problema, voglio dire che se vedo una copertina senza il marchio della casa editrice, difficilmente considererò la possibilità di acquistare così alla cieca.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Manodivento Lo so che non si tratta della pubblicazione tradizionale, ma sinceramente a me la loro idea di editoria piace. Sono moderni e chiari. I loro romanzi sono su tutti gli store e col print on demand hai anche il cartaceo su Amazon. Anche le Royalty non sono male :)

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
7 ore fa, Manodivento dice:

A me hanno fatto una proposta editoriale, ma sono veramente indeciso sul da farsi. Certo quando pensavo alla pubblicazione, sognavo quella tradizionale su questo non c'è dubbio. Ma ormai il panorama editoriale è cambiato, i libri stessi sono cambiati, la nostra lingua, la nostra cultura, ogni cosa sprofonda in un baratro senza fine da cui, a quanto pare, riescono ad emergere solo operette di costume e rotocalchi da parrucchieri. Poveri noi!

Quello che dici tu è in gran parte vero! Le grandi CE oggigiorno pubblicano per il 50% roba da rotocalchi, però è anche vero che in Italia siamo in troppo a voler fare gli scrittori e magari la maggior parte di noi non è in grado! Però vorrei soffermarmi su Lettere Animate che ho visto che pubblica un'enormità di emergenti. Tra questi ce ne saranno alcuni sicuramente meritevoli di lode, ma gli altri, potrebbero essere considerati alla stregua del 50% detto poco sopra per le grandi CE. Per me, gira che ti rigira, ogni mondo è paese, sia che pubblichino solo cartaceo, che digitale oppure entrambi. ;-)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Sono nuova di questo mondo, ho scritto un paio di romanzi e mi affaccio adesso all'idea di pubblicare. Qulcuno mi aiuta a capire che significa il print on demand? Chi lo paga, l'editore o l'autore? Insomma, come funziona, soprattutto in relazione a LA? Grazie a tutti, scusate l'ignoranza.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
On 23/6/2016 at 08:35, Ira dice:

Sono nuova di questo mondo, ho scritto un paio di romanzi e mi affaccio adesso all'idea di pubblicare. Qulcuno mi aiuta a capire che significa il print on demand? Chi lo paga, l'editore o l'autore? Insomma, come funziona, soprattutto in relazione a LA? Grazie a tutti, scusate l'ignoranza.

Print on Demand (POD): per ciò che concerne LA, ti viene proposto un contatto per la pubblicazione del romanzo in formato cartaceo. La sostanziale differenza tra LA e una casa editrice comune è che non esiste una tiratura (ovvero un numero di copie) stampata a priori ma ogni copia del libro viene stampata quando ordinata/acquistata appunto Print on demand (stampa su richiesta).  LA non ti fa pagare alcun servizio e ti paga le royalty su ogni copia stampata (venduta).

Come puoi capire c'è un vantaggio per la CE di non dover stampare a priori un numero di copie che poi potrebbero marcire in magazzino se invendute, e consente all'autore di non sborsare un centesimo per il suo libro.

I particolare il POD di LA è gestito (in stampa e distribuzione) da Youcanprint: sia LA che YCP fanno capo a Borè

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite Alessandro Furlano

La stragrande maggiornaza delle piccole case editrici fa il cartaceo esclusivamente in POD. Sono veramente poche a prevedere una tiratura iniziale. L'andazzo ormai è questo perché di libri al macero ne sono finiti fin troppi nel corso degli anni. Lo scotto da pagare è che la gente di andare in libreria a prenotare e poi passare n volte per verificare se il libro è arrivato si stufa. E non tutti comprano su web. Chi lo fa è più avvezzo all'ebook.

Esperienza personale, ho amici refrattari a comprare online che mi hanno detto: scusa, ma mi sono rotto di passare e sentirmi dire che non è arrivato. Così gliel'ho regalato e finita lì.

Modificato da Alessandro Furlano

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
5 ore fa, Pennywise dice:

perché di libri al macero ne sono finiti fin troppi nel corso degli anni.

Una cosa buona almeno c'è: il risparmio di carta, la difesa dell'ambiente.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Come blogger, ho più volte collaborato con gli autori di Lettere Animate recensendo e/o segnalando le loro uscite. Le pubblicazioni sono molto varie; purtroppo, ho notato una carenza nell'editing di molti romanzi. Spero che le ultime uscite siano state curate di più.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
3 ore fa, Emanuela N. dice:

Come blogger, ho più volte collaborato con gli autori di Lettere Animate recensendo e/o segnalando le loro uscite. Le pubblicazioni sono molto varie; purtroppo, ho notato una carenza nell'editing di molti romanzi. Spero che le ultime uscite siano state curate di più.

Per un editing fatto bene ci vogliono i soldi purtroppo! E visto l'ampio numero di scrittori che annovera LA, ciò comporterebbe un esborso e un rischio altissimi. L'unica soluzione sarebbe quella di diminuire i titoli e aumentare la cura dell'editing. Qualità per quantità. Però credo che qualsiasi strada si percorra, i pro e i contro ci saranno sempre. 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Cita

Per un editing fatto bene ci vogliono i soldi purtroppo! E visto l'ampio numero di scrittori che annovera LA, ciò comporterebbe un esborso e un rischio altissimi. L'unica soluzione sarebbe quella di diminuire i titoli e aumentare la cura dell'editing. Qualità per quantità. Però credo che qualsiasi strada si percorra, i pro e i contro ci saranno sempre. 

Purtroppo c'è sempre il retro di ogni medaglia! Tutto dipende a cosa puntano le case editrici, alle loro scelte editoriali ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
28 minuti fa, Emanuela N. dice:

Purtroppo c'è sempre il retro di ogni medaglia! Tutto dipende a cosa puntano le case editrici, alle loro scelte editoriali ;)

Infatti! Alla fine LA mi sembra che vada abbastanza bene, quindi il lettore medio italiano si preoccupa più del contenuto del romanzo che dei refusi e della forma lessico-grammaticale. ;-)

  • Mi piace 2
  • Non mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Buongiorno ragazzi,

 

sono nuova ed è un piacere per me essere qui :)
Posso chiedere un chiarimento a proposito di questa casa editrice a quelli di voi che ci hanno già lavorato? 

Vi è capitato di avere problemi di comunicazione (mail evasive, in alcuni casi nessuna risposta a domande specifiche...) e qualche perplessità sull'editing del vostro lavoro?
Io ho ricevuto una proposta di pubblicazione (cartacea e digitale) per il mio romanzo, ho spedito il contratto (senza però aver mai ricevuto la copia controfirmata). Dopo più di un mese – anche se loro ne assicurano solo uno – ho ricevuto la comunicazione che l'editing del mio romanzo era stato terminato e che avrei ricevuto presto le bozze... solo che, a mio parere, non è stato fatto alcun editing (tanto che mi è stato richiesto il file .doc del mio lavoro solo un paio d'ore prima di ricevere le bozze!)... Ci sono ancora delle mie annotazioni scritte tra parentesi!
Mah, sono un po' perplessa. Ho chiesto chiarimenti ma ricevo solo risposte telegrafiche e piuttosto laconiche. Secondo voi è normale? Devo preoccuparmi? Non vorrei essere esagerata ma non sto ricevendo dei "segnali positivi"... :(

Grazie a chi di voi mi risponderà!

 

Giulia
 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un utente per inserire un commento.

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

×