Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

Writer's Dream Staff

Lettere Animate Editore

Post raccomandati

Beh ci sono numerose testimonianze di persone pubblicate, siamo decisamente sopra la media rispetto ad altre CE. Quindi mi viene da pensare che la tua domanda-osservazione sia corretta.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Infatti, è una cosa che ho notato, e che salta all'occhio: d'altro canto questa frase è piuttosto esplicativa.

Ciao ragazzi,

sì Lettere Animate pubblica probabilmente più della media delle piccole CE (che poi ci sarebbe da capire quale media sia quella corretta). Siamo abbastanza chiari in questo e in tutto il resto. Abbiamo però un gruppo editoriale alle spalle abbastanza grosso per supportare tutta la mole di lavoro :) e abbiamo strumenti per gli autori molto avanzati (come per esempio un'area riservata con i report aggiornati ogni mese).

Un saluto a tutti.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite Alessandro Furlano

Ciao, mi piacerebbe sapere se, visto che ormai siete un'unica "famiglia", esiste la possibilità che un libro autopubblicato con Youcanprint possa essere preso in considerazione da Lettere Animate.

Nel caso ci contattiamo in privato per i dettagli :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Salve :)

 

Ho inviato giovedì il manoscritto a Lettere animate ma non ho ricevuto nessuna conferma di ricezione :S Mi pare di aver letto nella discussione che la ricezione arriva dopo poco tempo,forse non è arrivata??? :( :(

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Salve :)

 

Ho inviato giovedì il manoscritto a Lettere animate ma non ho ricevuto nessuna conferma di ricezione :S Mi pare di aver letto nella discussione che la ricezione arriva dopo poco tempo,forse non è arrivata??? :( :(

Io l'ho inviato ad agosto e non ho ricevuto neanche nessuna risposta di nessun genere...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

Salve a tutti,

io starei finendo le trattative con un'altra casa editrice, ma oggi è arrivata la proposta di Lettere Animate.

Il loro approccio e il loro contratto, non mi hanno fatto un'ottima impressione e, allora, ho consultato questo forum.

Vedo che qui ne avete tutti una buona opinione, quindi vorrei chiedere agli autori che hanno pubblicato con LA già da almeno un paio d'anni se sono ancora soddisfatti o se col tempo sono emersi problemi.

La cosa con cui sono attualmente in trattativa offre gli stessi servizi, prevede la pubblicazione sia cartacea che digitale (mentre LA prevede quella e-book e lascia come opzione il cartaceo POD), ha la pecca che chiede l'acquisto di 35 copie (con sconto del 30%) cosa che a me generalmente non turba perché per le presentazioni o partecipazioni mie personali a fiere ho la necessità di acquistarle. Il lato più positivo è che concedono il 50% sul netto.

Voi cosa pensate? Continuo sulla strada che avevo già scelto, oppure approfondisco LA?

Grazie

ciao, torno qui dopo un bel pò e se ancora sei in trattativa provo a consigliarti.

Io non accetterei mai di pagare per pubblicare. Mai. E' la casa editrice che deve scommettere su di te. Chi ti chiede di pagare per pararsi il didietro va rifiutato, subito.

Detto questo, ho pubblicato con LA un paio di anni fa e l'anno scorso ho rescisso il contratto. Non mi sono trovata bene ( e qui l'ho anche esplicato varie volte ). Zero promozione, totalmente zero sul singolo libro. Pubblicizzano solo il loro marchio. E basta. Le recensioni del mio libro le ho avuto sbattendomi e contattando tutti i siti di lettura e i blog.

A questo, aggiungo anche che al momento di chiedere i rendiconti, mi è stato detto solo un laconico "devi avere tot; fidati di noi perchè infopoint ancora non ha contabilizzato tutte le tue copie".

Copie che improvvisamente erano diminuite rispetto a quanto comunicatomi mesi prima. E a cui andavano sottratti dai diritti misteriose spese di distribuzione (?!?!?!?! ) mai scritte sul contratto che io ho firmato.

Alla fine ho preso quello che davano perchè davvero era diventato sfiancante e a ogni mail mi si rispondeva tutt'altro, ma davvero, farsi la cresta su cifre così basse è stato davvero penoso.

D'ora in poi, w l'autopubblicazione, che con st'avventura io mi son sbattuta per fa rconoscere il mio libro e ho fatto guadagnare un bel pò di soldi a questi signori. Che manco mi hanno riconosciuto quanto era previsto contrattualmente. E non ho mai visto un rendiconto, avendolo richiesto più volte.

Esperienza pessima.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Anche per me esperienza ottima: rendicontazione precisa e puntuale, pagamenti sempre in regola e massima disponibilità. In più, dopo solo pochi mesi dall'uscita del mio romanzo, la sorpresa, non da poco per un esordiente, di poter stringere tra le mani la versione cartacea, quando inizialmente avevo firmato solo per una pubblicazione digitale.

 

Ovviamente, tutto rigorosamente free...

Dubito, da quanto sono riuscito a capire ascoltando le storie di altri autori, che nella mia situazione iniziale avrei potuto compiere una scelta migliore.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Io ho già scritto della mia esperienza con LA, mi stupisco a sentir parlare di problemi con i report perché Lettere Animate dà rendicontazione mensile, quale casa editrice lo fa? È visionabile il profilo del libro con i dati di vendita Su infopoint .Tutto è nero su bianco e limpido. Io ho pubblicato due ebook con loro e ho sempre ricevuto i report regolarmente senza intoppi. Senza pagare una lira per pubblicare. ( lo ribadisco anche se penso ormai sia chiaro)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Io ho un libro con LettereAnimate e sono soddisfatto. Rendicontazione puntuale, pagamenti ineccepibili e nulla da ridire.

Il malinteso che viene spesso è che la si considera una casa editrice tradizionale. Non lo è, nel bene e nel male.

Se volete il vostro libro in tutte le librerie, pubblicità al vostro romanzo e un fitto calendario di presentazioni...rivolgetevi altrove.

Dovete vedere LettereAnimate come una "scuderia" di autori. L'autore è uno dei tanti e Lettere pubblicizza il proprio marchio con l'idea che la pubblicità valorizzi automaticamente anche gli autori. Io ho pubblicato 5 libri, ma solo uno con Lettere e conti alla mano quello con Lettere è quello che ha venduto di più. Quando organizzo le mie presentazioni porto tutti i miei libri contando sul fatto che l'unione fa la forza, li vendo discretamente ma il totale annuo vede sempre il libro di Lettere al primo posto.

Non voglio difendere il direttore, che con me si è sempre comportato egregiamente, ma puntualizzare che la scelta della casa editrice deve essere mirata. anche io volevo il mio libro in tutte le librerie e articoli sui giornali nazionali, ma: sarà stata la mia poca bravura come autore, sarà che non ho ucciso nessuno, sarà la nostalgia...comunque se oggi l'autore vuole avere una voce nel panorama letterario deve anche diventare un personaggio e darsi da fare.

Per chi vuole avere un approccio 2.0 (suona male, ma è la realtà) forse è meglio se si concentra sul proprio lavoro e sulla propria proposta di autore. Il lettore non acquista un libro, acquista l'autore.

Termino quì il mio "pippiolone" per non intasare il forum. Se qualcuno vuole dialogare sull'argomento #AutoreArtigiano mi trova sul mio blog

  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Anche la mia esperienza con Lettere Animate non può che essere positiva. Io tra l'altro ho anche avuto l'opportunità di incontrare di persona l'editore e farci due chiacchiere. Che dire, una persona umile, con i piedi per terra, gentilissima e tanta voglia di fare per aiutare gli autori ermergenti a crescere investendo e credendo in loro. Mai visto un editore più disponibile di lui al contatto con il pubblico (ha sempre risposto a ogni mia domanda o perplessità su qualsiasi cosa, SEMPRE, dandomi anche consigli quando ne avevo bisogno e rendendosi disponibile a risolvere problemi o altro) e soprattutto, mai visto un editore che lavora con tanta trasparenza. Nessun giochetto o imbroglio, sempre tutto chiaro dall'inizio. Sfido io a trovare editori che diano agli autori i rendiconti mensili delle vendite. Quanto al lavoro di promozione... stimolare gli autori a scrivere spin off, a partecipare ad antologie e collane, a scrivere nel portale di Lettere Animate, a partecipare ai lanci delle offerte di massa (tipo Lettere Animate Summer or Winter) e citare sulla pagina Facebook di Lettere Animate sempre una o due opere in date particolari come quella del compleanno degli stessi autori, dell'anniversario del loro libro o altre varie ricorrenze non si può forse definire promozione? E allora come? Inoltre non bisogna trascurare che Lettere Animate ha già da tempo un pubblico suo e tantissimi followers per esempio su Facebook, quindi grazie a questa base di fans gli autori già possono ottenere una certa visibilità e un certo passaparola di cui non godrebbe invece un autore del tutto sconosciuto che auto pubblicherebbe la sua prima opera...

Talvolta si dà tutto per scontato e si presta poca attenzione ai "dettagli" solo per far subentrare pretese e ingratitudine ed è spiacevole.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Personalmente, penso sempre che la critica, se costruttiva, faccia bene e aiuti a migliorare. Al contrario, distruggere e sparlare dell'operato lavorativo di altri (salvo i casi in cui sia palese e sotto l'occhio di tutti, ma non è questo il caso) sia sbagliato.

Con me sono stati sempre gentili e hanno risposto (soprattutto Roberto) immediatamente. I report ci sono, più volte ci è stato spiegato come vanno interpretati e perché spesso non sembrano fare scopa con le vendite che a noi risultano. Molti di noi sono stati rifiutati da almeno una dozzina di CE prima di arrivare a LA e invece di ringraziare per il fatto che abbiano putanto su di loro, pensano sia meglio dargli giù pesante. Per carità, punti di vista, però lo trovo un atteggiamento molto fastidioso.
Detto questo. Roberto, continua così che sono di gran lunga più i pregi che i difetti.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Buongiorno a tutti,

permettetemi l'intrusione in questo argomento, sebbene neofita, ancora in attesa di riscontro, vorrei porgere una domanda all'autore che ha generato il tutto :

Prima di avanzare pretese, insoddisfazioni e quanto altro possa arrecare un danno, il contratto è stato letto e firmato, o solo firmato senza leggerlo?

 

Nel primo caso, letto e firmato, sono bene esposte le condizioni, chiare e senza parole di difficile comprensione.

 

Nel secondo caso, firmato senza leggerlo, credo che l'aspettativa fosse di un guadagno "stratosferico e immediato" con promozione ad ogni libreria esistente sul territorio.

 

Il desiderio insito di ogni autore è quello di vedere la propria opera in tutte le vetrine, in bella mostra, con la coda di persone che attendono di portarlo a casa. E' un sogno? Un miraggio? Forse sì.

 

Una cosa è certa, ogni opera è differente dall'altra, può piacere oppure no, può vendere ma anche rimanere sotto la polvere per sempre.

 

Recidere un contratto non è scandaloso, perché vi è la possibilità di farlo, scandaloso è lamentarsi nei confronti dell'Editore per il mancato risultato della propria opera.

 

Per quanto mi riguarda, la mia opera con molta probabilità non entrerà a fare parte dei Best Sellers, forse nemmeno verrà venduta o se accadrà, ringrazio sin da ora chi l'acquisterà. Non per questo additerò la CE che mi ha dato questa opportunità.

 

Come sempre quanto esposto è la mia personale opinione.

 

Un saluto a tutti.

  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

Buongiorno a tutti,

permettetemi l'intrusione in questo argomento, sebbene neofita, ancora in attesa di riscontro, vorrei porgere una domanda all'autore che ha generato il tutto :

Prima di avanzare pretese, insoddisfazioni e quanto altro possa arrecare un danno, il contratto è stato letto e firmato, o solo firmato senza leggerlo?

 

Nel primo caso, letto e firmato, sono bene esposte le condizioni, chiare e senza parole di difficile comprensione.

 

Nel secondo caso, firmato senza leggerlo, credo che l'aspettativa fosse di un guadagno "stratosferico e immediato" con promozione ad ogni libreria esistente sul territorio.

 

Il desiderio insito di ogni autore è quello di vedere la propria opera in tutte le vetrine, in bella mostra, con la coda di persone che attendono di portarlo a casa. E' un sogno? Un miraggio? Forse sì.

 

Una cosa è certa, ogni opera è differente dall'altra, può piacere oppure no, può vendere ma anche rimanere sotto la polvere per sempre.

 

Recidere un contratto non è scandaloso, perché vi è la possibilità di farlo, scandaloso è lamentarsi nei confronti dell'Editore per il mancato risultato della propria opera.

 

Per quanto mi riguarda, la mia opera con molta probabilità non entrerà a fare parte dei Best Sellers, forse nemmeno verrà venduta o se accadrà, ringrazio sin da ora chi l'acquisterà. Non per questo additerò la CE che mi ha dato questa opportunità.

 

Come sempre quanto esposto è la mia personale opinione.

 

Un saluto a tutti.

E io mi domando: ma prima di intervenire con certi post, ci si è presa la briga di leggere i miei commenti? mi par di no, dato che non mi sono mai lamentata di mancato successo o altro.

Anzi, il mio libro ha anche venduto oltre ogni mia previsione ( mi aspettavo dieci copie al massimo! ). Ma ha venduto perchè io ho segnalato il mio libro e l ho fatto recensire. Di questo mi lamento ( e giustamente, visto che nel contratto, da me letto e firmato, è prevista promozione ). 

E mi lamento che non mi sia spettato quanto scritto nel contratto ( da me letto e firmato ), che non mi sia mai stato fatto vedere un rendiconto ( si, a legger qui infopoint funziona da dio, me le sarò inventata io le mail della casa editrice che mi dice "no guarda tu devi avere tot su infopoint non è aggiornato il tuo rendiconto" ), che siano spuntate "spese di distribuzione" a cui sottrarre quanto a me dovuto ( non presenti nel contratto da me letto e firmato ).

Per questo mi stupisco a leggere una tale risposta, perchè se si scrive "scandaloso è lamentarsi nei confronti dell'Editore per il mancato risultato della propria opera.", quando mi lamento di tutto tranne che per il risultato. 

Ma se sul contratto mi scrivi che è prevista promozione del tuo libro e poi vengo a scoprire che promozione per te è promuovere il marchio o consigliarti di promuoverlo da te, allora un pò mi girano. 

Ma vabbè, son esperienze.

Solo se qualcuno qui chiede un consiglio su questa casa editrice, mi par doveroso dire anche la mia. Tanto ci son comunque altri tremila fedelissimi che son entusiasti ( poi però qualcuno ogni tanto mi scrive in privato dicendomi che si trova malissimo, ma preferisce evitar diatribe pubbliche, ma saranno sicuramente casi isolati... ) che sperticano lodi appena arriva una critica :asd: 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Scusate non volevo in nessun modo intervenire ma a volte sono stupito dalle cose che vengono dette.
Almost quindi: il tuo libro ha venduto bene ma è solo merito tuo (tutte le newsletter che facciamo ogni settimana ai nostri lettori che sono oltre 5mila, con le novità, i libri in catalogo e i suggerimenti di lettura in base al genere... e tutte le altre iniziative che facciamo non contano nulla) tutto il merito è dell'autore, la CE, nonostante l'ottimo risultato da te detto, non conta nulla.
Hai ricevuto il pagamento del dovuto tramite accredito di paypal, ma non va bene neanche questo.
Ti sei trovata a cavallo fra lo sviluppo di 2 piattaforme per cui i report sono scissi, come per te anche per altri, non solo per te.

A oggi mettiamo i report ogni mese nella nostra piattaforma e sono sempre aggiornati, sempre. Ogni mese. 
I costi di distribuzione sono i costi degli store e l'iva e vengono scalcolati da qualsiasi editore e da qualsiasi piattaforma di self. (Es. Amazon trattiene il 30%).
Che poi tu ti sia trovata male, ci sta, come ci sta che altri si trovino male, può capitare non siamo mica perfetti. Mi scuso personalmente se ci sono state incomprensioni o non sono stato chiaro io nella comunicazione con te.
Ma non facciamo nessuna cresta e paghiamo tutti sempre, ci possono essere dei ritardi, ma chi fa richiesta viene pagato, e così sarà per sempre. Se non ti fidi di quello che dico io, chiama il distributore (Simplicissimus) e fatti dare i loro report così li confronti con i nostri.

Direi di chiudere qui la questione. 
Grazie e scusate.
 

  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Perdonami per l'intervento Almost, ma dato che ti sembra "doveroso" dire la tua se qui qualcuno chiede consiglio su questa casa editrice, anche a me che sono un'autrice di Lettere Animate come lo sei stata tu mi sembra doveroso tornare a dire la mia quando leggo frasi che non mi convincono. Tu hai scritto: "se sul contratto mi scrivi che è prevista promozione del tuo libro e poi vengo a scoprire che promozione per te è promuovere il marchio o consigliarti di promuoverlo da te, allora un pò mi girano" e mi dispiace ma sono accuse infondate che deviano la realtà delle cose facendola apparire diversa da come è. Torno a dire che il contratto di Lettere Animate è trasparente e se qualcuno per caso lo interpreta in una maniera sbagliata e tutta sua, non è certo repsonsabilità della casa editrice. Dimmi una cosa, sul contratto che firmasti era specificato che Lettere Animate si impegnava a promuovere il tuo libro in tv, per radio o facendo il giro dei blog chiedendo recensioni o segnalazioni? A me non sembra che il contratto indichi nulla del genere. E' antipatico ora dover citare le sue testuali parole, ma ciò che è scritto è semplicemente questo: "l’Editore si impegna a sfruttare la piena
potenzialità dei suoi spazi Web per la promozione dell’Opera"... sai cosa significa i suoi spazi web almeno? Certamente non include i blog, ma Lettere Animate tempo fa aveva un blog e lì io ho visto spesso che pubblicizzava le opere dei suoi autori come anche sulla sua pagina Facebook. Non me lo sto inventando di certo. ricordo bene di aver visto questo genere di pubblicità quando ancora non ero una loro autrice e speravo di diventarlo. Adesso invece ha creato un portale di editoria dove le sue opere vengono presentate e pubblicizzate e mesi fa l'editore diede anche vita a un'iniziativa in cui proponeva agli autori di scrivere brevi racconti visivi e pubblicarli nel portale. Ebbene anche tutto questo fa parte di un lavoro promozionale se non lo sai senza contare che Lettere Animate pubblicizza tuttora a intervalli di tempo le opere dei suoi autori sulla propria pagina Facebook (dunque sui suoi spazi web come previsto dal contratto).

 

E' specificato inoltre nel contratto che un'altra iniziativa della casa editrice sia quella dell’invio di copie “omaggistampa” (PRESSPASS) e se questo sia stato fatto o no tu come puoi dirlo? Hai le prove per affermare che non sia stato fatto? E comunque anche facendo lavoro di promozione non è detto che si ottengano per forza dei risultati. Talvolta può accadere, altre volte no.

 

Infine, una clausola specifica del contratto indica che l'editore abbia la facoltà di pubblicizzare, promuovere e distribuire l’Opera come ritiene più opportuno e questo comprendi cosa significhi? Mi pare di no dato che continui a esprimere lamentele su promozione non avvenuta anche se a questo punto è evidente che tu ti riferisca a un tipo di promozione che avresti desiderato ottenere ma che non era prevista nel contratto. Difatti, se la promozione alla quale tu aspiravi era che l'editore pubblicizzasse la tua opera andandola a presentare a molti blog e a chiedere recensioni, allora è solo tua responsabilità aver interpretato male il contratto che ripeto, specifica molto chiaramente quale sia il tipo di operazioni pubblicitarie (e in quali settori e spazi web) che s'impegna a esguire. Poi se qualcuno come te si aspetta ben altre operazioni promozionali da quelle proposte oppure fraintende quanto molto chiaramente indicato, non puoi denigrare la casa editrice dichiarando che non abbia fatto quanto stabilito se per te comprendeva pubblicizzare la tua opera in giro per i blog quando non era affatto così nell'accordo e lo dico perchè tu stessa ti sei lamentata di aver dovuto pubblicizzare da sola per i blog il tuo libro come se fosse un dovere di questa casa editrice che comunque da contratto non mi sembra si impegni a farlo. Bisogna sempre capire quello che si legge senza avere aspettative errate e se quanto proposto non ci piace o non ci soddisfa perchè lo riteniamo poco conveniente o limitato, nessuno ci obbliga a firmare. Forse Lettere Animate ti ha obbligato a firmare su qualcosa su cui non eri d'accordo? Come ha già detto qualcuno, chi desidera vedere il proprio libro in tutte le librerie, sponsorizzato a livello di grandi e medie case editrici e un fitto calendario di presentazioni, dovrebbe rivolgersi altrove.

 

Lettere Animate non ha ancora risorse per organizzare certe cose, non va in tv e non si impegna a pubblicizzare i libri attraverso dei blogtour e chi pretende questi tipi di pubblicità ha veramente le idee confuse su quello che accetta di firmare nonostante il contratto di questa CE è fortemente trasparente e comprensibile perfino a un bambino.

 

Per quanto riguarda quello che dici sul fatto che ritieni ti abbiano pagato meno di quello che ti spettava, credo che anche in questo caso tu abbia le idee confuse. Lettere Animate garantisce una certa royalty agli autori non sul prezzo di copertina, ma sul loro guadagno tolte le spese di distribuzione. Questo significa che se un libro costa 0,99 centesimi per esempio, per calcolare la percentuale che ci spetta non bisogna calcolarla su quei 0,99 centesimi, ma su quella che Lettere Animate percepisce dagli store che certamente non sarà totale dato che deve sottrarre le spese di spedizione come specificato nel contratto, quindi in sintesi, la percentuale spettante all'autore al netto di tali spese di distribuzione è da calcolare sulla cifra percepita dalla CE su ogni copia. Se comprendi questo che mi sembra assolutamente logico vedrai che i conti ti torneranno.

 

Torno a dire che Lettere Animate sia di rara trasparenza come CE e che benchè alcuni suoi detrattori ne dicano intanto possiede algoritmi di vendite generalmente superiori a quelli di altre piccole CE e questo anche perchè ha già un suo pubblico che segue il suo lavoro e le sue pubblicazioni, ma ai più ingrati mi rendo conto che costa molto doverlo ammettere.

 

Poi se mi consenti Almost, trovo davvero antipatico dire che certe volte alcuni autori vengono da te a lamentarsi di trovarsi malissimo con Lettere Animate. Se così fosse davvero l'incoerenza di questa gente mi stupisce perchè nessuno la obbliga a rimanere in contratto con loro. Se si trovano così male come dicono allora perchè non rescindono il contratto e non vanno a proporre le loro opere altrove? Forse per timore di essere rifiutati o di non ricevere mai una risposta? Oppure perchè non si autopubblicano? Tanti lo fanno ormai... mmh, fammi indovinare, autori esordienti del tutto sconosciuti probabilmente si agganciano a questa CE e sfruttano il suo marchio e la sua visibilità finchè ritengono di avere necessità di farlo proprio perchè nessuno li conosce... troppo comodo così, troppo da furbi e non aggiungo altro, punto.

 

Chiedo scusa per il post lunghissimo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Intervento di moderazione

 

Tutti hanno dato la loro opinione.

almost, LinaG, Giuseppe Pozzi e altri hanno detto la loro e lo stesso Editore è stato "costretto" a rispondere personalmente.

Adesso chiedo a tutti di continuare con eventuali segnalazioni e pareri, positivi o negativi che siano, senza continuare con il battibecco fine a sé stesso tra ex-autori, autori e aspiranti tali.

 

Ripeto: questo è solo un intervento di moderazione e nessuno ha sbagliato a intervenire, finora. Adesso però la discussione al riguardo può essere chiusa e potete continuare con altre segnalazioni; il primo che continuerà a battere sullo stesso argomento si becca un richiamo. Vi invito a leggere il punto 1.2 del regolamento per evitare altre polemiche.

 

Buon proseguimento.

  • Mi piace 6

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Oops, chiedo scusa, leggo solo ora (perchè quando l'editore di Lettere Animate ha pubblicato il post, io ero ancora impegnata a scrivere il mio) la spiegazione che Roberto abbia offerto riguardo ai report scissi per lo sviluppo di due piattaforme. Pensavo che la questione fosse non aver compreso su come e su cosa calcolare la percentuale spettante. Chiedo scusa di nuovo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Giorno, chiedo a voi che magari parete rispondermi. Ho letto girovagando sul net che lettere animate non pubblica poesie però qualche mese fa ,prima di inviarei miei testi poetici chiamai e mi dissero che accettavano poesie. Quindi io fretta e furia sistemo la raccolta ed invio ed ora aspetto una risposta, devo mettermi l'anima io pace perché tanto non pubblicano questo genere? Almeno un cenno per capire se é inutile aspettare:(

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite Andrea.Dee

Volevo un'informazione. Al momento com'è la politica di lettere animate riguardo il cartaceo e la distribuzione?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
2 ore fa, Andrea.Dee dice:

Volevo un'informazione. Al momento com'è la politica di lettere animate riguardo il cartaceo e la distribuzione?

Il cartaceo viene trattato con contratto di pubblicazione a se, ma che di norma segue il formato digitale. Viene "prodotto" come POD da YCP e usa i canali di distrubuzione di YCP.  Se le cose non sono cambiate negli ultimi tempi, non esiste il cartaceo senza digitale ma può esistere il digitale senza il cartaceo.... nella normalità esistono entrambi ma la priorità di LA rimane comunque l'ebook

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ho mandato tre giorni fa il manoscritto seguendo le loro istruzioni. Purtroppo, a causa della mole del romanzo, la dimensione del file word superava 1MB, che era il massimo consentito. Non ho la minima idea se sia stato cestinato automaticamente dal sistema (sarebbe plausibili), quindi ho scritto alla loro mail per le informazioni il giorno stesso per chiedere conferma di ricezione, ma non ho ancora ricevuto risposta |:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ho uppato il mio romanzo in formato epub (non supera 1mb) e ho inserito i dati in ogni barra e fatto tutto il resto. Non invia il modulo.

Sarà un segno: il mio romanzo non vale abbastanza e il format lo rifiuta in automatico. :asd:

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Salve a tutti.. sono nuova in questo blog.. Due gg fa ho mandato il mio romanzo a questa casa editrice.. Lo avevo fatto già l'anno scorso con risposta positiva dopo qualche mese, ma non ho potuto continuare con loro la collaborazione, sebbene molto allentante e chiara, perché quello stesso romanzo era in mano ad un altro editore che dopo aver firmato il contratto è sparito nel nulla... Ora incrocio le dita sperando che questo editore sia ancora interessati al mio romanzo..

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao a tutti.

Ho ricevuto anche io una proposta da lettere animate. Sia cartaceo che kindle. E ho alcune perplessità.

Nel frattempo ho autopubblicato il libro con Amazon, sia cartaceo che Kindle, mi sono trovata molto bene, visto che senza alcuna pubblicità sono arrivata tra i top100 amazon nella classifica generale dei kindle, ora purtroppo è calato, ma ho fatto molti e acquisti e letture per essere un esordiente.

Il problema è che non so se in caso volessi accettare la loro proposta, sia ancora fattibile poter lavorare con loro, avendo comunque messo il mio libro su Amazon. In più sono combattuta sul fatto che ora guadagno il 70% degli introiti, dopo ne prenderò il 30%.

Quindi vorrei che ne valesse la pena, perché se non fanno alcuna pubblicità, come fanno alcune case editrici, finirei per passare dalla padella alla brace.

Qualcuno che ha pubblicato con loro come si trova? il libro viene venduto?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Rifiuto arrivato con possibilità di pubblicazione youcanprint. Non so come funzioni ma avendo ancora in ballo altre due case editrici Free andrei sul tradizionale. Peccato.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ho ricevuto proposta di pubblicazione eBook e cartacea, mi sembrano molto professionali e attivi nella promozione, qualcuno che ha pubblicato con loro mi sa dire di più ?! Grazie 

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un utente per inserire un commento.

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

×