Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

Ospite

Cosa state leggendo?

Post raccomandati

Ho finito L'Imperatrice del Sole di Ian McDonald che ho trovato interessante. Ora ho iniziato Luce Nera, un romanzo di fantascienza di Ken McLeod. 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Carlo Castellaneta: Anni beati – Mondadori.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ho finito The Rhetoric of Fiction: sono riuscito a superarne la pesantezza e a trarne nozioni assai interessanti, però la seconda parte mi interessava poco e l'ho sfogliata abbastanza velocemente. Ora mi sto documentando sulle origini del cristianesimo, e quindi sono passato a Le Origini del Cristianesimo - Una guida, a cura di Romano Penna, edito da Carrocci.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Il 24/1/2019 alle 12:45, SeeEmilyPlay ha detto:

Vorrei cimentarmi con Bianco letale, il nuovo noir della Rowling, 780 pagine

Ho iniziato a leggere Bianco Letale e devo dire che la Rowling non delude. Le moltissime pagine scorrono bene

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

James Frey - L'ultimo testamento della sacra Bibbia - Era da parecchio che non incappavo in qualcosa capace di scuotermi così. 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ho ricominciato “How to be a straight A student” di Cal Newport. Uno dei pochi manuali che per ora considera noi studenti STEM, la terza parte sugli essays è inutile per me, ma il manuale è utilissimo. 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Su goodreads è in corso un torneo per eleggere il miglior romanzo italiano degli anni 2000. Tutti possono votare. La scelta dei titoli, proposti dagli utenti di goodreads, è davvero interessante e molto utile per prendere spunto per nuove letture, anche senza votare. Sarebbe interessante farne uno così anche qui.

Nel frattempo, se volete dare un'occhiata: https://www.goodreads.com/group/show/231860-pianobi-lettere-da-vecchi-e-nuovi-continenti

 

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ho iniziato da un paio di settimane La Recherche di Proust e, per alleggerire, Il più grande artista del mondo dopo Adolf Hitler. Di quest’ultimo ho letto una cinquantina di pagine e l’ho gettato. La ricerca del sensazionalismo a tutti i costi mi stufa e il senso della frase di Parente è fuffa a 24K. Perciò via, dritto nel cestino; gli altri libri si sono scansati e dal mucchio si è alzato un mormorio come a dire: per Parente serve un cestino a parte. Così, dopo anni che mi strizzava l’occhio dalla libreria, mi sono deciso a prendere in mano I ragazzi del massacro, di Scerbanenco. Dio mio, che Scrittore! La maiuscola è dovuta: capolavoro, in una seduta mi sono sbafato metà romanzo. Peccato per i refusi, eppure si parla di Garzanti [Gesù, Garzanti, mica  Le zizze secche editore!]

  • Divertente 1
  • Non mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ho accantonato Le Origini del Cristianesimo (arrivato a metà aveva esaurito la sua utilità) e sono passato a Storia del CristianesimoVol. 1: L'età antica (secoli I-VII) a cura di E. Prinzivalli, stavolta per documentarmi sull'evoluzione di questa religione nella tarda antichità.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ho finito Cal Newport. Nel frattempo dopo aver anche letto Solving the procrastination puzze di Timothy Pychyl ho iniziato The Savior’s Champion di Jenna Moreci.

 

Dark fantasy per adulti, lo sto adorando sia per l’originalità della trama sia perché è scritto benissimo, i dialoghi sono divertenti e le descrizioni funzionano.  Se parlate bene inglese ve lo consiglio. 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Da circa un anno ho iniziato a leggere o rileggere più libri contemporaneamente. Dicono che aiuti lo sviluppo neuronale e aumenti la plasticità cerebrale... in poche parole, le storie ti si mischiano in testa e ti vengono fuori più idee :D mah... per ora nisba, però mi sono abituato e adesso mi piace più che buttarmi su un solo libro alla volta.

Sto leggendo:

La strada di Cormac McCarthy
L'Aleph di Borges
2666 di 
Bolaño (rilettura)
Tipi psicologici di Jung
Le cosmicomiche di Calvino (rilettura)
The Devil in the White City di Erik Larson (consigliatissimo a chi legge in inglese)
Trattato di semiotica generale di Eco (rilettura)
Uomini e topi di Steinbeck
Il mondo come volontà e rappresentazione (rilettura)

Ho finito da poco L'Educazione di Tara Westover... un libro travolgente, che mi ha fatto incazzare di brutto. Consigliatissimo.

  • Grazie 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Sto colmando una lacuna ingiustificabile:

 

Steinbeck <3

 

Ho iniziato “La valle dell’Eden” pensando di metterlo in lista e leggerlo saltando da un libro a un altro come sempre... l’ho divorato :love3:

 

Prossimo in lista “Uomini e topi”.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Oltre a leggere e rileggere il mio libro per tutte le revisioni del caso :libro:, sto leggendo "Una vita da libraio" di Shaun Bythell e "I will rock you" (la biografia di Freddie Mercury) di Leslie-Ann Jones. :metal:

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ho finito 'L'Antifascismo degli Antifascisti' di Pasolini che ho trovato, per certi versi, attuale e quasi fatto apposta per i nostri giorni. Ora ho iniziato il terzo volume di 'Mondi Senza Fine', un'antologia di fantascienza con racconti di vari autori. 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Letto Tropico di Napoli di Peppe Lanzetta. Un gumbo partenopeo dove a bollire in pentola trovi pene dell’anima, tormenti, assegni a vuoto, disperazione, caldo torrido, auto rubate, pompini rubati, sogni rubati, inferno di Dante, travesta e femminielli dai nomi impossibili di Sciaronstò, Evakant, Prettivumen, Demimur, Uocchi’e vongola, teste rotte, eroina e cocaina, usurai che è la normalità, polpette al sugo e parmigiana di melanzane, cartocci di paste, coltellate, l’umidità dei bassi nei Quartieri Spagnoli, rassegnazione, ìccorna, acqua salata e una giostra di personaggi tirainculo uno peggio dell’altro, la ferrovia del malaffare, l’amore donato, venduto, rubato, assassinato. La scrittura di Lanzetta è straripante ed erutta cruda come la realtà di una vita dove la disperazione è l’unica certezza.

 

Per stomaci forti.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Finito "Furore" di Steinbeck, ora un saggio: "L'Italia intatta" di Mario Tozzi. 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
4 ore fa, Gabriele Valenza ha detto:

Io sto leggendo La strada per Los Angeles di John Fante, autore che mi interessa molto e a cui sono approdato dopo aver approfondito Charles Bukowski. 

Grande. Io, ormai di anni ne sono passati parecchini, ho seguito la stessa strada: Hank/Fante. Fante era un gran sgobbone, ogni singola frase è scolpita, lavorata di fino e immaginifica al punto giusto. Di recente mi sono riletto La confraternita dell'uva ed è uno degli scritti di John che preferisco. I vecchiardi rognosi amici del padre di Bandini sono ilari come un film di Mel Brooks. Fante è profondo come la vita, semplice a leggersi, divertente come le vecchie storie di Paperino.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Ace Amo Fante, ho iniziato con Chiedi alla polvere, sbagliando probabilmente l'ordine di lettura, ma adesso ho deciso di andare per anno di pubblicazione. Mi piace molto scoprire autori grazie ad altri autori. Una cosa simile mi è capitata con John Barth e John Updike (si chiamano tutti John :D), conosciuti tramite David Foster Wallace.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ho iniziato la "trilogia di bartimeus" di Jonathan Stroud, sono alla ricerca di un Fantasy decente. Spero di averci azzeccato. 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
4 ore fa, Gabriele Valenza ha detto:

conosciuti tramite David Foster Wallace

Altro gigante tra i miei preferiti in assoluto.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Ace Idem, ho letto tutto di lui, poi ho visto le sue interviste su YouTube e il film The end of the tour - Un viaggio con David Foster Wallace. La sua morte ha lasciato davvero un vuoto incolmabile ;(

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
2 ore fa, AnnaL. ha detto:

Ho iniziato la "trilogia di bartimeus" di Jonathan Stroud, sono alla ricerca di un Fantasy decente.

è carina: è ambientata in una Londra piena di maghi. Ma ci si dimentichi della Rowling e cose varie: qui i maghi ne escono davvero male, non ce n'è uno che si salvi.  

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@M.T. ora sono nell'Antico Israele (sono partita dal prequel), già da ora si capisce che sono piuttosto bastardini... Per adesso mi pare che l'autore stia investendo un sacco nel personaggio di Bartimeus, gli altri sono in sottofondo insieme all'ambientazione, cosa che non mi colpisce favorevolmente. Però scorre bene, per ora.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
3 ore fa, Gabriele Valenza ha detto:

Idem, ho letto tutto di lui

Anche Infinite Jest? Complimenti, non è da tutti, farcela. È uno di quei libri come l'Ulysse di Joyce o La Recherce di Proust che possono diventare scogli ardui perfino per il più forte dei lettori.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, AnnaL. ha detto:

Per adesso mi pare che l'autore stia investendo un sacco nel personaggio di Bartimeus

Infatti, è lui il protagonista. Ed è lui con il suo modo di fare che dà quel tocco in più alla storia.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Ace Sì, anche Infinite Jest, non senza faticare, ma è stato utile per demolire la mia concezione di libro. L'Ulisse l'ho abbandonato prima della metà, mi pare, proprio non lo reggevo più. Mentre di Proust non ho mai letto nulla.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un utente per inserire un commento.

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

×