Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

Ospite

Cosa state leggendo?

Post raccomandati

Il il Don Chisciotte l'ho preso da qui: 

https://www.liberliber.it/online/autori/autori-c/miguel-de-cervantes-saavedra/don-chisciotte-della-mancia-edizione-bur/

 

Le illustrazioni sono semplicemente meravigliose.

Liberlbier è un sito che in generale consiglio, grandi classici totalmente free (legalmente).

 

Al momento sto leggendo Uno psicologo nei lager

Un tentativo memorabile di descrivere un dramma vissuto in prima persona (forse Il dramma per eccellenza) con l'oggettività della scienza medica.

 

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite gecosulmuro
1 ora fa, Kuno ha detto:

Comunque sono a 1/4 della Montagna incantata, stando al contatore del lettore. Per ora si fa leggere, ma di sicuro non è un libretto da ombrellone :asd:


L'ho mollato a 3/4 e sono saltato alle ultime venti pagine... Con tutto il rispetto, ma la sua celebrità ha un non so che di sospetto. In quell'epoca c'erano il dadaismo e la secessione viennese...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
29 minuti fa, gecosulmuro ha detto:


L'ho mollato a 3/4 e sono saltato alle ultime venti pagine... Con tutto il rispetto, ma la sua celebrità ha un non so che di sospetto. In quell'epoca c'erano il dadaismo e la secessione viennese...

Non è male però non so, lo trovo un po’ angosciante come stile, ecco. Ma non penso di mollare, anche perché dovrò moderare la discussione e quindi non se ne parla di fare le brutte figure :asd: A limite mi faccio raccontare la trama da Kuno xD 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ho letto il racconto "Vermone e i figli di Jerry" di David J. Schow e "studio" "More Scary Stories To Tell In The Dark" (giusto per far vedere che pure io, a fatica, leggio)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Davvero ben scritto, anche se triste, "Gli occhiali d'oro" di Giorgio Bassani. Ho appena visto anche il film tratto dal romanzo e gli rende abbastanza onore, diretto da G. Montaldo con protagonista un intenso Philippe Noiret. 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Adesso ho iniziato a leggere "Il diavolo nel cassetto" di Paolo Maurensig (famoso per "Canone inverso") von una trama davvero appropriata per noi utenti di questo forum:  

 

"La letteratura è un affare molto serio per questo borgo svizzero stretto in una vallata quasi soffocata dalle montagne: si narra che Goethe di ritorno dall'Italia vi trascorse una notte per via di un guasto alla carrozza su cui stava viaggiando. Addirittura tre locande, a lui intitolate, si contendono il vanto di averlo ospitato. Inoltre, dal prete anzianissimo che redige le sue memorie alla ragazzina un po' sciocca autrice di filastrocche, passando per il borgomastro, tutti gli abitanti del paese si sentono scrittori e ambiscono a essere pubblicati. Spediscono romanzi per posta e per posta ricevono i rifiuti dagli editori. C'è poco da scommettere, quindi, sul talento di queste mille anime. Finché il diavolo fa il suo solenne ingresso in scena: «tutto nella sua persona pecca di eccesso, il suo riso è sgangherato, il gesto è teatrale, e la voce, la voce poi, dove sembra essere custodito il segreto del suo fascino, è rotonda, impostata, senza asperità, senza picchi, ma cela un sottofondo di sospiri e lamenti». Si professa grande editore e dice di voler aprire proprio lí una filiale della sua prestigiosa casa editrice. Chi non è disposto a un patto col diavolo pur di veder pubblicato il proprio romanzo?"

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Dopo varie letture da svacco, mediamente terribili, ho iniziato ieri sera "un matrimonio inglese" opera minore di Frances Hodgson Burnett. 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ho finito 'Le Memorie di Adriano' di Marguerite Yourcenar che ho trovato stupendo. Ora ho iniziato 'Radical Chic', un saggio molto irriverente di Alessandro Catto contro il politicamente corretto. 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite Il solitario

Io sto leggendo Il barone rampante, ma vado un po' a rilento.

Per la prossima lettura, invece, non so cosa iniziare: sono combattuto tra Furore di Steinbeck e Il pendolo di Foucault di Eco, di cui però non si dice un gran bene.

Quale mi consigliate di iniziare per primo? :umh:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, luca c. ha detto:

Io sto leggendo Il barone rampante, ma vado un po' a rilento.

Per la prossima lettura, invece, non so cosa iniziare: sono combattuto tra Furore di Steinbeck e Il pendolo di Foucault di Eco, di cui però non si dice un gran bene.

Quale mi consigliate di iniziare per primo? :umh:

"Ballo di famiglia" di Leavitt :asd:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite Il solitario
27 minuti fa, Marcello ha detto:

"Ballo di famiglia" di Leavitt :asd:

Va be'... :fuma:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, luca c. ha detto:

Io sto leggendo Il barone rampante, ma vado un po' a rilento.

Per la prossima lettura, invece, non so cosa iniziare: sono combattuto tra Furore di Steinbeck e Il pendolo di Foucault di Eco, di cui però non si dice un gran bene.

Quale mi consigliate di iniziare per primo? :umh:

Dipende dai tuoi gusti e da quello che ti va di leggere in questo momento. Il romanzo di Faulkner è molto realista e denuncia una situazione di crisi economica che spinge i protagonisti a lasciare la loro terra e cercare un futuro migliore. Quello di Eco è un romanzo post-moderno che gioca con elementi legati a complotti e cospirazioni. Vedi tu. 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
2 ore fa, luca c. ha detto:

Va be'... :fuma:

Scherzavo, ovviamente.  

Il "pendolo" come ho scritto poco fa in questa discussione è stata una grandissima delusione per me.  

"Furore" invece credo di non averlo letto, perché non ne ho ricordo.

Quindi non ti sono di grande aiuto, sorry ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
20 ore fa, luca c. ha detto:

Per la prossima lettura, invece, non so cosa iniziare: sono combattuto tra Furore di Steinbeck e Il pendolo di Foucault di Eco, di cui però non si dice un gran bene.

Quale mi consigliate di iniziare per primo? :umh:

Io ho amato Il pendolo, l'ho letto più volte e lo trovo un romanzo fantastico.

Di Stenibeck ho letto solamente Uomini e topi, e mi è scivolato senza lascire granchè.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Terminato Il mestiere dello scrittore (molto bello) di Murakami, ho cominciato Kafka sulla spiaggia, sempre di Murakami.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ho finito il saggio 'Radical Chic' di Alessandro Catto che ho trovato coinvolgente e ricco di spunti di riflessione. Adesso ho iniziato 'La Doppia Faccia degli UFO' di Ian Watson, romanzo di fantascienza molto intrigante e visionario. 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Appena terminato "Tutto quel buio", di Cristiana Astori: romanzo ben scritto, dove thriller, horror, noir, rievocazione storica e amore per il cinema confluiscono in un geniale labirinto degli specchi, ove, fino all'ultimo, difficilmente ciò che appare è davvero ciò che è!

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ho cominciato Una casa alla fine del mondo di Michael Cunningham di cui non so niente di niente. Ho visto il libro e il titolo mi diceva qualcosa. Non so ancora se mi piace o meno, intanto ho scoperto che ne è anche stato tratto un film.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ho finito di leggere Lonesome Dove, un western di quasi mille pagine. All'inizio non mi aveva colpito, poi, pian piano, è arrivato. Mi ha spezzato il cuore. Una parabola cruda e sincera sulla fugacità della vita, scritta in modo semplice e diretto, senza fronzoli.

Ho letto anche Il fascismo eterno, di Eco.

Domani come defaticamento comincerò La spada del samurai, di David Kirk. Un romanzo che credo abbia poche pretese, ma spero di divertirmici.

Modificato da Plata

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Alle 22/3/2018 at 15:37, Kikki ha detto:

Ho cominciato Una casa alla fine del mondo di Michael Cunningham di cui non so niente di niente. Ho visto il libro e il titolo mi diceva qualcosa. Non so ancora se mi piace o meno, intanto ho scoperto che ne è anche stato tratto un film.

Non ho visto il film, ma ho letto il libro che mi piacque molto a suo tempo. Buona lettura ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Marcello infatti è stato bellissimo, una ricchezza di linguaggio che non trovavo da molto, davvero una soddisfazione, più che per la trama, per come è scritto, farei davvero un complimento a chi l'ha tradotto perché ha fatto un lavoro stupendo. Il prossimo lo proverò a leggere in originale.

Ho letto intanto anche Una nuova stirpe di Silvana de Mari che ho trovato davvero migliorata, avevo letto solo la saga che inizia con L'ultimo elfo e, benché la trama fosse per me molto affascinante, avevo trovato i suoi libri poco curati dal punto di vista lessicale e addirittura ortografico. Visto che questo era piccolo piccolo ora ho iniziato Il mercante dei libri maledetti di Marcello Simoni che volevo leggere da molto tempo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

Finito L'animale morente di Philip Roth.

 

Iniziato Trilogia di New York di Paul Auster.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

×