Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

Ospite

Cosa state leggendo?

Post raccomandati

"Le città invisibili" di Calvino, principalmente a scopo documentario, per una idea che mi gira in testa da qualche tempo... e che probabilmente rimarrà in testa, fino a biodegradarsi senza lasciare tracce.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

The ghost pirates, di William Hope Hodgson: mi sono accorto adesso che mi mancava ancora, per concludere la sua autodichiarata trilogia...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ho finito di leggere il saggio di Nash e adesso ne ho iniziato un altro sulla mente secondo le ultime tendenze della fisica quantistica: 'Il Potere del Cervello Quantico' di Italo Pentimalli e J.L. Marshall.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Dopo La casa per bambini speciali di Miss Peregrine, scritto da Ransom Riggs, passo al capitolo secondo: il ritorno dei bambini speciali di Miss Peregrine :)

Scritto molto bene e dalla trama intrigante :) Consiglio.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ho appena finito La lingua perduta delle gru di David Leavitt. Bello. Mi è piaciuto. Scritto bene e argomento interessante.

Tuttavia, in alcuni punti il romanzo mi è sembrato forzato.

Mi spiego: il protagonista, Philip, è gay, e va bene. Il suo ragazzo, Eliot, è gay (ovviamente), e va bene. La coinquilina di Eliot è lesbica, ci può stare, è facile che gay e lesbiche facciano comunità a sé. Owen il padre del protagonista è un gay non dichiarato (non vado oltre per non rovinare la lettura a chi fosse interessato), e qui comincia a pesarmi. I genitori adottivi di Eliot, il ragazzo del protagonista, sono gay pure loro. Mi sembra troppo, a questo punto. Com'è possibile che l'unica etero del romanzo fosse Rose, la madre di Philip? Non mi è sembrato tanto logico. A mio parere c'è qualche gay di troppo. Per esempio, la parte del padre, per rendere meno forzata la storia, avrebbe dovuto appartenere ad un amico di famiglia o un amico di Philip.

Che ne pensate?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ho appena finito La lingua perduta delle gru di David Leavitt. Bello. Mi è piaciuto. Scritto bene e argomento interessante.

Tuttavia, in alcuni punti il romanzo mi è sembrato forzato.

Mi spiego: il protagonista, Philip, è gay, e va bene. Il suo ragazzo, Eliot, è gay (ovviamente), e va bene. La coinquilina di Eliot è lesbica, ci può stare, è facile che gay e lesbiche facciano comunità a sé. Owen il padre del protagonista è un gay non dichiarato (non vado oltre per non rovinare la lettura a chi fosse interessato), e qui comincia a pesarmi. I genitori adottivi di Eliot, il ragazzo del protagonista, sono gay pure loro. Mi sembra troppo, a questo punto. Com'è possibile che l'unica etero del romanzo fosse Rose, la madre di Philip? Non mi è sembrato tanto logico. A mio parere c'è qualche gay di troppo. Per esempio, la parte del padre, per rendere meno forzata la storia, avrebbe dovuto appartenere ad un amico di famiglia o un amico di Philip.

Che ne pensate?

Ho amato quel romanzo, che lessi appena uscì e che ritengo il suo migliore.  Devo dirti che il rapporto fra il protagonista e il padre è forse una delle parti che preferisco.  Credo, ma è solo un mio sospetto, che ci fossero dei riferimenti autobiografici come in tutte le sue prime opere.  Il padre era un insegnante e la madre morì di cancro e se leggerai il successivo romazo, Eguali amori, troverai che anche il tema della malattia ritorna.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Mi sto dedicando a due classici del Settecento, molto diversi per genere: "La ricchezza delle nazioni" di Adam Smith e "Faust" di Wolfgang Goethe. Vanno giù solo con la Citrosodina, ma sono entrambi imprescindibili e voglio finirli. Ce la posso fare e quindi ce la devo fare.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Beh, Adam Smith l'ho letto per motivi di studio,  un po' di "fondamenti" disciplinari non guastano... I Faust sono affascinanti!  Li nomino al plurale perché sono tre: Urfaust, una sorta di prologo/sinossi,  primo e secondo Faust. Buona lettura :flower:!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao a tutti! Mi aggiungo alla lista-lettori.

Io ho tra le mani Rumble Tumble di J.R. Lansdale. Fa parte di un ciclo di romanzi che hanno per protagonisti una coppia fantastica di strampalati "investigatori" : Hap Collins e Leonard Pine. Ho scoperto Lansdale grazie al consiglio di un collega ed ora sto leggendo l'intero ciclo di romanzi dedicati a questi due folli e umanissimi personaggi! Se vi piacciono le scazzottate e una bella dose di brividi e risate... ecco, non avete che da correre a recuperare l'intera serie (cominciate con "Una stagione selvaggia").

Buona lettura :asd:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

×