Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

Post raccomandati

6 ore fa, Ivana Librici ha detto:

Ciao @Margherita Cucinotta

ho partecipato per la prima volta l'anno scorso. Devo dire che ho ricevuto un solo commento cattivo, o meglio un commento che voleva affossarmi a tutti i costi. Il lettore in questione aveva letto solo le prime due pagine  (perché si è riferito solo a quelle) e ha criticato delle ripetizioni che ha trovato (alcune non del tutto vere a dire la verità). Non ha detto una parola sulla trama, sui personaggi, sullo stile. Però a me il suo commento cattivo è servito lo stesso perché adesso sto molto attenta alle ripetizioni. Insomma tutto serve!

Esattamente! Ti spiego...

Io ho deciso di partecipare quest'anno per questa stessa ragione, per ricevere ogni genere di commento e vedere. Un mio vecchio amico d'infanzia aveva partecipato anni addietro e mi aveva sconsigliato di farlo. (Lui aveva scritto un high fantasy, mi pare). Solo che... lui non sa che cose simili mi sono capitate mille volte su Wattpad: insomma, ti dico solo che una volta un utente trovò divertente scrivermi in privato e farmi una mini recensione di una mia storia. Però, con il senno di poi, quel messaggio cattivello in anonimo mi ha spinto a migliorare e rivedere tante cose su ciò che vado a scrivere, a mettermi in discussione, a essere più sintetica e fare attenzione alla caratterizzazione dei personaggi perché mi aveva detto che erano un po' stereotipati. :sorrisoidiota:<3

 

(Diciamo che usò altre parole, parole che non potrei ripetere senza essere ripresa, ma credo tutt'ora che con "i tuoi personaggi sono tutti s..." intendesse "stereotipati") hahah :asd:

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Il 17/5/2019 alle 15:26, franka ha detto:

Non partecipo a Io scrittore quest'anno, il mio intervento rispondeva a una domanda di Ljuset che  a mio avviso non si riferiva strettamente al concorso ma era più generale: "Qualcuno mi spiega perchè bisognerebbe dare tanta importanza alla sinossi nella valutazione di un testo letterario?"

Ah, ok, non avevo capito. Resta il fatto che la risposta vale per chi partecipa per la prima volta e non sa che pesci pigliare.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Il 15/5/2019 alle 18:22, Jonas Abelton ha detto:

 

No e la volta precedente che sono andato in finale è stato così.

Sei stato mooolto fortunato allora. :D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ho finito adesso di giudicare il decimo incipit e devo ammetere che è stato difficile, molto difficile.

La qualità degli testi che ho ricevuto era scadente e di conseguenza lo sono stati i miei voti:  3;4;5;4;6;4;5;4;4;4

Leggendo il forum, mi è venuto il dubbio di essere oltremodo severo. Ho riflettuto su questo e vorrei condividere il mio pensiero.

 

Fatto numero 1:  il mio metro di confronto è ciò che leggo e non ciò che scrivo. Dunque, siccome leggo circa 50-55 romanzi all'anno, tutti scritti da autori affermati, mi basta davvero poco per essere disturbato. Purtroppo, quasi tutti i testi che ho letto erano banali, infarciti di errori, con punteggiature approsimative e trame inconsistenti. Sono stato sfortunato? Puo essere, ma mi è impossibile immaginare 9 di quegli incipit su uno scaffale di Feltrinelli.

 

Fatto numero 2: la media non è tutto. Significa che tra i 10 incipit ho letto la forma grezza di un capolavoro, molto grezza.  Una storia drammatica, capace di afferare un lettore sin dalle prime battute, trascinadolo in un mare di emozioni e sensazioni. Tuttavia, non ho mai letto tanti errori ortografici, tutti insieme, quanti ne ho incrociati in quelle pagine. Un disastro totale al quale ho attribuito 1 uccidendo la media.

 

Fatto numero 3: ne sono certo, molti di coloro che partecipano a IoScrittore non hanno mai letto un romanzo. Allora mi domando: può un vegetariano essere giudice ad un concorso di carne alla griglia? 

 

Fatto numero 4:  i nostri metri di misura sono differenti. Significa che per me, se in 20 pagine impeccabili ci sono due  "o detto"  il voto in grammatica è 4 (se sono di buon umore). 

 

Boh, non so. Il ricevere  un giudizio mi intriga e mi interessa, e scriverne è stato un esercizio interessante, eppure, resto diffidente. 

 

Ciao!

  • Mi piace 3

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

 

Ciao @MicheleP

Non so se è il tuo caso ma succede spesso che salvando in formato rtf, a seconda del programma di lettura, si modifica la visualizzazione del file.  A molti degli incipit a me assegnati scompaiono tutti gli apostrofi quando li leggo sul tablet, ad esempio, ma so che è un problema informatico e non di ignoranza dell'autore  (anche perché ci sono i correttori ortografici).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@MicheleP mi trovo d'accordo con te su tutta la linea. Anche io leggo molto, intorno ai 90 romanzi l'anno, solo ebook. I voti che ho dato rispecchiano molto i tuoi, penso che almeno 4 su 10 degli autori che ho letto non arrivi nemmeno a un libro all'anno. Altrimenti non avrei trovato, per esempio, frasi con una virgola dopo ogni singola parola, e tante altre ingenuità che dimostrano l'estraneità di queste persone al mondo dei libri. Errori ortogragici ne ho trovati anche io un sacco. Sinossi scritte tutte in maiuscolo... sinossi senza né capo né coda... c'è gente che si impegna molto per partecipare a questo concorso, che si preoccupa di eliminare le ripetizioni, che si ripresenta ogni anno cercando sempre di migliorare in base alle critiche ricevute. Quindi è giusto dare voti bassi sia agli errori di ortografia sia a chi presenta un incipit sciatto, perché è giusto premiare chi dimostra di essersi impegnato.

  • Mi piace 5

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, SeeEmilyPlay ha detto:

@MicheleP mi trovo d'accordo con te su tutta la linea. Anche io leggo molto, intorno ai 90 romanzi l'anno, solo ebook. I voti che ho dato rispecchiano molto i tuoi, penso che almeno 4 su 10 degli autori che ho letto non arrivi nemmeno a un libro all'anno. Altrimenti non avrei trovato, per esempio, frasi con una virgola dopo ogni singola parola, e tante altre ingenuità che dimostrano l'estraneità di queste persone al mondo dei libri. Errori ortogragici ne ho trovati anche io un sacco. Sinossi scritte tutte in maiuscolo... sinossi senza né capo né coda... c'è gente che si impegna molto per partecipare a questo concorso, che si preoccupa di eliminare le ripetizioni, che si ripresenta ogni anno cercando sempre di migliorare in base alle critiche ricevute. Quindi è giusto dare voti bassi sia agli errori di ortografia sia a chi presenta un incipit sciatto, perché è giusto premiare chi dimostra di essersi impegnato.

Concordo in pieno. Anche i voti che ho dato io, purtroppo, sono bassi. Ho la sensazione che alcuni degli incipit che ho letto siano addirittura stati scritti da ragazzine di quindici anni! A un solo incipit sono riuscito a dare una sufficienza, e proprio a voler essere buoni...

  • Mi piace 2
  • Non mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Siccome mi sono appena ritirato dal torneo, a questo punto posso rivelare il titolo del thriller con cui partecipavo: "Dio non c'è laggiù".

Se qualcuno di voi l'avesse letto e valutato (chiaramente a breve scomparirà), mi farebbe piacere conoscere i vostri giudizi, se avete tempo e voglia. 

 

In bocca al lupo, ragazzi!

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ho dovuto.

Senza entrare in dettagli (finirei OT, infatti ne parlo in un'altra sezione del forum), ho firmato in questi giorni un contratto con una grande CE, e per rispettarlo devo ritirare l'opera dal concorso.

 

Sarà per la prossima volta. 

  • Mi piace 5
  • Grazie 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ecco la mia esperienza come lettore in questo concorso. Personalmente sono stato abbastanza largo con i voti e non ho guardato proprio il pelo nell'uovo. I miei commenti sono stati tutti di quasi 3.000 battute. Ho cercato di dire ad ognuno, a mio modesto parere, i difetti dei loro incipit. Principalmente mi sono detto che una volta che do un'insufficienza, è inutile infierire, come se qualcuno avesse giudicato il mio, mi sarebbe dispiaciuto vedere dei 3, 2, 1 (e per fortuna lo zero non è previsto :asd:). Quindi:

 

1 calssificato "romanzo storico" (anche se non sono d'accordo che appartenga veramente al genere) 6,25 (ma mi sono sentito Babbo Natale)

1 mistery/thriller/suspense (anche se per me, per quanto ho letto, è un poliziesco con ben poca suspense) 7,25 (scritto bene anche se non entusiasma)

2 avventura (uno che sconfina nell'urban fantasy, scritto bene; l'altro che sembra più una parodia, malriuscita di una spy-story) 7,00 e 4,75 (leggere l'ultimo è stato uno spreco di tempo)

1 narrartiva generale (flusso di pensiero - l'autore sa scrivere bene, ma non riesce a coinvolgere) 6.75

5 narrativa generale (uno diverso dall'altro come tema e stile) 4,25 /4,25 / 4,75 /5,75 / 5,75

 

Ad essere sincero avrei potuto dare dei voti più bassi; nessuno degli scritti mi è parso degno di figurare in una libreria, ma come dicevo: inutile infierire.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Credo di essere stato decisamente troppo buono: consigliatemi.

 

Avventura (ridicolo): 4,3,5,3

Fantasy (ridicolo): 4,4,5,6

Fantasy (molto intrigante, tema a me caro): 10,8,8,9 (credo sia troppissimo, lo abbasserò comunque)

MTS (senza infamia e senza lode): 7,7,6,4

Fantasy (una ragazzata quasi ridicola): 6,6,7,7

Sentimenti (veramente notevole): 8,9,8,8

NG (buono ma non esageriamo): 8,9,8,8

NG (vorrei ma non posso): 8,7,8,9

Fantasy (molto carino, quasi il migliore del lotto): 8,9,8,9

MTS (ottimo, il mio preferito di questi): 9,9,8,8

 

Rileggendoli... ho messo 9 in grammatica se non c'erano errori e se era piacevole da leggere, 7 se senza errori (visti i disastri che si leggono), sono troppo buono?

 

 

  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

È la prima volta che partecipo a questo torneo. È la prima volta, a dire il vero, che partecipo a qualsivoglia torneo o concorso letterario.

Ho dato la sufficienza a meno della metà degli incipit che mi sono stati assegnati. Tre su dieci mi sono piaciuti e hanno ricevuto voti abbastanza alti (8.5 di media, più o meno), in uno di questi ho visto proprio un possibile capolavoro. Si tratta di una storia sentimentale raccontata attraverso il flusso di pensiero di due ragazze destinate a stare insieme, ovviamente a punti di vista alternati. Mi è piaciuto davvero molto, e onestamente la qualità della scrittura mi ha messo anche un po' in soggezione. Inoltre (ma questo non c'entra niente con il giudizio che ho dato), essendo pure il protagonista del mio romanzo omosessuale, mi ha dato un certo sollievo verificare da subito che non sono "da solo".

Un altro dei dieci che mi hanno assegnato non è un romanzo, bensì un resoconto di testimonianze e storie vere sulla stregoneria in Africa. Un altro ancora è una storia sentimentale a cui ho dato bei voti, a parte un 6 alla grammatica (causa punteggiatura disordinata) e un altro ancora è una finzione autobiografica scritta bene e molto coinvolgente. 

Gli altri... terribili. Pieni di refusi, personaggi stereotipati e frasi che non diresti nemmeno al bar di paese in mezzo alla narrazione diretta.

Ma quello che mi ha lasciato davvero perplesso è l'utilizzo della punteggiatura: in quasi tutti i testi che ho dovuto valutare virgole e punti sono stati messi a caso. Continue virgole fra soggetto e predicato, mancanti invece dove necessarie. Periodi senza senso di una lunghezza allucinante. Vi giuro che non vorrei sembrare presuntuoso o arrogante, ma mi chiedo: queste persone hanno mai preso in mano un romanzo? 

  • Mi piace 5

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite e-allora-avanti
1 ora fa, Alessandro66 ha detto:

Credo di essere stato decisamente troppo buono: consigliatemi.

 

Avventura (ridicolo): 4,3,5,3

Fantasy (ridicolo): 4,4,5,6

Fantasy (molto intrigante, tema a me caro): 10,8,8,9 (credo sia troppissimo, lo abbasserò comunque)

MTS (senza infamia e senza lode): 7,7,6,4

Fantasy (una ragazzata quasi ridicola): 6,6,7,7

Sentimenti (veramente notevole): 8,9,8,8

NG (buono ma non esageriamo): 8,9,8,8

NG (vorrei ma non posso): 8,7,8,9

Fantasy (molto carino, quasi il migliore del lotto): 8,9,8,9

MTS (ottimo, il mio preferito di questi): 9,9,8,8

 

Rileggendoli... ho messo 9 in grammatica se non c'erano errori e se era piacevole da leggere, 7 se senza errori (visti i disastri che si leggono), sono troppo buono?

 

 

Se uno dei fantasy è bil mio, lascia i voti alti, grazie!🤣

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Domanda: come vi regolate quando un incipit appartiene decisamente a un'altra categoria rispetto a quella segnata. Nel mio caso, una sinossi fin dal titolo (oltre che nella trama e nei personaggi canonici) appartenente al genere MTS e spacciata dall'autore per NG. vabbè che è scadente assai, a partire dall'ortografia e dall'implausibilità dei dialoghi, ma non dico segnalarlo alla segreteria, ma almeno farlo notare nella mia recensione io mi sentirei proprio di  farlo.

è mai capitato a nessuno?

II domanda: forse mi è sfuggito, ma è vietato dare gli indizi qui da noi? possibile solo dare i voti e commenti?:hm:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@jacopa Del Gado non penso sia vietato dare indizi, se non lo è sul cazzeggio. Se trovo che un incipit sia nel genere sbagliato lo scrivo nel mio commento. In questa tornata ne ho avuti almeno tre con il genere sbagliato. Ma quello era il minore dei loro problemi...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
13 minuti fa, SeeEmilyPlay ha detto:

@jacopa Del Gado non penso sia vietato dare indizi, se non lo è sul cazzeggio. Se trovo che un incipit sia nel genere sbagliato lo scrivo nel mio commento. In questa tornata ne ho avuti almeno tre con il genere sbagliato. Ma quello era il minore dei loro problemi...

Come del resto è il minore dei problemi del mio :facepalm:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

La pecca maggiore di questo concorso è che sono "scrittori" che giudicano "scrittori". Nel migliore dei casi si tratta di un conflitto Ego contro Ego. La maggior parte di noi è convinta di sapere come si scrive veramente. La vera domanda è non se un altro scrittore apprezzi o meno il nostro scritto, ma: "piacerò ai lettori"? La lingua è in continua evoluzione e, ortografia a parte (ma anche qui, pensate al termine "familiare", che ora viene scritto "famigliare" - ma deve prevalere la trascrizione fonetica o l'etimologia della parola?), grammatica e sintassi sono davvero immutabili? Per me è una questione di gusto, di musicalità. Una frase deve "suonare" corretta altrimenti, con il tempo, la sua struttura cambierà, perché è l'uso che sancisce le regole, non i vecchi libri di grammatica. La struttura grammaticale cambia da lingua a lingua e il mondo sta andando verso la globalizzazione. È inevitabile che le grammatiche si contaminino a vicenda. Se non fosse così scriveremmo ancora nello stile di Dante. Nel giudicare gli incipit bisognerebbe chiedersi, a volte, se la struttura linguistica che ci sembra strana sia a causa dell'ignoranza da parte dello scrivente oppure perché, ben consapevole delle regole, tenta di andare oltre. Ovviamente per fare ciò, anche chi giudica deve conoscere le regole e quanto siano rigide e quanto potrebbero essere flessibili (una specie di "licenza poetica" estesa alla narrativa). La storia di ogni cosa sulla Terra è storia di evoluzione.

Buon lavoro a tutti.

  • Mi piace 4
  • Non mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@jacopa Del Gado e @SeeEmilyPlay. Ho trovato anch'io dei testi che non corrispondevano al genere in cui erano stati inseriti. Ma c'è la contaminazione (e la "contaminatio" c'era già due millenni fa). Penso che bisognerebbe limitarsi a vedere se l'incipit sia scritto bene oppure male. Personalmente ritengo veramente noioso quando riesco a prevedere dove la storia andrà a parare. Conosciamo bene le caratteristiche dei vari generi. Noi parliamo di storie "non di genere". Gli anglofoni distinguono il non di genere in "mainstream" (commerciali) e "literary fiction" (di nicchia) e il tipo di scrittura è diverso nei due casi. Io credo, ma è una mia opinione, che quando abbiamo una buona "contaminiazione di generi", la possiamo ritenere letteratura NG. Ovviamente anche qui, ognuno è libero di pensare come crede.

Modificato da Ljuset
svista grammaticale e completamento frase
  • Mi piace 2
  • Non mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Quota
Quota

 

 

Scusa, Ljuset, ma "familiare" e "famigliare" non sono due grafie diverse dello stesso concetto, sono (come qualsiasi buon dizionario può spiegare) due cose diverse: il primo è un aggettivo, e vuol dire "già noto", "riconoscibile"; l'altro può essere anche sostantivo, e vuol dire "che fa parte della famiglia", madre, padre, figlia, fratello, zia etc. Giusto per la precisione, naturalmente!

  • Mi piace 2

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Mario Emme Perdonami, ma la tua spiegazione non è corretta. Familiare e famigliare sono termini equivalenti e intercambiali, sia come sostantivo che come aggettivo. Solo che il primo deriva direttamente dal latino familia, mentre il secondo riprende la grafia italiana dello stesso vocabolo latino: famiglia.

Di fatto, l'uso dell'uno o dell'altro è una questione di preferenze personali e nient'altro, come attestato dalla Treccani e da esempi della letteratura del '900: Cronaca familiare di Vasco Pratolini, ma Lessico famigliare di Natalia Ginzburg. Di solito, i dizionari indicano semplicemente che famigliare è meno comune di familiare.

  • Mi piace 5

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, Mario Emme ha detto:

"familiare" e "famigliare" non sono due grafie diverse dello stesso concetto

Stavo per risponderti, ma @L'antipatico mi ha preceduto. Comunque grazie per il punto negativo: è sempre bello essere corretto da chi pensa di saperne di più.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
23 ore fa, Ljuset ha detto:

Ecco la mia esperienza come lettore in questo concorso. Personalmente sono stato abbastanza largo con i voti e non ho guardato proprio il pelo nell'uovo. I miei commenti sono stati tutti di quasi 3.000 battute. Ho cercato di dire ad ognuno, a mio modesto parere, i difetti dei loro incipit. Principalmente mi sono detto che una volta che do un'insufficienza, è inutile infierire, come se qualcuno avesse giudicato il mio, mi sarebbe dispiaciuto vedere dei 3, 2, 1 (e per fortuna lo zero non è previsto :asd:). Quindi:

 

1 calssificato "romanzo storico" (anche se non sono d'accordo che appartenga veramente al genere) 6,25 (ma mi sono sentito Babbo Natale)

1 mistery/thriller/suspense (anche se per me, per quanto ho letto, è un poliziesco con ben poca suspense) 7,25 (scritto bene anche se non entusiasma)

2 avventura (uno che sconfina nell'urban fantasy, scritto bene; l'altro che sembra più una parodia, malriuscita di una spy-story) 7,00 e 4,75 (leggere l'ultimo è stato uno spreco di tempo)

1 narrartiva generale (flusso di pensiero - l'autore sa scrivere bene, ma non riesce a coinvolgere) 6.75

5 narrativa generale (uno diverso dall'altro come tema e stile) 4,25 /4,25 / 4,75 /5,75 / 5,75

 

Ad essere sincero avrei potuto dare dei voti più bassi; nessuno degli scritti mi è parso degno di figurare in una libreria, ma come dicevo: inutile infierire.

 

Scrivi: "MTS (anche se per me, per quanto ho letto, è un poliziesco".  In IOS non esiste una categoria a sé per il genere poliziesco. Va inserito in MTS. Ho la sensazione che molti lettori si attendano da un "MTS" solo noir o thriller, rimanendo delusi se il peso della suspense di un giallo sia inferiore all'attesa, e che questo influisca sul voto. Caratteristiche del poliziesco sono: la caratterizzazione dei personaggi, l'ambiente in cui si muovono e, in primis, l'indagine. La suspense è più sfumata, dovuta più alla curiosità per la soluzione, e non come richiesto nel noir e nel thriller, dove anche l'azione è maggiore.     

  • Mi piace 3

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
7 minuti fa, muschietto ha detto:

Scrivi: "MTS (anche se per me, per quanto ho letto, è un poliziesco".  In IOS non esiste una categoria a sé per il genere poliziesco. Va inserito in MTS. Ho la sensazione che molti lettori si attendano da un "MTS" solo noir o thriller, rimanendo delusi se il peso della suspense di un giallo sia inferiore all'attesa, e che questo influisca sul voto. Caratteristiche del poliziesco sono: la caratterizzazione dei personaggi, l'ambiente in cui si muovono e, in primis, l'indagine. La suspense è più sfumata, dovuta più alla curiosità per la soluzione, e non come richiesto nel noir e nel thriller, dove anche l'azione è maggiore.

Ti ringrazio per la precisazione, comunque il mio giudizio non è stato influenzato dalla classificazione del genere: avrei dato la stessa valutazione anche se fosse stato inserito nella sezione (per dire) "favola". Giudico il contenuto. 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
1 minuto fa, Ljuset ha detto:

Ti ringrazio per la precisazione, comunque il mio giudizio non è stato influenzato dalla classificazione del genere: avrei dato la stessa valutazione anche se fosse stato inserito nella sezione (per dire) "favola". Giudico il contenuto. 

Bene per la tua valutazione non influenzata. Tuttavia la mia considerazione si poneva una domanda riguardo alla generalità dei giudici di IOS.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
17 ore fa, Alessandro66 ha detto:

Credo di essere stato decisamente troppo buono: consigliatemi.

 

Avventura (ridicolo): 4,3,5,3

Fantasy (ridicolo): 4,4,5,6

Fantasy (molto intrigante, tema a me caro): 10,8,8,9 (credo sia troppissimo, lo abbasserò comunque)

MTS (senza infamia e senza lode): 7,7,6,4

Fantasy (una ragazzata quasi ridicola): 6,6,7,7

Sentimenti (veramente notevole): 8,9,8,8

NG (buono ma non esageriamo): 8,9,8,8

NG (vorrei ma non posso): 8,7,8,9

Fantasy (molto carino, quasi il migliore del lotto): 8,9,8,9

MTS (ottimo, il mio preferito di questi): 9,9,8,8

 

Rileggendoli... ho messo 9 in grammatica se non c'erano errori e se era piacevole da leggere, 7 se senza errori (visti i disastri che si leggono), sono troppo buono?

 

 

Si per quelli ridicoli decisamente troppo buono. Se non devono passare io abbasserei il voto. Un indizio su quello categoria sentimenti?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Mi dispiace che qualcuno si sia offeso: non pensavo affatto di saperne di più. Penso soltanto che nessuno, nemmeno la buon'anima di Pratolini, direbbe mai, in italiano, "questa voce mi suona famigliare". Ma del resto, a dispetto della globalizzazione (che però rischia anche di voler dire "standardizzazione", "banalizzazione") l'italiano è ancora una lingua così ricca, che chiunque può usarla, liberamente, come meglio crede. Grazie della  - immeritata? - attenzione.

  • Mi piace 1
  • Non mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un utente per inserire un commento.

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

×