Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

Post raccomandati

3 ore fa, NayaN ha detto:

 

Mi auto-cito per raccontarvi qualcosa che spero dia un po' di speranza a tutti quelli che, come me, la speranza (editorialmente parlando) l'avevano persa. 

 

Premetto che non ho mai amato la formula di IoScrittore. Ho sempre pensato che fosse una guerra tra poveri, considerando che molti dei partecipanti affibbiano voti bassi sperando di affossare i possibili concorrenti. Tra i giudizi ho sempre letto molta acredine, a volte li ho trovati completamente fuori luogo, spesso anche offensivi. Ho comunque partecipato due volte (lo scorso anno e quest'anno) ed entrambe le volte, nonostante alcuni di questi giudizi negativi, sono passata tra i 300 semifinalisti. Lo scorso anno non ero arrivata tra i 10, e quest'anno pensavo fosse andata anche peggio, perché all'inizio di ottobre ho dovuto ritirarmi. Ero riuscita a leggere solo uno degli 11 romanzi che mi erano stati assegnati, e di certo non sarei riuscita a leggerne 10 nel mese scarso che rimaneva prima della fine del torneo. E poiché la mia filosofia di vita è "non fare agli altri quello che non vorresti fosse fatto a te", non avevo intenzione di dare giudizi sommari, o peggio ancora, infondati, solo per avere la possibilità di andare avanti sperando di arrivare in finale. 

 

Non potete immaginare la mia sorpresa quando, il giorno dopo l'invio della mail in cui comunicavo la volontà di ritirarmi, ricevo la telefonata della responsabile di IoScrittore (perdonatemi ma non ricordo il nome) che prima mi chiede le motivazioni del ritiro, e poi mi dice che una delle case editrici di GeMS era interessata a pubblicare il mio romanzo, chiedendomi se potesse passare i miei contatti a questa CE. Incredula e spiazzata, naturalmente dico sì, e il giorno dopo vengo contattata dalla direttrice editoriale di questa CE (non ho ancora firmato il contratto, quindi per scaramanzia non dico quale...) che mi conferma la loro intenzione di pubblicarmi. Al rientro dalla fiera di Francoforte mi mandano la bozza di contratto, che accetto, e che ora sto aspettando mi arrivi in originale per apporre quella <3 agognata<3 firma.

 

Questa esperienza mi ha portata a ricredermi su diverse cose. La prima è che quando le CE del gruppo GeMS agli invii spontanei rispondono "partecipate a Ioscrittore", non lo fanno solo per togliersi la rogna di leggere gli esordienti (forse anche per questo), ma perché davvero è uno degli strumenti che usano per capire chi e cosa pubblicare, e di certo non leggono solo i primi 10 come erroneamente pensavo. Più verosimilmente, leggono, o fanno leggere, i 300 che passano alla seconda fase. 

La seconda è relativa al fatto che ho sempre pensato che per pubblicare con una big servisse un agente ben introdotto, una raccomandazione o una conoscenza diretta. Io non sono nessuno, non conosco nessuno e non ho un agente, eppure sta succedendo anche a me. 

E in ultimo, la cosa più importante: ho sempre pensato che essere onesti e corretti, in fondo, non pagasse. Perché nel mondo vanno avanti solo i furbetti e i prepotenti. Non è vero nemmeno questo: a volte l'onestà e la correttezza, se supportate dalla tenacia, dalla volontà di mettesi in gioco e dall'umiltà di imparare anche da chi ne sa meno di noi, vengono premiate. 

 

Spero che questa mia esperienza possa infondervi un pizzico di fiducia.

 

In bocca al lupo a tutti,

N.

Intanto complimenti. Non ho ben capito… non eri questa volta tra i dieci finalisti perché il concorso non era  concluso e  hai ricevuto un contratto, prima del verdetto finale? 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Kateuan no, non sono tra i 10 finalisti perché mi sono ritirata prima della scadenza, tra l'altro se non ricordo male il torneo si chiude tra un paio di giorni, quindi i 10 finalisti non si conoscono ancora. Ho ricevuto la proposta di pubblicazione subito dopo aver comunicato il ritiro. 

 

@Mirtillasmile non è un romanzo di genere, in realtà. Narrativa generale.

 

@paolati grazie a te per aver compreso il senso del concetto "umiltà" ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@NayaN Per l'idea che mi sono sempre fatto del torneo questa storia ha dell'incredibile. Comunque sia complimenti! (tra l'altro a inizio ottobre ioscrittore mi ha comunicato che una delle mie assegnazioni si era ritirata, ma non è mai sparita dalla mia pagina personale... chissà se era proprio il tuo...)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite

Ma un partecipante può uscire a metà concorso? Se si arriva fra i trecento finalisti, e subentrano degli obblighi verso 15 altri partecipanti che bisogna leggere e valutare, ugualmente si può lasciare senza pericolo di essere "licenziati con il proprio libro" dalla commissione?

Non ho mai capito i regolamenti, ma si può fare?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
58 minuti fa, Lillibet ha detto:

Ma un partecipante può uscire a metà concorso?

 

Si può fare. Per motivi di lavoro io l'ho fatto proprio in quest'ultima edizione prima che mi venissero assegnati in nuovi libri da leggere.

Alla prossima.

 

Edison 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Sono fra i 10, prima volta che partecipo, sono veramente contenta.

Forse non sarà la svolta, ma una piccola conferma che so scrivere devo dire che mi ci voleva proprio!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Complimenti davvero @LaStregona! Posso chiederti una cosa? So che superati certi traguardi (se rientri nei primi 300 o nei primi 10, non ricordo) devi firmare qualche genere di documento/accordo. Di che si tratta di preciso? E' un contratto di cessione, prelazione, esclusiva, non disclosure, o che altro? In altre parole, mi chiedo se partecipando a IoScrittore e piazzandosi bene, poi l'opera rimanga vincolata in qualche modo al gruppo GeMS, e quindi sia difficile pubblicarla con altre CE se loro non la pubblicano. Oppure se vinci sei obbligata a pubblicarla con loro, perfino sotto forma di e-book? :o

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ho appena notato che risultano aperte le iscrizioni all'edizione 2019 di IoScrittore (dal 10 Dicembre): c'è tempo fino al 30 Aprile per inviare gli incipit.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Il vincitore della pubblicazione in cartaceo del Torneo letterario IoScrittore edizione 2018 è Come vivere in un faro e cavarsela.

Il romanzo è stato selezionato per la pubblicazione dalla casa editrice Garzanti.

Altri autori finalisti del Torneo potranno essere contattati prossimamente dalle case editrici del nostro gruppo editoriale.
Gli editor stanno infatti valutando, con molto interesse, altre opere tra quelle da voi più apprezzate.

https://www.ioscrittore.it/2018/12/17/e-alla-fine-il-cartaceo-2018/

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Indecisa se partecipare a questo concorso o al Neri Pozza perchè, mi sembra di aver capito, non si può partecipare a più competizioni. Voi mandate il vostro lavoro solo un concorso alla volta?

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
22 minuti fa, naty ha detto:

Indecisa se partecipare a questo concorso o al Neri Pozza perchè, mi sembra di aver capito, non si può partecipare a più competizioni. Voi mandate il vostro lavoro solo un concorso alla volta?

 

Neri Pozza ha un elenco di generi vietati molto lungo...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Quello non mi preoccuperebbe, io scrivo narrativa non di genere.

Mi sarebbe piaciuto sapere se chi partecipa a Io scrittore partecipa indistintamente anche agli altri concorsi (Neri Pozza, Calvino, RTL...).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Il 23/3/2018 alle 09:45, Giuseppe Milisenda ha detto:

A mio avviso la presenza di questo concorso è più deleterea di quanto non sembri, perchè di fatto impedisce al movimento letterario italiano di trovare dei potenziali bravi scrittori chiudendo la porta di tantissime case editrici importanti che si affidano a un gioco e non a una selezione.

Sarebbe quasi da "interrogazione parlamentare". Ridicolizza il movimento culturale italiano. E' il grande fratello della letteratura italiana. Trovo assurdo che alcune Case editrici, che danno lustro al nostro Paese, leghino il loro nome a questo concorso. Andrebbe bandito.

Ho partecipato una volta perchè non avevo capito le reali dinamiche, poi, quando le ho comprese, ne sono rimasto inorridito e ho deciso di non contribuire mai più ad alimentare questo obrobrio.  

Avete fugato ogni mio dubbio. A quanto ho capito il nostro lavoro potrebbe anche finire nelle mani di un troll. Mai! 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ho scoperto un paio di cose su IoScrittore che hanno un po' ridimensionato il mio entusiasmo iniziale nel parteciparvi. Magari è solo una delle normali fasi di umore transitorie e alterne di quando si inizia qualcosa di nuovo. Nonostante questo vorrei condividere con voi i miei pensieri (uso WD come una specie di diario, spero mi perdoniate... ;)).

Facendo una ricerca tra i vincitori delle passate edizioni ho trovato un romanzo che sembrava avere diversi punti in comune con il manoscritto con cui vorrei partecipare. Questo romanzo è rientrato tra i primi 10 alcuni anni fa ed è stato pubblicato come e-book (casa editrice "IoScrittore"! Mica una del gruppo GeMS...). Incuriosito l'ho acquistato e l'ho letto: è stata una rivelazione! Il romanzo racconta una storia molto ben congegnata ed è scritto benissimo (talmente bene da farmi capire che la mia opera ha bisogno di una buona revisione... :facepalm:

La prima riflessione è stata proprio questa: com'è possibile che un romanzo così originale e ben scritto, che certamente avrebbe potuto (e forse meritato di) riscuotere un certo successo, è rimasto praticamente sconosciuto? Essere pubblicato in questo modo non lo avrà per caso condannato ad una sorte "minore"? Questa idea è stata rafforzata dalla constatazione che la copertina dell'e-book non è affatto appropriata, non è minimamente attraente e non rende affatto l'idea del contenuto (anzi, risulta quasi forviante), e che leggendo il testo ho trovato addirittura qualche errore di battitura, come se non fosse mai stato revisionato da nessuno ma pubblicato così com'era stato inviato al concorso! :o

Se questo non bastasse, oggi ho scoperto anche (qualcuno può confermarlo?) che se si supera la prima fase (ossia se l'incipit risulta uno dei migliori 300), per proseguire bisogna firmare un accordo con GeMS con il quale si cedono i diritti dell'opera per 20 anni se si finisce tra i 10 vincitori del concorso, indipendentemente dal fatto che l'opera venga pubblicata cartacea, e-book, o non venga pubblicata affatto! Ma così più che una vittoria è una specie di condanna! :lol:

Ho letto diversi commenti (e critiche) su questo thread sul metodo di giudizio e selezione, ma queste considerazioni mi sembrano addirittura più dirimenti per decidere se partecipare o meno al concorso, no? Che ne pensate?
Io alla fine parteciperò ugualmente, per curiosità, per provare questa esperienza e per avere qualche feedback. Spero però vivamente di non vincere! :rolleyes:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Quando l'autore non viene supportato, è facile che un'opera finisca subito nel dimenticatorio. Sui feedback di Io Scrittore: nel 2016 recensii dieci incipit, il mio, invece, fu recensito da soli cinque concorrenti. Per non parlare dei cecchini, dei rancorosi e di chi non ha gli strumenti per valutare il lavoro altrui. È un torneo che fa acqua da tutte le parti.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite Ants

Io lo trovo il più divertente. Essendo un torneo e non un concorso si partecipa attivamente. Inoltre si impara tanto sulla scrittura e ci si confronta direttamente con altri "scrittori" o aspiranti tali.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Il 4/1/2019 alle 15:25, Ants ha detto:

Io lo trovo il più divertente. Essendo un torneo e non un concorso si partecipa attivamente. Inoltre si impara tanto sulla scrittura e ci si confronta direttamente con altri "scrittori" o aspiranti tali.

Condivido. Avevo già partecipato a una precedente edizione, nel 2016, e quest'anno ero in dubbio se farlo o meno. la precedente è, comunque, stata molto divertente, e da alcuni autori ho ricevuto suggerimenti interessanti e da prendere in considerazione, anche se non sono arrivata tra i 300. Purtroppo gli incipit letti erano, tranne un paio decorosi, tra lo scarsino e l'imbarazzante. Non ne ho trovato nessuno che mi "parlasse" davvero. Ho deciso, per correttezza, di dare sempre giudizi articolati e non affossatori e, dove possibile, qualche suggerimento.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Quindi si passa il turno esclusivamente tramite il verdetto degli altri partecipanti, nessun giudizio all'incipit da parte degli organizzatori a sovvertire o confermare il risultato?

(scusate la domanda banale, non ho mai partecipato)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
8 ore fa, naty ha detto:

Quindi si passa il turno esclusivamente tramite il verdetto degli altri partecipanti, nessun giudizio all'incipit da parte degli organizzatori a sovvertire o confermare il risultato?

(scusate la domanda banale, non ho mai partecipato)

Sì, è proprio così: si è giudicati esclusivamente dagli altri partecipanti. Questo ovviamente rende tutto estremamente aleatorio (sia i giudizi sia i feedback), e pone IoScrittore in una categoria a parte rispetto a concorsi letterari più blasonati. Gli organizzatori ovviamente "sbirciano" tra le opere partecipanti e se ne notano qualcuna particolarmente interessante la potrebbero pubblicare anche al di fuori del concorso (non mi risulta che sia mai successo, ma è ovvio che l'iniziativa ha una funzione "nascosta" di scouting, quest'anno lo hanno anche detto esplicitamente).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
4 ore fa, Stevenson ha detto:

 Gli organizzatori ovviamente "sbirciano" tra le opere partecipanti e se ne notano qualcuna particolarmente interessante la potrebbero pubblicare anche al di fuori del concorso (non mi risulta che sia mai successo, ma è ovvio che l'iniziativa ha una funzione "nascosta" di scouting, quest'anno lo hanno anche detto esplicitamente).

 

è successo a me, il romanzo con cui ho partecipato a Ioscrittore sarà pubblicato a maggio da una CE del gruppo GeMS e non sono tra i 10 finalisti.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
5 minuti fa, NayaN ha detto:

 

è successo a me, il romanzo con cui ho partecipato a Ioscrittore sarà pubblicato a maggio da una CE del gruppo GeMS e non sono tra i 10 finalisti.

 

Grande NayaN, che soddisfazione. Il fatto che leggano è confortante.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ho letto che non si può partecipare se il proprio romanzo è stato già pubblicato. Secondo voi, essendo il mio un self-publishing, se lo rimuovessi dalla piattaforma andrebbe bene? O è troppo tardi? 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite Ants

@Calbalacrab purtroppo credo sia troppo tardi. Se anche vincessi rischieresti la squalifica, come è già successo in passato, mi sembra.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

×