Vai al contenuto
  • Chi sta leggendo   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

Post raccomandati

Auguro buona fortuna a tutti quelli che sono passati. Non sono uno di quelli, ma ho ricevuto nove commenti che mi hanno stupito: personalmente sarei stato meno generoso se avessi dovuto giudicare il mio incipit. Quindi, a parte il solito che raccomanda "dovresti leggere più i classici", che in realtà non significa niente, sono contento dei giudizi ricevuti, anche se ovviamente non sono bastati a mandarmi in finale. In ogni caso non avrei fatto in tempo a scrivere l'intera storia che avevo in mente.

 

Tutto sommato, è stato bello.  Troll non ne ho visti in giro, forse solo qualche prova che non tutti hanno letto l'intero incipit, ma sono cose che capitano (spero non sempre). Alla prossima occasione.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Scrittori giudicati da scrittori è come se in una classe gli studenti si giudicassero tra di loro.

Per me, un concorso così perde di credibilità.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Non sono passata ma sono molto contenta perché, a parte un giudizio breve e incomprensibile, ho ricevuto parecchi apprezzamenti e critiche costruttive. Chi ha letto il mio incipit ha compreso il messaggio che volevo trasmettere e questo per me è molto importante. Rifletterò sui suggerimenti e sui punti di miglioramento che mi sono stati segnalati.

 

A chi mi ha scritto questa frase va un grazie particolare, ho sentito una sorta di comprensione reciproca:

"Un romanzo molto interessante. Non proprio il mio genere di libro, però presentato in questo modo commovente, lo si legge tutto d´un fiato. Adoro le storie vere. Queste storie personali valgono più di ogni racconto fantasioso".

 

Tra i vostri messaggi invece non ritrovo nessuno degli incipit che mi era stato assegnato.

Sono anche molto contenta che uno degli incipit che nella mia classifica personale era tra i migliori tre sia passato. Un grande augurio a chi prosegue!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

buonasera a voi tutti.
avrei piacere di leggere i seguenti testi che non sono passati in finale
- La danza del tempo di JAMES ALCOTT
- Take Time (non mi ricordo chi)
- Sistema 2218 di Alvest

qualcuno di questi autori è qui?
un saluto

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
10 ore fa, NiP ha scritto:

Lo ricordo soprattutto per come l’autore ha utilizzato lo spazio dedicato alla sinossi dilungandosi in noiose raccomandazioni, e ne aveva motivo, verso i lettori che avrebbero espresso il giudizio, nel non tener conto dello stile, della forma e dei contenuti del suo incipit perché “comunque, alla fine, sarebbe arrivato un bravo editor a sistemare tutto” (!)

Se i lettori non dovevano giudicare né lo stile, né la forma, né i contenuti... di grazia, cosa mai dovevano giudicare? xD Questi personaggi si commentano da sé.
 

10 ore fa, NiP ha scritto:

perché otto e non dieci?

Perché due dei concorrenti che avevano in lettura il tuo incipit si sono ritirati o sono stati squalificati. Il numero dei giudizi ricevuti, ad ogni modo, non dovrebbe influire sul passaggio o meno alla seconda fase, perché in teoria lo staff di IoScrittore calcola una media ponderata.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao a tutti :) Vorrei riportare la mia testimonianza. Ho partecipato al torneo per la prima volta con un romanzo appartenente alla categoria narrativa generale e non sono passata. Non sono stupita né delusa, desideravo soltanto mettermi in gioco, confrontarmi con altri scrittori e perdermi un po' in quell'alternarsi veloce e incontrollabile di speranza, gioia, tensione, ansia, sorpresa e, perché no, tristezza che fa sentire così vivi. Ho cliccato sui giudizi con le mani che mi tremavano e il whisky e la nutella sul tavolo, nel caso insomma, e invece, grande sorpresa, sono scoppiata a piangere per la gioia. Non tanto la gioia per aver ricevuto giudizi positivi, ma la gioia per aver trovato giudici onesti (nove su dieci perlomeno), dalla mia parte e non contro di me.

Schematizzando i miei giudizi:

-2 completamente negativi con critiche (di cui uno offensivo in cui mi viene consigliato di non scrivere più e di darmi all'ippica; l'unico giudice che non ringrazio, anzi gli faccio una linguaccia);

-2 completamente positivi senza critiche;

-3 positivi con alcune critiche costruttive;

-3 a metà strada (dove vengono elencati sia i punti di forza sia i punti di debolezza e dove i giudici non si esprimono né in bene né in male).

 

Mi ritengo soddisfatta, per me la vera fortuna è stata quella di incontrare giudici onesti, che hanno scritto giudizi anche molto lunghi per aiutarmi. Alcuni sono stati più imparziali, altri si sono fatti maggiormente guidare dal loro sentire e dalla loro visione del mondo, nel giudicare la trama e i personaggi. Vorrei ringraziare tutti e nove di cuore <3 (anche la mia Berenice vi ringrazia) 

 

Per quanto riguarda i 300 finalisti, auguro buona fortuna a tutti loro. Tra l'altro, alcuni titoli sono davvero incantevoli, complimenti.

 

Ora, la domanda che mi tormenta è: mi offro come lettrice oppure no? Chi si è offerto in passato cosa suggerisce? E' davvero un momento di crescita o soltanto un supplizio (scherzo, ovviamente)?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, Jolene ha scritto:

la domanda che mi tormenta è: mi offro come lettrice oppure no? Chi si è offerto in passato cosa suggerisce? E' davvero un momento di crescita o soltanto un supplizio (scherzo, ovviamente)?

Ciao. Io l'ho fatto due anni fa, per curiosità verso i romanzi passati e per rimanere in gioco. Sono stata fortunata perché mi sono capitati ben due vincitori, che ho letto con piacere  (uno dei due in particolare). Avevo in lettura anche un altro testo altrettanto buono, ma tutti gli altri (ed erano 9, perché avevamo 12 romanzi in totale) non erano un granché. Ho faticato a leggerli tutti e se non mi fossi sentita in dovere di farlo li avrei abbandonati tutti. Inoltre alcuni erano pure belli corposi. Insomma è stata una bella esperienza nel complesso, utile per capire perché alcuni testi non funzionano, ma non lo rifarei. Quest'estate leggerò altro. Un'esperienza che va bene fare una volta, a mio parere. 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
3 ore fa, Jolene ha scritto:

Ora, la domanda che mi tormenta è: mi offro come lettrice oppure no? Chi si è offerto in passato cosa suggerisce? E' davvero un momento di crescita o soltanto un supplizio (scherzo, ovviamente)?

Non mi sono offerta, ero passata alla prima selezione, quindi ho letto dieci romanzi altrui. È stato un calvario. Erano tutti messi malissimo tranne uno, che però aveva un finale banale, nonostante la buona idea iniziale, dunque non avrei salvato neanche quello. In questo torneo passare nei 300 non è affatto garanzia di romanzo di qualità, anzi spesso la qualità viene bocciata a monte, in quanto i giudici preposti hanno gusti mooolto mainstream e spesso la qualità va oltre il mainstream. Infatti dei tre incipit buoni e ben scritti che ho valutato quest'anno, non ne è passato neanche uno. E così ogni anno. Una specie di macchina tricarne, sì, come in The Wall.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
13 ore fa, ivalibri ha scritto:

Ciao. Io l'ho fatto due anni fa, per curiosità verso i romanzi passati e per rimanere in gioco. Sono stata fortunata perché mi sono capitati ben due vincitori, che ho letto con piacere  (uno dei due in particolare). Avevo in lettura anche un altro testo altrettanto buono, ma tutti gli altri (ed erano 9, perché avevamo 12 romanzi in totale) non erano un granché. Ho faticato a leggerli tutti e se non mi fossi sentita in dovere di farlo li avrei abbandonati tutti. Inoltre alcuni erano pure belli corposi. Insomma è stata una bella esperienza nel complesso, utile per capire perché alcuni testi non funzionano, ma non lo rifarei. Quest'estate leggerò altro. Un'esperienza che va bene fare una volta, a mio parere. 

Ti ringrazio molto per avermi risposto. Mi piacerebbe fare questa esperienza, anche se riconosco che leggere 12 libri, anche corposi, in 3 mesi non è impresa facile. Poi il mio problema sono i gialli. Se mi capitassero più di due gialli, potrei scappare via. E vorrei evitare questo.

 

11 ore fa, SeeEmilyPlay ha scritto:

Non mi sono offerta, ero passata alla prima selezione, quindi ho letto dieci romanzi altrui. È stato un calvario. Erano tutti messi malissimo tranne uno, che però aveva un finale banale, nonostante la buona idea iniziale, dunque non avrei salvato neanche quello. In questo torneo passare nei 300 non è affatto garanzia di romanzo di qualità, anzi spesso la qualità viene bocciata a monte, in quanto i giudici preposti hanno gusti mooolto mainstream e spesso la qualità va oltre il mainstream. Infatti dei tre incipit buoni e ben scritti che ho valutato quest'anno, non ne è passato neanche uno. E così ogni anno. Una specie di macchina tricarne, sì, come in The Wall.

Ti ringrazio molto per la risposta. Dei miei è passato soltanto uno: il meno "commerciale" e il più sofisticato. Un romanzo epistolare storico dove l'autore ha voluto usare il linguaggio dell'epoca. Quando l'ho letto, ho pensato "poverello, verrà massacrato in questo torneo, troppo insolito". Gli ho assegnato un voto alto per l'indubbio valore e l'indubbia qualità pensando comunque che non sarebbe riuscito ad arrivare in finale. E invece, sorpresa delle sorprese, l'ho ritrovato tra i 300 finalisti e sono molto felice sia per lui/lei sia perché mi ha confermato il fatto che ciò che piace ai più può essere di qualità e non è sempre commerciale (con il significato molto limitato di questo termine).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
16 ore fa, Jolene ha scritto:

Ora, la domanda che mi tormenta è: mi offro come lettrice oppure no? Chi si è offerto in passato cosa suggerisce? E' davvero un momento di crescita o soltanto un supplizio (scherzo, ovviamente)?

Io mi sono offerta lo scorso anno e ho trovato l'esperienza interessante anche se faticosa. Penso che sia necessario entrare un po' nella mentalità di un editor, se possibile. Poi penso che la cosa ti debba anche piacere, altrimenti è davvero un calvario come dice SeeEmilyPlay, perchè tra tutti quelli che leggi ce ne sono alcuni che davvero ti domandi come abbiano potuto superare la selezione. Forse il concorso è troppo democratico e poco meritocratico....

Comunque, forse per masochismo, mi sono offerta anche quest'anno. E mi armo di pazienza...:facepalm:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
31 minuti fa, Jolene ha scritto:

Poi il mio problema sono i gialli. Se mi capitassero più di due gialli, potrei scappare via. E vorrei evitare questo.

Potrebbe succedere. La maggioranza sono di narrativa generale ma poi mi pare che la seconda categoria più gettonata siano proprio i gialli. Io ne avevo avuti tre, di cui uno era tra i vincitori  (ed era molto carino). Purtroppo non si può scegliere il genere. Però magari sarai fortunata e ti capiteranno generi a te congeniali...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Io ho letto il malloppazzo di  dieci romanzi nella scorsa edizione, ma solo perché sono arrivata in finale e mi toccava. Devo dire che ho fatto anch'io parecchia fatica, tutto quello che  mi serviva per confrontarmi con la scrittura degli altri autori l'ho trovato nella prima parte, approfondire ancora non essendo più in gara non l'ho mai preso in considerazione.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
2 ore fa, jacopa Del Gado ha scritto:

Io ho letto il malloppazzo di  dieci romanzi nella scorsa edizione, ma solo perché sono arrivata in finale e mi toccava. Devo dire che ho fatto anch'io parecchia fatica, tutto quello che  mi serviva per confrontarmi con la scrittura degli altri autori l'ho trovato nella prima parte, approfondire ancora non essendo più in gara non l'ho mai preso in considerazione.

 

Personalmente ho accettato di proseguire nella valutazione, pur non essendo in finale, proprio per potermi confrontare direttamente con la scrittura dei miei "pari".

 

La scritta "potrai ricevere in valutazione fino a 15 romanzi" mi ha fatto pentire seduta stante 😣

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Il 19/6/2020 alle 12:05, UGONE ha scritto:

Scusate se piombo giù dal pero nel bel mezzo di una discussione, ma ho letto pagine e pagine di scambi d'opinione in merito al torneo e, alla fine, ho scoperto di trovarmi d'accordo in tutto e per tutto con Stevenson. Anche io, come molti altri, ho ricevuto giudizi contrastanti, ma dopo tre edizioni credo di aver raggiunto il Nirvana degli scrittori e se c'è una cosa che ho imparato fin da piccola é il famoso non ti curar di lor (fino a un certo punto). Voglio dire che siamo tutti perfettamente in grado di distinguere tra i giudizi buttati lì e i giudizi ponderati. Personalmente ne ho ricevuti sei piuttosto importanti e costruttivi. Sugli altri quattro stendo un velo pietoso e mi dico che, d'altra parte, non siamo tutti uguali a questo mondo e che, per quanto mi riguarda, questi quattro potevano tranquillamente evitare di compiere lo sforzo perché non mi hanno dato niente e non mi hanno tolto niente. Qualcuno dirà che però, grazie a questi quattro moltiplicati per dieci, è come se avessimo lavorato per niente, ed è vero. Mi consolo pensando che però esistono pur sempre gli altri sei e quelli come loro, e li ringrazio di cuore. Tra l'altro, mi domando come mai non sia passato uno degli incipit che ho avuto la ventura di leggere, costruito molto bene da quella che ritengo sia una donna. Molto brava tu e la tua Lucina, se sei un membro del forum fatti viva e fammi avere il resto del tuo romanzo (se ti fa piacere), lo leggerei volentieri.

Comunque siano andate le cose, dato che amo la scrittura e la rispetto, mi sono iscritta tra coloro che dovranno leggere e giudicare le opere finaliste, conscia del peso della responsabilità che mi grava addosso. Alla fine, credo che chi merita emergerà, se non è oggi magari domani. 

 @UGONE: se Lucina è il nome di un personaggio femminile, potrei essere io l'autrice dell'incipit. Mi fa molto piacere che l'inizio della storia ti sia sembrato interessante e sei stata gentilissima a dirlo pubblicamente (una piccola grande soddisfazione per consolarmi di non poter vedere il romanzo tra i 300 😉). Devo dire che quest'anno la qualità dei giudizi che ho ricevuto era decisamente migliore rispetto agli anni scorsi: niente troll o messaggi sconclusionati, parecchi consigli sensati, gradimento per il testo molto alto (ma evidentemente non sufficiente per farlo passare alla fase successiva). Quindi grazie ancora per la citazione: al momento sto procedendo a correggere e rivedere il romanzo, poi deciderò cosa farne. Quando sarà pronto, se ancora avrai voglia di leggerlo, te lo mando volentieri 😊

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Buongiorno,

per la prima volta ho partecipato a IoS con l'incipit di un romanzo che sto scrivendo e soprattutto riscrivendo da qualche anno.

La mia domanda è questa: come usufruire al meglio dei giudizi ricevuti?

Il problema che riscontro nel leggerli è che dicono tutto e il contrario di tutto.

Quasi la totalità dei giudizi sottolinea aspetti positivi e aspetti negativi, a volte più gli uni a volte più gli altri.

Fin qui, tutto bene. Mi piace che ognuno trovi qualcosa di bello e non mi dispiace che ognuno trovi qualcosa di brutto. Il problema è che non è mai la stessa cosa.

Qualcuno mi fa i complimenti per i personaggi qualcuno dice che sono il punto debole; qualcuno trova affascinante la trama qualcuno la trova confusa; logorroico per qualcuno, scarno per altri. Etc.

Voi avete un metodo o un'idea su come fare una sintesi costruttiva dei commenti ricevuti?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, Nebulose ha scritto:

per la prima volta ho partecipato a IoS con l'incipit di un romanzo che sto scrivendo e soprattutto riscrivendo da qualche anno.

La mia domanda è questa: come usufruire al meglio dei giudizi ricevuti?

Il problema che riscontro nel leggerli è che dicono tutto e il contrario di tutto.

Quasi la totalità dei giudizi sottolinea aspetti positivi e aspetti negativi, a volte più gli uni a volte più gli altri.

Fin qui, tutto bene. Mi piace che ognuno trovi qualcosa di bello e non mi dispiace che ognuno trovi qualcosa di brutto. Il problema è che non è mai la stessa cosa.

Qualcuno mi fa i complimenti per i personaggi qualcuno dice che sono il punto debole; qualcuno trova affascinante la trama qualcuno la trova confusa; logorroico per qualcuno, scarno per altri. Etc.

Voi avete un metodo o un'idea su come fare una sintesi costruttiva dei commenti ricevuti?

@Nebulose ho avuto il tuo stesso identico problema. Alla fine ho fatto una "lista degli errori" e ho iniziato a rileggere il mio romanzo prestandoci attenzione, risultato? Secondo me qualcuno aveva bevuto, altri consigli (es. Snellire le descrizioni, sistemare delle tempistiche poco chiare, migliorare la punteggiatura, ecc) mi sono stati effettivamente molto utili e, in realtà, provengono quasi tutti da un unico giudizio di qualcuno che si è messo lì e ha sviscerato e commentato ogni punto richiesto dalle note di IoS, facendo un poema che batteva in lunghezza l'incipit stesso😂 Penso che non lo ringrazierò mai abbastanza.

Quindi prima di tutto cerca di capire quali sono i giudizi che hanno evidenziato effettivamente qualcosa che dovresti sistemare. Cose del tipo "per me il personaggio è piatto" da un lato e "per me è ben caratterizzato" vogliono dire che o uno dei due ha letto male il testo e non ha capito, o è stato dato un parere soggettivo che quindi ignorerei. Prova comunque a ricontrollare perché non sai quale dei due è stato più attento... Ci tocca un lavorone, mannaggia a loro 😭

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Nebulose, considera queste cose:

1) cerca di capire la tipologia di utente che ha scritto un certo commento. Devi essere un bravo investigatore o psicologo, ma in genere nei giudizi ci sono alcuni indizi. Dopo che l'hai capito valuta se rientra nel tuo pubblico target. Se si, tieni in considerazione di più il suo giudizio, se no consideralo molto meno. A volte gli stessi "giudici" te lo fanno capire ("non è il mio genere", "non so giudicare questo genere", "mi risulta nuovo"...);

2) valuta il giudizio rispetto all'idea che ti eri fatto tu stesso del tuo testo. Prima di inviarlo avrai valutato i punti forti e quelli deboli, ci saranno state delle cose che ti convincevano di più, altre meno. Se hai fatto bene questa "autocritica" troverai che molti giudizi concordano con essa. Altri proprio no, e non concordano neanche con gli altri. In questo caso considerali poco;

3) tu da autore hai fatto delle scelte, e devi esserne consapevole. Così come devi essere consapevole che non potranno piacere a tutti. E' quello che distingue il tuo stile da quello degli altri. Se ti viene fatta una critica su una di queste scelte consapevoli, equivale a un "non mi piace" più che a un "è scritto male";
4) cerca di capire se giudizi contrastanti sono frutto del fatto che qualche aspetto del tuo testo non è di per sé molto univoco (ad esempio se scrivi in maniera forbita, a qualcuno può piacere, ad altri no, qualcuno potrebbe perfino non capire bene il testo. Oppure se usi riferimenti o citazioni che non tutti colgono). In tal caso i giudizi contrastanti sono un sintomo che devi essere più "ricevibile".

 

Se sei più confuso di prima... Ben venuto nel club! :facepalm:

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
19 ore fa, Nebulose ha scritto:

avete un metodo o un'idea su come fare una sintesi costruttiva dei commenti ricevuti?

Anche a me è successa la stessa cosa. Chi dice che sente vivo e presente il personaggio, chi che non l'ho caratterizzato abbastanza. Una particolarità che voluto inserire, a uno piace molto, un altro mi consiglia di toglierla. Ho letto quanto ti hanno risposto finora e sono totalmente d'accordo. I giudizi sono utili, ma vanno presi e interpretati con le giuste riserve. Sei tu l'autore e solo tu sai cosa volevi dire. Per esempio, a me è stato detto di aver trattato l'argomento con troppa leggerezza, ed è vero, solo che è vero che la leggerezza fa parte del mio stile, quindi non credo che modificherò tanto, da questo punto di vista. Magari rileggerò con questa considerazione in testa e vedrò se posso rimarcare qualche punto, ma senza stravolgere.

Buon lavoro

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

 @Lory77 @Stevenson  @Marta96

Vi ringrazio molto per le risposte.

Avete ragione, bisogna saper leggere tra le righe e andare fino in fondo, senza fermarsi alle apparenze.

In realtà c'è più di quello che potrebbe sembrare a prima vista.

Per questo ho salvato i giudizi.

Ho iniziato a dividerli in categorie e a sezionarli, per avere una visione più distaccata.

I giudizi di IoS sono l'unico motivo che mi ha spinto a partecipare al torneo, o il motivo principale. Avere un parere da perfetti sconosciuti è un'occasione unica per riflettere sul proprio lavoro.

Sto cercando di non farmi influenzare dalla prima impressione e non è facile quando:

1)  c'è chi ti dice che è tutto da riscrivere, ma nel suo giudizio commette diversi errori grammaticali, tra cui spicca “un'evento”. Scrive però correttamente il nome del protagonista;

2)  c'è chi ti dice che ha letto di peggio e poi non mette mai la maiuscola dopo un punto e sbaglia sempre il nome del protagonista;

3)  c'è chi dice di essersi annoiato a morte, accenna a personaggi che nella mia storia non compaiono e sbaglia sempre il nome del protagonista;

4)  c'è chi sbaglia il genere del mio incipit, definendolo un classico esempio di un altro genere narrativo;

5)  c'è chi ti spiega come si scrive l'incipit di un romanzo, poi scrive “qual'è”, commette altri errori grammaticali e conclude dicendomi che però ho un uso discreto della lingua (questo, visto il suo uso della lingua, dovrebbe preoccuparmi?). Anche lui scrive correttamente il nome del protagonista.

 

Solo ora mi accorgo che 1 e 5 hanno espresso un giudizio molto simile: mi hanno spiegato come si scrive un incipit, hanno entrambi un rapporto difficile con gli apostrofi e la grammatica, hanno scritto correttamente il nome del protagonista.

Sicuramente in tutto questo c'è un senso.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Il 24/6/2020 alle 12:55, Nebulose ha scritto:

Solo ora mi accorgo che 1 e 5 hanno espresso un giudizio molto simile: mi hanno spiegato come si scrive un incipit, hanno entrambi un rapporto difficile con gli apostrofi e la grammatica, hanno scritto correttamente il nome del protagonista. 

Sicuramente in tutto questo c'è un senso.

 

Io ho ricevuto 8 commenti e ne ho scritti una decina. Avendo curato molto la forma mi ha dato fastidio leggere frasi del tipo "pochi i refusi, ma ci sono". In modo sistematico avevo riletto più volte le bozze sia al pc sia cartacee, qualche svista resta sempre... Senza contare che alcuni giudizi li ho trovati proprio insipidi, io ho rispettato le indicazioni fornite dal concorso, la formattazione e ho sfruttato tutto lo spazio consentito per inserire commenti ben articolati. In conclusione, è stata una prima esperienza, ma pensavo di superare la prima selezione visto gli incipit che ho letto (quelli scritti da ventenni dediti al fantasy sono i "migliori"!). Non penso di ritentare l'anno prossimo, o ripropongo il mio giallo Delitto di buon vicinato, oppure dovrei pensare di dare in pasto alla critica la prima parte del romanzo che sto sistemando da un lustro. Non penso il gioco valga la candela.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
2 ore fa, Robert Wilhelm ha scritto:

 

Io ho ricevuto 8 commenti e ne ho scritti una decina. Avendo curato molto la forma mi ha dato fastidio leggere frasi del tipo "pochi i refusi, ma ci sono". In modo sistematico avevo riletto più volte le bozze sia al pc sia cartacee, qualche svista resta sempre... Senza contare che alcuni giudizi li ho trovati proprio insipidi, io ho rispettato le indicazioni fornite dal concorso, la formattazione e ho sfruttato tutto lo spazio consentito per inserire commenti ben articolati. In conclusione, è stata una prima esperienza, ma pensavo di superare la prima selezione visto gli incipit che ho letto (quelli scritti da ventenni dediti al fantasy sono i "migliori"!). Non penso di ritentare l'anno prossimo, o ripropongo il mio giallo Delitto di buon vicinato, oppure dovrei pensare di dare in pasto alla critica la prima parte del romanzo che sto sistemando da un lustro. Non penso il gioco valga la candela.

 

Più che altro ti fa venire voglia di giocare in modo disonesto come metà dei partecipanti.

 

Poi vabbeh dico così ma già so che leggerò i 10 romanzi assegnati e cederó alla mia parte sportiva, ma la tentazione di buttare giù commentini a caso e stroncare altrettanto a random c'è 😞

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Robert Wilhelm se credi di essere stato preciso e corretto nell'incipit, ma ti hanno detto il contrario, probabilmente la formattazione del testo ha avuto qualche inciampo. Hai provato a scaricare il file dalla tua pagina personale? 

Io per esempio ho trovato nel mio incipit simboli strani e righe saltate.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
5 minuti fa, Astrid& ha scritto:

Hai provato a scaricare il file dalla tua pagina personale? 

No, non ci ho nemmeno pensato, la formattazione era ok, in formato .rtf, ma a pensarci bene avrei dovuto fare una prova 😅

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, Robert Wilhelm ha scritto:

No, non ci ho nemmeno pensato, la formattazione era ok, in formato .rtf, ma a pensarci bene avrei dovuto fare una prova 😅

Controlla subito. Nei giudizi ricevuti mi dicevano di leggere con fatica a causa di questi problemi di formattazione. Sono curiosa di sapere:rolleyes:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Il 27/6/2020 alle 11:54, Astrid& ha scritto:

Controlla subito

 

Ho controllato, la formattazione è ok, evidentemente chi ha commentato non è stato troppo sincero nel giudicare la veste formale. Di mestiere correggo temi su temi, l'ortografia è sempre la mia priorità ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Il 2/2/2012 alle 14:15, Hugo Riemann ha scritto:

http://www.ioscrittore.it/

 

Non ho trovato nel forum alcun riferimento a questo torneo letterario. Se non è così, scusatemi in anticipo.

Cosa ne pensate?

Io ho letto di tutto e di più...

Io non parteciperei, non mi fido dei concorsi...poi sono gli esperti che devono decidere se un libro può essere adatto ad una data casa editrice con determinati tipi di lettori oppure no,  non i concorrenti che sgomitano per il primo posto (tutti aspiranti scrittori)...in verità non capisco il senso di questo concorso se non quello di sviare dall'obiettivo principale: dare spazio agli scrittori esordienti con talento...con delle idee e con la capacità di esprimerle e trascinare altri ad amare i propri personaggi.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Oggi mi è arrivata una email da IOS che mi fatto sorridere. Mi chiedevano di entrare a far parte dei lettori, segnalandomi che tale offerta era riservata a un ristretto e qualificato numero di partecipanti, non vorrei sbagliare i termini ma il senso era questo. Cortesemente ho declinato la proposta e ho verificato sul cazzeggio le mie illazioni. Ovviamente era una email circolare rivolta, presumibilmente a tutti quelli che si sono fermati al primo turno, visto il numero di quelli a cui è arrivata.

Qualcuno di voi l'avrà sicuramente ricevuta, immagino. Cosa avete risposto? 

Ho l'idea che in questa edizione si siano offerti spontaneamente in pochi. 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

×