Blog

Vento Letterario: il resoconto


ventoletterario

Dall’anno scorso a Finale Ligure (SV) si tiene un evento unico nel suo genere: Vento Letterario, fiera dell’editoria indipendente di qualità, l’unica dedicata esclusivamente agli editori non a pagamento.

Il progetto nasce da un’idea della Las Vegas edizioni dopo aver considerato come in fiere grandi e prestigiose come quella di Torino e Roma in realtà mescolino editori a pagamento ed editori che invece scelgono accuratamente cosa pubblicare. Il risultato è che i piccoli e medi editori di qualità si perdono in un mare magnum di stand e spesso non riescono a guadagnarsi l’attenzione che meriterebbero.

Dunque perché non pensare un evento che permettesse ai buoni libri di essere messi in risalto?

Quest’anno hanno partecipato sedici editori (Araba Fenice Edizioni, Centofiori, Creazioni letterarie Guido Ferrari, Extratorino, Edizioni Saecula, Fratelli Frilli editori, Il Foglio Letterario, Intermezzi Editore, La Corte Editore, Las Vegas edizioni, Linea BN, Lineadaria Editore, minimum fax, Miraggi edizioni, Prospettiva Edizioni, Stampa Alternativa – Nuovi Equilibri, Zerounoundici), alcuni già presenti l’anno scorso, altri invece ci hanno contattato dopo aver sentito parlare dell’evento. (Qui potete trovare le interviste agli editori presenti).
La fiera è durata tre giorni (22, 23, 24 luglio dalle 18 alle 24) in Piazza Vittorio Emanuele II proprio nel centro di Finale Ligure che come potete vedere qui ha fornito una suggestiva cornice. Oltre alla mostra mercato si sono tenute anche diverse presentazioni di libri e autori.

I motivi del successo di questa manifestazione sono stati molteplici. Sapevamo che il fatto di proporla come prima e unica fiera del  libro con editori di qualità l’avrebbe distinta dalle tantissime altre manifestazioni di questo genere che ci sono in Italia. Una condizione che sicuramente ha giovato alla buona riuscita dell’evento è stato anche il fatto di portare questi libri (e gli editori) in mezzo alla gente, in estate. Chi va alla fiera del libro di Torino ci va se è un lettore o se è almeno incuriosito dall’evento ( e infatti paga il biglietto).
Un’altra condizione fondamentale è stato l’apporto umano, fondamentale perché l’evento riuscisse a partire dagli editori che davvero hanno dimostrato di saper collaborare tra loro e con noi. Fondamentale è stato il lavoro dello staff (Chiara Scavino si è occupata della grafica e Gianluca Arata Cybeo delle riprese e montaggio interviste) e della Biblioteca Mediateca di Finale Ligure.

Era indispensabile che Vento Letterario fosse gratuita per i visitatori, che fosse in un posto accessibile e in un periodo in cui la località è piena di turisti in modo da servire il libro “su un piatto d’argento”.
Il pubblico ha risposto bene: anche coloro che hanno dichiarato di non essere grandi lettori hanno comunque curiosato tra gli stand.
L’obbiettivo è quello di riproporre l’evento anche in altre città esportandolo come format; insomma l’idea sarebbe quella di portare Vento Letterario in tour.

Potete trovare tutte le informazioni qui: www.ventoletterario.com

 

Related Posts

Leave Your Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.