Blog

Donne che dicono no


Non si tratta di un argomento che riguarda strettamente il mondo letterario, ma si tratta di un argomento della massima importanza e che personalmente mi sta molto a cuore. Si tratta di un evento diffuso tramite Facebook, che però riguarda anche e soprattutto il mondo esterno, la vita quotidiana.

Questa sarà una settimana importante (dal 24 al 31 gennaio 2011) , in tutta Italia donne organizzaranno sit-in, dibattiti, cortei o assemblee pubbliche, flash mob per palesare con forza il nostro NO a questo sistema di compravendita delle donne, allo sfruttamento del corpo femminile.. richiedendo che siano riaffermati i nostri diritti come donne: diritto al lavoro ed all’auto-determinazione.

L’evento lo trovate a questo indirizzo. Problemi di salute mi impediscono di partecipare in prima persona, e spero nel mio piccolo di riuscire in ogni caso a fare qualcosa. Come donna simbolo ho scelto Ipazia, e la ripropongo anche qui sul blog. Potete leggere un po’ della sua storia qui.

Related Posts
2 Comments
  • Visionnaire
    Reply

    In questo paese a essere state in vendita non sono state soltanto (alcune) donne, ma anche e soprattutto gli uomini. I lacchè dei potenti, quelli che votano “tizio” perché “mi ha fatto un favore”, quelli che vanno dall’amico a farsi togliere la multa, quelli che pagano ufficiali pubblici per non avere controlli, etc. etc. Sono stati e sono tutti a loro modo in vendita.

    Guarisci presto. 😉

  • Elnor
    Reply

    Dicono che tutto ha un prezzo, lo dicono “loro”, lo dicono i media, lo dicono le persone accanto a noi, ma noi sappiamo che non è così. E finché ci sarà una (o uno) che dirà di no, allora le parole dignità e umanità avranno ancora il significato che spetta loro.

Leave Your Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.